Siracusa Ortigia - Piazza Duomo con la Cattedrale che ingloba il Tempio di Atena

Cosa vedere a Siracusa?

Se dovessi dare un consiglio su cosa vedere a Siracusa “per forza” confesso che sarei in difficoltà. Un po’ perché questa città offre veramente tanto e un po’ perché ciò che si può fare a Siracusa è diverso a seconda delle caratteristiche e degli interessi di chi decide di visitarla. Siracusa è una città “a più strati”, mi vien da dire come una cipolla, solo che ogni strato regala una sorpresa e non lacrime.

Per farvi capire cosa intendo innanzitutto vi dico che andare a Siracusa significa entrare in una storia millenaria. La città fu infatti fondata intorno al 700 a.C. dai Corinzi e fu una delle più vaste metropoli dell’Età Classica. Atene tentò invano di assoggettarla ma Siracusa resistette, accogliendo tra le sue mura personalità come Platone e dando i natali ad altri illustri uomini come Archimede. Solo i Romani riuscirono a conquistarla ma la città mantenne comunque per lungo tempo il suo prestigio. Fatta questa premessa capite bene che una visita al Parco Archeologico della Neapolis sarà probabilmente uno dei must tra le cose da fare a Siracusa. Ma non basta.

[cml_media_alt id='10550']Il Parco Archeologico di siracusa - Il Teatro Greco[/cml_media_alt]
Il Parco Archeologico di Siracusa – Il Teatro Greco
[cml_media_alt id='10552']Il Parco Archeologico di Siracusa - L'Orecchio di Dionisio[/cml_media_alt]
Il Parco Archeologico di Siracusa – L’Orecchio di Dionisio
[cml_media_alt id='10551']Il Parco Archeologico di Siracusa - L'Ara di Ierone[/cml_media_alt]
Il Parco Archeologico di Siracusa – L’Ara di Ierone
Perché Siracusa è anche una delle capitali del Barocco siciliano. Infatti dopo il violento terremoto che nel 1693 distrusse buona parte della Sicilia la città tornò alla vita, con un nuovo volto bellissimo che ancora oggi fa bella mostra di sé, nei palazzi e nelle chiese del centro. Poi c’è Ortigia, “l’isola nell’isola” come la chiama qualcuno, un susseguirsi di strette vie, caffè, antichi edifici e angoli nascosti dove i panni sventolano, stesi ad asciugare al vento. Ed infine ci sono il mare di Siracusa e le sue leggende. Perché a pochi chilometri dalla città si trovano spiagge meravigliose e una riserva naturale dove si possono avvistare i delfini, mentre la città racconta ai suoi visitatori le sue storie, narrando di tiranni feroci, ninfe in fuga e amori non corrisposti.

E allora capite bene che la difficoltà non è certo quella di suggerire cosa vedere a Siracusa quanto piuttosto consigliare a cosa rinunciare, perché, per esperienza, il tempo vola quando si visita la città e poi ci si ritrova a desiderare di tornare presto…

[cml_media_alt id='10562']Siracusa Ortigia[/cml_media_alt]
Siracusa Ortigia
[cml_media_alt id='10558']Siracusa Ortigia - Il porto turistico[/cml_media_alt]
Siracusa Ortigia – Il porto turistico
[cml_media_alt id='10560']Siracusa Ortigia - L'incredibile Fonte Aretusa che sgorga dal mare[/cml_media_alt]
Siracusa Ortigia – L’incredibile Fonte Aretusa che sgorga dal mare

Visitare Siracusa: qualche informazione pratica

Un itinerario per vedere Siracusa

Siracusa si divide di fatto il due parti: Ortigia, la parte più antica della città raggiungibile attraverso un ponte, e la terraferma. Se avete due giorni di tempo vi consigliamo di dedicare una giornata almeno a Ortigia e la seconda al resto della città, visitando il Parco Archeologico della Neapolis e il Museo Archeologico e, se vi rimane tempo, ai dintorni. In questo articolo trovate il video del nostro itinerario a Siracusa se vi va di guardarlo per farvi un’idea di cosa vi aspetta in città.

In Ortigia non mancate di andare a vedere la Fontana Aretusa, che la leggenda narra sia stata originata dalla trasformazione di una ninfa, il lungomare Alfeo, il Duomo e la Chiesa di Santa Lucia alla Badia, che custodisce il dipinto de “Il seppellimento di Santa Lucia” del Caravaggio. E poi ovviamente dedicate un po’ di tempo al quartiere della Giudecca, perdendovi tra le viuzze di Ortigia, strette e caratteristiche che ne testimoniamo l’origine ebraica. Infine ricordatevi che tutti i giorni eccetto la domenica in Ortigia c’è un mercato che ci hanno detto essere molto caratteristico (ma non ci siamo andati di domenica…)

[cml_media_alt id='10555']Siracusa Ortigia - Aretusa e Alfeo[/cml_media_alt]
Siracusa Ortigia – Aretusa e Alfeo
Sulla terraferma contate di dedicare almeno l’intera mattina alla visita del Parco Archeologico della Neapolis e al Museo Archeologico Paolo Orsi. Poi potreste fermarvi a visitare la Chiesa della Madonna delle Lacrime, una moderna chiesa dove è conservata la misteriosa statua che nel 1953 pianse e fu ritenuta responsabile di alcune guarigioni miracolose, e infine le Catacombe di San Giovanni.

Cosa fare a Siracusa coi bambini

Tra le cose che possono essere interessanti da vedere coi bambini a Siracusa ci sono l’Acquario, che si trova proprio sotto alla Fontana Aretusa, il Museo dei Pupi con il Teatro e il Museo di Leonardo. Quest’ultimo è considerato l’erede spirituale del siracusano Archimede e nell’omonimo museo sono esposte alcuni macchinari che i bambini possono toccare. Purtroppo noi non abbiamo però avuto il tempo di visitarlo! 🙁

[cml_media_alt id='10556']Siracusa Ortigia - I palazzi barocchi[/cml_media_alt]
Siracusa Ortigia – I palazzi barocchi
[cml_media_alt id='10557']Siracusa Ortigia - I resti del Tempio di Apollo[/cml_media_alt]
Siracusa Ortigia – I resti del Tempio di Apollo

Dove mangiare a Siracusa

Se viaggiate coi bambini vi segnaliamo due strutture, entrambe in Ortigia, dove pranzare a Siracusa. La prima è il Ristorante Pepe Verde, un family restaurant dove noi ci siamo trovati benissimo, sia per l’ottima qualità del cibo che per le attenzioni dedicate ai piccoli ospiti. Oltre al fasciatoio, ai classici seggioloni e ai camerieri gentili con le famiglie, questo ristorante di Siracusa ha dedicato un’intera ala alle famiglie, con tanto di una grande area kids, dove i piccoli si possono scatenare, supervisionati e intrattenuti da una animatrice molto brava che è riuscita a conquistare anche nostro figlio.

Il secondo locale dove fermarsi per mangiare qualcosa coi bambini in Ortigia è il Bike Cafè. Questo bar non è pensato specificatamente per i bambini ma piuttosto per un turismo slow, qui però, oltre a tutto il necessario per sistemare la propria bicicletta, le famiglie troveranno la possibilità di affittare le bici con il seggiolino insieme anche a seggioloni, pappe scaldate o preparate al momento con prodotti locali e bio e alcuni giochi.

Se invece volete assaggiare qualcosa di veramente buonissimo, valido per tutte le età, vi consigliamo di fermarvi alla Pasticceria Alfio Neri, vicino al Parco della Neapolis. Qui oltre a arancini, pizze e altri tipici snack siciliani troverete i cannoli più buoni di tutta la Sicilia. E, credeteci, non è un’esagerazione! La pasticceria gestita da Franco Neri e da suo fratello è una meraviglia difficile da descrivere ma assolutamente da provare. Qui sotto troverete anche un video che abbiamo girato proprio mentre eravamo lì: si parla della Cannolo Terapia ma soprattutto di chi fa le cose con passione!

Come visitare Siracusa

Se decidete di andare a Siracusa in automobile tenete presente che i parcheggi in Ortigia sono quasi tutti riservati ai residenti e che l’isola è in parte pedonale. Un grande parcheggio a pagamento si trova sul lungomare di Levante Elio Vittorini (Parcheggio Talete), appena dopo il ponte sulla sinistra e Ortigia si visita tranquillamente a piedi, anche coi passeggini. Esistono poi tre linee di autobus elettrici che collegano le principali attrazioni della città.

Dove dormire a Siracusa

Durante la nostra visita a Siracusa noi abbiamo scelto di soggiornare fuori città, nella zona della Riserva Naturale del Plemmirio un’area balneare molto famosa della città. Il nostro hotel a Siracusa, La Rosa sul Mare, aveva una vista splendida sulla baia, la piscina, il parcheggio privato e piccoli appartamenti attrezzati anche con angolo cottura. Gli abbiamo dedicato un articolo in cui trovate il racconto della nostra esperienza con un po’ di informazioni ma se volete saperne di più sui prezzi e leggere altre recensioni vi lasciamo anche il link a Booking dove potete trovare tutto.

[cml_media_alt id='10344']La piscina a sbalzo sul mare della Rosa sul Mare[/cml_media_alt]
La piscina a sbalzo sul mare della Rosa sul Mare

Dove andare al mare a Siracusa

Due delle spiagge più belle di Siracusa si trovano proprio poco lontano dalla città e sono la spiaggia di Fontane Bianche e quella di Arenella. Noi siamo stati a Fontane Bianche, una baia non grandissima, con un mare da cartolina e sabbia chiara. Tra le particolarità di questa spiaggia c’è il fatto che una fonte si immette praticamente nel mare, con acqua potabile che si può bere direttamente “tra gli scogli”. Noi l’abbiamo saputo dopo però voi cercatela!

[cml_media_alt id='10554']La splendida spiaggia di Fontane Bianche non lontano da Siracusa[/cml_media_alt]
La splendida spiaggia di Fontane Bianche non lontano da Siracusa

I dintorni di Siracusa

Nei dintorni di Siracusa si possono visitare Castel Maniace, i resti di Castello Eurialo e il fiume Ciane, dove ancora oggi crescono le piante di papiro. Poco più lontano si possono poi raggiungere la bellissima Noto, la Riserva Naturale di Vendicari con la Tonnara e le saline dove siamo stati e di cui potete leggere seguendo i link.

[cml_media_alt id='10553']La riserva naturale di Vendicari[/cml_media_alt]
La riserva naturale di Vendicari
Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer