Come intrattenere i bambini in viaggio

“Mamma, quanto manca??!”. Un tormentone, che sale di tono e si ripete, minuto dopo minuto. Avete presente? Sì?! Ecco, allora benvenuti nel clanmio figlio odia viaggiare (in macchina/aereo/treno…)“. Ho una notizia per voi: oggi parliamo di come intrattenere i bambini durante i lunghi viaggi, vi interessa? 🙂

Noi, lo preciso, in questo siamo un po’ masochisti. Il Patato ha mostrato ben  chiaro fin da subito il suo odio per qualunque mezzo di trasporto, in particolare la macchina. Non gli piaceva neanche da neonato. E lo dimostrava con tutta la forza che aveva: urlando. Ricordo che una volta ci siamo fermati lungo il bordo di una strada senza sapere cosa fare: il pargolo bimesenne non la smetteva di piangere. Noi avevamo percorso esattamente metà della distanza che ci separava dalla meta: che fare? Tornare indietro o andare avanti avrebbe comportato la stessa agonia. Nulla serviva a calmarlo, pareva di avere a che fare con l’incrocio tra Hitler e la bambina dell’Esorcista. E io… mi sono messa a piangere…

Regali per Natale - Un Mappamondo per sognare nuove destinazioni

Sognare nuove destinazioni

Ecco, da allora ho affinato la tecnica e ho cercato di capire come intrattenere quel bimbo poco amante dei viaggi, per evitare di smettere di viaggiare io. Intendiamoci: grandi magie per far divertire i bambini in viaggio, soprattutto se come noi amate i lunghi viaggi itineranti in auto, non ci sono, semplicemente bisogna partire preparati e avere “molti conigli nel proprio cappello“. Oppure essere fortunati. Ma se state ancora leggendo questo post probabilmente non appartenete alla categoria di quelli i cui figli si addormentano in macchina al primo semaforo (rosso) dietro casa.

E allora quali sono i trucchi (se ci sono) per viaggiare con i bambini senza che il viaggio diventi una tortura acustica? O, in altre parole, come si fa rendere il viaggio piacevole ai bimbi quanto a noi adulti? Ovviamente dipende anche dall’età del pargolo. Ora che il Patato è cresciuto è per certi versi più facile intrattenerlo in viaggio. Quando era più piccolo c’erano a disposizione meno strumenti, però siamo sopravvissuti comunque con canzoncine, libricini, cucù e altre amenità a lunghi on the road in Italia e in Europa. Quindi il mio consiglio è: non mollate (e partite!)! 🙂

Intrattenere i bambini in viaggio - La nostra personalissima Busy bag

Intrattenere i bambini in viaggio – La nostra personalissima Busy Bag

Prima regola per viaggiare con bambini: Preparate i piccoli al viaggio

Organizzare un viaggio fa parte della magia del viaggiare, almeno per me. E allora perché non coinvolgere anche i bimbi? S’eppur piccoli ci sono molti modi per coinvolgere i bambini nella preparazione di un viaggio: libri, anche semplicissimi, che raccontano qualcosa della meta scelta (nella sezione “Libri in Viaggio” ne trovate parecchi che ci sono piaciuti!), guide pensate proprio per loro, film… Dipende molto anche dell’età del bimbo! Noi in casa abbiamo una cartina del mondo intero e anche un bellissimo mappamondo che guardiamo insieme sognando nuovi viaggi.

Di idee ce ne sono davvero tante, qualcuna ve l’avevamo raccontata anche in questo post sui regali per i piccoli viaggiatori. Se poi i vostri bimbi amano le “mappe” (come le chiama mio figlio) provate a guardare queste sorta di mappamondo magnetico dell’Imaginarium dove inserire bandiere e monumenti più famosi. Ha le dimensioni più o meno di un foglio A3, e contiene piccole calamite con le bandiere e i principali monumenti del mondo. Che amiamo le calamite e che le collezioniamo i viaggio ve l’abbiamo già detto, quindi… Secondo voi potevamo resistere? 🙂

Intrattenere i bambini in viaggio - La mappa del mondo magnetica

Intrattenere i bambini in viaggio – La mappa del mondo magnetica

Viaggiare coi i bambini giocando: La Busy Bag

I viaggi, soprattutto quelli in auto,  sono lunghi e noiosi per i bambini, ma come si fa a renderli interessanti e (magari) anche educativi? Ecco per questo scopo pensavo da tanto alle Busy Bag derivanti dal pensiero Montessoriano. Ma io e i lavoretti creativi stiamo insieme come l’olio e l’aceto. E l’idea di costruirne da sola una, magari con materiale di riciclo, non fa proprio per me…

Però. Non faccio parte della categoria delle mamme con le manine d’oro, questo no, ma la mia personalissima Busy Bag me la sono creata… Con giochi già fatti! 🙂 E funziona! Il principio è semplice, una borsa (o zaino, o trolley, quello che volete…) dedicata al nostro bimbo e ai suoi giochi da viaggio. Io preferisco lo zaino, più comodo da incastrare in macchina ma vedete voi, anche perché dipende dagli spazi che avete a disposizione e dal mezzo di trasporto. Qui sotto vi riporto alcune idee per creare la vostra personalissima Busy Bag per intrattenere i bambini in viaggio:

  • Il Sacchetto delle Sorprese: Il sacchetto contiene giochi di piccole dimensioni e utilizzabili anche una volta arrivati a destinazione. I giocattoli sono scelti tra quelli delle scatole dei giochi del Patato, cercando di pescare molto in fondo per ritrovare ciò che non usa spesso. Per intenderci ci potete mettere macchinine, piccoli personaggi o pupazzetti… Il Sacchetto delle Sorprese si può usare in modi diversi: lasciarlo al bimbo che autonomamente sceglierà cosa usare (sperando che questo possa servire per tenerlo buono almeno un po’) oppure fargli infilare la manina nel sacchetto facendogli toccare (e riconoscere) gli oggetti prima di estrarli, o ancora, se l’età lo consente, giocare al gioco degli indovinelli in cui uno estrae il giocattolo dal sacchetto e gli altri devono fare le domande per capire di cosa si tratta. Quest’ultima versione è una sorta di “Indovina Chi” nel sacchetto.
  • La Lavagnetta della Creatività: Io ho inserito nella Busy Bag del Patato questa fantastica lavagna dell’Imaginarium che permette di disegnare in ogni modo, con gessetti, pastelli a cera e pennarello lavabile. E’ bellissima e non troppo ingombrante, si usa bene in aereo e in treno ma perfino in macchina, ha uno scomparto apposito dove inserire l’occorrente e io… L’adoro!
  • Timbra Tutto: Un quaderno e alcuni timbrini sono un buon modo per passare il tempo anche coi bambini più piccoli che magari non hanno ancora acquisito la capacità (e il piacere) di disegnare.
  • Il Tangram: Questo gioco esiste in moltissime versioni ed è uno dei più belli per me (pedagogicamente parlando). Anche questo lo si può usare dai 3/4 anni. Nella versione che abbiamo noi, sempre dell’Imaginarium, è in una scatola magnetica: in questo modo non si perdono o pezzi ed è più facile giocare anche in viaggio.
  • Memory: Altro gioco che mi piace molto per quello che insegna ai bambini. Le versioni sono tante, anche legate all’età dei bimbi, ma di solito più adatte ai viaggi in aereo o treno perché serve una piattaforma d’appoggio. Da poco ne ho trovato una versione, questa, che si richiude come se fosse un astuccio. Siamo ancora in fase di sperimentazione (è consigliato per i bimbi di 5/6 anni) ma mi piace perché oltre alla versione classica propone altre versioni con le associazioni.
Intrattenere i bambini in viaggio - La mitica lavagnetta portatile

Intrattenere i bambini in viaggio – La mitica lavagnetta portatile

In viaggio coi bambini a suon di musica: Il karaoke

Vi piaceva lo Zecchino d’Oro quando eravate piccoli? Ecco, allora rispolverate il repertorio e cantate! 🙂 Noi cantiamo tanto in macchina ed è un ottimo modo per intrattenere il nostro bimbo! Un trucco se proprio non amate le canzoncine dei bimbi è provare con i cartoni animati che amavate da bimbi, secondo me alla terza nota di Ufo Robot vi partirà un “Si trasformaaa …“! 😉 Ovviamente potete provare anche con le canzoni “da grandi”, nel nostro caso non hanno mai riscosso lo stesso successo (purtroppo)…

Un consiglio, se avete in programma un lungo viaggio in auto non dimenticatevi a casa i (vari) cd. Noi l’anno scorso in Albania ci siamo fatti un mese con un solo cd di canzoncine (e l’alternativa era la radio in albanese…) e, credetemi, è stato pesantino. Noi usiamo anche dei cd con le fiabe sonore, al Patato piacciono un sacco e sono una alternativa quando siamo troppo stanchi per inventare storie …

Intrattenere i bambini in viaggio - Libri, libri, libri! Noi adoriamo i libri!

Intrattenere i bambini in viaggio – Libri, libri, libri! Noi adoriamo i libri!

Come far divertire i bambini in viaggio: Letture da viaggio o da viaggiatori?

Una cosa che non manca mai nella nostra valigia sono i libri che utilizziamo anche per far passare il tempo in viaggio. Al Patato piacciono molto le favole di Rodari ma da qualche tempo abbiamo abbandonato i libri con le figure a favore di quelli “da grandi”. In molti ci avevano detto che era troppo presto e invece anche senza figure il nostro bimbo si incanta ad ascoltarle. Quindi… Provate! Il vantaggio (non banale è in viaggio) è che si riduce lo spazio in valigia dedicato ai libri! 🙂

La tecnologia per intrattenere i bambini in viaggio: L’amato/odiato tablet

Che rapporto avete voi con la tecnologia? Addiction? Paura? Equilibrata convivenza? Ecco, qui si apre un capitolo infinito. Io vi dico il mio parere: Se è vero che il Troppo stroppia non è detto che il Niente faccia bene. Noi per capirci a casa non abbiamo la televisione (per scelta) però al Patato è concesso utilizzare il tablet o i nostri cellulare per guardare brevi video o giocare con alcune App che riteniamo essere educative. A casa come in viaggio. L’importante, a parer mio ovviamente, è non andare in overdose, in vacanza come a casa…

Intrattenere i bambini in viaggio

Intrattenere i bambini in viaggio

In viaggio coi bimbi tra le fiabe: L’inventastorie

Mamma, mi racconti la storia di…“. Noi giochiamo spesso, in viaggio come a casa, a raccontare e inventare storie. A me piace molto inventarle e il Patato sembra essere non solo un divoratore di storie ma anche un creatore (a suo modo!). Alcune persone credono – e sottolineo credono – di non sapere inventare nuove storie. Secondo me non è così. Tutti hanno in sé delle storie da raccontare, basta solo ritrovare il nostro Io Narratore che, magari, ha deciso di andare in vacanza il giorno in cui la nostra maestra delle elementari ci ha detto “Non sai fare i temi!“. Se avete voglia di provare a inventare storie ma non sapete proprio da che parte iniziare provate a leggere questo libro di Rodari, “Grammatica della Fantasia. Secondo me è meraviglioso.

Viaggio in auto - Navgatore alla mano...pronti a partire

Intrattenere i bambini in viaggio durante le lunghe ore in autostrada…

Intrattenere i bambini in viaggio in auto: i giochi classici

Tra i consigli su come intrattenere i bambini in viaggio ci sono alcuni “classici”, ovvero giochi che non passano mai di moda e si possono fare anche con bambini piccoli. Uno di questi è quello delle “Trova la macchina di color…” (dove ognuno deve cercare una macchina o un oggetto di un certo colore). Per bambini che già vanno a scuola può funzionare anche il “Gioco delle Targhe” oppure il “Diario del viaggio“, dove annotare tutti gli eventi rilevanti del tragitto. Il rischio è che poi da grandi vogliano aprire un blog di viaggio. Io, manco a dirlo, da piccola ce l’avevo… 😉

Ecco terminati i nostri consigli per intrattenere i bambini in viaggio. Speriamo di avervi dato qualche spunto utile per le vostre prossime partenze in famiglia e, se avete voglia di regalarci anche qualche vostro suggerimento, ci farà piacere! Buoni viaggi a tutti voi!

Francesca Taioli
Seguimi!

Francesca Taioli

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. #traveller #mum #dreamer
Francesca Taioli
Seguimi!