Guidare a Cuba: consigli per strade e noleggio auto per un on the road

State organizzando un viaggio on the road a Cuba in auto? Bene, preparatevi perché sarà una delle esperienze più intense ma anche, per certi versi, più assurde della vostra vita, che vi farà riflettere e guardare il paese con occhi diversi. La prima cosa che vi dico è che sicuramente si tratta di una vacanza molto diversa da quella in un resort, poco rilassante (poi capirete perché) ma molto intensa.

Vi racconto il nostro punto di vista qui sotto, con qualche spunto utile (spero) ma anche tante emozioni che mi sono portata a casa “come souvenir” e che fanno parte della bellezza di guidare a Cuba.

Viaggio on the road in macchina a Cuba: informazioni utili e premesse

Innanzitutto vi consiglio di non partire senza la guida cartacea, anche perchè non troverete molto in loco. Se avete intenzione di guidare a Cuba di attrezzarvi anche con una mappa stradale perchè la segnaletica è inesistente. In questo caso la guida Lonely Planet si è rivelata affidabile, sia per l’organizzazione delle varie tappe che per spiagge e attività mentre come cartina di Cuba al momento le migliori acquistabili on line sono quelle di Via Michelin e Marco Polo (seguite i link per vedere costi e disponibilità).

Inoltre ricordatevi di stipulare una assicurazione viaggio. Questo è un consiglio che vale non solo per un viaggio on the road in auto a Cuba ma anche stanziale perché purtroppo la situazione della sanità cubana non è delle migliori, con carenza di farmaci e apparecchiature (nonostante i medici molto validi). Tra l’altro dal 201o l’assicurazione viaggio è obbligatoria per entrare nel paese (trovate info sul sito ufficiale della Farnesina). Noi al momento stiamo utilizzando Heymondo con cui ci troviamo bene (date uno sguardo al link per saperne di più e per i lettori è previsto uno sconto del 10%).

Detto questo ecco cosa troverete in questo articolo, cliccate sui titoli per passare direttamente al paragrafo di vostro interesse:

  1. Cuba in auto: è fattibile?
  2. Le strade di Cuba: segnaletica e mappe
  3. Noleggiare un’auto a Cuba: da sapere
  4. Guidare a Cuba: cosa fare e non fare
  5. Cuba con i mezzi pubblici

Viaggio in auto - Sulle strade di Cuba con una Geely - guidare

Cuba in auto: si può organizzare il viaggio in autonomia?

Viaggiando in auto a Cuba incontrerete strade di polvere, di sassi e di terra. Vedrete autostoppisti e camion trasformati in autobus, dove tutti salgono in piedi, sul cassone dietro, tenendosi stretti per non cadere e tratti di asfalto corroso che in certi giorni di pioggia diventano fiumi, con autostrade deserte, dove decine di persone si radunano sotto ai cavalcavia in attesa di un passaggio.

Quindi no, non è sempre facile un viaggio on the road a Cuba in macchina. Vi capiterà di percorrere strade piene di buche profonde, che se le prendi troppo velocemente la tua auto decolla e tu ti accorgi che stai volando nel vuoto per qualche metro pregando di atterrare con i semiassi integri.

Ma le strade di Cuba sono anche piene di sole, percorse da incredibili auto d’epoca, dignitose e belle signore, amorevolmente curate dai loro proprietari, fiancheggiate da panorami meravigliosi che vi fanno fermare per scattare l’ennesima foto. E su quelle strade con la tua auto puoi bloccarti quando vuoi, cosa che non puoi fare con i mezzi pubblici. Quindi sì, sebbene non sia sempre facile, vale la pena viaggiare in macchina a Cuba e soprattutto si può fare. Qui di seguito trovate i consigli per organizzare il vostro on the road.

Le strade di Cuba: pericoli, cartelli e assenza di mappe

Le strade sono una delle cose che mi ha colpita di più sull’isola di Fidel, ormai l’avrete già capito. Mi hanno raccontato tante storie e fatta riflettere, mentre le percorrevamo lentamente, attenti a non bucare una ruota, con il timore di investire i pedoni che di sera al buio vi camminano, perché sull’isola sono tantissimi quelli che non possiedono una macchina o altri mezzi di trasporto.

Mi hanno colpita le strade e la loro assenza. Ma anche la fatica di trovarle, perché i cartelli sono spesso inesistenti oppure “di opinabile interpretazione” nascosti tra i cespugli o troppo lontani dallo svincolo. Mentre ci sono gli altri di cartelli, le parole di un Governo che racconta di sé, dipinte sui muri che tu leggi e ti interroghi. E poi ci sono le mappe che non esistono, perché lo sapete che a Cuba non è possibile scaricare mappe off line?

Eppure nonostante tutto questo vi confermo che vale la pena. Che bisogna avere pazienza e che un on the road a Cuba non sarà rilassante ma vale tutta la fatica fatta. Qui di seguito alcuni consigli sul guidare a Cuba e come fare senza le mappe:

  • Navigatori satellitari e app: non è possibile introdurre nel paese navigatori satellitari e quelli normalmente utilizzati sui cellulari non hanno le mappe dell’isola e anche le app sono poco utili e imprecise.
  • Acquistate una cartina di Cuba: vi servirà tantissimo per muovervi, vi segnalo quelle di Via Michelin e Marco Polo che hanno un buon dettaglio ma potreste trovarne anche in vendita all’aeroporto.
  • Google maps: non funziona Google Maps a Cuba o meglio, non potete collegarvi alle mappe di Cuba tramite rete cellulare, ma potete solo scaricarla prima della partenza (sotto WiFi) in locale per usarla off-line con il GPS. Questo significa che non avrete informazioni sul traffico e non potrete ricalcolare il percorso in caso di deviazioni. Sarà un po’ come avere una mappa cartacea, ma con le istruzioni vocali di direzione.

Noleggiare un’auto a Cuba: come fare e cose da sapere

Affittare un’auto a Cuba è costoso: preparatevi. E infatti proprio per questo molti scelgono i mezzi pubblici (sul perchè noi non l’abbiamo fatto e sulle alternative trovate più sotto alcuni approfondimenti!). Però muovervi in autonomia vi permetterà di scoprire il vero volto dell’isola e già questo da solo vale il viaggio.

Ecco di seguito un riassunto con le informazioni da sapere per noleggiare un’auto a Cuba:

  • Patente per guidare a Cuba: non serve la patente internazionale ma è sufficiente avere la patente italiana da almeno un anno.
  • Noleggio auto: per affittare una macchina Cuba bisogna aver compiuto 21 anni. Per i guidatori al di sotto dei 25 anni potrebbe essere richiesto un supplemento. Normalmente viene richiesta la carta di credito su cui bloccare la caparra.
  • Dove affittare la macchina a Cuba: noi abbiamo noleggiato on line. In molti consigliano di utilizzare un’agenzia dall’Italia, sinceramente noi noleggiamo sempre on line ovunque nel mondo e abbiamo fatto così anche in questo caso, senza problemi ma poichè in tanti hanno riportato truffe e episodi spiacevoli verificate bene il noleggio (sono solo locali).
  • A cosa fare attenzione per noleggiare una macchina a Cuba: l’isola è uno dei casi in cui vi consiglio di non andare al risparmio perché le strade sanno essere davvero impegnative, soprattutto nelle zone più rurali. Prenotate il chilometraggio illimitato e al momento del ritiro fate molta attenzione alle condizioni dell’auto per evitare spiacevoli sorprese (e supplementi) alla consegna. In particolare fate attenzione all’antenna e alla ruota di scorta: una buona idea è fare fotografie con il cellulare così da avere ben chiaro lo stato del veicolo (e avere prove in caso di contestazione).
  • Danni o furti: in caso di furti/danni dovete fare denuncia alla polizia e farvi lasciare una copia della denuncia da presentare al noleggiatore per la copertura assicurativa.
  • Incidenti: in caso di incidenti con feriti la legge cubana prevede l’obbligo di restare sull’isola fino al processo e le pene sono severe. Purtroppo gli incidenti possono accadere anche per le condizioni delle strade e dei veicoli, quindi fate molta attenzione.
  • Multe:  qualora prendeste una multa, non pagate in contanti ma fatevi rilasciare una ricevuta così da prensentarla al noleggiatore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: IL MARE DI CUBA

Cuba Luchan y resisten - i cartelli sulle strade di Cuba

Guidare a Cuba: come fare e consigli per le strade cubane

Sbrigate le pratiche per il noleggio dell’auto è il momento di saperne di più sulle regole per guidare a Cuba. Delle strade e della mancanza di segnaletica vi abbiamo già detto tutto però c’è altro da sapere:

  • Non guidate di sera: la sera le strade sono buie e spesso vi troverete carretti o pedoni che risultano quasi invisibili così come le buche che in certi casi sono voragini;
  • Pianificate i lunghi spostamenti con attenzione: partite la mattina, soprattutto durante la stagione umida (che coincide con la nostra estate) perché i temporali tropicali sono più frequenti al pomeriggio e le strade possono diventare dei pantani;
  • Rispettate i limiti di velocità: tenete a mente 90 km/h sulle strade principali, 100 km/h sull’autostrada e 50 km/h nei centri abitati (salvo diversamente indicato). Fate attenzione perchè ci sono i controlli della polizia;
  • Siate prudenti: le condizioni delle strade e i vari e imprevedibili mezzi di trasporto cubani rendono le strade di Cuba stressanti per chi guida, fate attenzione ed evitate se potete tragitti troppo lunghi senza soste così da non arrivare molto stanchi e avere un calo dell’attenzione;
  • Fermatevi a fare rifornimento sempre quando potete: le stazioni di servizio a Cuba sono rare, soprattutto fuori dalle città, e non tutte hanno la gasolina especial (che sarebbe la benzina dei turisti, a 94 ottani) quindi anche se non siete a secco fermatevi;
  • Fate attenzione agli attraversamenti ferroviari: sono molti, spesso non segnalati e senza sbarra, percorsi non solo dai convogli ma anche dalle persone che utilizzano i binari come “piste”.

In ultimo un consiglio: visto il lungo viaggio e il fuso orario se potete non noleggiate l’auto all’arrivo a Cuba ma attendete un paio di giorni così da essere completamente in forma e aver assorbito il jet lag. Vista l’attenzione necessaria per guidare sulle strade cubane noi abbiamo fatto così, godendoci L’Avana in tutta tranquillità a piedi, e non ce ne siamo pentiti.

Muoversi a Cuba con i mezzi pubblici: bus, taxi e taxi collettivi

Le strade di Cuba sono fatte di persone in viaggio, lo noterete subito, perché se i mezzi di trasporto sono pochi e non si sa quando passeranno intanto ci si inizia a mettere in viaggio, che poi forse ci penserà la Provvidenza e in qualche modo si arriverà alla meta. La situazione dei trasporti pubblici è pessima e per questo troverete molti che vi chiederanno un passaggio: sta a voi la scelta. Dare un passaggio può significare incontrare belle persone ma anche qualche rischio, noi l’abbiamo fatto in alcuni casi portando bambini e donne alla loro meta.

Se invece scegliete di non noleggiare l’auto e di muovervi a Cuba con i mezzi pubblici ci sono diverse possibilità:

  • I bus Viazul: sono riservati ai turisti e sono non capillari (una delle ragioni per cui se avete in mente un itinerario fuori dai soliti circuiti meglio l’auto);
  • I taxi particular:  il costo non è molto diverso da quello del noleggio e avrete meno libertà ma vi porteranno comodamente dove vorrete;
  • I taxi collettivi (o taxi collectivos): portano diversi turisti che fanno lo stesso tragitto e sono meno costosi di quelli privati ma più cari più dei bus anche se vi porteranno esattamente a destinazione (chiedete ai proprietari della casa particular oppure andate alla stazione dei bus dove normalmente stazionano gli autisti).

Le strade di Cuba secondo me avrebbero ancora tante storie da raccontare e mi piacerebbe tornare in quest’isola e farmele raccontare, magari da uno dei tanti caballeros che abbiamo incontrato lungo la nostra via. Intanto se vi è piaciuto questo articolo condividetelo e seguiteci su Facebook, Instagram e YouTube.

6 commenti su “Guidare a Cuba: consigli per strade e noleggio auto per un on the road”

  1. Mi hai fatto venire i brividi, perché per me Cuba e’ la vera isola. Un posto dove sono tornata più e più volte e dove ogni volta me ne sono andata piangendo. Di Cuba ricordo il profumo, mi invase la prima volta non appena uscì dall’aeroporto…non me lo sono più dimenticato ma non saprei descriverlo!
    Grazie di aver parlato di un o dei posti a me più cari……ora mi scarico il tuo libro! :-)))

  2. L’articolo è bellissimo, ma oltre a questo ci tengo a farti i miei complimenti per il tuo stile nello scrivere.. molto emozionale .. riesci a toccare le corde dell’anima.
    Ed è quello che più apprezzo in un post!

    Un abbraccio!

Lascia un commento