Phuket cosa fare e quando andare sull’isola regina della Thailandia

Phuket è una delle isole più conosciute della Thailandia considerata una perla del turismo thailandese, nonostante i contrasti e i profondi cambiamenti che, innegabilmente, la sua celebrità ha provocato, per certi versi stravolgendola.

Visitare Phuket significa salire sui motorini – onnipresenti sull’isola – con la cartina in mano, osservando sbalorditi i cartelli che indicano le zone sicure in caso di Tsunami mentre intere famiglie sorridenti se ne stanno pigiate su un unico sellino. Esplorare l’isola vuol dire girare alla ricerca della “caletta perfetta” con la pelle che scotta per il troppo sole, parcheggiare gli scooter all’ombra e poi tuffarsi per ammirare migliaia di pesci colorati. Ma anche arrancare per le strade dell’isola per raggiungere  i templi in mezzo alla foresta e i mercatini dove assaggiare gli insetti arrosto.

Sull’isola troverete minuscoli ristoranti sulla sabbia, dove si mangia su tappeti e tavolini bassi, ma anche ristoranti raffinati, con la musica lirica di sottofondo e i camerieri in divisa, massaggiatrici con i lettini sulla spiaggia, case in mezzo al niente con le gabbiette dei canarini appese in veranda e prostitute bambine. A Phuket il vento porta il profumo di mare e di orchidee, insieme a contraddizioni e pensieri, ma nonostante tutti i suoi contrasti quest’isola è davvero un pezzo di un viaggio in Thailandia da vedere.

Se quindi state organizzando una vacanza sull’isola ecco alcune cose da fare a Phuket scelte tra quelle immancabili per godersi il viaggio.

CONSIGLIO PRE-PARTENZA: il sito della Farnesina raccomanda di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio. Questo perché la sanità locali non ha gli standard italiani mentre le cliniche private sono costose (e non sempre presenti soprattutto se avete in mente di visitare le isole della Thailandia). Se non ne avete già una vi segnaliamo la nostra: è economica, affidabile e offre il 10% di sconto ai lettori del blog (seguite il link per fare il preventivo e per ottenere lo sconto). Maggiori informazioni le trovate sul sito ufficiale della Farnesina.

Le più belle spiagge di Phuket

Le spiagge di Phuket sono sicuramente l’attrazione più famosa di quest’isola thailandese quindi va da sè che tra le cose da fare sull’isola c’è la vita da spiaggia. Se non vedete l’ora di mettere i piedi nella sabbia tenete presente che Patong Beach è la spiaggia più famosa ma anche la più frenetica di tutta l’isola: andateci quindi se siete in cerca di divertimento, ma non aspettatevi una caletta paradisiaca di quelle che trovereste su un depliant da agenzia viaggi!

La baia di Kata invece è caratterizzata da una lunga lingua di sabbia bianca ed è una delle spiagge più belle di Phuket, famosa quanto Patong ma molto meno movimentata. Anche Karon Bay è una baia tranquilla con mare cristallino anche se è vicina a Karon Plaza, famosa per negozi, bazar e ristoranti.

Banana Beach è una grande spiaggia, con acque turchesi, palme e sabbia bianca abbastanza tranquilla; Bang Tao Beach, sulla costa occidentale, è una delle spiagge più belle con molte possibilità di alloggio mentre, sempre in zona, si trova Kamala Beach con acque trasparenti e ristoranti. Infine una delle zone più fotografate da coloro che decidono di organizzare una vacanza a Phuket è Phang Nga Bay. Qui si trova la famosa “Isola James Bond“, la roccia verticale in mezzo all’acqua che è diventata un’icona della Thailandia.

Escursioni e tour da Phuket

Se amate il mare sull’isola ci sono molte possibilità per fare escursioni che permettono di fare snorkeling e di conoscere le spiagge più belle. Tra i migliori tour da fare a Phuket in barca ci sono però quelli che portano alle Isole Phi Phi e Similan.

Phi Phi Island è un arcipelago di sei isole che sono una delle principali attrazioni della Thailandia, grazie anche al film “The Beach”. Nonostante la notorietà l’abbia resa una meta popolare (e molto affollata) continua ad essere un luogo suggestivo, con i suoi faraglioni e le scogliere che proteggono la lussureggiante vegetazione e le acque cristalline. Dall’isola è possibile fare escursioni in giornata in barca per visitarle, facendo anche snorkeling. Troverete in loco diversi operatori che offrono l’esperienza ma in alta stagione meglio muoversi in anticipo perché i turisti sono tanti. Potete prenotare anche i tour da Phuket per Phi Phi Island on line (in questo link trovate maggiori informazioni) ma tenete presente che in barca ci vogliono 45 minuti (armatevi di braccialetti se soffrite il mal di mare).

Altrettanto affascinanti sono le Isole Similan, un arcipelago di nove isole caratterizzate da spiagge bianchissime, vegetazione tropicale e acque cristalline molto popolari tra gli amanti di immersioni e snorkeling grazie ai coralli che sono habitat per colorati pesci tropicali. Anche in questo caso è possibile prendere parte a tour da Phuket alle Similan per vivere una giornata di mare. Le escursioni si possono prenotare in loco on line (qui maggiori dettagli per costi e programma).

Un discorso a parte è quello delle escursioni a dorso di elefante che sono praticate sull’isola ma molto controverse. Questi trekking sono possibili ma vi consiglio di andare a visitare il Santuario degli Elefanti di Phuket (l’Elephant Jungle Sanctuary Phuket) dove è possibile vedere questi animali che sono gestiti in modo etico, spesso con recuperi di animali. Presso il centro si possono nutrire gli elefanti, fare loro il bagno e conoscere di più riguardo alla loro vita. Per maggiori informazioni sul tour di visita al Santuario degli Elefanti potete seguire questo link dove troverete maggiori informazioni.

Templi dell’Isola di Phuket

Oltre al mare da vedere a Phuket ci sono anche i templi, per immergersi nel misticismo thailandese e lasciarsi alle spalle la frenesia della vita di tutti i giorni.

Il tempio più famoso di Phuket è quello di Wat Chalong. Si trova nella località di Chalong, risale al 1800e ancora oggi è uno dei principali centri spirituali dell’isola. Oltre al misticismo però quello che attrae i turisti è l’architettura degli edifici riccamente decorati, tra cui spicca il grande Chedi con dipinti raffiguranti le scene della vita di Budda. Il Grande Buddha è invece una enorme statua bianca del Buddha che si trova sulla strada verso Chalong sulla cima di una collina. La statua è alta 45 metre ed è visibile anche dalla spiaggia di Karon ma arrivarci significa godere si una splendida vista.

Se decidete di andare a visitare i templi di Phuket però non dimenticate che è necessario essere vestiti in modo adeguato (con gambe e spalle coperte) quindi portate un cambio se provenite dalle spiagge, in particolare per le donne.

Phuket Night Market

I mercati di Phukhet sono affascinanti esattamente come tutti quelli thailandesi, perfetti per comprare souvenir ma anche per assaggiare le specialità locali. Tra i più famosi ci sono quelli di Phuket Town e Patong: il Chillva Market, il Weekend Market – che si svolge a Phuket Town ogni fine settimana – e il Malin Plaza Market, mercato serale di Patong che è la meta da non perdere per gli amanti dello street food e della cucina thailandese.

Old Phuket Town

Tra le cose da fare a Phuket c’è una gita a Phuket Town. Lasciate quindi le spiagge per visitare la città con le case tradizionali di Thalang Road, le dimore coloniali i musei e templi della città. Già che ci siete concedetevi un pranzo o una cena degli ottimi ristoranti di Phuket Town e, se volete speriementare qualcosa di folkloristico, assistete a uno dei combattimenti di Muay Thai, l’arte da combattimento thailandese per eccellenza.

Se vi interessa questa disciplina tenete presente che i due stadi più famosi per assistere ai combattimenti di Muay Thai sono il Patong Boxing Stadium e il Thai Boxing Stadium entrambi situati vicino alla spiaggia di Patong.

Gita a Bangkok

Da Phuket troverete diverse compagnie aeree low-cost che vi permetteranno di raggiungere Bangkok con costi molto abbordabili. Se quindi state organizzando un viaggio in Thailandia solo al mare prendetevi almeno qualche giorno per visitare la capitale.

Per visitare Bangkok ci vogliono almeno 4 giorni (ma se ci rimarrete di più non vi annoierete!). La città è incredibile oltre che molto affascinante, non faticherete a trovare un hotel dove dormire a costi bassi ma preparatevi alla frenesia che invade le sue strade e i suoi mercati.

INFORMAZIONI UTILI: Phuket non è un’isola pericolosa, si gira bene e i costi, nonostante l’enorme flusso di turisti, sono ancora abbordabili. Le cose a cui prestare attenzione sono però il traffico (soprattutto se deciderete di noleggiare un mezzo di trasporto come il motorino perché gli incidenti sono frequenti!) e, la notte, le zone più frequentate dai giovani, che spesso sono ubriachi e/o su di giri. Per il resto nonostante l’isola abbia la nomea di meta del turismo sessuale la verità è che le zone per questo genere di turisti sono concentrate in certe aree, non certo nelle spiagge. Se però avete in mente una vacanza di mare fate attenzione a scegliere il periodo giusto per andare in Thailandia!

ristorante in Thailandia sulla spiaggia di Phuket con vista mare

Quando andare sull’isola di Phuket?

Il periodo migliore per visitare l’isola di Phuket è tra gennaio e maggio quando le temperature oscillano tra i 22 e i 28 gradi e sull’isola è Alta Stagione, con conseguente grande afflusso di turisti, minori disponibilità e costi più elevati. I primi mesi dell’anno sono quelli perfetti, mano a mano che si va avanti nel calendario le temperature iniziano a salire così come l’umidità. Al contrario il periodo che va da giugno a dicembre è quello dove c’è il rischio di incontrare pioggia anche tutti i giorni.

Se vi è piaciuto questo articolo condividetelo perché… sharing is caring! 😉 Se vi va seguiteci su Facebook, Instagram o YouTube ne saremo felici.