Cosa vedere al Bryce Canyon

I grandi parchi degli Stati Uniti con bambini: consigli e esperienza

Nel nostro caso visitare i grandi parchi americani dell’Ovest è stato un sogno per tantissimo tempo. Purtroppo abbiamo dovuto aspettare parecchio per riuscire a realizzare questo desiderio ma alla fine siamo stati ricompensati: il nostro viaggio in America è infatti durato 71 giorni, da Los Angeles a New York, e lungo la strada abbiamo visitato alcuni dei più bei parchi degli Stati Uniti con il nostro bimbo.

Se anche voi state pensando di fare questa esperienza ma avete qualche dubbio vi diciamo subito che visitare i parchi degli Stati Uniti con i bambini è un’esperienza unica anche per loro. Sì, certo, non si tratta di una vacanza rilassante ma a differenza di quanto in tanti sostengono questi luoghi sono talmente emozionanti che nostro figlio, che aveva solo 5 anni durante il nostro tour dei parchi USA, si ricorda tutto benissimo.

Inoltre un viaggio di questo genere è un’immersione nella natura, con scenari di una bellezza mozzafiato ma visitare i parchi USA coi bimbi significa anche permettere loro di partecipare al “Junior Ranger Program“, un programma pensato proprio per i più piccoli con l’obiettivo di crescerli in modo che diventino adulti consapevoli dell’importanza di proteggere l’ambiente che ci circonda. E questo è un aspetto che, come genitori, abbiamo particolarmente apprezzato.

Quello di oggi è quindi un articolo dedicato a tutti i genitori che stanno organizzando un viaggio in America con tutti i consigli per visitare i parchi degli Stati Uniti con bambini sulla base della nostra esperienza. Pronti?

  1. I parchi americani più belli coi bambini secondo noi
  2. Tour dei parchi USA coi bambini: informazioni utili
  3. Come funziona il Junior Ranger Program
  4. Trekking coi bambini nei parchi in America
  5. Dove dormire per visitare i parchi degli Stati Uniti
  6. Coast to coast in USA oltre ai parchi

[cml_media_alt id='12078']parchi americani coi bambini - Visita al Bryce Canyon[/cml_media_alt]
parchi americani coi bambini – Visita al Bryce Canyon
[cml_media_alt id='11554']viaggio in South Dakota Wind Cave Park[/cml_media_alt]
viaggio in South Dakota Wind Cave Park

I parchi americani più belli coi bambini

Iniziamo con il dire che durante il nostro Coast to Coast abbiamo visitato 16 parchi nazionali insieme al nostro bimbo. Ovviamente però il viaggio è anche una questione di tempo quindi qui sotto, sulla base della nostra esperienza, vi segnaliamo quelli che sono secondo noi i parchi USA più belli da visitare coi bambini. Per ciascuno proveremo a spiegare le ragioni della nostra scelta e, se l’abbiamo scritto, vi riporteremo anche il link all’articolo di approfondimento.

Grand Canyon National Park

Questo parco dell’Arizona è probabilmente il primo a cui tutti pensano quando iniziano a sognare un tour nei parchi americani. Non vi neghiamo che, col senno di poi, altri parchi sono forse ancora più spettacolari di questo ma il Grand Canyon a livello di servizi è veramente molto ben gestito. Qui non mancano hotel e camping, navette, ristoranti, un Visitor Center molto ben organizzato, negozi… Insomma: tutto il necessario per rendere la visita del parco semplice anche con i bimbi.

Mesa Verde National Park

La ragione per cui vi consigliamo questo parco che si trova in Colorado con i bimbi è la sua particolarità. Qui infatti potrete fare un’escursione che vi porterà a visitare un antico insediamento costruito nella roccia dagli Anasazi, il popolo ancestrale che abitava la zona. Le escursioni in realtà sono due a a noi i ranger hanno sconsigliato quella più lunga perché troppo impegnativa con il bimbo. L’altra invece è fattibile con i bambini dai 5/6 anni in su (gli altri possono essere trasportati in fascia o zaino) e permette loro di vedere i parchi americani anche sotto un punto di vista diverso, quello delle popolazioni che da sempre li hanno abitati. Le escursioni hanno un numero di posti limitato e vanno prenotate in anticipo, andando al mattino presto al centro visitatori o prenotandole il giorno prima.

Bryce Canyon National Park

Probabilmente questo il parco che più abbiamo amato, forse perché è stato il primo dove ci siamo fermati. Il Bryce Canyon nello Utah è veramente spettacolare, con gli hoodoos e i colori delle rocce che all’alba e al tramonto diventano unici e lasciano senza parole i grandi ma anche i bambini. Nonostante non sia particolarmente grande si tratta di uno dei parchi americani più visitati e quindi è molto ben attrezzato con bus interni e diversi camping anche appena fuori dal parco che tra l’altro sono collegati da una navetta esterna.

Canyonlands National Park

Il motivo per cui vi segnaliamo Canyonlands in Utah come uno dei parchi americani da vedere coi bambini è perché qui abbiamo fatto uno dei trekking più belli del nostro viaggio in USA, con davanti agli occhi un panorama mozzafiato e un bimbo per mano. Il panorama di Canyonlands secondo noi rivaleggia con il Grand Canyon ma nonostante la sua bellezza questo parco non è così famoso come altri quindi ci sono anche minori servizi (tipo qui non ci sono le navette che percorrono il parco). Di contro è vicino a un altro parco molto bello, Arches, quindi il nostro consiglio è di visitarli entrambi anche perché paesaggisticamente sono molto diversi e vi permetteranno di organizzare un piccolo tour dei parchi anche se avete pochi giorni.

Arches National Park

Anche questo parco dello Utah è molto conosciuto e secondo noi i bambini ne rimarranno affascinati per via delle sue formazioni rocciose – i famosissimi archi – che colpiscono i visitatori e sono visibili anche senza necessariamente dover fare trekking particolarmente lunghi. Attenzione perché anche questo parco, come Canyonlands, è desertico e in estate nelle ore centrali del giorno le temperature possono diventare veramente difficili da sopportare.

Mount Rushmore National Park

Il Mount Rushmore National Park è anche un’icona dell’America visto che qui in South Dakota si trova il monumento dedicato ai quattro presidenti i cui volti sono scolpiti nella roccia della montagna. Si tratta quindi di uno dei parchi nazionali degli Stati Uniti più particolari e importanti dal punto di vista storico, il museo del parco è particolarmente interessante per i bambini, con installazioni interattive molto curate, e anche il sentiero per visitare il parco è semplice.

Wind Cave National Park

Il motivo per cui vi consigliamo questo parco che si trova in South Dakota è che qui i bambini potranno visitare il parco da un altro punto di vista, ovvero scendendo nel sottosuolo. La visita alle grotte è guidata dai ranger di Wind Cave ed è un’esperienza diversa che vale la visita al parco, noi poi siamo stati fortunati perché la nostra guida è stata capace di coinvolgerci e farci appassionare alla storia del parco che e delle grotte che sono state scoperte per caso. Anche in questo caso Wind Cave e Mount Rushmore potrebbero essere due tappe di un tour dei parchi USA attraverso la Real America e se volete saperne si più potete leggere l’articolo dedicato proprio al South Dakota.

[cml_media_alt id='12080']Visitare il Bryce Canyon National Park[/cml_media_alt]
Visitare il Bryce Canyon National Park
[cml_media_alt id='12076']Vedere in Bryce Canyon in camper[/cml_media_alt]
Vedere in Bryce Canyon in camper

Tour dei parchi USA coi bambini: cose da sapere e consigli per la valigia

Cose da sapere per visitare i parchi degli Stati Uniti in famiglia

In generale qui iniziamo col riepilogare alcune informazioni generali che valgono per tutti i parchi americani che abbiamo visitato:

  • Come ci si muove nei parchi USA: Normalmente i parchi si possono girare con i propri mezzi. I parchi più grandi – come per intenderci il Grand Canyon – hanno dei bus/navette che permettono di muoversi all’interno del parco. Gli autobus sono gratuiti ma in qualche caso potreste dover attendere un po’ perché le persone sono tante. Se deciderete di visitare i parchi degli Stati uniti in camper tenete presente che in alcuni parchi alcuni percorsi vi saranno proibiti e dovrete lasciare il mezzo in parcheggi appositi (i ranger vi aggiorneranno all’ingresso)
  • Dove mangiare nei parchi USA: I parchi più grandi hanno ristoranti, bar e tutte le facilities ma anche quelli più piccoli abbiamo sempre trovato la possibilità di acquistare qualcosa nel centro visitatori. Ci sono però molte aree pic-nic dove potrete consumare il pasto portato per la giornata.
  • Bagni e facilities: Normalmente all’ingresso del parco vi daranno una cartina con l’indicazione delle toilette pubbliche che di solito sono presso i Visitor Center e poi in altri punti strategici (normalmente nei pressi di punti panoramici o sentieri). Tenete però presente che spesso si tratta di bagni senza acqua corrente.
  • Vedere gli animali nei parchi USA: Noi siamo stati fortunati e abbiamo visto parecchi animali, tra cui una mamma cervo con il cucciolo che erano praticamente in mezzo alla strada. Ovviamente però non c’è nessuna garanzia ma anche in questo caso chiedete ai ranger che vi daranno le indicazioni e i consigli del caso.
  • Visitare i parchi degli Stati Uniti con i bimbi in passeggino: Il nostro viaggio in America è stato insieme a un piccolo camminatore ma abbiamo incontrato moltissime famiglie con bimbi piccoli e passeggini. Ovviamente in questo caso non durante i trekking ma le strade che collegano i belvedere dei principali parchi sono sempre asfaltate e ben tenute.
  • I pericoli dei parchi americani coi bambini: Non ci sono reali pericoli anche se ovviamente si tratta di un ambiente selvaggio dove è la natura a dominare. Quindi serve buon senso perché spesso ci sono precipizi, i massi possono nascondere un serpente e leoni di montagna e orsi vivono lì ma ovviamente basta seguire le indicazioni dei ranger per evitare brutte sorprese.
  • Quando tempo dedicare ai parchi USA: La nostra personale opinione è che i parchi meritino tempo e che una sola notte per parco non sia sufficiente. Ovviamente però bisogna valutare bene in relazione ai giorni totali che si hanno a disposizione così da organizzare un tour dei parchi USA che permetta di coniugare le due esigenze spesso contrastanti di vedere il più possibile e di godersi ciò che si sta vivendo.
  • Ingresso ai parchi: L’ingresso ai parchi nazionali americani è a pagamento, potete però decidere se acquistare i singoli ingressi oppure l’Annual Pass che permette il libero accesso a tutti i parchi. Normalmente se avete intenzione di visitare più di due parchi conviene acquistare il pass annuale, tenete poi presente che il pass vale un anno quindi lo potreste riutilizzare per l’anno successivo!

Cosa mettere in valigia per visitare i parchi americani con i bimbi

Ecco una piccola lista che speriamo possa esservi utile dedicata a cosa mettere in valigia per visitare i parchi dell’America con i bambini:

  • Cappellino, occhiali da sole e crema solare: Il sole picchia perché molti parchi sono in quota quindi non dimenticate di proteggere la pelle dai bambini dal sole.
  • Scarpe da trekking: Se avete in mente di fare trekking non dimenticate scarpe adeguate, chiuse e con la suola adatta a non scivolare. In generale anche se non avete in mente di fare trekking il nostro consiglio è di far indossare ai bimbi le scarpe giuste per un ambiente che è comunque immerso nella natura e dove troverete polvere e rocce.
  • Borraccia: Bere il giusto quantitativo d’acqua è fondamentale per evitare problemi, tenete presente che in alcuni parchi le bottiglie d’acqua di plastica non sono in vendita quindi dovrete attrezzarvi con una borraccia.
  • Abbigliamento: L’escursione termica tra il giorno e la notte può essere impegnativa, soprattutto nei parchi più in quota. Quindi se decidete di dormire nei parchi USA coi bambini non dimenticate un abbigliamento più caldo per la sera. Inoltre mentre alcuni parchi sono desertici altri sono più freschi, quindi portate un antivento per riparare i bimbi.
  • Il necessario per disegnare: Non dimenticate un astuccio con il necessario per disegnare e colorare, vi servirà sia per il Junior Ranger Program che per tenere traccia delle avventure vissute nei parchi USA dai vostri bimbi.

[cml_media_alt id='11555']Viaggo in South Dakota Mounth Rushmore[/cml_media_alt]
Viaggo in South Dakota Mounth Rushmore
[cml_media_alt id='11476']Il nostro viaggio in camper in USA - Il cartello entrando in Utah[/cml_media_alt]
Il nostro viaggio in camper in USA – Il cartello entrando in Utah

I parchi degli Stati Uniti con bambini: il Junior Ranger Program

Una delle cose che sono piaciute di più al nostro bimbo dei parchi nazionali americani è stata la possibilità di partecipare al Junior Ranger Program, un programma di cui avevamo letto ma che abbiamo compreso in pieno solo una volta in America. Di fatto il programma è pensato per avvicinare i più piccoli alla natura e alla protezione dell’ambiente ma permette anche di visitare i parchi degli Stati Uniti con i bambini coinvolgendoli nelle attività del parco.

Il funzionamento del Junior Ranger Program è questo: una volta arrivati al parco dovete chiedere ai ranger del programma specificando l’età del vostro bimbo. Loro vi daranno un fascicolo che il bambino dovrà compilare durante la visita del parco e poi riconsegnare al Visitor Center. Alla consegna un ranger farà un check delle risposte (lo fanno davvero!) e poi chiederà alcune informazioni al bimbo, chiedendogli infine di fare un giuramento in cui si impegna a proteggere la natura e il parco stesso e consegnandogli in cambio una spilla identica a quella di un vero ranger.

Gli opuscoli che vengono consegnati (gratuitamente) ai bimbi contengono giochi e quiz per varie fasce d’età. Sono pensati per bimbi dai 5 ai 12 anni ma abbiamo trovato in alcuni parchi anche opuscoli a parte per bimbi più piccoli o per non madrelingua inglesi. Per noi questo programma è stato un modo per intrattenere e far divertire nostro figlio durante la visita dei parchi: lui era felicissimo di poter svolgere il programma ed una volta terminata la visita era felice di compilare tutto il libretto (normalmente c’è un numero minimo di “esercizi” che i bimbi devono svolgere per diventare Junior Ranger che riguardano gli animali visti, le tracce, il comportamento corretto da tenere nella natura etc). Inoltre è stato anche un modo per avvicinarlo alla lingua inglese: abbiamo infatti trovato molti ranger che, soprattutto nei parchi più piccoli, ci tenevano a porgli le domande di rito nonostante lui non parlasse la lingua. Ovviamente in quel caso noi ci occupavamo della traduzione ma è stato uno stimolo per lui per imparare almeno alcune frase semplici così da poter comunicare.

Trekking coi bambini nei parchi americani

Se vi state chiedendo se si può fare trekking nei parchi americani coi bambini la risposta non solo è sì, ma anzi, ve lo consigliamo di cuore visto che proprio queste esperienze sono state quelle che ci hanno regalato i ricordi più belli. Ovviamente però è necessario prestare attenzione ad alcune cose:

  • Altitudine dei parchi USA: Alcuni parchi americani sono in quota, anche se non ve ne renderete conto il vostro corpo se ne accorgerà. Questo significa che il trekking va “preparato” per tempo con un po’ di allenamento al cammino e alcune destinazioni potrebbero non essere idonee ai bambini sotto ai 12 mesi.
  • Calzature adeguate: Sebbene in alcuni parchi degli States possa fare caldo non dimenticate che per fare trekking è necessario indossare calzature chiuse, anche per i bimbi.
  • Informazioni sui sentieri: Chiedete sempre ai ranger quali sentieri sono adatti ai bambini e in quali orari. Loro saranno gentilissimi e vi daranno tutte le informazioni per fare trekking nei parchi USA senza incorrere in pericoli. Normalmente le escursioni si fanno nelle prime ore del mattino e in certi periodi dell’anno potrebbe esserci allerta per i fulmini.
  • Cose da non dimenticare per il trekking nei parchi USA: Non dimenticate di portare con voi da bere, qualcosa da mangiare e ovviamente un cappellino per il sole. In alcuni parchi potrebbe essere necessario un repellente per insetti, in particolare zecche.

[cml_media_alt id='11551']Viaggio in South Dakota trekking[/cml_media_alt]
Viaggio in USA trekking nei parchi nazionali coi bambini
[cml_media_alt id='11543']Viaggio in South Dakota Badlands[/cml_media_alt]
Viaggio in South Dakota Badlands

Parchi dell’America in famiglia: dove dormire?

Noi abbiamo visitato i parchi USA in camper dormendo spesso in libera, cosa questa che ci ha permesso di immergerci completamente nella natura. Del nostro viaggio in camper coi bambini vi abbiamo già parlato in abbondanza, quello che ci sentiamo di consigliarvi è di trovare se potete sistemazioni nei parchi o molto vicine. Questo non solo per vivere pienamente l’ambiente che vi circonda ma anche perché spesso il momento migliore per visitare i parchi statunitensi in estate sono le prime ore del giorno o il tramonto ed essere già sul posto vi aiuterà a ottimizzare i tempi.  Ovviamente però i lodge e gli hotel nei parchi sono anche quelli più cari quindi è necessario prenotare con molto anticipo così da non spendere follie!

Il nostro Coast-to-Coast in America: itinerario oltre ai parchi

Abbiamo scritto moltissimo sul nostro viaggio in America quindi se cercate maggiori informazioni anche oltre i parchi americani da vedere coi bambini le potete trovarle nel blog. Qui sotto vi lasciamo alcuni spunti con i link agli articoli di approfondimento:

  • Il nostro itinerario in America: Il nostro viaggio ci ha portati da Los Angeles a New York e non ha seguito la Route 66. Nell’articolo trovate maggiori informazioni sul tragitto.
  • Viaggio in America in camper: Noi abbiamo noleggiato un camper per la prima volta proprio in America quindi se cercate maggiori informazioni per un viaggio in USA con il camper potete trovare i nostri consigli da (in)esperti nell’articolo.
  • I nostri errori in viaggio in America: Un viaggio è anche fatto di errori e se volete saperne di più sui nostri (così da evitare di rifarli) li trovate nell’articolo.
  • On the road in USA con bambini: Un viaggio negli Stati Uniti è per antonomasia un on the road anche coi bimbi. Se volete maggiori informazioni e consigli su questo potete leggerli nel post.

Infine qui sotto trovate un video dedicato al Bryce Canyon, uno dei parchi degli USA più belli secondo noi. Se poi volete vi lasciamo anche i link alla nostra pagina Facebook e al nostro canale YouTube dove abbiamo caricato tutti i video e le immagini del viaggio. Seguiteci anche lì, ci farà piacere e se volete saperne di più scriveteci!

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer