Cosa fare il Guadalupa oltre al mare anche se piove

Tra le cose da fare in Guadalupa non c’è (solo) il mare. Lo so, quando si pensa a quest’isola delle Piccole Antille immediatamente si immaginano il mare cristallino e le spiagge con le palme.

Ma io oggi non sono qui a parlarvi delle spiagge della Guadalupa. Anche perché l’ho già fatto in abbondanza, dedicando un post a questo tema! 😉

La realtà è che, appunto, il mare è bellissimo ma ci sono molte altre cose da fare oltre a quello. Magari quando il sole scotta troppo, quando si è stanchi di arrostire sulla sabbia, quando ormai ci stanno spuntando le branchie come ai pesci a furia di fare snorkeling o quando piove. Perché sì, in Guadalupa piove pure, soprattutto se avete avuto l’ardire di andarci nel periodo “sbagliato”.

Ma non preoccupatevi, uragani a parte, ci sono un sacco di alternative anche con la pioggia! 😉 Che per altro, sempre tempeste tropicali a parte, non è mai un grande problema visto che gli acquazzoni si asciugano in un attimo.

PERIODO GIUSTO PER ANDARE IN GUADALUPA: questo paradiso dei Caraibi Francesi ha un periodo “buono” per andarci, uno meno buono e uno pessimo. I mesi migliori sono da dicembre ad aprile, quando le giornate non sono troppo calde e soprattutto il clima è secco. Da maggio invece le giornate iniziano a farsi più calde, umide e afose con probabilità di piogge. I mesi estivi, in particolare agosto e settembre, sono invece quelli più a rischio urgani.

Cose da fare in Guadalupa con la pioggia e con il sole

Se non siete esperti dei Caraibi inizio col dirvi che la Guadalupa – o Guadalupe – è un’isola delle Antille Francesi. In realtà è un piccolo arcipelago di isole, che fanno parte dei Domini Francesi d’Oltremare. Basse-Terre e Grande-Terre sono le due isole principali collegate da una strada, le più conosciute anche perché qui si trova l’aeroporto che porta i turisti fino a questo piccolo paradiso caraibico.

Ma cosa c’è da fare in Guadalupa per chi non ha voglia di trascorrere tutto il tempo al mare? O, al contrario, per coloro che in spiaggia vorrebbe starci tutto il giorno ma invece incappano nei temporali tropicali? Trovate una breve lista qui di seguito ma se siete curiosi continuate a leggere cliccando sui link per i dettagli.

  1. Natura
  2. Trekking
  3. Parchi
  4. Musei
  5. Luoghi storici
  6. Distillerie
  7. Mercati
  8. La città di Pointe-à-Pitre

GUIDA DELLA GUADALUPE: Qui di seguito trovate qualche spunto utile per organizzare una vacanza, ma vi consiglio di non partire senza una guida cartacea perché l’isola – o meglio l’arcipelago – merita di essere esplorato non fermandosi solo al mare! Tra quelle in italiano questa di Voyage è una buona soluzione, magari da abbinare a quella della Lonely Planet che è dedicata ai Caraibi, quindi non specifica per l’isola. Per altri dettagli trovate un post completo sulle cose da vedere in Guadalupe nel post linkato.

Vedere la natura della Guadalupa

Se c’è una cosa fa rimanere a bocca aperta in Guadalupa è la natura. L’Isola Farfalla è verdissima, lussureggiante, con fiori dai colori vivaci che paiono poter crescere ovunque e una vegetazione sorprendete.

Non mancano nemmeno gli animali, nè quelli “conosciuti” nè quelli più esotici.  infatti ancora molto rurale e ovunque troverete mucche, capre, galline che brucano o beccano ai bordi delle strade. Ma semplicemente passeggiando incontrerete anche iguane, uccellini variopinti, pesci, colibrì.

A Pointe-a-Pitre invece si trova un acquario che vi permetterà di vedere da vicino gli abitanti del mare anche senza indossare pinne e maschera. Ma oltre a quello che vedrete semplicemente affacciandovi alla finestra di casa, negli acquari o percorrendo le strade dell’isola una bella idea è organizzare  qualche escursione ad ammirare la natura della Guadalupa più da vicino.

CONSIGLIO PRE-PARTENZA: la Farnesina raccomanda di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio. Se non ne avete già una vi segnaliamo la nostra: è economica, affidabile e offre il 10% di sconto ai lettori del blog. Maggiori informazioni le trovate sul sito ufficiale della Farnesina.

Trekking in Guadalupa

Se amate camminare il vulcano La Soufrière è di certo una meta da non perdere. Con i suoi oltre 1.400 metri sul livelli del mare è il punto più alto delle Antille e domina Basse Terre. In realtà non è facile vederlo senza la coltre di nuvole sulla cima ma quando si svela è davvero scenografico.

Questo è uno dei trekking più spettacolari da fare in Guadalupa: la salita fino in cima al culcano dura circa tre ore ma il panorama ripaga della fatica.

Per chi non se la sente di affrontare le escursioni più impegnative si possono raggiungere un belvedere e un parcheggio da cui partono sentieri meno impegnativi nella foresta. Una breve escursione adatta anche ai bimbi più piccoli poi sono le Cascate Aux Ecrevisses. Un’altra, sempre per chi ama camminare ma non se la sente di affrontare trekking troppo difficili, è le Chutes du Carbet con il loro belvedere.

I Parchi e i Giardini della Guadalupa

Tra le attività da fare in Guadalupa per gli amanti della natura ci sono anche i giardini botanici.

I Jardin Botanique a Deshaies permettono di ammirare da vicino fiori meraviglio, piante centenarie e pappagalli, con una sezione in cui i bimbi possono anche avvicinarli e nutrirli. Invece il Valombreuse Floral Park a Petit-Bourg è un giardino botanico con diverse attività per bambini.

I Musei della Guadalupe

La Guadaloupe offre poi molte alternative anche per trascorrere qualche ora al museo.

Tra i Musei della Guadalupe più interessanti ci sono senz’altro il Museo del Caffè e quello del Rhum. Di entrambi ho parlato in un post dedicato (seguite il link per saperne di più). Si tratta di musei piccoli e curiosi, che raccontano due tipicità del territorio. Sono adatti anche ai bambini più impazienti magari per staccarsi un po’ dalla spiaggia durante le ore più calde dei giorno.

Altri musei da vedere sono il Museo Schoelcher, che ospita una collezione di sculture antiche e oggetti in porcellana, e il Museo di Saint-John Perse dove si possono vedere i costumi creoli tradizionali e gli oggetti dello scrittore Saint-John Perse.

PER DORMIRE: per dormire in Guadalupa una buona posizione è Le Gosier. Qui vi segnaliamo il Residence Karaibes vicino al mare e con parcheggio privato. Si trova su Booking quindi controllate bene le recensioni prima di partire.

fave di cacao Guadalupa

La storia della Guadalupa

Conoscere il passato di questa isola dei Caraibi è di certo un modo per arricchire un viaggio, anche se viaggiate in famiglia. In questo caso però ci sono molti modi di conoscere la storia della Guadalupe che vanno oltre i noiosi manuali di scuola.

Fate una sosta al Cimitero degli Schiavi, per ricordare come quest’isola paradisiaca abbia in verità una storia dolorosa. Visitate Port Louis dove questi uomini venivano fatti sbarcare dopo un viaggio incredibile dalle coste dell’Africa come ancora ricorda la chiesa che, sull’altura, pare dominare a mo’ di monito la valle.

Ma vale la pena anche fermarsi al Tempio Hindu di Capesterre, luogo di culto per la comunità indiana che, dall’Ottocento iniziò ad arrivare in Guadalupe per sostituire la manodopera degli schiavi dopo la liberazione.

Un altro pezzo della storia dell’Isola Farfalla è raccontata dalle sue fortezze. Il Fort Delgres a Basse Terre, è nato per proteggere l’isola dagli attacchi degli inglesi che a più riprese hanno cercato di conquistarla ma da vedere in Guadalupa è anche il Fort Fleur-d’Epèe a Bas du Fort vicino a Pointe-a-Pitre, con il suo splendido panorama sulla baia.

Nella baia di Pointe-à-Pitre si trova il Memoriale ACTe o “Centro caraibico dell’espressione e della memoria della tratta e della schiavitù” dedicato alla memoria della tratta negriera e della schiavitù.Infine non mancate il Parco delle Roches Graves a trois Rivières, le cui rocce incise sono una testimonianza delle antiche culture precolombiane delle Antille.

Se poi volete saperne di più sulla gente della Guadalupa e sulla storia dell’isola trovate maggiori approfondimenti nel post dedicato seguendo il link.

Distillerie della Guadalupa

La visita alle distillerie di quest’isola dei Caraibi sono un altro pezzo della storia della sua gente. Da visitare è la Distilleria Bologne ma anche le Sucrerie o le Habitation Cafetière La Griveliere a Vieux Habitants o la Plantation du Cafè Vanibel che oggi sono museo.

Maggiori informazioni sulle distillerie della Guadalupa le trovate nel post dedicato seguendo il link.

LIBRI DA LEGGERE SULLA GUADALUPA: un libro che racconta la storia dei Caraibi è “Sulle rotte dei Caraibi” con anche molte leggende di questi mari dove dominavano i pirati.

Cap de Chateaux, all'estremità di Basse Terre in Guadelupe

Cosa vedere a Pointe-à-Pitre

Pointe-à-Pitre si trova al centro della Guadalupa, all’incrocio tra Basse-Terre et Grande-Terre ed è la capitale economica dell’arcipelago.

Durante una giornata in pioggia in Guadalupe potrebbe essere una meta perfetta, per le sue strade tipiche, i musei e i mercati colorati (il mercato della Darse, quello dei fiori e quello di Saint-Antoine).

Da vedere a Pointe-à-Pitre ci sono Place de la Victoire, che deve il nome alla fine della schiavitù, la chiesa Saint-Pierre-et-Saint-Paul e i musei Schoelcher e Saint-John Perse.

Altra meta molto gettonata in città è la Marina di Bas-du-Fort con il porto turistico, molto animata soprattutto la sera.

Pointe à Pitre verso sera

Mercati della Guadalupa

L’ultima cosa che vi consiglio di vedere in una vacanza in Guadalupa oltre al mare sono i mercati. Io li amo molto e penso che possano essere una bella esperienza per conoscere sapori, profumi e colori di un altro paese.

Quelli dell’Isola Farfalla poi sono particolarmente allegri e colorati quindi anche una gita ai mercati potrebbe essere un’idea. Molti sono aperti anche la sera. Seguendo il link al post trovate qualche informazione in più su dove trovare i mercati più belli della Guadalupe e quando andarci.

GUADALUPA IN FAMIGLIA: Se poi volete altri consigli specifici per una vacanza in Guadalupe con bambini li trovate nel post completo.

Queste sono solo solo alcune attività da fare in Guadalupa quando piove o se avete voglia di lasciare un po’ la spiaggia. In ogni caso posso confermarvi che l’isola ha davvero tanto da offrire durante una vacanza oltre al suo mare meraviglioso. Se vi è piaciuto questo articolo condividetelo perché… sharing is caring! 😉 e seguiteci su Facebook, Instagram o YouTube saremo felici di rispondervi.

Lascia un commento