panorama dalla Afsluitdijk

Cosa vedere in Olanda: Afsluitdijk Wadden Center e la diga più grande dei Paesi Bassi

Un tour dell’Olanda non è completo secondo noi se non si inseriscono alcune tappe che parlano della sua storia e soprattutto del rapporto particolare che questo paese ha con l’acqua. E Afsluitdijk, la diga più grande dei Paesi Bassi, con il Afsluitdijk Wadden Center, fanno parte del passato di questa terra e sono una meta che vale la pena inserire in un itinerario nell’Olanda settentrionale.

Innanzitutto però per comprendere le ragioni per cui vale la pena di visitare una diga bisogna riflettere sulle origini del paese. Quello che noi chiamiamo semplicemente Olanda sono infatti due delle dodici province dei Paesi Bassi – altrimenti detti Netherlands – definiti “bassi” perché oltre due terzi del territorio si trova in realtà sotto il livello del mare. Questo significa che la gente per vivere qui ha letteralmente strappato la terra all’acqua, un pezzo dopo l’altro, e Afsluitdijk è forse l’opera più esemplificativa di questa lotta che dura da millenni.

[cml_media_alt id='14003']Afsluitdijk la diga più grande dell'Olanda[/cml_media_alt]
Afsluitdijk la diga più grande dell’Olanda
[cml_media_alt id='13993']Afsluitdijk Wadden Center[/cml_media_alt]
Afsluitdijk Wadden Center

Cosa vedere in Olanda: Afsluitdijk e la sua storia

Nell’inverno del 1287 una fortissima mareggiata distrusse la barriera di dune che separava il Mare del Nord dal lago Flevo. Come conseguenza larga parte del territorio venne inondato in modo permanente e la regione attorno al lago divenne la baia dello Zuiderzee – oggi trasformato nel lago IJsselmeer – con un notevole ampliamento del mare di Wadden. La popolazione però non si arrese, continuando a sottrarre, metro dopo metro, terreno al mare, costruendo canali e bonificando, imbrigliando l’acqua e creando la terra dove coltivare e costuire città.

Quando nei primi anni del 1900 si iniziò a parlare di un grande progetto che avrebbe potuto proteggere i Paesi Bassi dalla furia del Mare del Nord, garantendo la bonifica del territorio e la possibilità di coltivare, l’idea parve una follia. Invece Afsluitdijk – la diga di Afsluit – venne costruita in soli sei anni, durante il periodo della Grande Depressione, collegando la provincia dell’Olanda Settentrionale con quella della Frisia. Questa incredibile opera ingegneristica portò alla scomparsa dello Zuiderzee, trasformando quello che era un mare interno in un lago d’acqua dolce – lo IJsselmeer – e permettendo la creazione una nuova provincia – il Flevoland – con le terre strappate al mare.

Oggi la diga – lunga oltre trenta chilometri e costruita con massi esagonali grazie al lavoro di più di cinquemila operai – non è solo la barriera che protegge Amsterdam e il resto del paese, ma anche un’autostrada che collega due province e viene percorsa ogni anno da milioni di persone, in macchina, in bicicletta e perfino a piedi. Ma Afsluitdijk è anche un pezzo della storia del paese e proprio pochi giorni fa qui è stato inaugurato Afsluitdijk Wadden Center, un centro visitatori che permette di esplorare in modo interattivo il Mare di Wadden, il IJsselmeer e il futuro della zona.

Perché entro il 2032 verranno realizzate nuove imponenti opere per migliorare la Afsluitdijk. Dopo più di ottant’anni dalla costruizione della diga i mutamenti climatici e il generale innalzamento delle acque hanno infatti reso necessario l’avvio di migliorie, anche per tutelare il paese dal pericolo della “big storm“, una tempesta che gli olandesi attendono con timore, senza sapere con esattezza quando arriverà ma consapevoli che potrebbe mutare ancora una volta l’aspetto del paese.

A circa un terzo della diga si trova il monumento commemorativo dedicato a Cornelis Lely, l’autore del più grande progetto di bonifica, dove si trovano un belvedere e un bar ristoro, nonchè alcuni pannelli che raccontano la storia della Afsluitdijk .

[cml_media_alt id='13994']Afsluitdijk Wadden Center[/cml_media_alt]
Afsluitdijk Wadden Center
[cml_media_alt id='14004']Afsluitdijk Wadden Center in Olanda[/cml_media_alt]
Afsluitdijk Wadden Center in Olanda

La visita al Afsluitdijk Wadden Center

L’Afsluitdijk Wadden Center è un edificio costruito sull’isola artificiale di Kornwerderzand nel versante sud della diga. Già dall’esterno si comprende quanta attenzione sia stata data ai particolari per connettere la struttura con la diga: l’edificio è infatti decorato con enormi blocchi esagonali che ricordano le pietre basaltiche utilizzate per la costruizione di Afsluitdijk.

All’interno, in un ambiente di design dal gusto spiccatamente nordico, si trovano due bar caffetteria e un’area interattiva con pannelli esplicativi, video, touch screen, proiezioni e una zona dedicata ai bambini con un acquario digitale. Inoltre i visitatori possono accedere alla “Storm Room”, dove vivere l’esperienza della tempesta, e alla terrazza panoramica posta al piano superiore dell’edificio. La visita al Afsluitdijk Wadden Center è gratuita e può essere effettuata con il supporto della app che permette di comprendere meglio la storia della diga, del Mare di Wadden, del lago IJsselmeer e del “River Fish”, il fiume per la migrazione dei pesci. Fuori dalla struttura c’è un ampio parcheggio.

[cml_media_alt id='14002']Afsluitdijk Wadden Center in Olanda pannello[/cml_media_alt]
Afsluitdijk Wadden Center in Olanda pannello esplicativo del territorio
[cml_media_alt id='14005']Afsluitdijk coi bambini[/cml_media_alt]
Afsluitdijk coi bambini

Cosa vedere nell’Olanda settentrionale vicino a Afsluitdijk

Se volete proseguire il percorso dedicato alla storia dell’acqua da vedere in Olanda settentrionale c’è lo Zuiderzeemuseum che racconta l’altro lato della storia della diga e si trova a circa un’ora di auto dal Afsluitdijk Wadden Center. Questo museo fu infatti voluto nel 1948 – a pochi anni dalla costruizione della diga – dai pescatori di quelo che era lo Zuiderzee che temevano di perdere la memoria delle proprie tradizioni. Il museo di trova nella Frisia Occidentale a Enkhuizen, che è anche una cittadina molto carina da visitare, e comprende una parte indoor e una outdoor, dove è stato ricostruito un antico villaggio di pescatori con tanto di essiccatoi del pesce, mulino e chiesa.

Un’altra meta per una vacanza in Olanda del nord è poi Texel, la più grande delle Isole Frisone occidentali, che merita una visita per i suoi panorami e i parchi naturali. Maggiori informazioni su questa destinazione le trovate seguendo il link che porta all’articolo dedicato.

Infine se volete altre informazioni per organizzare un viaggio nell’Olanda del nord potete consultare il sito ufficiale dell’Ente del Turismo che ringraziamo per il supporto durante il nostro ultimo soggiorno. Altri spunti tratti dalla nostra esperienza li trovate sulla nostra pagina Facebook, sul canale Instagram e su YouTube. Se avete voglia di seguirci anche lì ci fa piacere!

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

Lascia un commento