Cosa mangiare nelle Langhe: cucina, piatti tipici e specialità

Ci sono due cose che tutti conoscono della cucina delle Langhe: il tartufo e il vino. Ma la tradizione gastronomica di questo territorio va ben oltre il Barolo e il Tartufo Bianco di Aba, nonostante proprio questi due prodotti siano utilizzati in molte preparazioni.

Preparatevi dunque perché una vacanza nelle Langhe non sarà certo dietetica ma soddisferà le vostre papille gustative. Nella cucina tipica vi sono preparazioni gustose e, a sorpresa, accanto ai grandi piatti di carne, alle paste fresche e ai deliziosi formaggi, troverete anche il pesce, utilizzato in diverse ricette.

Una tradizione che sta tornando è la “Merenda Sinoira”. Un tempo erano le “merende” fatte dai contadini, preparate dalle donne e portate dai ragazzini in campagna: una bottiglia di vino, pane fresco, formaggio e salame per compensare della fatica delle lunghe giornate di lavoro. Oggi queste merende sono tornate, più ricche e più profumate, per far scoprire le tradizioni della Langa e del suo passato a chi vuole conoscerle.

Ma cosa c’è da mangiare nelle Langhe assolutamente?

Ebbene se state oganizzando il viaggio e volete prepararvi (per bene!) alla scoperta di questo territorio di seguito trovate un elenco di alcuni dei piatti tipici delle Langhe da non mancare, dall’antipasto al dolce con un “fuori quota” (il tartufo). Poi il mio consiglio è di non partire senza una buona guida che possa accompagnarvi nelle vostre esplorazioni (anche culinarie). In commercio ce ne sono diverse, la nostra guida è molto dettagliata anche sulla parte di gastromia e cucina tipica delle Langhe, con curiosità e ristoranti consigliati (seguite il link per saperne di più).

ACQUISTA QUI LA GUIDA DELLE LANGHE CON APPROFONDIMENTI SULLA CUCINA TIPICA

Tajarin al tartufo, Ravioli del Plin e salumi al Barolo, ecco le specialità di Alba e delle Langhe

Carne all’albese

Gli antipasti sono presi molto seriamente in questo angolo di Piemonte, tra questi non perdete la carne all’albese. Si tratta di carne cruda tagliata al coltello e condita con un pochino di limone con, se è stagione, una grattuggiata di tartufo bianco. Semplicemente deliziosa!

Vitello Tonnato

A dispetto di chi pensa che le specialità tipiche langarole siano solo di “terra” questo è di un piatto tipico delle cucina delle Langhe con carne e pesce. La carne è infatti di bovino, tagliata sottile, mentre sopra c’è una salsa di tonno e capperi.

Formaggio Murazzano

Il Murazzano è un formaggio tipico dell’Alta Langa, prodotto con latte ovino (ma si può trovare anche misto ovino-vaccino), profumato e dal gusto particolare. É prodotto con una razza di pecore a cui è dedicata anche una festa nel comune di Murazzano, da cui prende il nome.

La bagna caoda

La regina della cucina tipica di Langa è di certo la famosa “bagna caoda” (o “cauda”). La sua preparazione prevede aglio, olio d’oliva, latte (ma esistono altre versioni con panna o burro) e acciughe sotto sale. Viene servita bollente in ciotole di coccio con uno speciale fornellino per non farla mai raffreddare e vi si intingono verdure fresche (sedano, cavolo, verza, cardo e topinambur) o cotte.

Una variante è utilizzarla per guarnire i peperoni, magari quelli della vicina Carmagnola, precedentemente arrostiti. Se volete prepararla a casa qui trovate la vera ricetta della bagna cauda originale dei miei suoceri (langaroli doc).

Un tipico piatto delle Langhe, la carne cruda all'albese

Tajarin all’uovo

Sono tagliatelle all’uovo molto (molto) sottili e con tante (tante) uova, condite con ragù oppure con burro e salvia. Si tratta del piatto ideale per apprezzare in pieno l’aroma del tartufo che si sprigiona meglio con il calore.

Raviolini del Plin

I raviolini (“del plin” o “al plin”) sono piccoli ravioli ripieni di carne il cui nome deriva dal “pizzicotto” con cui vengono chiusi. Anche questi sono all’uovo, anche se più light rispetto ai tajarin e sono serviti in brodo o con un condimento (si solito burro).

La Finanziera

Tra i tanti piatti di carne che si possono mangiare nelle Langhe ce n’è uno molto particolare che arriva dritto dritto dal passato: La Finanziera. Si tratta di una specialità con carne di vitello, manzo, fegatini e verdure che deriva dalla tradizione di “non buttare via nulla” delle famiglei contadine.

Il fritto Misto alla Piemontese

Sono circa 20 le portate del fritto misto alla piemontese, un piatto tipico delle Langhe ma anche del resto del Piemonte. Si frigge tutto: la carne ovviamente, ma anche alcune interiora, le verdure e i dolci. Con semolino e pavesini fritti!

Bunet

Uno dei dolci tipica da mangiare nelle Langhe è il Bonet (o “bunet”), un budino con cioccolato, latte, amaretti e uova. La tradizione vorrebbe anche un goccio di Rhum ma non tutti lo mettono.

Pesche ripiene

Da queste parti cresce rigogliosa anche la frutta. Le pesche ripiene  sono un dolce tipico delle Langhe, preparate al forno con amaretti e cioccolato. Si tratta di un piatto speciale della cucina langarola soprattutto se vengono utilizzate le pesce di Canale.

Bagna Cauda

Il Tartufo Bianco d’Alba

Il re della cucina delle Langhe è il tartufo, un fungo ipogeo a forma di tubero che vive sottoterra in simbiosi con le radici di alcune piante. Ne esistono diverse varietà tra cui le principali sono il Tartufo Nero invernale (che si raccoglie da novembre a marzo), il Tartufo Scorzone (varietà nera meno pregiata che si raccoglie da maggio a dicembre) e il Tartufo Bianco Pregiato conosciuto anche come Tartufo Bianco d’Alba.

Ma come si mangia il tartufo nelle Langhe?

Il tartufo si taglia con l’apposito tagliatartufi, le fette devono essere foglioline spesse pochi decimi di millimetro. Si serve in accompagnamento ad un piatto caldo, cosa che aiuta lo sprigionarsi del suo profumo, meglio se dal sapore “neutro” così da non copriene l’aroma. Tra i piatti della cucina tipica delle Langhe con cui viene servito ci sono, oltre ai Tajarin e alla carne all’albese, anche la Fonduta e l’uovo fritto.

Sharing is caring! Ma se vi è piaciuto questo articolo e volete saperne di più seguiteci su Facebook, Instagram o YouTube. Se invece siete in partenza non fatelo senza la nostra guida delle Langhe con tutti i consigli da locals per godervi al meglio il viaggo!

Lascia un commento