Il nostro primo volo: Budapest è a prova di neonato!

La nostra vacanza a Budapest con un bimbo di pochi mesi è stata una “prima volta” per diversi motivi: innanzitutto è stata la nostra prima volta in Ungheria. Poi è stata la nostra prima vacanza all’esterno con il nostro bimbo. E infine è stato il suo battesimo dell’aria, ovvero il suo primo volo.

Di come gestire al meglio il volo con un bambino piccolo ho già raccontato. Oggi però vi racconto proprio il battesimo dell’aria del nostro Patato e i retroscena della nostra partenza per Budapest insieme a un neonato.

Budapest con i bambini

Budapest con i bambini

Partiamo dall’inizio: la decisione si partire per Budapest in inverno con un bimbo piccolo era anche per festeggiare. Il parto non era andato proprio liscio così, dopo che all’ultimo controllo in ospedale ci avevano detto che andava tutto bene avevamo finalmente tirato un sospiro di sollievo e deciso di celebrare in qualche modo.

Il Patato in quel periodo aveva quasi cinque mesi, mesi che io avevo trascorso con una sorta di ansia latente, perché, per quanto il mio piccolino fosse vivace e sorridente, una parte di me temeva che qualcosa di brutto fosse entrato nella sua vita quando aveva pochissimi giorni per non uscirne più. Invece le gentili dottoresse ci avevano finalmente congedati: niente più controlli, infine potevamo stare tranquilli!

Da lì l’idea…bisognava festeggiare! E proprio per questo motivo il Patato si era trovato a salire sul suo primo aereo in direzione Budapest!

Il giorno prima della partenza la valigia era stata riempita per ogni possibile emergenza e tutti i siti e le guide disponibili su Budapest erano stati consultati.
Anche la pediatra era stata allertata del nostro viaggio e ci aveva dato il suo “benestare”.

Io ero agitatissima per tutto, in particolare temevo che il mio piccolo Patato avrebbe sofferto il volo, piangendo per tutto il tempo facendoci odiare dagli altri passeggeri e facendomi sentire in colpa perchè, da madre viaggiatrice degenere quale mi sentivo, lo portavo su un aereo ad una così tenera età. Insomma, si sa che l’ansia da neo-mamma è una “brutta bestia” e io ne ero dotata all’ennesima potenza.

Invece nel suo primo viaggio aereo verso Budapest lui si era comportato da perfetto piccolo viaggiatore!
Nessun pianto nemmeno durante la lunga coda al check-in, quando avevo dovuto allattarlo seduta per terra perché era l’ora della pappa e noi volavamo low-cost “hard“, senza alcuna priorità di imbarco per le famiglie con bimbi piccoli. Poi una volta sull’aereo, si era accoccolato tra le braccia di mamma e aveva ricevuto un’altro po’ di latte per evitare problemi durante il decollo, finendo per addormentarsi sazio e felice durante il volo. Quando si era svegliato poi si era guardato curioso intorno, distribuendo sorrisi a tutti e facendomi capire che tutte le mie preoccupazioni erano state infondate!

A quel punto, una volta atterrati e aver passato a pieni voti il battesimo dell’aria, eravamo pronti per vedere Budapest col nostro bimbo.

Budapest

Budapest

Informazioni utili per visitare Budapest con i bambini

In questo post vi abbiamo raccontato il primo volo con nostro figlio con tanto di emozioni e retroscena. Nel blog però trovate altri articoli un po’ meno pieni di ricordi e molto più pratici. Qui sotto ve ne indichiamo qualcuno che magari può servirvi:

  • Volare con un bambino piccolo: Dopo quel primo volo non ci siamo più fermati! Se volete conoscere le nostre esperienze riguardo al volare low-cost con i bambini potete continuare a leggere qui. Mentre qui trovate qualche consiglio per gestire i voli intercontinentali coi bimbi.
  • Budapest coi bambini: Se invece vi interessa qualche informazione pratica per visitare Budapest con un bambino piccolo a questo link ho raccolto consigli e esperienze.
  • Dove dormire a Budapest: Noi spesso affittiamo appartamenti quando viaggiamo con nostro figlio, le ragioni le abbiamo spiegate in questo articolo. A Budapest ne abbiamo trovato uno a due passi dal parlamento che vi consigliamo e che trovate qui.
Francesca Taioli
Seguimi!

Francesca Taioli

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. #traveller #mum #dreamer
Francesca Taioli
Seguimi!
  • noi viaggiamo da quando NIcco è piccolissimo, tanti aerei e voli intercontinetali…
    nessun problema e viaggiare con loro è un’esperienza unica:)

  • 🙂 è vero!! ma spesso quando sei mamma da poco non lo sai, o meglio, anche se hai sempre amato viaggiare ti vengono le “paranoie da mamma!!” 🙂
    anche per questo secondo me può essere utile raccontare le esperienze, non trovi?