Cosa vedere in Sicilia - Modica

Il Museo del Cioccolato di Modica per capire la città

Modica è una città non lontana da Ragusa che è da vedere in Sicilia per tanti motivi: il primo, banale in verità, è che si tratta di una delle città barocche che lasciano a bocca aperta e quindi sono da inserire in un itinerario nella Sicilia sud-orientale. La seconda ragione invece è molto più “godereccia” ed è il suo meraviglioso cioccolato.

Il cioccolato di Modica è famoso in tutto il mondo perché, tra le tante delizie della Sicilia, è una di quelle che viene esportata ovunque, con grande gioia dei golosi mondiali. Ma questa prelibatezza siciliana è anche un pezzo della storia dell’isola, inscindibilmente legata con le sue tradizioni ma anche con le dominazioni che la Trinacria ha subito negli anni.  Se anche voi, come noi, siete dei golosi, andare a Modica sarà una gioia doppia, per gli occhi e per la pancia. E non preoccupatevi per la glicemia e la dieta: il cioccolato modicano fa bene e, ci hanno assicurato, aiuta anche contro il colesterolo!

Da assaggiare in Sicilia - i dolci da viaggio di Modica con cioccolato e carne
Da assaggiare in Sicilia – i dolci da viaggio di Modica con cioccolato e carne
Specialità siciliane - il cioccolato di Modica
Specialità siciliane – il cioccolato di Modica

Visitare Modica: il Museo del Cioccolato

La prima tappa per vedere Modica nella sua versione più (eno)gastronomica è sicuramente il Museo del Cioccolato che si trova nel Palazzo della Cultura. Il museo è piccolino, con una parte didattica e una dedicata all’arte dei mastri che lavorano il cioccolato, ma secondo noi vale la pena inserirlo nella visita di Modica perché permette di comprendere meglio la storia del cioccolato e della città.

Innanzitutto infatti viene spiegata la storia del cacao, una pianta che in natura cresce in 46 paesi situati nella fascia tropicale con tre diverse varietà di frutti. In Europa non si può coltivare il cacao perché per crescere ha bisogno di umidità e temperature superiori ai 18 gradi, il cacao viene coltivato nelle piantagioni ai Tropici e poi, una volta maturo, inizia il processo di fermentazione ed essiccatura, che, una volta terminato, porta il cacao a iniziare il suo viaggio per il mondo.

Forse a questo punto vi starete chiedendo come mai Modica, nel cuore del Mediterraneo e ben lontana dai Tropici, è famosa in tutto il mondo per il suo cioccolato. La spiegazione sta nella storia di dominazione della Sicilia: Il cacao venne infatti scoperto da Cristoforo Colombo durante il suo secondo viaggio nelle Americhe. Il cacao era usato come mezzo di pagamento e ritenuto un frutto miracoloso per curare malattie quali febbre e mal di pancia, ma anche trasformato in bevande energizzanti. Furono gli spagnoli a portare in Europa il frutto del cacao, iniziando a zuccherarlo, e da questo abbinamento nacque il cioccolato.

Per poter parlare di cioccolato è infatti necessario che, oltre al cacao, ci sia la componente dello zucchero e questa è la differenza fondamentale tra il cioccolato di Modica e gli altri cioccolati. Il processo di lavorazione del cioccolato tradizionale viene infatti chiamato concaggio: dura a lungo e il cacao viene portato a 80 gradi, provocando quindi la fusione dello zucchero. Il cioccolato di Modica invece deriva da un processo a freddo perché la massa amara viene sciolta a una temperatura di massimo 40/45 gradi, a quel punto al cacao viene aggiunto lo zucchero, che però, data la minor temperatura, non si scioglie, dando al cioccolato la sua caratteristica di granulosità quasi di sabbiosa.

La storia del cioccolato a Modica di fa risalire a tempi molto lontani: le prime notizie del cioccolato in città vengono fatte risalire addirittura al 1746 e da alcune ricerche sono emersi gli ingredienti, in alcuni casi anche molto particolari, come l’ambra grigia e il muschio bianco. L’origine dell’arte modicana del cioccolato è spagnola: per oltre quattrocento anni infatti, fino al 1812, in città dominarono gli spagnoli che portarono anche il processo di produzione del cioccolato.

Ad oggi nella lavorazione del cioccolato di Modica vi è la stessa artigianalità di un tempo: non si usa più il Metate, l’antico strumento che veniva scaldato e su cui si scioglieva la massa amara che veniva poi messa nelle formelle, ma gli artigiani della città hanno mantenuto lo stesso procedimento a freddo e il cioccolato di Modica è diventato anche arte. Attualmente ci sono circa 40 laboratori attivi in città di cui 18 fanno parte del Consorzio per la tutela del cioccolato di Modica: l’obiettivo del Consorzio è difendere la qualità per ottenere l’IGP e per questo esiste già un disciplinare che prevede un minimo di 50% di cioccolato e un massimo di 50% di zucchero.

Nel piccolo Museo del Cioccolato di Modica troverete anche l’installazione dell’Italia in miniatura fatta ovviamente di cioccolato e altre sculture realizzate da studenti e maestri scalpellini. Alcune di queste opere sono state realizzate per Expo e, se ci fate caso, vi accorgerete che le statue respirano! A seconda della temperatura infatti il burro di cacao naturalmente presente nel cioccolato tende a sciogliersi, creando effetti di colorazione diversa. Inutile dire che il Museo di Modica è un attentato a chi ha fatto voto di non mangiare il cioccolato perché il profumo che si sente all’interno è incredibile. Infine se vi va nel post trovate anche un video girato proprio al Museo del Cioccolato di Modica.

Museo del Cioccolato di Modica
Museo del Cioccolato di Modica
Cosa assaggiare in Sicilia - cioccolato di Modica
Cosa assaggiare in Sicilia – cioccolato di Modica

Vedere Modica: i laboratori del cioccolato

Quando uscirete dal Museo del Cioccolato di Modica probabilmente la prima cosa che vorrete fare è assaggiare un po’ di cioccolato! Non temete: in città ci sono moltissimi laboratori di cioccolato dove poter assaggiare e anche fare tour guidati, oltre che, ovviamente, acquistare ottimo cioccolato. Tra i tanti noi vi segnaliamo il Laboratorio Don Puglisi che ci hanno consigliato alcuni siciliani. Questo laboratorio artigianale è nato circa 12 anni fa all’interno della Casa Don Puglisi per aiutare le ragazze madri in difficoltà. Col tempo il laboratorio è cresciuto ed oggi esporta il cioccolato e i dolci in tutto il mondo. Se siete in visita a Modica non mancatelo! 🙂

Cosa vedere a Modica e dintorni

Modica in realtà è una città molto bella da visitare anche al di là del suo cioccolato: aggrappata su un monte le sue chiese barocche sono splendide e dalla cima si gode un panorama incantevole. Per chi non vuole camminare ricordatevi che c’è il trenino che percorre le vie della città e si ferma nei punti più panoramici e per i bimbi la Casa delle Farfalle.

Oltre a vedere Modica poi in zona non potete mancare Ragusa Ibla e Scicli, ma anche andare a fare una giornata al mare a Marina di Ragusa oppure a Donnalucata. Sparsi per il blog trovate parecchi post sulla zona, molto meno gastronomici e molto più orientati alle cose da fare in Sicilia sud-orientale.

Dove dormire per visitare Modica

Infine vi segnaliamo una struttura molto bella che abbiamo utilizzato come base per visitare Modica, Scicli e i dintorni di Ragusa. Si tratta dell’Artemisia Resort, un’antica masseria ristrutturata e si trova poco fuori da Ragusa, da lì potrete muovervi e visitare tutta la zona che merita almeno una settimana. Cliccando sui link potete verificare direttamente le informazioni riguardanti l’hotel e anche leggere il post di approfondimento per visitare i dintorni di Ragusa.

Qui sotto vi lasciamo un video dedicato al Museo del Cioccolato di Modica, se volete seguirci nei nostri viaggi ci trovate su Facebook, Instagram e YouTube.

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer