Germania del nord - Amburgo coi bambini

Itinerario in Germania del Nord coi bambini da Amburgo a Brema

Viaggio in Germania, back to the future. L’avrei voluto intitolare così questo racconto ma poi non sarebbe stato molto comprensibile ai più. Eppure sarebbe stato il titolo perfetto per il modo in cui ho vissuto il nostro tour nella Germania del nord, un ritorno con occhi completamente nuovi in un paese dove sono stata spesso durante un periodo della mia vita. Un viaggio in un paese che ha significato tanto per me ma poi, all’improvviso, è scomparso dai radar dei miei viaggi.

Ovvio la Germania è sempre lì, mica si è spostata, ben piantata nel centro dell’Europa, con il suo affaccio sul mare, le sue meravigliose birre e la sua cucina che ho imparato negli anni ad amare. Perchè, questo bisogna chiarirlo subito, chi sostiene che in terra tedesca si mangia male non ha mai provato la vera cucina del paese!

La Germania, dicevo, è sempre lì eppure io non riuscivo più a trovare l’occasione per tornarci. Forse avevo bisogno di lasciar passare un po’ di tempo tra la fine di una vita – quella della vecchia me, che in terra teutonica ci andava per ragioni di business ma, chiusa in sala riunioni, anelava il tempo libero che le avrebbe permesso di scoprire la città – e l’inizio di una nuova, quella della me stessa che invece per lavoro viaggia per raccontare le città.

Forse. O forse per ogni cosa c’è un tempo giusto e il nostro tour in Germania aveva bisogno di un po’ di tempo per concretizzarsi.

Amburgo al tramonto - Germania coi bambini
Amburgo al tramonto – Germania coi bambini
Amburgo per bambini - il Museo Marittimo
Amburgo per bambini – il Museo Marittimo

Fatto sta che tornarci è stato un viaggio in bilico tra passato e futuro. Da un lato ho ritrovato la Germania che avevo imparato a conoscere bene, fatta di biergarten dove rilassarsi con una birra in mano, bretzel acquistati alla stazione, mezzi di trasporto super puntuali, ordine ed efficienza teutonica. Dall’altro il paese è stato una continua scoperta, sia per la meta scelta che per i compagni di viaggio, un’avventura a piccoli passi, tra musei, barche e playground, con giornate lunghissime terminate a giocare sulla spiaggia al tramonto, dopo aver macinato chilometri a piedi per tutto il giorno.

Questa è infatti stata la prima volta per me in Germania con un bambino, proprio quel bimbo il cui arrivo ha coinciso con il mio cambio di vita e con l’abbandono della multinazionale tedesca per cui lavoravo. Ma è stata anche la prima volta al nord, una regione del paese così diversa da quel sud che avevo imparato a conoscere bene, è stata la Germania delle città portuali, dei gabbiani al risveglio e del sole fino a tarda sera. Un tour pieno di luce e di vento che mi ha permesso di scoprire un volto inaspettato del paese.

Questo è ciò che ha significato questo viaggio per me ma qui sotto trovate qualche informazione pratica sul nostro itinerario in Germania del nord. Enjoy e buon viaggio!

Germania in famiglia - Brema
Germania in famiglia – Brema
Germania per bambini - il porto di Amburgo
Germania per bambini – il porto di Amburgo

Un itinerario nella Germania del nord coi bambini

Il nostro viaggio in Germania con un bimbo è durato sei giorni e ci ha permesso di fare tre tappe: Brema, Bremerhaven e Amburgo. Ecco qualche informazione per ciascuna di queste località località, poi a breve scriverò un racconto dettagliato per ogni città.

Germania coi bimbi: Brema

La nostra prima tappa in Germania con un bambino è stata Brema, città anseatica con una storia di libertà e indipendenza. Vi dico subito che questa è una meta dove “si vince facile” con i bimbi visto che qui è stata ambientata la famosissima favola dei Fratelli Grimm – “I Musicanti di Brema” appunto – che è il simbolo della città e si trova dietro a uno dei municipi più belli d’Europa.

E allora basterà poco per godersi la visita di Brema coi bambini: una favola raccontata prima di partire, la promessa di andare a cercare i musicanti e la voglia di giocare tra le vie della città. Città che tra l’altro è bellissima, ricca di scorci da pittoreschi, come la minuscola Böttcherstraße o il quartiere di Schnoor. Perché ditemi: quante città ci sono che hanno stradine larghe solo settanta centimetri o edifici dotati muri che si aprono come un passaggio segreto per far comparire un carillon musicale?

E poi visitare Brema coi bambini significa anche divertirsi tra musei e parchi, osservare le barche sulla riva del Weser, perdersi per tra le case colorare e sedersi sull’erba per guardare le anatre che nidificano a Wallanlagen. In città ci sono anche alcuni musei molto belli per i bimbi: noi abbiamo adorato l’Universum, una struttura meravigliosa per i piccoli curiosi: tre piani – dedicati all’uomo, alla natura e alla scienza – e un’area esterna, in cui i bimbi possono toccare tutto, imparando e giocando allo stesso tempo.

Quindi preparatevi: Brema coi bambini è una scoperta e una perla da non mancare in un itinerario nella Germania del nord.

La statua dei Musicanti di Brema - Germania coi bambini
La statua dei Musicanti di Brema – Germania coi bambini
Il nostro hotel a Brema - Germania in famiglia
Il nostro hotel a Brema – Germania in famiglia

Germania in famiglia: Bremerhaven

Bremenrhaven è il porto di Brema e si trova a circa sessanta chilometri dalla città. Qui si può toccare con mano l’anima della Brema portuale perché è qui dove attraccano le pesanti navi mercantili con le merci che poi risalgono il corso del Weser per arrivare in città. Una su tutte? Il caffè, che venne lavorato a Brema da Ludwig Roselius, l’inventore del decaffeinato!

Ma visitare Bremerhaven coi bambini significa fare tappa in due bellissime attrazioni che sono lo Zoo am Meer – ovvero lo zoo sul mare – e il Klimahaus. Il primo è una piccola struttura che si sviluppa in verticale in cui sono ospitati alcuni animali che vivono nei climi più freddi: foche, lontre, otarie ma anche pinguini, puma e poi lui, l’attrazione indiscussa dello Zoon Am Maar, l’orso polare. La particolarità di questo zoo è che non ci sono sbarre ma solo lastre di vetro a separare gli animali dai piccoli visitatori che possono osservarli mangiare e giocare.

Il Klimahaus invece è un altro di quei musei che noi adoriamo perché permettono ai bimbi di imparare e giocare insieme. La “casa del clima” è pensata per essere un viaggio virtuale attorno al mondo in senso longitudinale lungo l’ottavo meridiano, attraversando continenti e climi diversi. Così ci si ritrova a saltellare sulle pietre della foresta pluviale, mungere le mucche della ridente Svizzera e cercare un maglione nello zaino per affrontare il gelo dell’Antartide. Il tutto con un percorso coinvolgente, fatto di video e postazioni interattive, che culmina proprio lì da dove tutto è iniziato, sul mare di Bremerhaven, dove poi si può giocare in spiaggia e cenare, aspettando il tramonto per poi rientrare a Brema con l’ultimo treno della sera.

Bremerhaven - in Germania in famiglia
Bremerhaven – in Germania in famiglia
Klimahaus Bremerhaven - Germania coi bambini
Klimahaus Bremerhaven – Germania coi bambini

Germania coi bambini: Amburgo

Amburgo è stata l’ultima città visitata durante il nostro breve viaggio in Germania del Nord e per farvi capire meglio il perché di questa tappa vi dico che qui è dove si svolge la storia della “Gabbianella e il Gatto” di Sepulveda. Ve la ricordate? Il campanile che la gabbiana vede dall’alto durante il suo ultimo volo è quello di San Michele e Zorba, il grande gatto generoso, si rivolge proprio ai gatti del porto di Amburgo per tenere fede alla sua promessa e crescere il suo pulcino.

Proprio il porto della favola di Sepulveda è il centro di questa città del nord della Germania. Da qui secondo me bisognerebbe iniziare un tour di Amburgo, per vedere i suoi palazzi, le sue guglie e l’affascinante Elbphilarmonie dall’acqua, osservando al contempo il frenetico via vai delle imbarcazioni che ne percorrono i canali, una rete d’acqua che raggiunge ogni angolo della città ma anche la linfa vitale che ne ha permesso lo sviluppo rendendo Amburgo il principale porto d’Europa.

Per questo motivo una visita di Amburgo coi bambini non può mancare l’Internationales Maritimes Museum, un immenso museo del mare su nove piani che ne custodisce misteri e segreti, tra pirati, mostri degli abissi e modellini di velieri. Ma visitare Amburgo coi bambini significa anche fare una tappa al Miniatur Wunderland, un omaggio all’industria ferroviaria tedesca e un museo completamente dedicato ai trenini giocattolo, anche se definire queste piccole opere d’arte “giochi” è riduttivo e forse anche un po’ offensivo nei confronti di chi ha creato paesaggi e riproduzioni così perfette da lasciare a bocca aperta.

E poi playground meravigliosi a HafenCity, ponti, canali, parchi e Ovelgonne, un antico quartiere fatto di casette dei vecchi lupi di mare dove cenare sulla spiaggia giocando nella sabbia. Ma anche piccole chicche come il Chocoversum, un museo dedicato al cioccolato dove i visitatori possono preparare la propria tavoletta, e il Klick, un kindermuseum in cui i bimbi possono suonare strumenti musicali, stampare le proprie banconote e costruire muri in mattoni veri.

Perché Amburgo coi bambini è una continua sorpresa e la città è davvero family friendly, da esplorare anche in bicicletta visto che le piste ciclabili sono ovunque.

Bremerhaven dall'alto - Germania coi bimbi
Bremerhaven dall’alto – Germania coi bimbi
Il parco giochi di Bremerhaven - Germania coi bimbi
Il parco giochi di Bremerhaven – Germania coi bimbi

Informazioni per un viaggio nella Germania del nord coi bambini

Qui sopra ho cercanto di raccontarvi in breve il nostro viaggio nel nord della Germania con un bambino, dandovi qualche spunto utile se state pensando di partire. Presto vi racconterò i dettagli per ogni tappa, intanto però qui trovate alcune informazioni pratiche per organizzare una vacanza tra Amburgo, Brema e Bremerhaven.

Germania del nord coi bambini: Dove dormire

Vi segnalo le strutture dove siamo stati noi durante questo viaggio in Germania trovandoci bene. La prima è un hotel a Brema molto particolare, l’Alexander von Humboldt. Si tratta in realtà di una barca, anzi, ad essere precisi di un veliero dei primi del ‘900 trasformato in un hotel. Qui si dorme cullati dall’acqua in cabine super accessoriate, dotate di bagno, TV e WiFi. La nostra era una bellissima quadrupla con due letti a castello e al mattino ci svegliavamo con la luce del nord e il canto dei gabbiani.

Il nostro hotel ad Amburgo era invece il Raphael Waelderhaus nel nuovissimo quartiere di Wilhelmsburg sulla riva del fiume Elba. Si tratta di una struttura con un concept innovativo, improntato all’ecosostenibilità che ospita anche un centro espositivo dedicato alla flora e alla fauna. La nostra camera era in legno, spaziosa e con vista sul balcone fiorito, la colazione abbondante e l’hotel è ben collegato con il centro grazie ai treni S3 e S31.

Come muoversi in Germania tra Amburgo e Brema

L’efficienza teutonica in fatto di trasporti non è un modo di dire e infatti Brema, Bremerhaven e Amburgo sono collegate benissimo da treni puntuali e frequenti. Tra Brema e Amburgo i treni sono ogni ora e il tragitto dura circa un’ora, mentre tra Bremerhaven e Brema ci sono collegamenti più frequenti e la corsa in treno dura 40 minuti.

Per visitare il centro di Brema ci si sposta tranquillamente a piedi mentre con i bus e i tram si arriva nelle zone della città più lontane come l’Universum (il biglietto si fa a bordo). Noi abbiamo utilizzato la ErlebnisCard che permette di utilizzare bus, tram e anche alcuni treni a Brema e anche a Bremerhaven.

Per visitare Amburgo invece noi abbiamo utilizzato la Hamburg Card che permette l’utilizzo di tutti i mezzi pubblici, inclusi i traghetti e gli autobus Schnell (ovvero veloci, che sono tutti quelli con il “30”). Dall’aeroporto di Amburgo si raggiunge la stazione centrale della città – la Hamburg Hbf – con il treno S1.

Cosa mangiare in Germania del nord

Fin da ora vi dico già che in Germania si mangia bene e non è difficile trovare qualcosa che vada bene anche per i bambini. I piatti vengono normalmente accompagnati da verdure e sono abbondanti, nel nord oltre alla carne è facile trovare ottimi piatti di pesce e in particolare salmone, cucinato in modo semplice ma gustoso. Noi abbiamo talvolta mangiato “qualcosa al volo”, sfruttando il fatto che nelle stazioni ci sono negozi in cui vendono panini imbottiti – il pane tedesco è una meraviglia! – e gli immancabili bretzel.

Le birre tedesche meriterebbero invece un capitolo a parte: la birra in Germania è una religione e ogni città ha la sua birra di riferimento, da provare se amate questa bevanda. Ad esempio, Brema è la città della Beck’s, ovvero la birra più venduta del mondo di cui è possibile visitare anche la fabbrica, mentre le birre di Amburgo sono la Astra e la Ratsherrn. Paradossalmente però proprio Brema, al Ratskaller, è ospitata la più grande collezione di vini tedeschi, e anche lì è possibile fare visite guidate e degustazioni.

I prezzi dei ristoranti sono normalmente un po’ più cari dell’Italia – ma considerate che di solito si mangia un piatto solo, con al massimo il dessert in aggiunta – mentre i biergarten – ovvero le birrerie all’aperto – sono un’ottima soluzione per mangiare qualcosa di veloce senza spendere follie. Lì potrebbero aggiungere al conto un deposito che poi vi verrà ridato una volta riconsegnati i bicchieri. L’acqua invece costa cara ma, cosa che abbiamo scoperto l’ultimo giorno, anche per le bottiglie di plastica è prevista la riconsegna (con 0,25 centesimi che vengono restituiti quando riportate il vuoto). Sarà per questo che non si vedono bottiglie per terra? 😉

Germania - Amburgo - il porto
Germania – Amburgo – il porto
Chocoversum di Amburgo
Chocoversum di Amburgo

Fin qui la nostra esperienza nel nord della Germania coi bambini, maggiori dettagli li trovate sui nostri profili Instagram, Facebook e Youtube. Se volete saperne di più scriveteci un commento sotto a questo post o mandateci un messaggio sui social, saremo felici di darvi un consiglio ma facciamo molta fatica a rispondere alle mail, soprattutto quando siamo in viaggio.

Invece per maggiori dettagli per organizzare una vacanza in Germania vi segnaliamo il sito dell’Ente del Turismo della Germania che ringraziamo per il supporto durante questo viaggio. A seconda delle tematiche di interesse ci sono percorsi tematici diversi che permettono di conoscere il paese da differenti punti di vista.

Francesca Taioli

Francesca Taioli

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. #traveller #mum #dreamer