Cosa fare a Roma coi bambini: il Bioparco di Roma

Prima di raccontarvi della nostra esperienza al Bioparco di Roma devo fare una premessa: le cose da fare con i bambini a Roma non mancano di certo, tra musei e monumenti che affascinano i turisti di qualunque età. Noi però abbiamo deciso di inserire nel nostro programma anche una giornata a vedere gli animali che piacciono tanto al nostro bimbo in questa fase della sua vita.

Il Bioparco di Roma nel parco di Villa Borghese - L'ingresso monumentale

Il Bioparco di Roma nel parco di Villa Borghese – L’ingresso monumentale

Così durante la nostra ultima visita a Roma ci siamo diretti verso il Parco di Villa Borghese dove ha sede quello che viene chiamato lo Zoo di Roma. Il Bioparco di Roma si trova infatti al centro di quello che è il “cuore verde” della città, ma se avete intenzione di andarci dimenticatevi le idee di “zoo” classiche perché questo giardino zoologico è concepito per educare e coinvolgere i piccoli visitatori, cercando il più possibile di rispettare le esigenze degli animali che infatti a volte…non si fanno trovare!

Il Bioparco di Roma - La mappa del Parco

Il Bioparco di Roma – La mappa del Parco

Nel rispetto degli animali infatti al Bioparco a Roma le aree a loro dedicate sono il più possibile ampie e in alcuni casi non c’è modo di vederli perché sono loro a decidere se mostrarsi ai visitatori. A noi è capitato con l’orso, il nostro bimbo da vero fan di “Masha e Orso” l’ha aspettato – invano – per un bel po’ per poi doversi rassegnare al fatto che quel giorno Orso aveva deciso di dormire e non farsi proprio vedere! Questo, che in realtà può apparire un controsenso visto che i visitatori che vanno allo zoo, a Roma come in qualsiasi altra città, lo fanno proprio per vedere gli animali, eppure rientra nella filosofia della Fondazione Bioparco di Roma, per cui gli animali non sono “pezzi da museo”, bensì creature da proteggere e rispettare.

Il Bioparco di Roma - Un esemplare di Coati Rosso che popola le foreste tropicali del Sud America

Il Bioparco di Roma – Un esemplare di Coati Rosso che popola le foreste tropicali del Sud America

Il Bioparco di Roma fa parte infatti dell’EAZA – l’Associazione Europea Zoo e Acquari – e partecipa a numerosi programmi a favore della conservazione della biodiversità, promuovendo progetti per la salvaguardia della natura attraverso la sensibilizzazione, la raccolta fondi e la riproduzione in cattività degli animali a rischio di estinzione. In questa logica tutti gli animali del Bioparco di Roma sono nati in cattività oppure salvati da proprietari senza scrupoli – a volte circhi dove le loro condizioni erano al limite della sopravvivenza altre volte perfino da privati cittadini. Questo per esempio è il caso di Bingo e Edy, due scimpanzè che si possono incontrare al Bioparco di Roma, oppure di Charlie, sequestrato dalla Forestale e affidato alle cure dello staff del parco.

Il Bioparco di Roma - Il Macaco del Giappone

Il Bioparco di Roma – Il Macaco del Giappone

In questa direzione vanno anche i progetti dedicati ai più piccoli, come “A tu per tu con la natura” i laboratori proposti alle scuole o il MACRI, ovvero il Museo del Crimine Ambientale realizzato in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato che parla ai visitatori di commercio illegale di animali, inquinamento, incendi e bracconaggio.

Il Bioparco di Roma - La Rana Blu dal Dardo Velenoso

Il Bioparco di Roma – La Rana Blu dal Dardo Velenoso

Noi siamo rimasti al Bioparco Roma quasi tutto il giorno e come ci aspettavamo il nostro bimbo ne è stato entusiasta, rimanendo a guardare affascinato gli elefanti e gli scimpanzé, anche se alla fine della giornata alla domanda “Quale animale ti è piaciuto di più?” ha risposto convinto “Il coccodrillo!“. Concludo il racconto della nostra gita con una riflessione: come ho già avuto modo di dire secondo me vedere gli animali allo zoo – s’eppur uno zoo moderno come il Bioparco di Roma – ovviamente non è la stessa cosa che osservarli liberi in natura, però sono convinta che far crescere nei bambini l’amore e il rispetto per gli animali e la natura passi anche attraverso queste esperienze. Voi cosa ne pensate?

Il Bioparco di Roma - Uno splendido esemplare di Leopardo del Caucaso

Il Bioparco di Roma – Uno splendido esemplare di Leopardo del Caucaso

Informazioni utili per visitare il Bioparco a Roma

Come raggiungere il Bioparco Roma

Per andare al Bioparco a Roma si possono utilizzare i mezzi pubblici che raggiungono il Parco di Villa Borghese (tram, bus o metropolitana). Dalla fermata della metro (Flaminio o Spagna) o degli autobus il tragitto è breve e vi permetterà di visitare il parco di Villa Borghese che secondo me è una delle mete imperdibili della città e se vi avanza tempo anche di fermarvi alla Casina di Raffaello di cui ho raccontato in questo post. Se invece decidete di raggiungere questo zoo in auto troverete un parcheggio gratuito proprio davanti all’ingresso.

Il Bioparco di Roma - Il Nandù. Abita nelle pampas in Sud America

Il Bioparco di Roma – Il Nandù. Abita nelle pampas in Sud America

Dove mangiare all’interno del Bioparco Zoo di Roma

All’interno del Bioparco sono presenti diversi bar e ristoranti ma anche un’area pic-nic se preferite portarvi il pranzo al sacco.

Come visitare il Bioparco a Roma con i bambini

La visita del bioparco si può fare a piedi ma se i vostri bimbi sono stanchi c’è anche un trenino che trasporta i visitatori per i viali del parco. Il mio personale consiglio se i bimbi sono ancora abbastanza piccoli è di non dimenticare il passeggino o la fascia porta bebè perché il Bioparco di Roma è davvero ampio e i bambini potrebbero stancarsi molto. Oltre agli animali nel Bioparco di Roma troverete anche un playground con alcuni giochi, nei bagni ci sono i fasciatoi e per i fumatori sono previste delle apposite aree “smoking free” (nel resto del parco è invece proibito fumare, nel rispetto di bimbi e animali!)

Il Bioparco di Roma - Una colonia di simpatici Suricata, tipici del Sudafrica

Il Bioparco di Roma – Una colonia di simpatici Suricata, tipici del Sudafrica

Orari e biglietti di ingresso al Bioparco

Il Bioparco di Roma è aperto tutto l’anno (escluso il 25 dicembre). I biglietti si acquistano on-line oppure all’ingresso, i bambini sopra il metro pagano la tariffa ridotta e poco prima dell’entrata troverete l’apposito “misuratore di altezza”. Sono possibili riduzioni e sconti con molte tessere e fidelity card (es. carta ACI e Touring Club e con presentazione di biglietto ferroviario Trenitalia o carta d’imbarco Alitalia), trovate l’elenco appeso allo sportello della biglietteria o sul sito ma verificate prima così da esibire la vostra card e ottenere lo sconto! Ci sono anche convenzioni per pacchetti hotel più bioparco, sempre da verificare sul sito.

Francesca Taioli
Seguimi!

Francesca Taioli

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. #traveller #mum #dreamer
Francesca Taioli
Seguimi!