Maxi Ooh MUSE di Trento: il Museo della Scienza per i bimbi piccoli

Questo post racconta (ancora) della nostra esperienza al Museo della Scienza di Trento con un bambino, dove siamo tornati non solo perché è un museo bellissimo ma perché avevamo un obiettivo ben chiaro in mente: vedere il Maxi Ooh del Muse! 🙂

La nostra prima volta al Muse infatti fu circa dodici mesi fa quando visitammo questo fantastico museo della scienza in compagnia del nostro bimbo poco più che unenne. L’impatto fu incredibile, dalla struttura avveniristica disegnata da Renzo Piano in cui il museo è ospitato  agli allestimenti interattivi, ma soprattutto per gli esperimenti scientifici a misura di bambino che vengono via via mostrati da personale giovane, preparato e appassionato.

Insomma, quello che ogni papà ingegnere e tecno-geek può sognare per condividere la passione per la scienza con i propri figli! 🙂

L’anno scorso però, non eravamo riusciti a visitare un’ala del museo, all’epoca in fase di allestimento, ovvero la Maxi Ooh del MuSe, dedicata ai più piccoli così quest’anno, con questa scusa e con la complicità di una abbondante nevicata, sono riuscito a convincere la mia Compagna di Viaggio – che in realtà aveva un programma fittissimo di cose da vedere in zona! – a tornare a questo museo di Trento.

Pittura sonora nel Maxi Ooh del Muse
Pittura sonora nel Maxi Ooh del Muse

Il Maxi Ooh: andare al MuSe di Trento con i bambini 0 – 3 anni

Il mio obiettivo era tornare al MuSe che secondo me è bellissimo non solo per i bambini ma anche per tutti gli adulti appassionati di scienza. In questo caso però siamo riusciti a portare il nostro bimbo al Maxi Ooh l’area per i bambini piccoli del MuSe di Trento.

Si tratta di un’area del MuSe per i più piccoli, una sorta di “acquario di vetro” dove tutto è pensato per i più piccini. In questa zona è consentito entrare solo un genitore per ogni bambino e io mi sono trovato circondato da nanetti che parevano in overdose da zuccheri, correndo a destra e a manca senza sapere più dove guardare tante erano le cose da toccare e provare! Tra l’altro qui il nostro bimbo, diversamente dal solito, si è praticamente autogestito e – cosa ancora più rara – non essendoci rischi in uno spazio totalmente a prova di bambino io mi sono anche rilassato un po’!

Il Maxi Ooh del Muse infatti è uno spazio specificatamente dedicato ai bambini da 0 a 3 anni è un’oasi destinata all’esplorazione multi sensoriale dove i bambini possono muoversi in totale sicurezza e indipendenza fra ‘bolle’ che racchiudono fondali marini e prati colorati.

[cml_media_alt id='4901']Una delle "bolle" del Mai Ooh dove i più piccoli possono ritrovarsi nel fondale marino fra pesci e strani animali[/cml_media_alt]
Una delle “bolle” del Mai Ooh dove i più piccoli possono ritrovarsi nel fondale marino fra pesci e strani animali

Il MuSe per i bambini piccoli: Maxi Ooh

In questa zona per bambini del MuSe di Trento i più piccoli possono toccare con mano i morbidi cuscini a forma di sasso, giocare a dipingere con la voce attraverso speciali microfoni e rilassarsi su morbide poltrone vibranti ascoltando melodie soft. Persino i bagni sono futuristici, ospitati in una delle bolle dell’area, sono un momento di esplorazione grazie a mille fotocellule che attivano rubinetti e sapone e perfino le bolle di sapone. Inutile dire che il Patato si è divertito moltissimo a scovarli… tutti… 😉

Nel Maxi Ooh del MuSe non mancano poi le zone relax all’interno di grandi batuffoli di cotone dove i più piccoli possono anche fare un riposino e i genitori…sprofondare un po’ tra i cuscini! 😉

C’è anche la merenda – alle 11 e alle 15 – ma purtroppo non siamo arrivati al momento giusto! Va beh, vorrà dire che mi toccherà convincere la mia Compagna di Viaggio a tornare un’altra volta al MuSe e sono certo che avrò un alleato questa volta: il nostro bimbo! 🙂

[cml_media_alt id='4902']Muse - L'accogliente ingresso del Maxi Ooh[/cml_media_alt]
Muse – L’accogliente ingresso del Maxi Ooh

Informazioni utili per visitare il MuSe con i bambini piccoli e il Maxi Ooh!

Per accedere all’area Maxi Ooh del MuSe è necessario acquistare un biglietto apposito oltre a quello di ingresso al museo, quindi vi conviene decidere subito se entrare o meno così da evitare di dover fare due volte la fila alla cassa!

Ricordatevi che può accedere solo un genitore per ogni bambino e che ci sono degli orari da rispettare, visto che la Maxi Ooh ha un numero massimo di bambini (e genitori) che possono stare al contemporaneamente al suo interno.

Se viaggiate con bambini piccoli comunque al MuSe troverete altre aree gioco in cui i vostri figli si potranno divertire, tra cui l’area al piano terra (con veri e propri esperimenti scientifici in forma di gioco) e quella al terzo piano che rappresenta un bosco. I bagni con fasciatoio sono poi ben segnalati ai diversi piani del museo.

Se poi volete approfittarne per trascorrere qualche giorno a Trento per visitare il Museo con i bambini ma anche la città e gli altri musei vi segnalo una struttura molto accogliente per le famiglie proprio sopra la città. Le stanze sono ampie e pulite, la colazione super ed è in una bella posizione sopra la città, seguite il link per disponibilità, tariffe e recensioni.

Se volete leggere il nostro racconto sulla nostra esperienza al MuSe di Trento potete trovarloseguendo il link. Mentre se vi è piaciuto questo articolo condividetelo perché… sharing is caring! 😉 Se avete dubbi o domande contattateci su Facebook, Instagram o YouTube saremo felici di rispondervi.

Lascia un commento