I colori di Caorle - Il campanile che domina la cittadina

I colori di Caorle

Mi avevano detto che Caorle era bella e ricordava Venezia, stretta anch’essa tra la laguna e il mare aperto, una città d’acqua e sull’acqua, nata dagli insediamenti romani ben prima della città della Serenissima ma riportata alla terra per volere dell’uomo che con la Grande Bonifica ha cambiato volto a quello che era un insieme di canali e isole.

Mi avevano parlato del suo passato fatto di sale e pesca, delle sue imbarcazioni tipiche chiamate bragozzi e caorline, con cui i pescatori di qui affrontavano il mare e la laguna, con le vele colorate e tutte diverse per riconoscerle e riconoscersi anche in mare aperto.

Mi avevano raccontato di Hemingway che soggiornò da queste parti e ne scrisse nel suo romanzo “Di là dal fiume e tra gli alberi”, dei casoni fatti legno e canne dove le famiglie dei pescatori trascorrevano lunghi mesi in mezzo alla laguna e della sua chiesa sul mare – il Santuario della Madonna dell’Angelo – amatissima dai caorlotti e ancora oggi luogo di devozione e fede da parte di coloro che qui si recano chiedendo la grazia.

[cml_media_alt id='4337']Le finestre colorate di Caorle[/cml_media_alt]
Le finestre colorate di Caorle

Quello però di cui non mi avevano parlato sono le emozioni di Caorle, quelle che ti regala una passeggiata nel suo centro storico dove pare di tornare indietro nel passato: le facciate dei palazzi che sembrano appena usciti da un quadro, le biciclette con cui tutti paiono spostarsi nel piccolo centro pedonale, gli scorci suggestivi, le storie dei pescatori che da sempre hanno sfidato i pericoli dell’acqua e i colori che ti avvolgono come la tavolozza di un pittore e quasi ti obbligano a continuare a scattare fotografie ad ogni finestra ornata di fiori.

I colori di Caorle in un giorno di settembre ti fanno innamorare di questa cittadina prima ancora di vedere il suo mare tranquillo e ti fanno desiderare di fermarti qui e abitare almeno per un po’ in una delle sue case colorate del centro storico, per respirare le sue mille sfumature e fartele entrare dentro per affrontare il grigio dell’inverno.

Un piccolo regalo che noi ci siamo fatti trovando proprio a Caorle un porto sicuro in un momento di tempesta, almeno per qualche giorno…

[cml_media_alt id='4336']Il tramonto rosso a Caorle[/cml_media_alt]
Il tramonto rosso a Caorle

Informazioni pratiche per visitare Caorle con i bambini

Dove e come raggiungere Caorle

La città si sviluppa dal suo centro storico con due “ali” laterali – Ponente e Levante – dove si trovano moltissimi hotel e le spiagge.

Se decidete di soggiornare nel centro storico tenete presente che è pedonale e dovrete quindi parcheggiare fuori sul lungomare (se affittate una casa vi daranno un apposito contrassegno da esporre).
Un grande parcheggio si trova nella zona del mercato (viale Aldo Moro) e un autosilo interrato al limitare del centro storico.

[cml_media_alt id='4459']I colori di Caorle - Le case variopinte[/cml_media_alt]
I colori di Caorle – Le case variopinte

Cosa fare con i bambini a Caorle

Oltre alla spiaggia che è lunghissima e ben attrezzata per i più piccoli troverete diversi parchi gioco lungo il mare.
Un spiaggia molto bella se amate i contesti più naturalistici è la Spiaggia della Brussa che si trova in un’area protetta con la pineta alle spalle e molti sentieri per passeggiate o giri in bicicletta ma offre anche bagni e docce al parcheggio.

Il Parco Acquatico Acquafollie si trova appena fuori dal centro con scivoli d’acqua e altre attrazioni che faranno la gioia dei bambini più grandi.

Per trascorrere una giornata diversa con i bambini potete prendere parte ad una delle escursioni in barca nella laguna. Le gite durano da qualche ora a un’intera giornata e si può fermarsi per una pausa pranzo in uno dei tipici casoni oppure partecipare ad una battuta di pesca sportiva. Qui ho raccontato la nostra esperienza.

[cml_media_alt id='4461']I colori di Caorle - La chiesa della Madonna dell'Angelo[/cml_media_alt]
I colori di Caorle – La chiesa della Madonna dell’Angelo

Altre informazioni più dettagliate per organizzare un soggiorno a Caorle con i bambini le trovate in questo post.

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

Lascia un commento