Vacanza in famiglia sul lago Maggiore: e se fosse “solo” insieme?

Eccoci pronti, valigie preparate e caricate. Noi partiamo. Partiamo per rilassarci e per non pensare a niente. Partiamo per perderci nello stare insieme.

[cml_media_alt id='7303']Foto credits - Homeaway - [/cml_media_alt]
Foto credits – Homeaway –
Non so se ce la faremo. So per certo che sarà una bella sfida perché siamo ormai da troppo tempo “drogati” dal fare e dal vedere, accompagnati, silenziosamente ma costantemente, dalla tecnologia e dai nostri pensieri. Partiamo (frequentemente) e andiamo (spesso) lontano, ma alla fine con la testa non stacchiamo mai. Soprattutto io. Perché “fare il travel blogger” è un lavoro, anche quando, alla fine, è solo una parte del tuo lavoro. E così quando parti non stacchi la spina, di fatto, pur nella bellezza del viaggio, lavori. Raccogli materiale, scatti fotografie a raffica, prendi appunti. Perché quando tornerai a casa condividerai consigli, emozioni, pensieri. Ma intanto, a volte, ti perdi “quel momento“. E quello, ormai dovrei saperlo, non torna più. Proprio come quella “Bella Tartaruga” tanto amata dal nostro bimbo. La conoscete la canzone? Ecco, io quando dice “che lei correndo troppo non aveva mai notato” sento una stretta al cuore perché mi sembra che si rivolga proprio a me.

[cml_media_alt id='7304']Foto credits - Homeaway - [/cml_media_alt]
Foto credits – Homeaway –
Quindi questa volta partiamo e andiamo in luoghi noti. Per lasciare a casa quella “sete di conoscere” che non ci abbandona mai. Per una volta infatti abbiamo scelto la nostra meta non sulla base del “non visto” ma del “già conosciuto”. Ci siamo innamorati non di un posto ma di una casa. Sì, una casa. Uno chalet immerso nel verde che sembra fatto apposta per accoglierci e coccolarci. Una casa che pare avere una storia lunga e piena d’amore: fatta di legno e sasso. Fuori un grande prato con un barbeque e un tavolo dove pranzare, dentro un’atmosfera antica. La natura tutto intorno e il silenzio. Una casa che invita a “stare” più che ad “andare“, a vivere il momento, a vivere insieme. Abbiamo visto questa casa per caso e non abbiamo resistito. Ci è sembrata “nostra” o meglio, ci è sembrato aspettasse proprio noi. Noi che il tempo per stare insieme non basta mai, che a volte giriamo come trottole, ciascuno con la propria traiettoria. Quindi noi partiamo.

Affitto chalet Stresa - La Maisonnette
foto credits: Homeaway

Vedremo se riusciremo, per una volta, a lasciarci coccolare senza far niente, per quanto possibile spegnendo i cellulari e aprendo gli occhi e il cuore. Io – perché sono soprattutto io quella che non sa star ferma – avrò l’obiettivo di fermarmi e vedere che succede. Perché cosa accade quando non si corre? Sinceramente non lo so… Corro sempre…

[cml_media_alt id='7299']Foto credits - Homeaway - [/cml_media_alt]
Foto credits – Homeaway –
Insomma, l’obiettivo è ricaricarci, svuotarci per avere più spazio. Vedremo che succede…

PS Se siete curiosi di saperne di più la nostra meta è questa, a poca distanza da Stresa. Buon Ponte a tutti! 🙂

Un commento su “Vacanza in famiglia sul lago Maggiore: e se fosse “solo” insieme?”

  1. Noi niente ponte, solo un weekend più lungo per me, in cui recuperare ciò che non ho fatto il fine settimana scorsa, impegnata ai seggi. Secondo me fate bene a stare insieme, voi, in un bel posto. A volte ciò che ccerchiamo, è sotto i nostri occhi ma siamjo così abituati a guardare oltre l’orizzonte che non lo cogliamo…

Lascia un commento