Cucina sostenibile: consigli facili per rispettare l’ambiente

Parlare di cucina sostenibile significa, prima ancora che buttarsi in analisi di concetti come ristorazione sostenibile, vegetarianesimo e filiera corta, porsi una banale – quanto fondamentale! – domanda:

Cosa possiamo fare noi per l’ambiente tutti i giorni?

Ecco, se siete tra quelli che si pongono questo quesito e che pensano che la sostenibilità non sia solo teoria ma tanta – tanta! – pratica continuate a leggere. Parlare di sviluppo sostenibile in cucina è infatti possibile anche se siamo delle banalissime persone comuni (ovvero mamme-papà-mogli-mariti-donne-uomini…). Persone normali, insomma, e pure un po’ incasinate, tra lavoro, famiglia e vita che pure non rinunciano a pensare all’impatto delle proprie azioni sull’ambiente, anche in cucina.

Perché cucinare in modo sostenibile non è solo materia da chef stellati. Anzi! Così come i comportamenti sostenibili non sono solo quelli citati nelle relazioni delle Commissioni Internazionali.

Comportamenti sostenibili, ovvero cosa possiamo fare ogni giorno per aiutare l’ambiente?

I comportamenti sostenibili sono tutti quelli che rendono l’ecosostenibilità un obiettivo di tutti. Ma soprattutto un obiettivo raggiungibile per davvero da tutti.

Le attività che possiamo fare per aiutare l’ambiente sono infatti tanto banali quanto alla portata di ognuno di noi e impattano profondamente la nostra quotidianità. Purtroppo però non sempre ce ne rendiamo conto!

Quando si parla di moda etica o di viaggi ecosostenibili si tende infatti a pensare che sia qualcosa di complesso, molto costoso e quasi inconciliabile con la normalità. Tutto questo però è falso semplicemente perché invece la cosa fondamentale per avere un impatto positivo sull’ambiente è la consapevolezza.

La stessa cosa vale per il concetto di cucina sostenibile che è molto più semplice di quanto molti immaginano.

Consigli pratici per una cucina sostenibile

Cucinare in modo ecosostenibile, dunque, si può, senza spendere follie e senza avere l’esperienza di uno chef. Semplicemente per farlo bisogna avere attenzione ad adottare dei comportamenti consapevoli che rendono la sostenibilità un concetto concreto e reale.

Volete un esempio? Di seguito trovate 10 consigli pratici per una cucina sostenibile adottabili da tutti.

  1. Scegliere di bere l’acqua giusta è meglio
  2. Dire no agli sprechi (e sì alle ricette creative!) regala più gusto in cucina
  3. Conservare in modo ecosostenibile è semplice (e utile!)
  4. Tè e infusi green sono più buoni (e meno costosi)
  5. Ingredienti di stagione e filiera corta fanno bene
  6. Evitare gli sprechi di energia è fondamentale per cucinare in modo sostenibile
  7. Acquistare prodotti sfusi evita di inquinare (troppo)
  8. Preparare qualche porzione in più e congelare gli avanzi salvano il tempo e il pianeta
  9. Si può ridare nuova vita alle confezioni
  10. Ridurre il numero di stoviglie e piatti aiuta l’ambiente

Volete saperne di più… Continuate e leggere! 🙂

Bottiglia di plastica riutilizzabile
Bottiglia di plastica riutilizzabile

1) Bere l’acqua del rubinetto in borraccia invece che quella in bottiglia (acquistata)

L’acqua è una delle cose che vanno difese più strenuamente e su cui riflettere quando si parla di sostenibilità in cucina.

L’acquisto di bottiglie di plastica ha un impatto importante sull’ambiente, in termini di produzione e trasporto. Preferire le bottiglie di vetro e portare sempre con sé una borraccia è quindi il primo comportamento da adottare, ormai (per fortuna!) diffuso anche in tante scuole.

Molti comuni in varie zone d’Italia hanno poi attivato anche le “case dell’acqua” dove è possibile andare a prendere l’acqua da portare in tavola. Ma non dimentichiamo che, in molti casi, l’acqua che sgorga dal rubinetto delle nostre case è non solo potabile ma, a volte, anche migliore di quella in bottiglia. Oppure lo può diventare grazie all’acquisto di appositi depuratori. Ne esistono ormai di ogni tipo: dalla classica caraffa (che costa pochissimo) ai depuratori che si agganciano al rubinetto. Se non sapete di cosa stiamo parlando seguite il link.

Facile? Sì? Banale in una logica di sostenibilità in cucina? Per nulla!

2) No agli sprechi (e sì alle ricette sostenibili e creative!)

Evitare gli sprechi è la prima regola per cucinare in modo sostenibile. Per farlo la prima cosa da ricordare è che la spesa va fatta con attenzione, meglio se calibrata su un menù settimanale che ci consente di non sprecare nulla di deperibile. La stessa cosa vale per il frigorifero, che non dovrebbe mai essere eccessivamente pieno per garantire il ricircolo dell’aria e evitare muffe.

Ma siccome si sa che la maggior parte di noi è sempre di corsa come si può fare per evitare scarti e sprechi?

Una buona soluzione sono le consegne a domicilio, che ci evitano di riempire la dispensa con prodotti acquistati a caso che poi finiscono per scadere prima dell’effettivo utilizzo. Realtà come Cortilia e POMNatura garantiscono non solo la spesa a casa ma anche una filiera corta e tanta attenzione alla sostenibilità in cucina. Se non avete mai testato i loro servizi fate una prova!

La flessibilità è poi la seconda arma che abbiamo. Che significa non aver paura di provare ricette alternative per consumare ciò che abbiamo acquistato (trovate qualche idea in un post dedicato!).

Poi ci sono i piccoli trucchi utili! Ad esempio le patate si possono consumare con la buccia (dopo averle pulite bene!), le carote si “grattano” e non si pelano così da non perdere preziosi nutrienti, con l’albume non previsto nelle ricette si possono fare golose meringhe, le bucce di arance e limoni biologici diventano deliziosi canditi, con i baccelli dei piselli si fa una meravigliosa vellutata mentre le uova di Pasqua si trasformano in torte e biscotti…

Infine prima di buttare via ciò che non serve più potete pensare a usarlo per creare “nuova vita”. Ad esempio fondi di caffè sono un ottimo concime per le piante, idem il lievito fresco e le foglioline di tè!

UN LIBRO NELLA DISPENSA: se siete appassionati di cucina e cercate sempre nuove idee per ricette da creare con gli avanzi vi segnalo il lobro “Messaggi dal frigo“. Nato in seguito al successo dell’omonimo blog è proprio un vademecum per evitare lo spreco in cucina. Lo trovate seguendo il link.

Cucina sostenibile - utilizzare i contenitori riutilizzabili invece della pellicola
Cucina sostenibile – utilizzare i contenitori riutilizzabili invece della pellicola

3) Cucinare e conservare in modo ecosostenibile

Le classiche conserve della nonna sono la soluzione migliore per utilizzare frutta e verdura di stagione acquistata in abbondanza oppure prodotta dall’orto! Ad esempio lo sapete che con le more di gelso si produce una marmellata deliziosa?

Se però non siete fan di marmellate, sughi, sottolio e sottaceti non disperate: il freezer ci viene in aiuto, l’importante è conservare in modo green!

Bandite quindi alluminio e pellicola e aprite la porta (del freezer) a tupperware di ogni forma e misura. Anche riciclati! Ad esempio i vasetti degli omogeneizzati dei bambini sono perfetti per conservare il pesto o il sugo di pomodoro in mono porzioni pronte all’uso.

Sostenibilità in cucina: Macina caffé
Sostenibilità in cucina: Macinare il caffé in grani

4) Tè, caffè e infusi green

Se siete consumatori abituali di tè e tisane scegliete quelle sfuse invece che le bustine. Oltre ad essere più green ne guadagnerete in gusto – perché potrete addirittura miscelarle a vostro piacimento! – e pure in costo, visto che il prezzo è inferiore. L’unica cosa che vi serve è un infusore (come questo) oppure se preferite una teiera con filtro.

La stessa cosa vale per il caffè, da acquistare in grani nei negozi di commercio equo e solidale e poi macinare direttamente a casa. In questo modo si può preparare il miglior caffè turco ever ma anche usarlo con la moka o la macchinetta, visto che con il macinino si può scegliere la macinatura giusta per ogni tipo di caffè.

5) Ricette sostenibili con ingredienti di stagione e filiera corta (e l’orto sul balcone!)

Cucinare in modo sostenibile significa anche scegliete ricette con gli ingredienti di stagione che, oltre ad essere più sani per il corpo, preservano anche l’ambiente. In questo si inserisce la scelta di produttori locali a Km0 ma anche di negozi che mettono al centro del proprio business il concetto di “filiera corta”. Se poi volete qualche spunto per ricette sostenibili da provare seguite il link che porta all’articolo dedicato.

Oltre a questo perché poi non provare a coltivare direttamente almeno una parte di ciò che finirà sulla nostra tavola?

Non è necessario avere un giardino: basta un balcone per piantare ad esempio piante aromatiche! Basilico, origano, timo e maggiorana, ad esempio, sono anche belle a vedersi, oppure scegliete piantine di pomodorini e peperoncini. Sono decorativi, colorati e … buonissimi!

Ingredienti sostenibili: Coltivare l'orto in vaso
Ingredienti sostenibili: Coltivare l’orto in vaso

6) Cucina eco è anche attenzione agli sprechi di energia

Tra i comportamenti sostenibili in cucina c’è di certo l’attenzione agli sprechi di energia. Ad esempio togliere dal freezer per tempo il cibo riduce l’energia necessaria per cuocerlo, il microonde consuma meno del forno, i coperchi permettono di consumare meno gas e i thermos possono fungere da scorta di tè o caffè per tutto il giorno, scaldando l’acqua una volta sola.

Ma non è tutto qui! La pentola a pressione ad esempio è un’alleata potente per l’ambiente oltre che i cuochi, mentre la cottura a vapore con cestello permette di cuocere le verdure mentre ad esempio si cucina la zuppa, insaporendo quest’ultima senza sprecare i nutrienti delle prime. Senza dimenticare il fatto che il forno già caldo dopo aver cotto una pizza può tranquillamente servire per cucinare una torta salata da porzionare per il giorno successivo.

Ricordatevelo: gli utensili giusti sono una delle “armi” per una perfetta cucina eco! 😉

The sfuso
Eliminare gli imballaggi con i prodotti sfusi: The sfuso

7) Acquistare i prodotti sfusi evita di inquinare (troppo)

Fare la spesa in modo consapevole è la prima regola per cucinare in modo sostenibile e scegliere i prodotti sfusi permette di limitare il numero di imballaggi che, necessariamente, finiranno per dover essere smaltiti.

Ormai quasi tutti i supermercati hanno una sezione dedicata ai prodotti sfusi, dagli alimentari come la pasta ai detergenti. Una curiosità: anche i produttori di articoli per animali si sono attivati in tal senso, MaxiZoo ha ad esempio dà la possibilità di acquistare premietti e biscottini sfusi!

Eliminare gli sprechi surgelando le porzioni di cibo
Eliminare gli sprechi surgelando le porzioni di cibo

8) Preparare qualche porzione in più salva il tempo e non solo

Altra cosa a cui fare attenzione quando si vuole essere ecosostenibili in cucina è gestire la cottura dei cibi al meglio. Questo è infatti il modo migliore per non sprecare energia inutilmente.

Una buona idea è preparare qualche porzione in più così da congelarla o stivarla in frigorifero, utilizzandola come pasto d’asporto magari quando si è fuori per lavoro oppure per una gita. Questo, oltre ad andare nella direzione della sostenibilità, è anche un trucco salva tempo!

9) Dare nuova vita alle confezioni dei cibi è meglio

Non sempre è possibile acquistare cibi sfusi ma uno dei comportamenti ecosostenibili in cucina è quello di riutilizzare gli imballaggi!

Qualche esempio? I sacchetti di carta del pane ben piegati e puliti possono essere utilizzati per congelare la pizza fatta in casa. Le bottiglie di vetro dei succhi possono stivare il brodo o la zuppa avanzati in inverno ma anche la limonata o il tè freddo in estate. Infine i vasetti di vetro dei sottaceti si possono riciclare per fare conserve o perfino come piccole idee regalo: riempiteli di zenzero candito, metteteci un fiocco rosso et voilà!

10) Ridurre il numero di stoviglie e piatti per cucinare in modo sostenibile

Avete mai pensato a quanta energia e acqua servono per lavare? Per questo l’ultimo consiglio da inserire tra i comportamenti sostenibili in cucina è quello di ridurre, dove possibile, l’utilizzo di piatti e stoviglie.

Lo so, non sarebbe gradito ai conduttori di “Cortesie per gli ospiti” ma… L’ambiente ringrazia! 😉

I consigli per cucinare in modo ecosostenibile terminano qui. Se però vi è piaciuto questo articolo condividetelo perché… sharing is caring! 😉 e seguiteci su Facebook, Instagram o YouTube ne saremo felici.

Lascia un commento