Budapest e la magia del Danubio

Raccontare un viaggio nella capitale dell’Ungheria in poche parole già è complicato. Provare a dare consigli su cosa vedere a Budapest con i bambini in pochi giorni forse lo è ancora di più..

Non si può infatti avvicinarsi a questa città senza pensare al suo passato, eppure quando si passeggia nelle le sue vie, tra caffè e palazzi spettacolari, si fatica a ritrovarne le tracce, salvo poi però esserne letteralmente travolti quando si incappa, quasi per caso, nel toccante monumento delle Scarpe sul Danubio o si visitano la Casa del Terrore e la Grande Sinagoga.

E allora più che descriverla questa città bisogna provare a viverla, fermandosi davanti al Parlamento per ammirare l’eleganza dei suoi edifici, cogliendo la grandiosità del suo passato nella Piazza degli Eroi, godendosi il calore delle sue terme e della sua gente e deliziandosi con una fetta del suo strudel alla ciliegia.

Ma soprattutto per vivere Budapest bisogna cogliere almeno una volta la magia della sua notte, quando tutti i monumenti si illuminano e la città risplende bellissima e romantica, rispecchiandosi nel Danubio.

Viaggiare con un bambino - Il parlamento di Budapest

Budapest con un bambino – Il parlamento di Budapest

Una piccola guida per visitare Budapest con i bambini

Cosa vedere a Budapest con i bambini: un itinerario

Noi siamo rimasti in città cinque giorni, ma nonostante questo abbiamo comunque tralasciato qualcosa che rimarrà per…la prossima volta! Qui sotto condivido il nostro personalissimo itinerario per vedere Budapest, tenendo conto che volendo si possono vedere i monumenti principali in un week end oppure…rimanere in città senza non annoiarsi una settimana!

Itinerario per visitare Budapest: La collina del Castello di Budapest

Iniziate la vostra visita di Budapest dal Castello e dedicate un’intera giornata alla collina. Partite attraversando a piedi il bellissimo Ponte delle Catene per poi salire con il mezzo che preferite (a piedi, con la funicolare, con l’autobus) fino in cima.

Una volta lì perdetevi tra le mille cose da fare: visitare i musei del palazzo e la Chiesa di Mattia Corvino, ammirare il fantastico panorama dal Bastione dei Pescatori, rivivere l’assedio di Budapest visitando l’Hospital in the Rock, fotografare le fontane e il Palazzo, perdervi nel Labirinto del Castello…

Alla fine se sarete stanchi potrete sempre fermarvi a uno dei tanti bar per un caffè oppure…assaggiare un fantastico vino ungherese al Museo del Vino!

Itinerario per visitare Budapest: Il Parlamento di Budapest e Belvaros

Nel vostro secondo giorno a Budapest come prima cosa unitevi a uno dei tour guidati del Parlamento (gratuiti per i cittadini EU). Cercate se possibile di prenotare la visita dall’Italia tramite mail per evitare le lunghissime file (www.parlament.hu).
Terminato il tour rilassatevi sul lungofiume per poi visitare la Cattedrale di Santo Stefano e infine godetevi un po’ di sano shopping lungo Vaci utca.

Se volete regalare un po’ di atmosfera natalizia ai vostri bimbi fermatevi al negozio Philanthia, un fiorista che durante il periodo natalizio viene invaso da decorazioni di Natale di ogni tipo, forma e colore… Fantastico! Come non acquistare una decorazione a forma di babbo Natale con scritto Budapest o una palla di vetro con dentro la neve finta che cade su un piccolo villaggio? Non non abbiamo resistito e abbiamo raccontato le bellezze di questo negozio in questo post.

Itinerario a Budapest: Il quartiere ebraico e la memoria del passato

Nel vostro viaggio a Budapest non potete mancare questo angolo della città. Trascorrete quindi una giornata nel quartiere ebraico, visitando le sue sinagoghe, il museo e i resti del muro del ghetto poi camminando lungo la bella Andrassy ut arrivate fino alla Casa del Terrore.

Sarà una giornata per riflettere sugli orrori del passato e, magari, spiegarli ai nostri figli affinché davvero non accada MAI PIÙ.
Un consiglio però: ricordatevi che al sabato il quartiere ebraico è praticamente tutto chiuso per lo shabbat.

Itinerario a Budapest: Divertimento e relax a Budapest

In questi quattro giorni a Budapest avrete probabilmente fatto parecchia strada a piedi quindi se i vostri bimbi sono stanchi di camminare prendete la metropolitana fino alla Piazza degli Eroi. Lì fermatevi e ammirate la piazza immaginandola piena di gente e divertitevi coi vostri figli a riconoscere i condottieri ungheresi rappresentati nelle statue. Poi visitate il Museo delle Belle Arti e infine date spazio al gioco nel Parco Municipale (ci sono anche lo Zoo e il Luna Park!!)

Infine se i vostri bimbi sono abbastanza grandi per apprezzarlo concedetevi qualche ora di puro relax alle terme dei Bagni Szechenyi.

Itinerario a Budapest: Pest meridionale e Isola Margherita

Nel vostro ultimo giorno a Budapest se non siete ancora stanchi dei musei visitate quello Nazionale Ungherese poi dedicatevi a un po’ di shopping nel Grande Mercato (Nagycsarnok) dove, al piano superiore, potrete anche mangiare qualcosa.

Nel pomeriggio se il tempo lo consente, dirigetevi verso l’Isola Margherita, magari con una delle imbarcazioni che fanno servizio fin lì, e noleggiate una bici o un risciò per girare il parco.
Sull’isola ci sono diversi stabilimenti termali e perfino un Parco Acquatico, per la gioia dei piccoli!

Budapest

Budapest con un bimbo piccolo

Dove dormire a Budapest con i bambini

Volendo vedere Budapest con un bambino in inverno noi abbiamo scelto di affittare un monolocale in centro. Vi consiglio vivamente  questa scelta se viaggiate con bimbi piccoli perché significa avere praticamente tutta la città a portata di mano.

L’appartamento l’abbiamo prenotato come al solito su Booking e ci siamo trovati benissimo: il gestore (il gentilissimo Tamas) parla un italiano perfetto e ci ha organizzato anche il trasporto da e per l’aeroporto. Inoltre visto che il nostro aereo del rientro era alle 18.00 e l’ultimo giorno nevicava (non le condizioni migliori per stare in giro per tutto il giorno con un bimbo piccolo!), ci ha fatti rimanere fino al pomeriggio nell’appartamento senza alcun sovrapprezzo!

L’appartamento era ampio, con un cucinino piccolo ma attrezzato, pulito e dotato di tutti i confort (lettino, microonde, ampio bagno). La posizione poi era stupenda: dietro il Parlamento, in uno stabile signorile con ascensore e un comodo supermercato proprio sotto casa.
Trovate tutti i riferimenti a questo link.

Dove mangiare a Budapest con i bambini

L’offerta di ristoranti e bar è vastissima, purtroppo però non abbiamo trovato molti locali attrezzati per i bimbi piccoli (fasciatoi, scaldabiberon). Poco male per noi che soggiornando in centro potevamo in emergenza fermarci per cambiare il bimbo e poi uscire di nuovo senza perdere troppo tempo. In compenso però abbiamo (quasi) sempre trovato persone gentili e disponibili a cercare di venire incontro alle esigenze del nostro Patato.

Tra i ristoranti dove mangiare a Budapest con i bambini ve ne segnalo due:

  • Ristorante Toldi Konyhája: ottima cucina casalinga e personale gentilissimo che parla anche un po’ di italiano, si sono fatti in quattro per farci sentire a nostro agio e hanno riempito di attenzioni il Patato. Prezzi molto onesti, ma non hanno fasciatoi.
  • Pasticeria Gerbeaud: in questa pasticceria i dolci sono buonissimi e i bagni sono dotati di fasciatoio però è anche stato l’unico posto in cui mi abbiano mai chiesto di allontanarmi per allattare. La gentile cameriera mi ha infatti chiesto se non avessi preferito andare ad allattare (da sola) in una stanza vuota e poi, terminato, tornare al tavolino con il papà… Ho rifiutato e allattato il Patato lì dove mi trovavo gustandomi la mia superba fetta di torta. Ve lo consiglio lo stesso perché veramente i dolci erano ottimi! 😉

Cosa assaggiare a Budapest

Sarà che io sono golosa, sarà che la tradizione dei caffè a Budapest è presa molto sul serio, ma secondo me in una giornata fredda sedersi a un tavolino con davanti una cioccolata calda e una fantastica fetta di torta è uno dei piaceri della vita! E a Budapest c’è solo l’imbarazzo della scelta, tra strudel di diversi tipi (provate quello di ciliegie!!), crepes, pan di spagna e la mitica Torta Dobos!

Ma a Budapest anche chi ama il salato non rimarrà deluso: la Gulyasleves sembra fatta apposta per scaldare il cuore (e lo stomaco) anche nei giorni più freddi, il maiale è tenuto in grande considerazione (provate quello arrosto alla zingara o quello alla Brasov) e poi c’è la versione locale del piatto che all’estero viene chiamato Gulasch e…il salame! Al mercato ne vendono a chili (un po’ turistico forse…) ma noi non abbiamo resistito alla tentazione di provarlo: buono, dal gusto particolare e un po’ affumicato!

Tutto questo annaffiato da ottima birra locale o dal fantastico vino ungherese (avete presente il Tokaj?). E per digerire il tutto chiedete una Palinka.

A cosa fare attenzione nel visitare Budapest con i bambini

Tasto dolente della nostra vacanza a Budapest è stata Ryanair. Questo vettore low-cost propone tariffe davvero imbattibili per la città, ma all’aeroporto di Budapest il volo per Milano l’abbiamo atteso…fuori! Il che magari non è un problema in estate, ma in una giornata di neve con il volo in partenza alle sei di sera e zero gradi fuori, mentre tu viaggi con il tuo bimbo piccolo…ti fa arrabbiare!

Se visitate il Parlamento di Budapest con un bimbo che ancora non cammina, dotatevi di marsupio/fascia portabebè perché è impossibile usare il passeggino a causa delle molte scale all’interno della struttura.

Infine de decidete di andare a Budapest in inverno tenete presente che fa freddo, questo è innegabile. Se i vostri bambini sono piccoli e non camminano (o camminano poco) portatevi le apposite copertine per la carrozzina oppure se usate il passeggino la copertura di plastica trasparente.

Luoghi della memoria con i bambini - Casa del Terrore Budapest

Luoghi della memoria con i bambini – Casa del Terrore Budapest

Visitare Budapest con i bambini piccoli: consigli utili

Budapest è una città da vedere coi bambini, anche piccoli. Questa almeno è la nostra opinione. Si tratta infatti di una città pulita, sicura, senza grandi criticità anche per chi magari non sa le lingue, visto che sono in molti qui a parlare l’italiano. Inoltre è abbastanza piccola per girarla senza problemi, ma anche abbastanza grande per avere…molto da vedere!

Vi riporto le mie impressioni per qualche dubbio da genitori che vogliono vedere Budapest coi bambini piccoli:

  • Supermercati: A Budapest ci sono diversi supermercati (uno su tutti la catena DE-SPAR) e non si fatica a reperire il necessario per i bambini anche piccoli (omogeneizzati, pannolini, ciucci…).
  • Scale e barriere architettoniche: La città si gira molto bene a piedi col passeggino e, soggiornando in centro e avendo voglia di camminare, non c’è praticamente bisogno di utilizzare la metro.
    L’unica criticità nel vedere Budapest con un bimbo in passeggino potrebbero essere le scale per raggiungere la metro. Non abbiamo visto ascensori quindi dovrete chiudere e riaprire il passeggino.
  • Fasciatoi per cambiare i bimbi.: Purtroppo noi non ne abbiamo trovati molti a Budapest. Come detto visto che era inverno abbiamo ovviato facendo “tappa cambio” a casa per poi uscire nuovamente (tanto eravamo in centro!). Oppure cambiando il bimbo su tavolini “di fortuna”.
  • Aeroporto di Budapest: come si fa a ingannare l’attesa all’aeroporto di Budapest quando si hanno dei bimbi piccoli? Si va…in sala giochi! L’aeroporto, infatti, mette a disposizione dei piccoli un’area giochi con tappetoni, televisione, giochi e…calcio balilla. Inoltre ci sono i seggioloni per la pappa e i bagni attrezzati per il cambio.

Cosa fare a Budapest con i bambini

Non mi dilungo su tutti i monumenti che possono essere di interesse per i bimbi perché ce ne sarebbero tantissimi, dal Museo di Ingegneria al Palazzo delle Meraviglie. Qui mi limito a dare qualche idea di cose da fare a Budapest coi bambini per alternare musei e storia a qualcosa di diverso:

  • Gita sul battello: vedere Budapest dall’acqua permette di ammirare scorci altrimenti non visibili e di solito piace ai bimbi più grandicelli. Per i piccolissimi invece è una buona idea per coccolare il piccolino tenendolo tra le braccia senza affaticare troppo i bicipiti dei genitori!.
    Nel nostro caso, visitando Budapest col freddo, abbiamo sfruttato la gita per ammirare la città di notte e fare belle foto senza rischiare di far prendere troppo freddo al nostro bimbo.
  • Le terme di Budapest: cosa c’è di più bello che sguazzare per ore in piscine di acqua calda mentre i genitori si rilassano? Ecco con le terme di Budapest c’è solo l’imbarazzo della scelta!
  • L’isola Margherita: se visitate Budapest in primavera o comunque in una bella giornata di sole potete approfittare di quest’isola pedonale per far giocare i vostri figli o farli…pedalare sui risciò!

Un’idea in più su cosa vedere a Budapest

Il rischio di andare a Budapest in inverno o autunno è incappare in qualche giornata di maltempo e freddo come è successo a noi. E allora dopo aver esaurito tutti i musei una possibilità è salire sulle colline per un giro sul Trenino dei bambini di Budapest. Il vecchio treno a vapore (vero) si arrampica tra i boschi sbuffando e tutto il personale (tranne il macchinista) è formato dai piccoli studenti di Budapest. Un modo diverso per far divertire i vostri figli, vedere il panorama e…stare al caldo!

Infine prima di chiudere il post mi concedo l’ultima idea che è poi un “Vorrei…“. Da Budapest partono delle crociere che in sei ore raggiungono Vienna. Che bello sarebbe tornare a Budapest per un week end di relax alle terme e poi raggiungere la città della principessa Sissi in nave! Se ci andate trovate qui la nostra vacanza a Vienna. Ma… poi ci scrivete per raccontarci come è andata?

Francesca Taioli
Seguimi!

Francesca Taioli

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. #traveller #mum #dreamer
Francesca Taioli
Seguimi!
  • Ma che bel post! Lo custodirò gelosamente fino a quando non organizzeremo anche noi un viaggetto in questa meravigliosa città! Grazie per i preziosi suggerimenti, cara!

  • Grazie! Il complimento vale ancora di piu’ perche’ conosco bene il tuo blog e sono felice, per una volta, di averti potuto dare qualche idea utile … ricambiando tutti gli spunti presi da The Family Company:)

  • 🙂 eccomi di ritorno da Budapest!!! E mi ritrovo nelle tue descrizioni di questa meravigliosa città.
    Mi sa che la Ryan dopo aver letto il tuo post è corsa ai ripari!! Noi eravamo al calduccio in un gate, sì bruttino, ma anche fin troppo caldo!!

  • Meno male!Forse con l’inverno hanno capito che non era possibile gestire l’attesa in quel modo!Noi ci siamo stati a fine ottobre e il giorno del rientro nevicava!!
    Attendo i tuoi prossimi post per leggere le tue impressioni!;)

  • Mio marito ed io saremo a Budapest il prossimo weekend, ma il pupo resta dai nonni. Era un pacchetto volo più albergo che ci è stato regalato e ci è sembrato un po’ complicata la gestione del bimbo. Senza contare che lui è molto abitudinario, ormai rifiuta il passeggino salvo poi camminare dove vuole lui .. insomma avremmo passato due giorni a inseguirlo, senza dimenticare il fatto che lui è un po’ schizzinoso con il cibo. Forse se avessimo avuto un appartamento come hai fatto tu ci avremmo pensato! Grazie delle info, prendo nota soprattutto dei posti per mangiare!

  • In effetti l’appartamento aiuta molto e poi…ogni tanto un weekend da soli fa bene alla coppia!!:) buon viaggio!!
    Poi mi dirai se ti è piaciuta la città!

  • Ciao quindi trovo tutto x una bimba di 19 mesi nei supermercati? ??

  • Ciao quindi trovo tutto x una bimba di 19 mesi nei supermercati? ??

    • Ciao! Noi andavamo sempre alla SPAR (ce n’è una vicina al Parlamento) e c’era tutto dagli omogeneizzati ai pannolini!!:)

    • Grazie mille

  • Giulia Bertoli

    Posso chiederti consiglio sulle terme? Andrò a Budapest questa epifania con mia figlia di 5 mesi e mezzo e vorrei tanto andare alle terme. Tu ci sei stata? In quali?