Alestch Arena Vallese il panorama del Cervino visto da Riederalp

Il Ghiacciaio dell’Aletsch Arena un gigante in Svizzera per bambini

Nascosto tra le Alpi Svizzere c’è un gigante di rara bellezza che ti emoziona non appena posi gli occhi su di lui: il ghiacciaio dell’Aletsch Arena.

Lungo 23 chilometri e situato nella regione dello Jungfrau questo antichissimo ghiacciaio ha plasmato la Valle del Rodano. Quello dell’Aletsch è infatti il più grande ghiacciaio delle Alpi, con un peso di 11 miliardi di tonnellate e uno spessore di oltre 900 metri.

Ma non basta: il grande ghiacciaio del Vallese “si muove” con una velocità di scorrimento verso valle di 200 metri ogni anno, fornendo costantemente ghiaccio alla sua “lingua”. Forse proprio per questo pare di poterlo sentire bisbigliare piano quando, dall’alto del View Point di Moosfluh, si ammira la bellezza di questo gigante di ghiaccio.

E la storia che il ghiacciaio dell’Aletsch racconta è molto antica…

Il ghiacciaio dell’Aletsch Arena

Durante l’ultima era glaciale in questa zona il ghiaccio ricopriva ogni cosa: solo le cime di Bettmerhorn ed Eggishorn erano libere, il resto era coperto sotto la spessa coltre del gelo come in un antico regno di Frozen. Ancora oggi è sufficiente osservare la natura dell’Aletsch per vedere come, dove c’era il ghiaccio, la roccia appare levigata, mentre, al contrario, i picchi più alti sono spigolosi e frastagliati.

Poi le cose sono cambiate e la Valle del Rodano ha visto piano piano indietreggiare il suo gigante che, fino al 1860, misurava tre chilometri in più di quelle che sono le sue dimensioni odierne.

Oggi il grande ghiacciaio dell’Aletsch Arena si sta ritirando anche a causa del surriscaldamento globale: pare che il gigante di ghiaccio indietreggi di circa 50 metri ogni anno e i suoi bordi sono minacciati dallo scioglimento. Ma nonostante questo basta uno sguardo alla sua imponente massa di neve e ghiaccio per rimanerne impressionati.

Il ghiacciao dell’Aletsch è uno spettacolo incredibile ma la cosa che stupisce ancora di più è il fatto che che questo gigante è alla portata di tutti, anche dei bambini.

Alestch Arena Vallese sciare con i bambini a Riederalp
Alestch Arena Vallese sciare con i bambini a Riederalp

Riederalp e la ski area dell’Aletsch

Oggi infatti è possibile ammirare il gigante di ghiaccio da molto vicino, grazie ai view point raggiungibili attraverso gli impianti di risalita che, d’inverno, vengono utilizzati dagli sciatori. La ski area dell’Aletsch Arena comprende 35 impianti di risalita e piste praticabili da tutti.

Riederalp è uno dei villaggi più belli del Vallese nonchè una delle stazioni sciistiche svizzere più frequentate dalle famiglie, che ha ricevuto il riconoscimento di “famiglie benvenute” per i servizi offerti ai più piccoli, tra cui la meravigliosa scuola di sci che insegna a centinaia di piccoli allievi ogni stagione e maestri pazienti, capaci di parlare anche italiano.

Alestch Arena Vallese - Riederalp
Alestch Arena Vallese – Riederalp

Sciare all’Aletsch Arena con i bambini

La ski area di Riederalp sembra davvero fatta apposta per le famiglie. Qui, a 2.000 metri di quota, non possono circolare le auto e d’inverno le strade diventano piste imbiancate di neve, dove corrono e slittano i bambini.

E proprio i bimbi possono salire fino al view point di Moosfluh e ammirare il ghiacciaio dell’Aletsch Arena scendendo poi dalle piste blu che portano in paese, con una lunga e emozionante discesa praticabile però anche dai principianti. Oppure lanciarsi in una emozionante discesa con lo slittino, immersi nel panorama innevato delle Alpi Svizzere.

Il tutto in compagnia di Gletschi, la piccola pulce blu mascotte dell’Aletsch Arena. Una minuscola creatura che, in verità, vive davvero nel ghiacciaio, potendo resistere fino a trenta gradi sotto zero. Noi abbiamo trascorso qualche giorno a sciare all’Aletsch Arena con nostro figlio e la sensazione di poter stare al cospetto di questo gigante di ghiaccio è meravigliosa.

Qui di seguito trovate alcune informazioni utili per sciare all’Aletsch Arena con i bambini a Riederalp, maggiori dettagli li potete poi trovare sul sito dell’Ente del Turismo del Vallese che ringraziamo per il supporto in questa esperienza.

Alestch Arena Vallese cosa mangiare a Riederalp
Alestch Arena Vallese cosa mangiare a Riederalp

Vacanza con i bambini a Riederalp: consigli

Riederalp è una piccola stazione sciistica a 2.000 metri di quota dotata però di tutto il necessario per una vacanza sulla neve in famiglia. I piccoli negozi, il supermercato e anche i frequentati bar dell’apres skip di Riederalp rendono questo villaggio del Vallese un centro vivace ma senza pericoli, dove i bambini possono correre liberi per le strade imbiancate di neve.

Ecco di seguito le informazioni per una settimana bianca a Riederalp con bambini:

  • Hotel a Riederalp: noi abbiamo dormito all’Hotel Alpenrose, con camere spaziose e una meravigliosa vista sulla vallata sottostante. L’hotel ha anche un’area wellness e spa e due ristoranti, tra cui uno italiano.
  • Come arrivare a Riederalp: in paese non è permessa la circolazione delle automobili quindi si sale con gli impianti di risalita dalle stazioni che si trovano a valle, nella stazione di Mörel. Per arrivare a Riederalp si può utilizzare l’auto (da lasciare nei grandi parcheggi a valle) oppure il treno (molto comodo da Milano, con cambio a Briga per prendere il Glacier Express).
  • Cosa assaggiare in Vallese: da non perdere dopo una giornata sugli sci a Riederalp sono il Cholera (una specie di torta salata inventata proprio ai tempi della terribile epidemia), il Walliser Teller (con la carne salata del Vallese) e il Kaseschnitte (un crostone con formaggio, prosciutto e uovo)
  • Dove mangiare a Riederalp: durante il nostro soggiorno in questo villaggio del Vallese abbiamo sperimentato due ristoranti tipici, il Walliser Spycher e la Battmer Hitta a Bettmeralp (il villaggio accanto). Quest’ultima è una baita raggiungibile a piedi o con gli sci in posizione veramente molto spettacolare.

Le informazioni sulla ski area dell’Aletsch Arena e sul villaggio di Riederalp terminano qui ma se vi è piaciuto questo articolo condividetelo e seguiteci su Facebook, Instagram e Youtube.

Roberto

Roberto

Geek con la passione per le persone. Quando non programmo, viaggio nel mondo o per il web. Volevo fare l'architetto poi sono diventato ingegnere. Ma mi è rimasto l'amore per tutto ciò che è bello oltre che tecnologico e così ho fondato una start-up. #Geek #Dad #NBAaddicted #Startupper