Juventus Museum Torino

Cosa vedere a Torino: il Museo della Juventus

Il Museo della Juventus è un museo per appassionati della Vecchia Signora ma non necessariamente per super tifosi. Questa è la prima cosa che dovete sapere se vi state chiedendo se inserire il JMuseum tra le cose da fare a Torino durante un weekend. Perché questo museo allestito all’interno del nuovo stadio della Juve è un tuffo all’interno della squadra bianconera ma non solo.

Io sono tifoso Juventino, non per scelta ma per eredità. I miei genitori infatti sono piemontesi e lo zio, appassionato portiere che per anni ha lavorato proprio alla FIAT di Torino, ha fatto il possibile affinché io fin da subito capissi qual era la squadra giusta da tifare e non cedessi alle lusinghe neroazzurre della regione che mi avrebbe visto diventare grande.

[cml_media_alt id='10296']Juventus Museum Torino allo Juventus Stadium[/cml_media_alt]
Juventus Museum Torino allo Juventus Stadium
Così sono cresciuto juventino, pur non sapendo gran che giocare a calcio e rivolgendomi ben presto alla palla a spicchi. Perché se sei alto quasi due metri tutti si aspettano che tu vada a giocare a basket. E se, per di più, sei pure cagionevole di salute c’è mezzo che tua madre il campo da calcio non te lo faccia nemmeno vedere da lontano, nonostante le tue insistenze. E così sono diventato cestista ma la Juve è rimasta l’unica squadra di calcio che io abbia mai tifato. Senza patemi nè grandi infervoramenti ma semplicemente come l’unica scelta possibile.

In verità da tifoso juventino mi sono goduto anche alcuni dei momenti storici della mia squadra, come la partita contro il Real Madrid del 2008 al Bernabeu in cui la Juve ha vinto con una doppietta di Del Piero che ha ricevuto la standing ovation dello stadio. Ma, per capirci, non sono e non sarò mai un fanatico del calcio.

[cml_media_alt id='10298']Juventus Museum Torino - Del Piero, l'idolo della mia generazione[/cml_media_alt]
Juventus Museum Torino – Del Piero, l’idolo della mia generazione
Eppure al Museo della Juventus a Torino ho voluto andarci lo stesso. Anzi questa è stata l’unica tappa che ho richiesto di inserire all’interno del nostro ultimo tour per i musei della città. Perché alla fine la Juve è la Juve e il JMuseum mi incuriosiva parecchio. E così ci ho portato tutta la famiglia, bimbo compreso che al momento non sa nemmeno cosa sia una squadra di calcio anche perché, avendo mostrato la stessa tendenza ad ammalarsi del padre, è stato anch’egli avviato al basket. E ovviamente al museo ci ho portato anche Francesca, che il calcio non lo digerisce poi molto, forse traumatizzata da una infantile militanza nelle file del Como.

[cml_media_alt id='10299']Juventus Museum Torino[/cml_media_alt]
Juventus Museum Torino
[cml_media_alt id='10297']Juventus Museum Torino[/cml_media_alt]
Juventus Museum Torino
La nostra visita si è svolta al pomeriggio e dal Museo della Juventus siamo usciti tutti e tre sorridenti, anzi, con mia grande stupore (e pure un po’ di soddisfazione) il Piccolo Viaggiatore all’uscita cantava a squarciagola “Juve Juve“! Perché lo Juventus Museum è un museo fatto per celebrare la Vecchia Signora, ma anche per raccontare la storia di Torino e dell’Italia intera. Lì sono raccontati i momenti più esaltanti della storia juventina: i palloni d’oro, i record, i giocatori che hanno fatto la Juve e gli allenatori che tutti i tifosi ancora rimpiangono. Ma in questo museo la storia della Juventus viene raccontata anche attraverso la letteratura e passando dalla quotidianità della piccola e media borghesia piemontese, con quell’aria di casa che, da piemontese cresciuto lontano, mi ha appassionato ancora di più.

Ovviamente però il Museo della Juventus è anche un museo per i tifosi “veri”, quelli che non vedono l’ora di farsi la foto con i giocatori (e per loro c’è l’apposita macchinetta per il fotomontaggio), quelli che ti sanno dire la formazione di ogni partita e che si incantano davanti alla panchina. Quelli come mio zio per capirci che sono certo apprezzerebbe moltissimo questo museo. Ma il JMuseum è anche per tutte le persone “normali” che vogliono conoscere meglio Torino. Ovviamente … non di fede granata! 😉

[cml_media_alt id='10294']Juventus Museum Torino - La Champions Cup[/cml_media_alt]
Juventus Museum Torino – La Champions Cup

Informazioni pratiche per andare al Museo della Juventus

Come funziona la visita allo Juventus Museum di Torino

La visita al Museo della Juventus è libera. Il museo non è enorme ma ci sono video, schermi interattivi, pannelli esplicativi e tante curiosità che sono piaciute a nostro figlio. Alla fine della visita c’è una sala circolare con un tappeto di erba finta dove ci s può sedere e immergere nella storia della Juventus.

Cose utili da sapere per visitare il Museo della Juventus

Il Museo della Juve si può visitare senza prenotazione. In abbinamento all’ingresso al museo è possibile acquistare anche il tour dello stadio che però noi non abbiamo fatto (con un costo extra oltre al biglietto). Con la Carta Freccia il secondo biglietto è gratis e con la Torino+Piemonte Card l’ingresso al museo è gratuito. Tutte le informazioni le potete trovare sul sito ufficiale del JMuseum.

Dove parcheggiare

Lo Juventus Museum è collocato all’interno dello stadio della Juventus di Torino nella zona esterna verso la Venaria Reale. Proprio di fronte c’è un centro commerciale con parecchi negozi e un grande parcheggio. Ovviamente non può mancare il negozio della Juventus con i suoi gadget a tema.

Altre cose da vedere a Torino

Se cercate altre informazioni per organizzare un weekend a Torino qui sotto trovate altri articoli:

  • I musei di Torino coi bambini: In questo articolo trovate i musei di Torino da vedere coi bambini. Incluso il JMuseum ovviamente.
  • Un itinerario per un weekend a Torino coi bambini: Siamo tornati tante volte in città da genitori e alla fine abbiamo costruito un itinerario per vedere Torino in un weekend.
  • Lo Zoom di Torino: Un parco zoologico veramente speciale, ancora più bello in estate quando è possibile godersi il relax in piscina.
  • Vedere la Reggia di Venaria: Uno dei simboli di Torino dimenticati per lunghissimo tempo e oggi riportato all’antico splendore.
Roberto

Roberto

Geek con la passione per le persone. Quando non programmo, viaggio nel mondo o per il web. Volevo fare l'architetto poi sono diventato ingegnere. Ma mi è rimasto l'amore per tutto ciò che è bello oltre che tecnologico e così ho fondato una start-up. #Geek #Dad #NBAaddicted #Startupper