Mangiare in Thailandia: ristoranti e cucina thailandese

Il cibo in Thailandia è onnipresente e preparatevi perché è anche delizioso! Bancarelle, ristoranti, furgoncini, chioschi sulla spiaggia… Ovunque andrete troverete qualcosa di buono da assaggiare, che sia uno spuntino o un vero pasto, capace di farvi innamorare ancora di più di questo fantastico paese pieno di gentilezza. Perchè la cucina thailandese con il suo mix di sapori e spezie conquista sempre. E genera anche un po’ di addiction! 😉

Quindi cosa si mangia in Thailandia?

Ecco una breve (brevissima!) panoramica dei piatti thailandesi più buoni – secondo me da provare assolutamente – con anche qualche consiglio per il vostro viaggio.

  1. Piatti della cucina thailandese
  2. Specialità thailandesi da assaggiare: insetti?
  3. Ristoranti in Thailandia
  4. Mangiare in Thailandia senza stare male
  5. Cucina thailandese piccante

LIBRI SULLA CUCINA THAI E GUIDE: Io sono una “fissata” con le guide cartacee, che compro sempre prima di partire, e amo la Lonely Planet perché ha sempre una sezione dedicata alla gastronomia e al cosa/dove mangiare. Ma se volete saperne di più del cibo in Thailandia vi segnalo il libro della Lonely dedicato proprio alla cucina thailandese con tutte le ricette da sperimentare e replicare anche a casa!

La cucina thailandese: cosa mangiare

Riso, zuppe, noodles e poi ancora carne o pesce freschissimo, magari cotto su un braciere improvvisato in riva al mare. Per mangiare in Thailandia c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Qui di seguito alcuni dei piatti thailandesi più buoni da assaggiare durante il viaggio.

Pad Thai

Praticamente il Pad Thai è il piatto thailandese più famoso: si tratta di noodles, fatti saltare in padella, insieme a verdure miste, tofu, uova, carne o pesce e arachidi tritate.

Tom Yum Goong

La Tom Yum Goong è una zuppa piccante a base di gamberi, cipolla, erbe, lemon grass, pomodori e cocco. Anche questa è una specialità tailandese molto nota e amata anche dai turisti.

Som Tam

Un’insalata a base di papaya verde, salsa di pesce, verdure, peperoncini e arachidi. Ci sono diverse varianti di Som Tam, ad esempio con gamberetti e granchio, e si può abbinare con il riso: di sicuro uno dei piatti da provare in Thailandia.

Gai Pad Mamuang

Il Gai Pad Mamuang è un piatto thailandese a base di anacardi, carne o tofu, cipolla, salsa di soia, olio e peperoncino.

Kuay Teow Moo Daeng

Altra zuppa thailandese è il Kuay Teow Moo Daeng con maiale e noodles, germogli di soia, verdure.

Khao Soi

Se amate le zuppe thailandesi provate anche la Khao Soi, una zuppa di noodles fritti con latte di cocco, curry, pollo.

Lahpet Thoke

Questo piatto thai è una insalata a base di foglie di tè, arachidi, semi di sesamo, piselli fritti, gamberetti essiccati e aglio fritto.

Khao Pad

Comunemente noto come riso alla thailandese il Khao Pad è riso saltato con uova, cipolla, chilli, pollo o gamberi, uno dei cavalli di battaglia della cucina in Thailandia.

larve di insetti da mangiare su una bancarella della Thailandia

Da assaggiare in Thailandia: dolci thailandesi, frutta e … insetti?

Finita la breve carrellata sui piatti della cucina thailandese che mi piacciono eccomi a parlarvi di dolci e frutta: ovviamente anche qui ci sono alcune cose da non perdere.

  • Durian: tutti ne parlano ma pochi lo assaggiano. L’odore è terribile (lo ammetto) ma il sapore no, se andate in un mercato thailandese non perdetelo;
  • Mango: se pensate di amare il mango dovete provare a mangiarlo in Thailandia (spoiler: un altro livello!);
  • Dragon Fruit: è buono ed è anche bello, anche questo da provare in Thailandia;
  • Banane grigliate: anche queste sono uno spuntino da mercato;
  • Bubble Tea: bibita a base di tapioca (molto particolare)
  • Sticky rice e mango: di fatto è un riso colloso con latte di cocco e fettine di mango (molto ma molto dolce).

Un discorso a parte è quello delle specialità thailandesi che per essere assaggiate richiedono “coraggio. Per capirci in Thailandia si mangiano anche gli insetti: grilli, cavallette, larve e bruchi – che vengono fritti e poi conditi con spezie, peperoncino e salse – ma anche scorpioni, scarabei, formiche e molti altri. Si trovano normalmente sui mercati o nelle bancarelle lungo le strade, non potrete non notarli.

Ora io posso dirvi di aver assaggiato le formiche (sanno di limone…) ma le mangerei nuovamente? Uhm… Diciamo che da mangiare in Thailandia c’è altro di molto più buono! 😉 Ma ovviamente sono gusti…

Dove e come si mangia nei ristoranti thailandesi

Capitolo a parte sono i ristoranti thailandesi che a volte ristoranti non sono. Mi spiego: oltre ai classici ristoranti – più o meno locals anche a seconda dei vostri gusti – ci sono un sacco di chioschi, furgoncini e venditori di street food che sono una vera e propria istituzione nel paese. Mangiare in Thailandia significa anche godersi il cibo da strada, il pesce grigliato sulla spiaggia o lo spuntino del chioschetto. Per farvi capire cosa intendo vi dico che la foto di copertina è stata scattata a Pukhet, in una ristorante sulla spiaggia fuori dai classici giri turistici in cui “la cucina” era un cestello della lavatrice adibito a barbeque, senza alcun menù ma con pesce e birra gelata assicurati, così come la vista mare.

Una cosa da sapere quando andate nei ristoranti thailandesi in gruppo è che spesso viene portato un unico piatto da condividere: ciascuno ha il proprio riso “di contorno” e poi si divide. I miei ristoranti preferiti in Thailandia – forse l’avrete intuito – sono quelli più locals, meno turistici, dove c’è la possibilità di assaggiare le specialità come dovrebbero davvero essere preparate. Ultima cosa: In Thailandia non si mangia con le bacchette ma principalmente con forchetta e cucchiaio.

Thailandia cosa evitare per non stare male

Fino a qui ho elogiato la cucina thailandese e il suo cibo. E non potrebbe che essere così visto che è davvero ottima! C’è però da dire questo paese ha alcune criticità dal punto di vista igienico-sanitario che necessitano di un po’ attenzione in più.

Io sono tra quelle persone particolarmente “delicate di stomaco” anche se non rinuncia mai ad assaggiare le specialità dei luoghi che visito. Quindi giro con il Dissenten ma state tranquilli perché in Thailandia non sono stata male! 😉 Questo significa che non è necessario rinunciare alla cucina locale.

Quindi cosa bisogna mangiare in Thailandia per non stare male?

Il rischio, abbastanza reale, nel mangiare in Thailandia soprattutto se uscite dal circuito di “hotel e ristoranti per stranieri” è incappare in una intossicazione alimentare. In questo caso però più che mangiare qualcosa di preciso c’è da prendere alcune precauzioni, dettate un po’ dal buon senso e un po’ dalle comuni norme igieniche. Per evitare di stare male in Thailandia:

  • evitate il ghiaccio (quindi anche i cocktail!) e bevete solo acqua e bibite in bottiglia;
  • fate attenzione che il cibo sia ben cotto (i cibi crudi, a meno che non si tratti di frutta e verdura sbucciata al momento, sarebbero da evitare sempre!);
  • fate attenzione alle salse, che talvolta sono lasciate aperte a temperatura ambiente fino a che non finiscono;
  • scegliete i chioschi/bancarelle con maggiore smercio (il che significa “cotto e mangiato” e quindi non contaminato) e che da un primo sguardo non vi sembrano “sporchi” (lo so, nessuno ha il germe detector, però fateci caso!);
  • evitate tutto ciò che non è ben conservato;
  • lavatevi sempre le mani prima di mangiare o utilizzate un disinfettante mani.

Quanto è piccante il cibo thailandese?

Legato al tema del cosa mangiare in Thailandia per non stare male c’è la piccantezza del cibo thailandese. In Thailandia si mangia piccante, questo è un fatto e se non siete abituati ai sapori così potrebbe risultarvi un po’ ostico.

Per questo è importante quando si ordina specificare sempre “No Spicy” (ovvero non piccante). In realtà lo sarà comunque un po’ ma gestibile. Se invece pensate di poter resistere potete orare un “Thai Spicy” che è davvero “Hot“. Fate però attenzione perchè, soprattutto se non siete abituati, comunque il cibo piccante “irrita” un po’ quindi meglio non esagerare.

Questa breve parentesi sulla cucina thailandese e sul cibo termina qui. Se vi è piaciuto potete seguirci su Facebook, Instagram e YouTube … Che ne pensate? 😉

5 commenti su “Mangiare in Thailandia: ristoranti e cucina thailandese”

  1. Che sogno!
    I miei genitori avevano ospitato in famiglia un thailandese. Devo dire però, che ciò che avevamo scoperto del suo Paese e del suo modo di vivere non era molto confortante…sarebbe bello andare in Thailandia e vedere altri lati, sono certa che ci siano paesaggi bellissimi..grazie per questo scorcio!

  2. Anch’io ho un ricordo come il tuo di Phuket: una delle poche spiaggette rimaste semi-deserte, una baracca in riva al mare con una griglia di fortuna e due giovani proprietari che non conoscevano lo stress, due tavolini sulla sabbia, niente menù, solo il pescato della mattinata fra cui meravigliose aragoste. Poi la mamma dei due ci portava un po’ di verdura saltata in padella e riso bianco. Nella Thailandia dove vivo ora, non ho ancora trovato un degno sostituto di quel “ristorante” e purtroppo sì, gran parte del turismo attuale è proprio di quello che non vorresti vedere mai

Lascia un commento