Roma per bambini: idee per visitare la città tutti insieme

L’obiettivo del post di oggi è ambizioso, ovvero dare qualche suggerimento su cosa fare a Roma coi bambini e vi dico la verità… ci ho messo un po’ a scriverlo! Questo perché parlare di Roma per bambini secondo me è facile e difficile al tempo stesso. Facile perché Roma è una città stupenda, di cui tutti o quasi si innamorano all’istante appena ne percorrono per la prima volta le vie lastricate di storia, me compresa! Difficile perché visitare Roma con i bambini piccoli richiede fantasia, flessibilità, Santa Pazienza (ma i santi non mancano certo a Roma!) e forse anche un pochino di follia.

Visitare Roma in un giorno - Il Cupolone del Vaticano visto dal colle Aventino

Cosa vedere a Roma

Perché? Beh, innanzitutto perché Roma è una città meravigliosa, dove ogni strada, ogni angolo trabocca di storia e di bellezza. Vedere Roma è un continuo meravigliarsi e scattare fotografie, fermarsi, leggere la guida e poi fermarsi di nuovo. I tempi si dilatano e per un bambino piccolo e impaziente rischia di diventare… troppo! Perché ve lo immaginate un bimbo di un paio d’anni in fila per entrare nella Basilica di San Pietro oppure tra le silenziose sale dei Musei Vaticani? Ecco, è più chiaro ora perché ritengo che visitare Roma con i bambini sia anche “difficile”? La difficoltà, sia ben chiaro, è nostra, quella di noi adulti che in una città tanto bella come Roma siamo a volte costretti a fare delle rinunce, ad adattarci ai tempi dei nostri cuccioli e a pensare un itinerario apposta per loro affinché visitare Roma diventi un’esperienza bella per tutta la famiglia, bimbi inclusi.

Roma per i bambini - La guardia Svizzera

Roma per i bambini – La guardia Svizzera

E allora che si fa? Vi posso dire cosa ho fatto io quando sono tornata a Roma col mio bimbo. Dopo aver visitato la città diverse volte da sola o in coppia, l’anno scorso dopo parecchi anni ci sono tornata nuovamente, viaggiando con un bimbo di due anni, un cagnone e due nonni desiderosi di vedere tutto il possibile della Capitale. Così tra le tante cose da vedere a Roma ho provato a cercare quelle che potessero essere alla portata di tutti, alternando le visite ai monumenti imperdibili – perché vuoi forse non andare al Vaticano? – con luoghi dove poter far giocare il mio bimbo.

Roma per i bambini - I Fori imperiali al tramonto

Roma per i bambini – I Fori imperiali al tramonto

Dopo quella volta tutti insieme sono tornata a Roma altre due volte sempre in compagnia del mio bimbo che nel frattempo è cresciuto. Da quei viaggi, che mi hanno portata ogni volta a scoprire un altro pezzettino della città “a misura di bimbo”, è nata l’idea di questo post in cui  provare a dare qualche spunto su cosa vedere a Roma coi bambini.

Roma per bambini: alcune idee per visitare la città in famiglia

Cosa visitare a Roma (anche) con i bambini: gli imperdibili

Iniziamo subito dal tasto più “dolente”, ovvero da quello che non si può mancare a Roma, soprattutto se ci si va tutti insieme per la prima volta. Perché ci sono alcune tappe che davvero non si possono perdere nella Capitale e allora quale può essere il trucco per rendere affascinante Roma per i bambini? Vi dico quello che faccio io: un piano! Ovvero mi segno quello che non voglio assolutamente vedere, tenendo bene in mente che viaggiando con un bambino non abbastanza piccolo da poter essere trasportano ma nemmeno abbastanza grande da poter essere coinvolto il mio “piano” deve essere ben calibrato sulle esigenze di tutti.

Roma per i bambini - La fontana di Trevi

Roma per i bambini – La fontana di Trevi

Quando siamo stati a Roma la prima volta con il nostro bimbo il piano prevedeva alcune mete che secondo me erano imperdibili per una persona che non aveva mai visto Roma – ovvero i nonni – ma anche a misura di bambino. Le mie mete imperdibili erano queste: il Colosseo, il Vaticano, la Bocca della Verità, la Barcaccia e la Fontana di Trevi. “Ma le cose da vedere a Roma vanno ben oltre a queste tappe!” direte voi. Lo so, avete ragione, ma per me questi erano i must che potevano a mio avviso essere interessanti anche per i mio piccolo ometto oltre che imperdibili per i nonni. Forse starete pensando: “E tutto il resto?” Beh un po’ l’abbiamo visto camminando, un po’ l’abbiamo rimandato a quando il Patato sarà più grande. Il bello di Roma è che anche solo camminare per le vie della città permette di fare bellissime scoperte! Ora vi racconto i nostri imperdibili da vedere a Roma uno per volta…

Visitare Roma in un giorno - Particolare del Colosseo

Cosa vedere a Roma – il Colosseo

Roma per bambini: Il colosseo e i gladiatori

Il Patato ha soprannominato il Colosseo “la casa coi buchi” e in effetti non ha torto. In generale il Colosseo affascina i più piccoli, soprattutto se avete modo di raccontare loro prima di partire un po’ di storie sui guerrieri che vi combattevano. Il fatto di poter incontrare proprio lì davanti alcuni di questi gladiatori non farà altro che farvi guadagnare credibilità ai loro occhi e renderà la visita più semplice e piacevole per tutti. Dal Colosseo poi si può raggiungere a piedi l’Altare della Patria attraversando la zona dei Fori che è pedonale. Anche senza fermarsi ad ogni angolo tutta questa zona è meravigliosa e secondo me vale da sola il viaggio, quindi per me è da inserire tra le cose da vedere a Roma con i bambini.

La Bocca della Verità

Roma per i bimbi: La Bocca della Verità

Roma per bambini: la Bocca della Verità e il Circo Massimo

La Bocca della Verità è un altra delle attrazioni di Roma per me imperdibili se andate in città per la prima volta ed è uno di quelli che possono affascinare anche i bimbi. L’unico accorgimento è di andarci presto per evitare di dover attendere troppo vista la fila di turisti che si forma lì davanti per scattare la foto di rito. Lì accanto però c’è il Circo Massimo dove i bambini potranno giocare un po’ prima o dopo la visita.

Roma per i bambini - La sagoma del Vaticano in controluce

Roma per i bambini – La sagoma del Vaticano in controluce

Roma per bambini: il Vaticano e Castel Sant’Angelo

Chiariamolo subito: noi ai Musei Vaticani con il nostro bimbo non ci siamo andati (purtroppo) però non abbiamo rinunciato a vedere – almeno – la Basilica di San Pietro e Castel Sant’Angelo. Anche in questo caso il rischio sono le code per l’ingresso ma il premio per i bambini che pazientemente staranno buoni durante la visita è il parco giochi di Castel Sant’Angelo dove fare un’altra sosta tutti insieme.

Roma per i bambini - Castel Sant'Angelo

Roma per i bambini – Castel Sant’Angelo

Roma per bambini: a caccia di fontane

Roma è piena di fontane, alcune semplici ed altre vere e proprie opere d’arte che tutto il mondo ci invidia. Dalle mie precedenti visite di Roma c’erano due fontane che più di tutte volevo rivedere: la Fontana di Trevi e la Barcaccia. Nel nostro caso siamo fortunati: il nostro bimbo ama le fontane e giocare con l’acqua quindi l’abbiamo convinto a seguirci anche in questo modo.  La Fontana di Trevi – simbolo indiscusso della Dolce Vita romana – era un must nella mia lista delle cose da vedere a Roma. Dalla fontana di Trevi se i vostri bimbi hanno voglia di camminare potete raggiungere a piedi la zona di Piazza di Spagna con un’altra celebre fontana: la Barcaccia del Bernini. Oppure se preferite potete raggiungere Piazza del Popolo con un’altra fontana quella dei leoni e da lì il parco di Villa Borghese.

Roma per i bambini - Fontana di Trevi - Particolare

Roma per i bambini – Fontana di Trevi – Particolare

Cosa vedere a Roma in estate: il Parco di Villa Borghese

Dopo la nostra prima visita a Roma con bimbo siamo tornati altre volte nella Capitale di cui una in estate, a luglio. Quella volta la città era davvero bollente e noi ne abbiamo approfittato per trascorrere un po’ di tempo al parco di Villa Borghese, vero e proprio cuore verde di Roma. Anche se non si muore di caldo però il parco di Villa Borghese io ve lo consiglio tra le cose da vedere a Roma con i bambini perché c’è davvero tanto da fare anche per loro: il laghetto, i risciò, le giostre e la casina di Raffaello di cui ho raccontato in questo post. A Villa Borghese ci sono anche musei e mostre interessanti per i genitori e con la giusta organizzazione si può incastrare il gioco con la cultura! 😉

Il parco di Villa Borghese

Roma per i bimbi: Il parco di Villa Borghese

Cosa fare a Roma con i bambini se fa (troppo) caldo: Il mare di Ostia

Sempre durante quei giorni bollenti di luglio noi abbiamo cercato refrigerio al mare di Ostia. Già perché in pochi se lo ricordano ma da Roma il mare lo si raggiunge con un breve viaggio in metropolitana. Anche questa può essere una idea per alternare i monumenti e la visita della città con un po’ di divertimento per i più piccoli e inoltre gli scavi di Ostia sono secondo me da inserire tra le cose da vedere a Roma, non trovate? Se avete bisogno di qualche informazione in più per andare al mare coi bambini a Roma provate a leggere questo post in cui abbiamo raccolto i consigli pratici e le spiagge.

La spiaggia del Lido di Ostia

Il mare di Roma per i bambini: La spiaggia del Lido di Ostia

Cosa fare con i bambini a Roma se piove: i musei di Roma e i laboratori per i bimbi

Fin’ora vi ho raccontato cosa fare a Roma quando c’è bel tempo e fa molto caldo, ma all’opposto: cosa si può fare a Roma quando piove con i bambini? In questo caso di certo a Roma non è difficile trovare riparo in un museo, la cosa forse più difficile è sceglierne uno che possa essere divertente anche per i bimbi. Tra i musei di Roma per bambini vi consiglio il museo Explora, concepito per i piccoli, la visita – non guidata – dura al massimo due ore e i bambini “esplorano” una città pensata proprio per loro.

Il MAXXI di Roma

Il MAXXI di Roma

Tra i musei da visitare tutti insieme vi segnalo invece il MAXXI, il Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo. Si tratta di un museo sicuramente diverso dalla concezione “classica”, ospitato in una struttura bellissima, con ampie sale, installazioni sonore e luminose che cambiano ogni pochi mesi, mostre di artisti contemporanei e tanta attenzione alle famiglie. Nei weekend al MAXXI vengono infatti organizzati laboratori interessanti per i piccoli dai 4/5 anni che però coinvolgono tutta la famiglia, perché l’idea è che bambini e genitori lavorino insieme vista la frenesia e il poco tempo che normalmente c’è durante la settimana. I laboratori comprendono una visita esplorativa della mostra e una parte laboratoriale che coinvolge i più piccoli ed è sempre collegata al tema della mostra (ad esempio quando ci siamo stati noi la mostra in galleria riguardava il ruolo degli architetti nella Seconda Guerra Mondiale e il laboratorio era intitolato “Di necessità virtù“, insegnando ai bambini a costruire piccoli oggetti con materiali semplici). Sul sito del MAXXI potete scaricare la brochure con tutte le attività in programma.

Il MAXXI di Roma - Il grande Drago in esposizione

Il MAXXI di Roma – Il grande Drago in esposizione

Roma per bambini che amano la natura: Il Bioparco di Roma

Nel parco di Villa Borghese ha sede anche il Bioparco, anche detto “lo zoo di Roma”. Si tratta però di un parco zoologico di nuova concezione molto diverso da come siamo abituati a pensare sia uno zoo. Nel Bioparco ci sono infatti percorsi didattici e c’è la possibilità per i bambini di conoscere davvero gli animali, non solo di guardarli da dietro un vetro. Se i vostri figli amano gli animali e siete in cerca di qualche idea su cosa fare a Roma con i bambini per alternare musei e monumenti a qualche momento più giocoso il Bioparco può essere il luogo perfetto dove trascorrere una mezza giornata. In questo post se volete trovate tutti i dettagli della nostra giornata al Bioparco e qualche informazione pratica mentre sul sito ufficiale trovate orari e tariffe.

Il Bioparco di Roma - La mappa del Parco

Cosa fare con i bambini a Roma – Il Bioparco di Roma

Cose da fare a Roma con i bimbi oltre alle solite mete: insoliti tour in famiglia

Un modo particolare per scoprire Roma con i bambini è prendere parte a un tour organizzato che permette di scoprire la città da un punto di vista diverso. Nei bike tour si conosce Roma a bordo di biciclette con una guida che in circa tre ore accompagna il gruppo alla scoperta dei punti più significativi (sono disponibili anche biciclette per bambini e seggiolini). Alcune agenzie organizzano anche tour gastronomici come il pizza tour, ovvero abbinano la scoperta della città con l’assaggio della pizza di alcune delle migliori pizzerie di Roma. Noi abbiamo provato anche il tour della città in segway, con una guida che in poco più di due ore ci ha accompagnati per le vie e le piazze di Roma facendoci conoscere la città da un’altra prospettiva. In questo post se siete curiosi potete leggere la nostra esperienzasul segway, tenete conto però che l’età minima per partecipare a un segway tour sono 16 anni, quindi è fattibile se i vostri figli sono già più grandi (oppure come abbiamo fatto noi lasciandoli ai nonni!).

Visitare Roma in un giorno - Francesca intenta a studiare il Segway prima del tour

Visitare Roma con il segway tour

Roma per bambini: come prepararsi alla visita della città

Questo è l’ultimo consiglio e più che di cose da vedere a Roma con i bambini riguarda le cose da fare prima di andarci. Un trucco che noi usiamo fin da quando il nostro bimbo non era ancora nato è prepararci per un viaggio – piccolo o grande – leggendo dei libri che possano farci sognare la nostra meta e guardando film ambientati proprio lì.

Durante il nostro primo viaggio a Roma in famiglia abbiamo acquistato un bel libro che raccontava al nostro piccolo della vita in città al tempo degli antichi romani. L’abbiamo letto insieme durante i nostri giorni in città e anche dopo, tanto che ora è una delle sue letture preferite. Se volete acquistarlo lo trovate qui sotto mentre potete leggere la nostra recensione qui:

Ovviamente di libri che parlano della città ce ne sono davvero tanti e, soprattutto se scegliete di andare a Roma coi bimbi in treno potrebbe farvi comodo avere una bella scorta, quindi… buone letture oltre che buon viaggio! 🙂

Dove dormire a Roma coi bambini e un cane

La premessa è che tra hotel, B&B e case in affitto non è un problema trovare dove dormire a Roma. Qui vi segnaliamo alcune strutture dove siamo stati noi e in cui ci siamo trovati bene, tutte prenotate su booking.com dove avevano ottime recensioni (meritate!).

Le prime due sono appartamenti che vengono affittati anche per periodi brevi, sono comode coi mezzi pubblici, hanno locali ampi e, incredibilmente, entrambe accettano i cani (anche di grossa taglia come il nostro). Inoltre i costi sono assolutamente abbordabili anche per chi come noi viaggia low-cost. Qui sotto vi riportiamo i dettagli:

  • La prima, la casa di Rosa, si trova in zona Nomentano, vicina alla fermata metropolitana Libia. L’appartamento è grande, con due camere da letto, e dotato di cucina, TV, area cucina e salotto unita e bagno con asciugacapelli. Perfetto per pulizia e per la gentilezza della proprietaria.
  • La seconda, la casa Regina, si trova vicinissima alla metro Ponte Lungo. L’appartamento dispone di WiFi gratuito, due camere da letto, soggiorno, bagno, cucina separata e attrezzata. L’appartamento dista circa mezz’ora in macchina dall’aeroporto di Ciampino. Anche in questo caso gestito bene e pulitissimo.

Se invece preferite stare in hotel vi segnaliamo l’Hotel Pulitzer. Si tratta di un hotel molto chic, con camere ampie, wifi e una fantastica prima colazione. Anche questo è vicino alla metropolitana (fermata Marconi).

Francesca Taioli
Seguimi!

Francesca Taioli

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. #traveller #mum #dreamer
Francesca Taioli
Seguimi!
  • Mamma Avvocato

    Sai che pur essendo stata diverse volte a Roma, sia da bambina che da ragazzina che da adulta, molte “attrazioni” me le sono comunque perse?!?
    L’ultima volta ci sono stata per fare l’esame del Notariato e non ho visto NULLA, a parte un bel parco vicino a casa dei miei cugini!! Ah ah ah!!
    Dovrei tornarci con il nano..anche perch ho ancora parenti e amici in zona!

    • Ma dai?! Io ci tornerei sempre! È una città dove basta una passeggiata senza meta per rendermi felice!!

  • Luciana Rodrigues

    Ho letto “Pimpa nell’antica Roma” alla figlia più grande, poi le ho portata a vedere gli affreschi della Casa di Livia al Museo di Roma (Palazzo Massimo alle Terme) e anche al Colosseo. Lei aveva 3 anni ed era meravigliata che fosse tutto uguale al libro della Pimpa!

    • Pimpa nell’antica Roma me lo segno!!! Grazie del consiglio!! 🙂