Cucina e cibo della Georgia - Adjaruli Kachapuri

Cosa mangiare in Georgia perchè la cucina georgiana fa parte del viaggio

Diciamolo subito a scanso di equivoci: se state programmando di partire per questo paese causasico il punto non è “solo” sapere cosa mangiare in Georgia. No, il tema è molto più complesso perché la cucina georgiana fa parte integrante di un viaggio in Georgia, ne è sostanza e fondamento. E non perché non ci siano cose da vedere in Georgia ma semplicemente perché le specialità georgiane vi conquisteranno fin dal vostro arrivo e manterranno un posto nel vostro cuore anche una volta tornati a casa.

Per farvi capire cosa intendo vi dico che, nel nostro caso, è stato proprio il cibo georgiano – assaggiato per caso in un ristorante in Russia – a farci sognare di fare un giorno una vacanza in Georgia. E quando finalmente il nostro sogno è diventato realtà la cucina georgiana non ci ha delusi per nulla (come potete vedere anche nel video 🙂 ).

Perché la tradizione enogastronomica di questo piccolo paese del Caucaso è ricca e soprattutto deliziosa. E soprattutto perché non importa quale specialità sceglierete in un qualsiasi ristorante della Georgia: mangerete bene (e mangerete tanto!) ovunque.

[cml_media_alt id='16466']Cosa mangiare in Georgia - specialità tipiche georgiane - i formaggi della Georgia[/cml_media_alt]
Cosa mangiare in Georgia – specialità tipiche georgiane – i formaggi della Georgia

La cucina georgiana: tradizioni e storia della Georgia

Situata nel mezzo del Caucaso, al confine con Russia, Turchia, Armenia e Azerbaijan, la Georgia è un paese piccolo ma dalla tradizione culinaria antica che permea profondamente la società.

La gastronomia georgiana è strettamente legata alla storia della Georgia: ha infatti assorbito l’influenza dei paesi vicini, dai conquistatori e del suo essere da sempre terra di passaggio per i mercanti che transitavano lungo la Via della Seta, con ampio uso di formaggi, carne, verdure, funghi e noci – utilizzate moltissimo in ogni tipo di piatto – e ovviamente, spezie. Tra l’altro la cucina georgiana è adatta anche per i vegetariani visto che durante determinati periodi dell’anno – come per esempio nell’attesa del Natale – i georgiani più osservanti si astengono dal consumo di carne, uova e latticini.

Per i georgiani il cibo è una cosa serissima e l’ospite è sacro. Questo significa che se avrete la fortuna di venire invitati alla tavola di una famiglia georgiana mangerete benissimo e fino a scoppiare, non importa quanto siano ricchi i vostri padroni di casa. Le tradizioni della Georgia impongono che l’ospite venga trattato con ogni riguardo e che il cibo non manchi sulla tavola.

Come conseguenza di ciò durante un pranzo in Georgia vi troverete ben presto circondati dai piatti pieni di cibo, da cui attingere a piene mani e soprattutto con grande soddisfazione. I supra – ovvero i banchetti georgiani – sono lunghi e molto elaborati, con svariate portate e molti ma molti brindisi fatti dal Tamada, ovvero l’incaricato dei brindisi.

I brindisi in Georgia sono lunghi, poetici e soprattutto a base di vino. Che è un’altra cosa che i georgiani prendono molto seriamente. Il Nettare degli Dei viene infatti prodotto da oltre 8.000 anni nel paese, con un processo di vinificazione molto particolare che prevedere che il liquido venga fatto invecchiare in apposite giare sepolte sotto terra. Quello che ne deriva è un vino ambrato, con bianchi dolci e molto alcolici e rossi deliziosi, orgoglio del popolo georgiano.

[cml_media_alt id='16464']Cosa mangiare in Georgia - specialità georgiane[/cml_media_alt]
Cosa mangiare in Georgia – specialità georgiane

Cosa mangiare in Georgia: specialità tipiche da assaggiare

Senza avere la pretesa di fare una guida esaustiva di tutte le specialità tipiche georgiane da provare durante un viaggio in Georgia ecco alcuni dei piatti da assaggiare assolutamente. Ma state tranquilli: qualunque sarà la vostra scelta non sbaglierete e anzi, durante un viaggio in Georgia il cibo diventerà presto uno dei vostri pensieri felici, visto che i pranzi e le cene vi regaleranno sempre belle soddisfazioni.

Fatta questa premessa ecco alcune dritte su cosa mangiare in Georgia, con le specialità georgiane tipiche e qualche informazione su come gustarle al meglio. E se già avete avuto modo di assaggiare la cucina georgiana in Italia state certi che nessun ristorante georgiano a Roma, Milano o in qualunque altra città sarà capace di eguagliare quanto mangerete in viaggio!

Dolma

I Dolma (o Tolma) sono una delle ricette della cucina georgiana da assaggiare durante il viaggio. Si tratta di una sorta di involtini a base di carne avvolta in foglie di uva serviti come antipasti.

Gebzhalia

La Gebzhalia è un piatto della cucina georgiana a base di fiocchi d’avena, formaggio e menta.

Apjapsandali

Tra le ricette della cucina georgiana c’è l’Apjapsandali, un piatto delizioso a base di melanzane, patate pomodori e carne.

[cml_media_alt id='16497']Specialità tipiche della Georgia - Il delizioso Apjapsandali a base di Melanzane[/cml_media_alt]
Specialità tipiche della Georgia – Il delizioso Apjapsandali a base di Melanzane
[cml_media_alt id='16491']Mangiare in Georgia - Chakapuli in preparazione[/cml_media_alt]
Mangiare in Georgia – Chakapuli in preparazione
[cml_media_alt id='16495']Cucina georgiana - I Badrijani involtini di melanzane ripieni di crema alle noci[/cml_media_alt]
Cucina georgiana – I Badrijani involtini di melanzane ripieni di crema alle noci

Chakapuli

Il Chakapuli è uno dei piatti tipici della Georgia: si tratta di uno stufato con una lunga preparazione a base di carne di agnello, spezie e dragoncello.

Badrijani

I Badrijani sono un’altra specialità georgiana da provare: sono involtini di melanzane ripieni con aglio e noci, buonissimi e praticamente onnipresenti nei ristoranti.

Khinkali

I famosi ravioli georgiani che sono sicuramente una delle cose da assaggiare in Georgia. Si trovano in qualunque ristorante georgiano e possono essere di dimensioni diverse, normalmente hanno un ripieno di carne e brodo ma esistono anche con le verdure. Per mangiarli dovete morderli, succhiando il brodo e poi mangiare il resto (tranne “il picciolo”).

[cml_media_alt id='16503']Da assaggiare in Georgia - khinkali[/cml_media_alt]
Da assaggiare in Georgia – khinkali

Insalata georgiana

Troverete in tutti i ristoranti georgiani la Georgian Salad, ovvero l’insalata che prevede pomodori, cetrioli, erbe e una salsa alle noci o pasta di mandorle come condimento, anche se semplicissimo questo piatto è da provare in Georgia anche perché vi farà rendere conto di quanto sono buone le verdure coltivate nelle fertili terre del paese.

Borscht

Il Borscht è una zuppa a base di barbabietola originaria dell’Ucraina. Si tratta di un cibo russo molto diffusa in Georgia dove in realtà troverete moltissime zuppe per iniziare il pasto (molte sono speziate, con i Khinkhali o a base di funghi).

[cml_media_alt id='16504']Specialità tipiche da mangiare in Georgia - La tipica e immancabile insalata Georgiana[/cml_media_alt]
Specialità tipiche da mangiare in Georgia – La tipica e immancabile insalata Georgiana
[cml_media_alt id='16505']Cucina georgiana - La zuppa di barbabietola - Borscht[/cml_media_alt]
Cucina georgiana – La zuppa di barbabietola – Borscht
[cml_media_alt id='16465']Cosa mangiare in Georgia - piatti tipici georgiani[/cml_media_alt]
Cosa mangiare in Georgia – piatti tipici georgiani

I formaggi della Georgia

Tra le specialità tipiche della Georgia ci sono sicuramente i formaggi, molto sapidi e prevalentemente di mucca o pecora. Li troverete ovunque, ve li serviranno come piatti principali – come nel caso del Khachapuri che altro non è che pane con il formaggio – o come antipasti.

Sulguni

Tra i formaggi della Georgia il Sulguni è sicuramente uno dei più popolari: a pasta semi-morbida si può mangiare fresco oppure venire utilizzato per varie ricette come l’Elarji.

Elarji

Una ricetta tipica a base di formaggio georgiano è l’Elarji, preparato con farina di mais e Sulguni. Nei ristoranti più tradizionali potreste trovare la versione tipica di questo piatto della gastronomia georgiana, servito in una ciotola come una sorta di pasta molle e filante. Nei ristoranti più fusion invece potreste trovare la versione moderna, con l’Elarji servito come piccole polpette fritte o Elarji cubes.

[cml_media_alt id='16493']Cucina della Georgia - Elarji rivisitato - formaggio sulguni fritto in cubetti[/cml_media_alt]
Cucina della Georgia – Elarji rivisitato – formaggio sulguni fritto in cubetti
[cml_media_alt id='16501']Formaggi della Georgia - Il Sulguni il tipico formaggio gerogiano[/cml_media_alt]
Formaggi della Georgia – Il Sulguni il tipico formaggio gerogiano
[cml_media_alt id='16500']Cibo tipico della Georgia - Il Sulguni e Elarji i formaggi georgiani[/cml_media_alt]
Cibo tipico della Georgia – Il Sulguni e Elarji i formaggi georgiani

I dolci della Georgia

A essere onesti i dolci della Georgia non ci hanno dato la stessa soddisfazione dei piatti principali ma ce sono alcuni che vale la pena assaggiare. Nei ristoranti più moderni si trovano molti dessert più occidentali come le mousse e spesso a fine pasto viene servita la frutta fresca – tra cui una varietà di caco piccola e dura – oppure secca, con fichi, noci, nocciole e cachi secchi in vendita anche al mercato come “collane” variopinte.

Orbeliani

Le Orbeliani’s Royal Candies sono un dolce georgiano tipico della città di Tbilisi, con una ricetta tramandata da generazione in generazione. Questi dolcetti a base di noci e zucchero caramellato si possono acquistare solo in alcune pasticcerie e ristoranti della città e se vi capita di trovarli non perdeteveli assolutamente.

Originariamente gli Orbeliani erano un dolce tipico del periodo di Natale ma oggi vengono mangiati praticamente tutto l’anno e potete trovarli in Tbilisi Vecchia al Cafè Leila, un ristorante vegetariano con soffitti intagliati meravigliosi e ottimo cibo.

[cml_media_alt id='16494']Dolci georgiani - Gli Orbelliani dolcetti alle mandorle miele e noci tipici di Tbilisi[/cml_media_alt]
Dolci georgiani – Gli Orbelliani dolcetti alle mandorle miele e noci tipici di Tbilisi
[cml_media_alt id='16492']Dolci della Georgia - Dolcetti Orbelliani[/cml_media_alt]
Dolci della Georgia – Dolcetti Orbelliani

Churchkhela

Nei mercati della Georgia troverete ovunque bancarelle che vendono le Churchkhela, ovvero dei dolciumi dalla forma stretta e lunga che assomigliano alle candele. La ricetta delle Churchkhela prevede che noci o nocciole vengano immerse in uno sciroppo di frutta (solitamente uva ma anche di altra frutta) e “legate” da un filo che passa a metà. I colori diversi dipendono dalla frutta utilizzana e cambiano il gusto del dolce!

Tklapi

Sempre al mercato si trovano Tklapi dei dolci georgiani che sono fogli sottili a base di frutta essiccata. Di solito vengono vengono usati per preparare delle ricette ma possono anche essere mangiati così.

Gozinaki

Il Gozinaki è una sorta di torrone preparato con nocciole e miele di solito per il nuovo anno.

Muraba

La Muraba è un dolce georgiano simile alla marmellata ma di consistenza più liquida e dal sapore leggermente speziato. Pare che abbia notevoli proprietà benefiche per il corpo… Almeno così ci hanno detto e sicuramente vale la pena provarla.

[cml_media_alt id='16496']Dolci della Georgia - I coloratissimi Churchkhela dolci a base di noci[/cml_media_alt]
Dolci della Georgia – I coloratissimi Churchkhela dolci a base di noci
[cml_media_alt id='16506']Spezie della Georgia - Le innumerevoli spezie georgiane[/cml_media_alt]
Spezie della Georgia – Le innumerevoli spezie georgiane

Le spezie della Georgia

Le spezie georgiane sono molto utilizzane nella cucina, spesso piccanti e derivanti dalla storia della Georgia, paese che ha subito le influenze di molti popoli e che da sempre ha accolto i mercanti che transitavano sulla Via della Seta. Tra le spezie più utilizzate ci sono lo Svaneti salt (sale marino con polvere di aglio, coriandolo, peperoncino, cumino, fieno greco e garofani d’India) e lo zafferano della Georgia, ma nella cucina della Georgia sono usate anche erbe fresche come coriandolo, dragoncello e basilico rosso.

I piatti di carne ma anche i formaggi sono poi accompagnati dalle salse, molto spesso a base di noci. Tra le salse georgiane più usate ci sono l’ajika e i diversi tipi di tkemali. L’ajika è una salsa piccante a base di peperoncino rosso, noci, aglio, sale, erbe e spezie mentre le tkemali sono salse acide a base di prugne acerbe, erbe e spezie di diversi colori (rosse, gialle e verdi).

[cml_media_alt id='16489']Cucina e cibo della Georgia - Adjaruli Kachapuri[/cml_media_alt]
Cucina e cibo della Georgia – Adjaruli Kachapuri

Il pane georgiano e il mitico Khachapuri, la pizza georgiana

Il pane georgiano è onnipresente sulla tavola e soprattutto ottimo. Lo Shotis Puri viene cotto nei forni tradizionali di terracotta interrati chiamati Tone, a Tbilisi troverete una panetteria tradizionale con il tipico forno interrato in Sioni Street al numero 13/40, vicino alla Basilica di Sioni, quella dove si trova la croce di Santa Nino. Non si tratta di un negozio per i turisti e il pane è ottimo!

Khachapuri

Vera e propria icona della cucina georgiana il Khachapuri – ovvero pane con il formaggio – è una specie di piatto nazionale. Qualcuno definisce questo piatto una sorta di pizza georgiana, in effetti non è così lontana dalla nostra pizza bianca, almeno nella versione di dell’Adjara ma la ricetta del Khachapuri prevede che il Sulguni – il formaggio georgiano tipico – venga impastato direttamente con la farina.

Lo troverete in diverse forme e versioni, alcune assomigliano a una piadina ripiena di formaggio – come il Khachapuri Imeruli, quello tipico dell’Imerezia – ma quella più scenografica e secondo me più buona è il Khachapuri Acharuli (Adjaruli) a forma di barca ripiena di formaggio e uova. Questa specialità della cucina georgiana si mangia staccando con le mani dalle estremità dei pezzetti di impasto che sono da intingere nel ripieno fino a che non si arriva al centro, a quel punto bisogna usare coltello e forchetta.

Il pane del Natale in Georgia

Il banchetto del natale in Georgia si consuma un pane tipico, una sorta di baguette lunga e stretta, a forma di mezzaluna. Si tratta di un pane georgiano tipico messo in tavola proprio in occasione delle feste. Maggiori informazioni sul Natale in Georgia le potete trovare seguendo questo link.

[cml_media_alt id='16498']Pane della Georgia - Il pane tradizionale cotto nei forni di terracotta[/cml_media_alt]
Pane della Georgia – Il pane tradizionale cotto nei forni di terracotta

Cosa bere in Georgia: vino georgiano ma non solo

Un capitolo a parte merita il tema di cosa bere in Georgia. Dire a un turista di assaggiare il vino georgiano sarebbe scontato – anche se imprescindibile – ma oltre al “nettare degli Dei” c’è molto altro da bere in Georgia.

Vino georgiano

In Georgia questa bevanda  viene prodotta da 8.000 anni e il vino georgiano è uno dei motivi di orgoglio del paese. Si tratta di un vino molto particolare, dal colore non limpido a causa del processo di vinificazione, che prevede la presenza delle bucce e delle vinacce, con un invecchiamento in giare poste sotto terra. Questo metodo risale a quasi 8.000 anni fa e viene utilizzato ancora oggi in Georgia fornendo al vino un sapore e un colore del tutto particolari.

I vini georgiani sono rossi e bianchi e la particolarità è che la gradazione alcolica dei vini georgiani bianchi è perfino superiore a quella dei rossi.

[cml_media_alt id='16502']Vino della Georgia - Il vino Georgiano[/cml_media_alt]
Vino della Georgia – Il vino ambrato Georgiano

Acqua della Georgia

L’acqua georgiana non è una semplice acqua. In Georgia troverete infatti acque minerali frizzanti dal sapore salino servite in bottiglie di vetro e dal gusto molto particolare. Pare che favoriscano la digestione e tra le più famose ci sono la Borjomi e la Nabeghlavi.

Brandy e grappa della Georgia

Oltre al vino ci sono due liquori della Georgia da assaggiare: il Brandy e la grappa, chiamata Chacha. La Chacha è anche definita la vodka di vino della Georgia ed è una grappa di vinaccia dal sapore molto forte con cui spesso si brinda in Georgia e che è stata riconosciuta patrimonio dell’UNESCO.

Se amate il brandy invece provate il Sarajishvili (Il Sarajishvili VS pare essere il migliore): viene prodotto a Tbilisi, la capitale della Georgia, e se siete interessati a saperne di più è anche possibile visitare la fabbrica.

Tè della Georgia e bibite analcoliche

Una cosa che non tutti sanno è che c’è una zona della Georgia dove viene coltivato il tè. La coltivazione del tè in Georgia, nelle regioni meridionali del Mar Nero, risale alla metà del diciannovesimo secolo. E’ stata però la domanda dell’URSS a aver dato impulso allo sviluppo intensivo delle piantagioni di tè georgiano, così, al crosso dell’impero sovietico anche l’industria del tè della Georgia cadde in disgrazia. Negli ultimo anni però, grazie alla domanda della Cina, c’è un nuovo fermento per il tè georgiano e per le zone dove viene prodotto.

[cml_media_alt id='16507']Specialità della Georgia da assaggiare - Limonata e Melograno con menta[/cml_media_alt]
Specialità della Georgia da assaggiare – Limonata e Melograno con menta
[cml_media_alt id='16499']Frutta della Georgia - Il piatto di frutta secca a fine pasto[/cml_media_alt]
Frutta della Georgia – Il piatto di frutta secca a fine pasto
Spesso nei bar e nei ristoranti georgiani troverete sul menù la Lemonade. Si tratta di bibite frizzanti e zuccherate con cui vengono accompagnati i pasti, a base di limone, dragoncello o melograno che si possono trovare anche in versione fresca.

Con le bevande della Georgia si conclude questo viaggio nella cucina georgiana basato in realtà su ciò che abbiamo assaggiato noi durante il nostro viaggio.

Molto ci sarebbe ancora da dire su questa meravigliosa cucina e sui piatti tipici della Georgia ma ve lo ripeto: la cosa migliore è andare e provarla direttamente. Se però vi è piaciuto questo articolo condividetelo e seguiteci su Facebook, Instagram e Youtube.

cibo della georgia specialità georgiane da provare e cosa mangiare in Georgia
cibo della georgia specialità georgiane da provare e cosa mangiare in Georgia
Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer