Expo Milano 2015 - Il padiglione cinese

Expo con un bambino piccolo: è una “mazzata inutile”?

Fino ad ora sono stata in Expo 2015 due volte e conto di andarci almeno una terza prima della fine dell’esposizione. Ci sono stata prima privatamente – proprio per vedere se ne valeva la pena come ho raccontato qui – poi “in veste da blogger” per una presentazione ufficiale dell’Ente del Turismo Spagnolo e infine conto di andare a Expo col mio bambino nuovamente a settembre, insieme anche ai nonni.

[cml_media_alt id='6384']Expo coi bambini - Il grande Albero della Vita[/cml_media_alt]
Expo coi bambini – Il grande Albero della Vita
L’ultima volta che ci sono stata però mi ha colpita la frase di una collega blogger non mamma che sosteneva che andare all’Expo di Milano coi bambini piccoli fosse una fatica inutile. Io non sono d’accordo e infatti a settembre porterò il mio bimbo all’Expo insieme anche ai nonni (ci siamo andati il primo sabato di settembre ndr), convinta che possa essere un’esperienza divertente e arricchente per tutti.

[cml_media_alt id='6380']Expo coi bambini - Lo stand della Russia[/cml_media_alt]
Expo coi bambini – Lo stand della Russia
Il Patato ha ormai compiuto tre anni quindi è in una fase della vita diversa da quella di “pannolini e pappine” ma io non penso per nulla che andare ad Expo 2015 coi bambini piccoli “sia solo una mazzata“. In realtà anzi, da quando ho potuto notare io, Expo Milano è molto attenta alle famiglie e in particolare ai bimbi piccoli, per cui ha previsto moltissimi servizi che normalmente non è facile trovare quando si viaggia o semplicemente si fa una gita fuori porta.

[cml_media_alt id='6377']Expo coi bambini - L'attenzione per le famiglie[/cml_media_alt]
Expo coi bambini – L’attenzione per le famiglie
Se quindi state pensando di andare all’Expo con un neonato o con un bambino piccolo il mio pensiero è che questa manifestazione sia adatta anche per le famiglie con bimbi piccoli. Perché se è vero che un neonato di pochi mesi di certo non potrà apprezzare i padiglioni di Expo Milano 2015 è vero anche che i genitori sì e personalmente sono convinta che, soprattutto nei primi mesi dopo l’arrivo di un bimbo, sia importante che mamma e papà non si privino di tutto ciò che amano, ovviamente compatibilmente con le esigenze dei bimbi. E secondo me andare in Expo con un bimbo piccolo è più facile che, ad esempio, andare in molte città, dove i bambini sono completamente dimenticati, in cui spesso i ristoranti “non li amano” – eufemismo – dove è necessario fare trekking urbano per salire e scendere dai marciapiedi e dove trovare un angolo in cui allattare o cambiare un pannolino è peggio di una caccia al tesoro!

[cml_media_alt id='6378']Expo coi bambini - L'angolo fasciatoio[/cml_media_alt]
Expo coi bambini – L’angolo fasciatoio
Io, perdonatemi, su questo tema sono particolarmente sensibile. Come ho già avuto modo di raccontare i primi tempi col Patato sono stati difficili, fino a 8 mesi lui non dormiva mai più di 20 minuti di seguito e quando era sveglio voleva stare solo in braccio. Per me viaggiare è stata una terapia, andavamo ovunque, bastava non stare in casa, perché quando eravamo fuori era molto più facile gestire il piccoletto – che pareva anche più tranquillo! – tenendolo in braccio lo stesso ma… passeggiando tra le vie di una bella città o di un parco!

[cml_media_alt id='6382']Expo coi bambini - La via principale affolata[/cml_media_alt]
Expo coi bambini – La via principale affolata
Insomma visto che secondo me vedere Expo coi bambini piccoli o piccolissimi è fattibile mi rivolgo a voi, neo genitori, se avete voglia di andarci … non fatevi scoraggiare da chi vi dirà che tanto i vostri bimbi sono troppo piccini! Andate e portate i vostri cuccioli con voi!

Qui sotto poi provo a darvi un’idea di cosa troverete andando in Expo 2015 coi bimbi, perché a volte nei primi tempi da genitori si diventa un po’ più paranoici (o almeno io lo ero!) e si cerca di avere “tutto sotto controllo”.

[cml_media_alt id='6379']Expo coi bambini - La rete dello stand del Brasile[/cml_media_alt]
Expo coi bambini – La rete dello stand del Brasile

Come visitare Expo Milano 2015 con i bambini: i passeggini e le rampe nei padiglioni

La prima cosa che io ho notato entrando in Expo – dall’ingresso Ovest Triulza – è la possibilità di noleggiare gratuitamente i passeggini di cortesia presso l’Area Chicco. Il servizio va prenotato qualche giorno prima ma una volta lì si può ritirare il passeggino, senza doverselo portare da casa (per la prenotazione verificare sul sito di Expo Milano). Questo è utile soprattutto se avete bimbi nell’età “voglio camminare ma poi sono stanco” oppure se scegliete di arrivare con i mezzi pubblici, portando il bimbo nella fascia o nel marsupio, ma volete avere a disposizione un passeggino per non portarvi addosso il peso del bimbo per tutto il giorno.

[cml_media_alt id='6383']Expo coi bambini - La ruota panoramica dello stand Olandese[/cml_media_alt]
Expo coi bambini – La ruota panoramica dello stand Olandese
Tenete poi presente che tutto Expo Milano è “carrozzinabile” ovvero potrete accedere ovunque con i passeggini, anche nei padiglioni, dove si trovano rampe e ascensori. Se non li trovate chiedete agli addetti che saranno lieti di aiutarvi!

[cml_media_alt id='6381']Expo coi bambini - Le sculture[/cml_media_alt]
Expo coi bambini – Le sculture

Andare a Expo con un bimbo piccolo: le file ai padiglioni e la priorità di ingresso

Udite udite se visitate Expo Milano con un bambino piccolo avrete la priorità agli ingressi dei padiglioni. La cosa non è banale visto che le file sono abbastanza lunghe, soprattutto per entrare nei padiglioni di Expo più “gettonati”! Per poter accedere senza aspettare dovrete semplicemente chiedere al personale all’ingresso specificando che siete con un bambino piccolo.

Aggiornamento di settembre: Da fine agosto gli ingressi ad Expo sono aumentati molto e con essi le file. Noi ci siamo stati il primo weekend di settembre, c’era veramente molta gente. Nel padiglione dell’Azerbaijan non ci hanno fatti entrare col passeggino mentre in Israele ci hanno detto che la priorità di ingresso è riservata ai bimbi sotto l’anno di età.

[cml_media_alt id='5940']Expo Milano 2015 - La grande ressa per l'ingresso serale, meglio arrivare presto[/cml_media_alt]
Expo Milano 2015 – La grande ressa per l’ingresso serale, meglio arrivare presto

Mangiare in Expo 2015 con bambini e neonati: ristoranti per famiglie e acqua

Una delle cose che mi pesava di più nei primi mesi dello svezzamento era il momento del pasto visto che trovare ristoranti attrezzati per i bimbi non era sempre facile. Se deciderete di visitare Expo 2015 con un bambino piccolo chiedete all’ingresso la mappa indicante i ristoranti attrezzati per le famiglie, con seggioloni, scaldabiberon e prodotti per la pappa. Sarà piùfacile trovarli e pranzare in tranquillità (se ricordo bene sono Eataly, Tracce, Chiccotosto, Viavai e Let’s a Toast).

Inoltre all’interno di Expo è presente un “supermercato del futuro” dove acquistare i prodotti necessari, mentre per l’acqua ci sono diversi punti dove viene erogata acqua – sia naturale che frizzante – gratuitamente.

Per mangiare ad Expo con tutta la famiglia senza spendere follie provate al padiglione della Tunisia: quando ci siamo stati noi con 13€ si acquistava un menù abbondante con cous-cous e altri piatti tradizionali. Il nostro bimbo apprezza particolarmente il cous-cous e noi abbiamo lasciato a lui quello e ci siamo divisi il resto!

[cml_media_alt id='5933']Expo Milano 2015 - Il Padiglione Zero[/cml_media_alt]
Expo Milano 2015 – Il Padiglione Zero

I servizi di Expo per i bambini: braccialetti identificativi e aree dedicate

Uno dei servizi messi a disposizione di Expo Milano per i bambini sono i braccialetti identificativi con il nome del bimbo e il numero di telefono dei genitori. Sono da richiedere nell’area antistante all’ingresso e se non sapete a chi rivolgervi fermate uno dei tanti volontari o del personale presente (sono riconoscibili dalle maglie o dal pass e io ho sempre trovato persone gentili).

[cml_media_alt id='5932']Expo Milano 2015 - Il Padiglione Malese[/cml_media_alt]
Expo Milano 2015 – Il Padiglione Malese
Ci sono poi alcune aree di Expo specificatamente dedicate ai bimbi, come il Children Park (con giochi e attività a partire dai tre anni) e il centro sportivo di Kinder. Dipende ovviamente dall’età dei vostri bimbi – e anche dalla presenza di eventuali fratellini o sorelline  – però sono queste delle aree pensate proprio per i piccoli visitatori. Per il Children Park vi consiglio la prenotazione (si può fare prima di andare in Expo o sul posto) visto che quando ci siamo stati noi in settembre era veramente pieno.

Il biglietto di Expo per i bimbi piccoli: gratuità e riduzioni

I bambini fino a tre anni non pagano il biglietto di Expo (dovete però rivolgervi alla biglietteria o all’Expo Gate presentando il documento del bimbo) mentre per i bambini dai 4 ai 13 anni sono previste riduzioni. Alcuni addetti di Expo attendono i visitatori nel sottopasso e distribuiscono i biglietti dei bimbi. Esistono poi varie combinazioni di “pacchetti famiglia” a seconda del numero dei componenti del nucleo famigliare e dei giorni richiesti.

[cml_media_alt id='5929']Expo Milano 2015 - Il Mulino al Padiglione Zero[/cml_media_alt]
Expo Milano 2015 – Il Mulino al Padiglione Zero

Expo per bambini piccoli e mamme: aree allattamento e cambio per i neonati

Altro tema critico per me da neo mamma è stato l’allattamento, partito e continuato con difficoltà come ho raccontato qui. Se andate in Expo coi bambini piccoli tenete presente che sono ci sono delle aree nursery dedicate ai piccolissimi, per l’allattamento e il cambio dei bimbi (e se le avete finite sono disponibili anche le salviettine!)

[cml_media_alt id='5934']Expo Milano 2015 - Il tramonto su Expo[/cml_media_alt]
Expo Milano 2015 – Il tramonto su Expo

I padiglioni di Expo più belli per i bambini

Oltre alle aree dedicate ai piccoli alcuni padiglioni sono più interessanti per i bimbi magari anche solo per i loro colori (come ad esempio l’Azerbaijan). Ovviamente tutto dipende dall’età dei vostri cuccioli ma ad esempio un’area tranquilla è il parco giochi di Grom dove i bimbi possono giocare mentre mamma e papà si rilassano oppure il cluster del caffè dove nostro figlio si è messo a giocare con i chicchi e… chi lo toglieva più da lì? 😉

Tra i padiglioni di Expo che ho visitato io fino ad ora secondo me sono perfetti per i bimbi anche il Padiglione Zero (con le statue degli animali), l’Olanda (con la ruota panoramica), l’Estonia (con le altalene), l’Austria (con il bosco) e il Brasile (ma attenzione perché le maglie della rete non sono adatte ai piedini troppo piccoli). Poi ovviamente c’è l’Albero della Vita con lo spettacolo delle fontane, ma ce ne sono anche molti altri, anche se dipende dall’età dei bimbi. Per i bambini più grandicelli io vi consiglio di non mancare la Svizzera che riesce davvero a cogliere il senso di Expo (almeno secondo me!).

Molto carino secondo noi è anche il corto “Alex e Sylvia” al padiglione EU, un cartone animato tenero che è piaciuto anche al nostro bimbo e poi il padiglione del New Holland con i trattori (il nostro bimbo è salito su tutti più volte!)

[cml_media_alt id='5927']Expo Milano 2015 - Le installazioni al Padigiole Zero[/cml_media_alt]
Expo Milano 2015 – Le installazioni al Padigiole Zero

Altre cose da sapere per visitare Expo coi bambini piccoli 

Attenzione però, la visita di Expo 2015 è lunga e richiede almeno una giornata se volete vedere tutto – o forse dovrei dire “tanto” – dell’esposizione, quindi se ci andate con bimbi piccoli può valere la pena comprare il biglietto valido per due giorni così da fare le cose con calma, visto che si sa che i ritmi dei più piccoli sono diversi da quelli dei bambini più grandicelli.

Inoltre per chi vuole sono disponibili anche delle navette per muoversi all’interno dell’area di Expo Milano, sono gratuite e segnalate. Ecco, fin qui quello che secondo me rende assolutamente fattibile andare a Expo coi bambini piccoli o piccolissimi quindi lo ripeto, se siete curiosi di visitare l’esposizione andateci, prendetevela con calma e portate anche i vostri cuccioli con voi!

Infine un piccolo ultimo consiglio: da agosto il numero di visitatori di Expo è cresciuto costantemente, questo significa più file per tutti (anche per i bambini) ma questo non significa che sia impossibile andarci coi piccoli. In questo caso l’accorgimento da tener presente è che Expo è un divertimento e anche se non si vede tutto… beh, non è un problema, basta che tutti, genitori e bimbi, si divertano!

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer