Dove mangiare a Tbilisi: ristoranti vegetariani e consigli per celiaci in Georgia

Qualche tempo fa abbiamo pubblicato un articolo dedicato ai migliori ristoranti di Tbilisi divisi per zone della città (questo se volete leggerlo). Visto l’interesse e le domande che ci sono arrivate – dopo tutto la cucina georgiana è uno dei motivi per un viaggio nella capitale – oggi proseguiamo con un ulteriore racconto, questa volta dedicato ai migliori ristoranti vegetariani di Tbilisi con anche qualche consiglio i celiaci che viaggiano in Georgia.

Come sempre se volete organizzare un viaggio a Tbilisi vi consigliamo di non partire senza una buona guida di viaggio (questa guida di Tbilisi è aggiornata anche con informazioni dedicate all’enogastronomia) perché la città merita assolutamente di essere vissuta e scoperta.

La cucina georgiana in pillole: cosa si mangia in Georgia

La cucina della Georgia è il risultato di una tradizione millenaria e della contaminazione dovuta alla posizione geografica del paese stesso. La Georgia si trova infatti lungo l’antica via della seta e da sempre è stata terra di passaggio di popoli e mercanti che portavano con sé spezie e sapori provenienti da tutto il mondo allora conosciuto.

Arabi, Europei, Russi, Mongoli e Cinesi passavano da questi territori durante i loro lunghi tragitti e questo fatto contribuisce a spiegare l‘origine dei piatti tipici georgiani e l’incredibile varietà di gusti, profumi e sapori. Questa cucina prevede moltissimi piatti a base di verdure e, quindi, adatti anche ai vegetariani.

LEGGI ANCHE: COSA MANGIARE IN GEORGIA

Cucina e cibo della Georgia – I Badrijani involtini di melanzane ripieni di crema alle noci

I piatti tipici della Georgia per i vegetariani

Il piatto che più rimane impresso nella mente degli italiani che intraprendono un viaggio in Georgia è sicuramente il kachapuri nelle sue tante varianti, un piatto vegetariano per eccellenza visto che è di fatto pane e formaggio. Ma non mancano anche insalate – spesso molto ricche perché condite con olio di semi o guarnite con noci e mandorle – che rientranno tra le meze – ovvero gli antipasti – talmente buoni che potreste tranquillamente farne indigestione. Tra questi normalmente ci sono deliziose melanzane preparate in vari modi (la più gustosa per me sono i badrijani con salsa di noci), sulguni (ovvero formaggio) anch’esso con varie preparazioni, la “polenta georgiana” e i pkhali, con spinaci e altre verdure.

Ci sono poi i tanti dolciumi dalle fattezze esotiche, come gli orbeliani, dolcetti tipici di Tbilisi a base di miele e noci, e i coloratissimi churchkhela, preparati con vinacce e noci. Per un approfondimento sul cibo georgiano vi consigliamo comunque di leggere l’articolo seguendo il link.

Ristoranti vegetariani a Tbilisi

Sebbene la tradizione della Georgia contempli molti piatti a base di carne, penso abbiate già capito che non mancano alternative adatte a vegetariani e vegani. Normalmente quasi tutti i ristoranti servono alcune portate vegetariane e le indicano nel menù, tuttavia esistono locali espressamente dedicati a chi non mangia carne.

Kiwi Vegan Café

Forse il più popolare ristorante vegano di Tbilisi si trova a poca distanza da Liberty Square e offre piatti a base di tofu e cucina vegana internazionale. Non è però il posto giusto se volete assaggiare specialità georgiane.

Café Leila

Questo locale molto caratteristico è uno dei pochi in città che serve gli orbeliani, dei deliziosi dolcetti di forma sferica a base di noci e miele la cui ricetta originale però resta segreta. Il locale in sé è bellissimo e originale con uno splendido soffitto intarsiato e dipinti persiani alle pareti e serve piatti georgiani della tradizione ma solo vegetariani.

Si trova proprio di fronte all’antica basilica di Anchiskhati a due passi dal Teatro Gabriadze ed è il posto dove andare per assaggiare la cucina georgiana per vegetariani.

Ristoranti per celiaci (Gluten Free) e il problema delle contaminazioni

Purtroppo al momento Tbilisi non offre ancora ristoranti specifici per celiaci che servono alimenti senza glutine, tuttavia, soprattutto nei ristoranti più frequentati dalla clientela occidentale, sarà possibile trovare piatti Gluten Free. Chiedete però sempre prima ai camerieri che vi aiuteranno a districarvi tra il menù per trovare qualcosa adatto a voi.

La cucina georgiana prevede ampio uso di verdure, formaggio e farina di mais nelle preparazioni, ma è sempre bene assicurarsi che non ci siano contaminazioni.

Un piatto tipico della cucina georgiana adatto ai celiaci è il chvishtari, che è concettualmente un kachapuri, ma con la farina di mais e il ripieno di formaggio sulguni.

NON PARTITE SENZA LA GUIDA DI TBILISI

Cucina e cibo della Georgia – La tipica e immancabile insalata Georgiana

Allergie alimentari: come comportarsi nei ristoranti in Georgia

Chi è allergico alle noci, nocciole e mandorle o al lattosio potrebbe seriamente avere vita dura in Georgia, perché i georgiani adorano questi ingredienti e tendono a utilizzarli pressoché ovunque. Spesso ad esempio le insalate stesse sono servite con granella di noci e nocciole, pertanto è difficile garantire che i cibi siano del tutto assenti da contaminazioni.

Rispetto al resto della Georgia, tuttavia, le condizioni igieniche e il livello della ristorazione a Tbilisi è sicuramente di livello superiore e di conseguenza i rischi sono minori. Informate comunque prima con i ristoratori delle vostre esigenze per avere maggiore sicurezza.

Nel malaugurato caso di problemi alimentari, vi ricordiamo però che non esiste un accordo fra Italia e Georgia in merito alla copertura sanitaria, pertanto eventuali prestazioni mediche saranno prestate solamente a pagamento ed è quindi buona norma dotarsi di un’assicurazione di viaggio come questa (seguite il link per saperne di più) che vi copra in caso di problemi e garantisca eventualmente il rientro in patria.

Qui terminano le info sui ristoranti vegetariani di Tbilisi e anche i consigli su cosa mangiare in Georgia per chi è celiaco. Se vi è piaciuto questo articolo condividetelo e seguiteci su Facebook, Instagram e YouTube

Lascia un commento