Dove cambiare i soldi prima di un viaggio

Consigli pre-partenza: dove cambiare i soldi per un viaggio

Questo post è dedicato a una delle cose meno divertenti dei viaggi (almeno secondo me): gli aspetti organizzativi. A me piace sognare i viaggi, non amo invece occuparmi delle tematiche più pratiche come ad esempio il cambio della valuta prima della partenza. Una volta decisa la meta del viaggio però, spesso, bisogna pensare anche al cambio dei soldi.

E non pensate che cambiare i soldi sia necessario solo per mete lontane: molte sono infatti le destinazioni vicine – e bellissime – dove però non è in vigore l’euro. Ed è necessario ricordarselo per cambiare valuta nel caso in cui non si possano o non si vogliano utilizzare le carte di credito.

Noi ad esempio abbiamo fatto parecchi viaggi in Albania, che è geograficamente molto vicina all’Italia anche se non nell’Unione Europea. Al primo viaggio abbiamo iniziato a porci il problema di cambiare il denaro e scoperto che è difficile cambiare i Lek nelle banche italiane.

E da questa scoperta è nata l’idea di questo articolo, ad uso e consumo di chi sta per partire per un viaggio in un paese extra euro!

  1. Dove cambiare i soldi per un paese straniero extra Euro
  2. Come gestire il prelievo della valuta estera in viaggio
  3. Cambiare valuta estera al rientro in Italia
  4. Paesi europei dove bisogna cambiare valuta
  5. Altri consigli pratici per un viaggio fuori Europa
dove cambiare i soldi - Credits David Goehring
dove cambiare i soldi – Credits David Goehring

1) Dove si cambia la valuta per andare in un paese straniero?

Una volta capito che i paesi che non accettano gli euro in Europa sono diversi dove è meglio cambiare i soldi? In realtà ci sono molte opzioni, alcune più semplici altre meno, alcune più costose e altre più low-cost.

Prima di iniziare però vorrei fare una premessa: normalmente quando scegliamo una meta noi preferiamo le sistemazioni in cui si può pagare con carta di credito in loco. Non sempre è possibile e a volte comporta una piccola spesa in più ma quando utilizziamo i portali di prenotazione prestiamo attenzione anche a questo (di solito è specificato nella scheda della struttura, anche quando si tratta di un appartamento!). La ragione? Beh la semplicità – e la tranquillità – di non dover girare con molti soldi contanti ma solo con una tesserina magnetica. “Per tutto il resto …” C’è una vecchia pubblicità che lo dice, no? 😉

Ok, detto questo però non sempre è possibile pagare con carta soprattutto in certi paesi dove non è diffusa. Perciò un po’ di soldi si devono cambiare comunque. Quindi?

L’opzione più tradizionale: cambiare i soldi in banca

Cambiare i soldi in banca prima di partire per un paese straniero è di solito l’opzione più classica. Attenzione però perché se la valuta è tra quelle listate è possibile cambiarla in Italia, altrimenti è necessario farlo in una banca del paese di destinazione. Di solito il cambio in Italia è tra quelli più convenienti ma bisogna mettere in conto il tempo per andare fisicamente alla banca a fare l’operazione, magari prenotando in anticipo la valuta. Personalmente non amo cambiare valuta in banca perché non ho mai tempo di andarci.

Un’altra alternativa è quella di andare direttamente in una banca del paese che state visitando, cosa questa che a me è capitato di fare solo una volta. Era un paese di cui non conoscevo minimamente la lingua ed è stata un’esperienza: prima in fila per ore con la gente del posto e tentando di farsi capire con l’addetto allo sportello. Ad essere sinceri però ci siamo fatti anche due sane risate e tutti sono stati molto cordiali con noi, quindi potrei considerarla come un’esperienza parte della vacanza! 🙂

[cml_media_alt id='5980']dove cambiare i soldi - Credits gotcredit.com[/cml_media_alt]
dove cambiare i soldi – Credits gotcredit.com

Cambiare i soldi on line: il cambio valuta sul web

Il servizio di cambio valuta on line è un modo di cambiare valuta da casa per poi scegliere l’agenzia di cambio più comoda presso la quale effettuare il ritiro. Quindi di fatto è la prenotazione ad essere fatta on line, ma poi bisogna fisicamente recarsi in agenzia.

Alcuni provider come Ria Currency Exchange offrono questo servizio di cambio valuta on line, il vantaggio è che in questo modo si risparmia sulle commissioni, non è necessario attendere diversi giorni come spesso capita con il cambiare i soldi in banca e i tassi di cambio sono molto competitivi. Con Ria al momento della prenotazione non dovete pagare nulla ed inoltre vi segnalo che se inserite il codice promo PATATOS riceverete un ulteriore sconto sul cambio.

Ovviamente però con questo sistema di cambio on line rimane il problema di avere molti soldi in contanti da portarsi appresso durante tutto il viaggio, ma avrete la possibilità di riconvertire la valuta straniera in euro al ritorno dal viaggio presso una delle agenzie di cambio presenti sul territorio allo stesso tasso di cambio.

Cambiare valuta estera con la carta di credito: attenzione ai circuiti utilizzati!

Tendenzialmente tutte le carte di credito sono abilitare al prelievo di soldi ma fate attenzione perché bisogna avere il PIN della carta. Con questo codice (che di solito ha quattro cifre e si richiede in banca) si può prelevare presso un qualsiasi sportello ATM all’estero, ma valutate le commissioni e il tasso di cambio applicato.

Questa è un’opzione che utilizziamo spesso, anche perché normalmente dove possibile scegliamo la carta di credito anche per i pagamenti delle strutture dove soggiorniamo, così da evitare di avere troppi contanti in particolare durante i viaggi itineranti. Verificate però prima se il circuito VISA o MASTERCARD (ovvero i circuiti standard) funzionano nel paese di destinazione. In Cina a noi è capitato che questi circuiti non fossero diffusi (era invece diffuso il circuito UNION PAY) e quindi le nostre carte di credito erano praticamente inutili.

dove cambiare i soldi - Credits tristam sparks
dove cambiare i soldi – Credits tristam sparks

Cambiare la valuta estera con il bancomat: verificate se funziona!

Un’alternativa al prelievo dei soldi all’estero con carta di credito è utilizzare il bancomat per prelevare valuta estera direttamente nel paese dove siete. Attenzione però perché non tutti i bancomat possono essere utilizzati all’estero, quelli che funzionano sono quelli che hanno impresso sopra la tessera magnetica la scritta “Maestro”. In ogni caso verificate che l’ATM Poin da voi scelto appartenga a quel circuito altrimenti non sarà possibile il prelievo. Anche in questo caso verificate prima commissioni e tasso di cambio valuta.

I cambiavalute: cambiare i soldi in aeroporto o in città

Di solito i cambiavalute sono quelli meno convenienti per il tasso di cambio, di contro però hanno la comodità di trovarsi nei luoghi più strategici, come gli aeroporti oppure il centro città o le mete più gettonate dai turisti.

Quindi conviene cambiare moneta in aeroporto? Dipende, se avete necessità di avere subito disponibilità di valuta (magari per pagare un taxi o il biglietto dell’autobus) fermatevi a quelli in aeroporto, normalmente sono anche quelli più controllati (anche se, no, normalmente non sono i tassi di cambio più convenienti).

In molti paesi abbiamo incontrato i “cambiavalute improvvisati”, ovvero persone che offrono ai turisti di cambiare dollari o euro in valuta locale. Normalmente, anche se i tassi di cambio che propongono paiono favorevoli, c’è sempre qualche “trucco” dietro ma … dipende da quanta urgenza avete nell’avere i soldi che vi servono. In questi casi il consiglio è di cambiare piccol somme e poi aspettare un cambio ufficiale.

dove cambiare i soldi - Credits Allan
dove cambiare i soldi – Credits Allan

Esistono ancora i Travel Cheque?

Qualche anno fa si usavano parecchio: Si tratta di assegni di viaggio che vengono acquistati e utilizzati normalmente fuori dall’Unione Europea, comodi perché permettono al viaggiatore di avere con sé il denaro necessario senza timore di essere derubati oppure di perdere i soldi perché sono rimborsabili completamente. Si acquistano in banca ma vanno prenotati (di solito almeno 15 giorni prima), sono nominativi e vengono firmati all’acquisto e al momento del cambio di valuta. Di solito vengono accettati solo in grosse strutture alberghiere o commerciali oppure possono essere cambiati nelle banche locali. Non sono accettati in tutti i paesi e alcuni paesi non li emettono nemmeno più ritenendoli una modalità “superata”.

2) Come conviene gestire il prelievo e il cambio di valuta estera?

E’ meglio prelevare all’estero molti soldi tutti insieme o fare tanti prelievi più piccoli? Ecco, questa è una domanda da… bancari! In generale pare che convenga di più fare un unico prelievo piuttosto che prelevare più volte modiche somme. Il problema però, almeno per come la vedo io, è che poi se stai affrontando un viaggio itinerante, magari con i mezzi pubblici, ti tocca spostarti con molti soldi in contanti praticamente sempre con te.

Se questa è l’unica opzione possibile secondo me in questo caso la cosa migliore è acquistare una cintura porta soldi (si trovano facilmente in aeroporto o si possono acquistare via web, il modello che abbiamo noi è un marsupio porta soldi molto leggero e comodo da indossare, seguite il link per vedere come è fatto) in modo da ridurre il rischio di furti. Un consiglio: se scegliete questa ipotesi mettete i soldi dentro a una piccola busta di plastica per poi riporli nella cintura, così da evitare problemi in caso di temporali, sudore o… monsoni indiani!

dove cambiare i soldi - credits epSos .de
dove cambiare i soldi – credits epSos .de

3) Ri-cambiare la valuta estera

Visto che non è facile stimare le spese di un viaggio in anticipo capita che una parte dei soldi cambiati non venga spesa. In questo caso l’opzione che in tanti, me inclusa, utilizzano se i soldi sono pochi è fare gli ultimi acquisti in aeroporto.

Se mi capita io di solito compro bibite o snack per il viaggio di ritorno ma fate attenzione con i liquidi perchè dovrete acquistarli dopo il controllo.

Se invece la somma di denaro in valuta estera è significativa verificare dove sono più convenienti i tassi di cambio se all’estero prima della rientro o in Italia. Se avete cambiato i soldi con i servizi di cambio valuta on line ricordatevi che alcuni vi permettono di riconvertire in euro al ritorno dal viaggio allo stesso tasso di cambio.

4) Paesi europei dove non si può pagare in euro ed è necessario cambiare valuta

Quando si parla di cambiare i soldi in tanti pensano a mete lontane come gli Stati Uniti, dove, ovviamente, dovrete per forza cambiare gli euro in dollari. Ci sono però destinazioni in Europa dove è necessario il cambio valuta. In Inghilterra ad esempio dovrete cambiare gli euro in sterline, in Polonia è in vigore lo Zloty, in Ungheria il fiorino, in Croazia la Kuna e anche la nostra amata Albania è una destinazione europea che richiede il cambio di denaro.

Ci sono quindi diversi altri paesi dove non c’è l’euro vicini all’Italia e dove dovrete necessariamente cambiare valuta per una vacanza. Ecco alcune destinazioni europee dove non si può pagare in euro con le monete in uso:

  • Moneta Bulgaria: Lev
  • Moneta Polonia: Zloty
  • Moneta Ungheria: Fiorino
  • Moneta Danimarca: Corona
  • Moneta Romania: Leu
  • Moneta Repubblica Ceca: Corona
  • Moneta Ungherese: Fiorino
  • Moneta Svezia: Corona
  • Moneta Albania: Lek

In questi paesi dovrete necessariamente cambiare gli euro in valuta locale.

5) Altre cose da sapere per un viaggio all’estero oltre al cambio valuta

Terminate le informazioni utili per cambiare i soldi all’estero ecco un paio di tips utili per i viaggi all’estero in generale.

Attenzione all’utilizzo della carta di credito

Una delle cose a cui vi segnalo di prestare attenzione (per esperienza personale) al di là del cambio valuta è l’utilizzo della carta di credito. Le tematiche a cui stare attenti sono due: il plafond di spesa e il blocco della carta. Eccoli nel dettaglio:

  • Plafond di spesa della carta di credito: Tenete presente che la vostra cara ha un massimale ma per un viaggio fuori Europa in un paese non low-cost potrebbe essere necessario valutare di alzarlo. Questo non solo per gestire le spese ordinarie (soprattutto se prevedete di pagare molto con carta) ma anche perché potrebbero esservi richiesti dei depositi come per il noleggio auto che “fanno saltare il tetto”. La richiesta di aumentare i massimali va fatta direttamente alla banca e normalmente richiede qualche giorno, quindi preparatevi per tempo.
  • Blocco della carta: Una cosa che ci è capitata diverse volte negli Stati Uniti è stato il blocco della carta. Questo ci è stato motivato dalla banca per “controlli per pagamenti anomali”. Probabilmente stavano facendo un utilizzo diverso dal nostro solito della carta e con orari particolari connessi al fuso orario. Quindi un blocco di tutela che però ci ha creato qualche problema. In questo caso meglio sempre avere una carta di back-up da utilizzare in emergenza (magari una prepagata)

Mai dimenticare l’assicurazione viaggio

C’è un altro aspetto da considerare prima di partire per un viaggio all’estero: l’assicurazione. Fuori UE infatti il tema dell’assicurazione medica diventa delicato. O meglio, lo diventa quello dell’assistenza sanitaria, perché in certi paesi aver bisogno di un medico, anche per una banalità, potrebbe risultare costoso. La stessa cosa vale per l’annullamento del viaggio. Vale quindi la pena di pensarci prima, proprio come per il cambio della valuta.

In generale di assicurazioni viaggio sul mercato ne esistono moltissime, prima di stipularne una però è opportuno verificare alcuni parametri come la durata del viaggio, il paese di destinazione, le persone in copertura, la franchigia e la tipologia della vacanza. Se pensate di averne bisogno potete seguire il link e leggere il post dedicato all’assicurazione di viaggio, dove abbiamo provate a fare un’analisi dei fattori da tenere presente prima di acquistare un’assicurazione per un viaggio all’estero.

Spero possano esservi state utili le informazioni che abbiamo condiviso sul cambiare i soldi per un viaggio. E ora che i soldi sono stati cambiati, l’assicurazione fatta e le valigie sono pronte … buon viaggio! 🙂

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer