Cosa fare a Ibiza con bambini, consigli per una vacanza

Ibiza per i bambini è per è stata per me una scoperta. Già perché questa splendida isola delle Baleari nell’immaginario collettivo è una meta del divertimento, ideale per i giovani scatenati amanti delle discoteche e della vita notturna. E anche io la ritenevo tale!

Immaginatevi quindi la mia sorpresa nelllo scoprire che non solo l’isola ha molti volti oltre a quello del divertimento, ma che uno di questi è proprio quello di una destinazione per le famiglie, grazie al mare caldo anche ad ottobre e a un clima mite tutto l’anno! Perché una vacanza a Ibiza con i bambini è davvero un’ottima idea, magari fuori stagione, quando si spende pure meno!

Io avrei tanta voglia di tornarci quindi per tenere a bada la voglia di partire condivido con voi qualche informazione utile se state pensando di andarci: chissà che non ci si trovi là! 😉 Intanto questo post è pensato come una mini guida di Ibiza con bambini, cliccate direttamente sui titoli per andare alle sezioni di vostro interesse.

  1. Hotel a Ibiza per famiglie e zone dove soggiornare
  2. Ristoranti
  3. Specialità tipiche
  4. Cose da vedere a Ibiza insieme ai bambini
  5. Periodo migliore
  6. Voli e trasporti
  7. Pericoli e zone da evitare
  8. Curiosità
  9. Gite da fare
Ibiza con bambini foto della terra rossa dell’isola delle Baleari

Dove alloggiare a Ibiza e zone tranquille per famiglie

Il mio consiglio nello scegliere dove alloggiare a Ibiza è di valutare sia le strutture (con i servizi che offrono) che le vostre esigenze (se preferite maggiore tranquillità o vivacità). Alcune zone dell’isola sono infatti più caratterizzate dalla modida e per questo più amate dai giovani (e spesso più costose). Ovviamente se andate in bassa stagione troverete molta meno confusione, costi più bassi e anche le zone normalmente preferite dai giovani diventano tranquille! Di seguito trovate alcune informazioni per la scelta.

Dove dormire a Ibiza

Durante la mia esperienza a Ibiza abbiamo soggiornato all’Hotel Sundown Ibiza Suites & Spa a Sant Antoni, un hotel recentemente ristrutturato con camere molto ampie e moderne, attrezzate con angolo cottura e piccolo terrazzo. Di fronte all’hotel c’è una spiaggia e l’hotel è dotato di una terrazza con piscina.

Una bella sistemazione se cercate una struttura dove avere tutti i servizi ma anche essere indipendenti magari per preparare qualche pasto per i bambini.

Zone tranquille a Ibiza per famiglie

Tra le zone tranquille a Ibiza adatte ai bambini ci sono Cala Tarida, località tranquilla ma comoda per raggiungere San Antonio, Santa Eularia de Riu, più vivace ma comunque adatta alle famiglie e Es Canar, dove si svolge una volta alla settimana il famoso mercatini hippy. Cala San Vincent e Cala Portinax sono nella parte nord dell’isola, quella più selvaggia e meno turistica, quindi adatta a chi è in cerca di tranquillità però avrete di certo bisogno della macchina per spostarvi.

Zone tranquille a Ibiza per famiglie foto Porto e città vecchia di Eivissa

Dove mangiare a Ibiza

I posti dove siamo stati avevano nella maggior parte dei casi i seggioloni per i bimbi, non così (come spesso accade purtroppo!) per i fasciatoi. Vi segnalo questi ristoranti dove mangiare a Ibiza in cui mi sono trovata bene:

  • Bar a Cala Martina: proprio sulla piccola spiaggia di acqua calma e bassa questo chiringuito (l’unico) ha fasciatoio e seggiolone.
  • Ristorante Es Ventall a Sant Antoni: cucina tipica e famigliare, hanno un ampio dehore e seggioloni. Da provare il Flaò fatto in casa e l’arroz a la banda.
  • Ristorante Can Berri Vell a Sant Augusti: si trova nell’entroterra in un borgo caratteristico, ottima la sua rivisitazione del Flaò, hanno i seggioloni.

Piatti tipici e cose da assaggiare

Se amate la cucina spagnola vi troverete di certo bene ad Ibiza, anche se non mancano nemmeno i ristoranti di cucina internazionale e perfino italiana. Da provare assolutamente sono: la Paella, l’Arroz a la Banda (arrosto con il pesce), il Buillix de Peix (pesce in umido con le patate, lo zafferano, i peperoni e …tanto altro!).

Come aperitivo provate il Gazpacho (succo di pomodoro e olio, adatto anche ai bimbi e se volete saperne di più seguite il link) accompagnato con pane, olive e allioli (pane, olive, aglio e olio). Come dolce da non perdere il Flaò, un dolce tipico fatto con formaggio e aromatizzato alla menta.

Vacanza a Ibiza con bambini foto vista sul mare dell’isola

Cosa fare e cosa vedere a Ibiza con bambini

La Pitiusa, come viene anche chiamata l’isola, è sicuramente la meta ideale per chi ama il mare cristallino e le spiagge di sabbia. Se però avete voglia di abbinare alla vacanza al mare di Ibiza anche l’esplorazione dell’entroterra non rimarrete delusi dai colori, dalla varietà dei paesaggi e dalla storia che questa isola racchiude.

Itinerario per una vacanza a Ibiza insieme ai bambini

Di seguito vi indico alcune cose da non perdere secondo me, ma credo che la cosa migliore sia affittare una macchina e scoprire l’isola in autonomia. Vi assicuro che Ibiza insieme ai bambini non vi deluderà!

  • Dalt Vila: Si tratta della necropoli meglio conservata del Mediterraneo dichiarata Patrimonio dell’Unesco nel 1999. Una passeggiata tra i suoi vicoli al tramonto partendo dalla Cattedrale di Eivissa dedicata a Nostra signora delle Nevi scendendo fino alla porta di Ses Taules vi farà conoscere un volto di Ibiza che non vi aspettereste, fatto di storia e cultura, tra piccoli negozi di artigianato e ristoranti tipici. La vista dalle mura sul porto sottostante dove attraccano le grandi navi da crociera poi e’ di quelle da cartolina…
  • Chiesa di San Miquel: Questa chiesa bianca, nell’interno dell’isola, è una delle chiese fortezza di Ibiza. Nella piazza antistante alla chiesa si svolge la rappresentazione dei ball pagèss (balli tradizionali) in cui giovani in costumi danzano le musiche un tempo suonate in occasione di fidanzamenti e matrimoni.
  • L’entroterra e le vinerie: L’interno di Ibiza colpisce per il rosso della terra e il verde della vegetazione e racchiude alcune eccellenze gastronomiche come i piccoli produttori di vino. Se avete voglia di esplorare anche questo volto dell’isola affittate un’auto e perdetevi tra i suoi colori, poi fermatevi per una sosta in uno dei locali dell’entroterra per assaggiare il vino e gli altri prodotti tipici, non ve ne pentirete!
  • Santa Eularia: Oltre alla spiaggia potrete noleggiare una bicicletta e percorrere i sentieri che si snodano intorno a questa cittadina. Il percorso lungo il fiume vi porterà all’antico mulino e poi in cima, fino alla piccola chiesa bianca di Santa Eularia. Altri sentieri portano al Museo Etnografico, alla Chiesa di San Carles e a Santa Gertrudis.
  • Mercatino di Las Dalias: Questo mercatino hippy oltre ad essere perfetto per acquistare piccolo souvenir molto particolari e’ uno dei simboli di Ibiza visto che ancora oggi viene gestito dagli hippies che resero famosa l’isola. Nel mercato, parzialmente coperto, c’è anche un ristorante.
  • La Riserva Naturale di Ses Salinas: Questa riserva ospita ancora oggi decine di stagni di produzione di sale ancora attivi, ma anche splendide spiagge e “prati” sottomarini di Posidonia, anch’essa dichiarata Patrimonio dell’Umanità, che contribuisce a rendere così trasparente l’acqua di Ibiza. Il paesaggio qui è sorprendente non mancate si salire in cima alla Torre de se Sal rossa non lontana dall’enorme montagna bianca di sale. In tutta l’isola ci sono sei di queste torri difensive e questa vi permetterà di godere di una splendida vista. Tra gli altri animali si possono avvistare anche i fenicotteri!

Cosa fare con i bambini a Ibiza

Ovviamente la principale ragione per cui le famiglie scelgono questìisola è la vita da spiaggia ne include anche tanti sport acquatici. A Cala Carbò ad esempio potete noleggiare i kayak e divertirsi insieme a loro uscendo a vedere il tramonto. Non manca poi la possibilità di praticare altre sport e attrazioni: a Santa Eularia si possono affittare le mountain-bike ma anche divertirsi al Parco Acquatico o a quello Avventura, arrampiscandosi sugli alberi.

Ma oltre al divertimento i bambini più grandi saranno affascinati dall’insediamento fenicio di Sa Caleta, dalle Torri di sa Sal (le torri di sale) e dalle chiese fortificate presenti sull’isola (come quella di San Miquel). Un’altro motivo per organizzare una vacanza sull’isola è la natura a cui i bambini potranno avvicinarsi anche grazie ai centri didattici come quello di Es Amunts a Sant Llorenc.

Le migliori spiagge di Ibiza per bambini

In generale quasi tutte le spiagge di Ibiza sono adatte ai bambini. Tra quelle che abbiamo visitato perfette per le famiglie sono quella di Santa Eularia, con una lunga e bella passeggiata sul lungomare, molta ombra e, poco lontano, quella di Cala Martina con acqua basse e calma e un bar sulla spiaggia dotato di fasciatoio e seggioloni.

Molto bella è anche Cala Carbò una spiaggia attrezzata che, con acque calme e riparate, è perfetta per i bimbi e permette di godere di un tramonto meraviglioso, anche Cala Tarida, vicino a San Josep ha acque poco profonde e un fondo sabbioso e lì vicino c’è Cala Valdella, un’insenatura tranquilla. Nella splendida spiaggia di Ses Salinas l’acqua digrada lentamente e tra i molti ciringuiti che si alternano sulla lunga spiaggia il Guaranà è quello per le famiglie (attenzione che la popolazione della spiaggiasi divide per “categorie” !). Vicino al mercato di Las Dalias, quello più famoso tra i mercati di Ibiza, c’è Cala Nova che è una spiaggia molto popolare per famiglie.

Cosa vedere a Ibiza con bambini foto saline di Ibiza

Quando andare a Ibiza

Scegliere il periodo giusto per visitare l’isola non è difficile visto che il clima a Ibiza è davvero mite: fino ad ottobre si riesce a fare il bagno e a godersi la vita da spiaggia.

Il mio personale consiglio è evitare il mese di agosto, quando l’isola è molto affollata e anche i prezzi sono più alti. Un’idea potrebbe anche essere visitarla in primavera o in autunno per godere del sole e esplorare l’entroterra, in questo modo troverete molta più tranquillità e anche costi bassi.

Cosa vedere a Ibiza in famiglia foto Mercato di Las Dalias e Movida di Eivissa

Come arrivare a Ibiza e come muoversi

Ibiza – il cui nome ufficiale in catalano è Eivissa – è un’isola situata nel Mar Mediterraneo. Con Formentera è una delle due isole Pitiuse e  fa parte delle Baleari. Le sue città principali sono Ibiza – che prende il nome dall’isola – Santa Eulària des Riu e Sant Antoni de Portmany.

Come raggiungere Ibiza

Durante la stagione estiva diverse compagnie aeree collegano Ibiza con l’Italia con voli diretti (ad esempio Aer Lingus, Air Berlin, Baboo, Blu-express, Condor, Vueling, easyJet…). Attenzione però perché la primavera e l’autunno vedono i vettori ridurre il numero dei collegamenti e, in alcuni casi, sospenderli fino all’estate. Fate un check su portali come Skyscanner per avere una panoramica dei prezzi e se avete in mente di andarci in alta stagione mettete la tratta in “monitoraggio” così da ricevere le mail per sapere quando ci sono le offerte (se non sapete come si fa seguite il link).

L’Aeroporto di Ibiza si trova a 7 chilometri dalla città di Ibiza e dispone di un solo terminale ed è possibile prendere il bus (nr° 10) per spostarsi.

Girare Ibiza con bambini

Se intendete muovervi sull’isola spesso e in autonomia valutate l’affitto di un’auto che è sicuramente il modo migliore per essere indipendenti e per visitare le zone più lontane. Un portale che permette la comparazione delle tariffe così da trovare le migliori offerte è questo (nel link i dettagli).

Vacanza a Ibiza con bambini foto Spiaggia di Cala Carbò al Tramonto

Cose da sapere per una vacanza in famiglia a Ibiza

Di seguito alcune cose utili da sapere per organizzare una vacanza a Ibiza insieme alla famiglia.

Criticità per i bambini a Ibiza

Non ci sono particolari criticità a visitare Ibiza con i bambini: le spiagge sono quasi sempre attrezzate e nei ciringuiti sul mare non mancano i seggioloni e anche qualche fasciatoio.

A cosa fare attenzione

Se viaggiate con i bimbi tenete presente che Sant Antoni è la zona più frequentata dai giovani che cercano la movida. Se visitate Dalt Vila a Eivissa ricordatevi che il percorso è ripido e in salita, quindi portatevi scarpe comode e evitate di farlo nelle ore piùcalde del giorno: il tramonto è il momento migliore, soprattutto d’estate.

Dove fare la spesa a Ibiza

Non mancano negozi di ogni genere sull’isola adatti per comprare il necessario per i bambini quindi non è neessario riempire la valigia di prodotti per i più piccoli.

Cosa fare a Ibiza con bambini foto di un berruguez catturato!

Curiosità su Ibiza per i bimbi

C’è una leggenda di Ibiza che è bella da raccontare ai bambini, quella del folletto detto Familiar o Berrugez. A Santa Eularia lungo il lungofiume (poco lontano dal ponte romano), troverete un cartello che rappresenta un buffo folletto, quello è il Berruguez dell’isola!

La leggenda dice che questa creatura fosse molto ambita perchè diveniva un prezioso collaboratore domestico, svolgendo tutte le faccende di casa. Per questo gli abitanti dell’isola si davano un gran da fare per catturarlo, mettendo, durante la notte di San Giovanni, una bottiglia contenente un fiore proprio sotto al ponte. Attenzione pero perchè una volta catturato il folletto deve lavorare perché altrimenti… si mangia tutto quello che trova in casa!

Ibiza con bambini foto Spiaggia di Sant Antoni e Dalt Vila a Eivissa

Da Ibiza a Formentera

Se avete voglia di scoprire qualcosa di più della Spagna perché non andare a vedere Formentera? Da Ibiza si può prendere un traghetto per scoprire quest’altra isola delle Baleari. Potrebbe essere la gita di un giorno oppure, se avete un periodo più lungo, potreste dividere il vostro soggiorno in modo da visitare entrambe le isole.

La traversate in traghetto da Ibiza a Formentera dura dai 30 ai 55 minuti, a seconda della rotta e della compagnia. Ci sono traghetti circa ogni 30 minuti, a quasi tutte le ore del giorno e le compagnie che effettuano il collegamento sono:

  • Balearia
  • Trasmapi
  • Aquabus
  • Mediterranea Pitiusa

Qui si concludono i consigli per una vacanza a Ibiza insieme ai bambini. Se vi è piaciuto questo articolo condividetelo perché… sharing is caring! 😉 Se avete dubbi o domande contattateci su Facebook, Instagram o YouTube saremo felici di rispondervi.

Lascia un commento