Ksamil - Gli isolotti di Ksamil

La nostra vacanza in Albania e il mare di Ksamil

Oggi, dopo i primi post di pancia, inizio a raccontarvi il nostro viaggio in Albania cercando di dare qualche informazione utile per chi volesse organizzare una vacanza da quelle parti e il primo articolo più “pratico” lo dedico a Ksamil.

[cml_media_alt id='6465']Ksamil - La piccola spiaggia vicino all'Hotel Arturi[/cml_media_alt]
Ksamil – La piccola spiaggia vicino all’Hotel Arturi

Ksamil si trova nel sud dell’Albania, proprio di fronte all’isola di Corfù, ed è la località dove abbiamo trascorso più giorni durante il nostro viaggio in Albania in macchina dello scorso agosto.
In realtà Ksamil  – il cui nome significa “sei miglia” ovvero la distanza che separa questa cittadina da Corfù – era, fino a non molto tempo fa, un piccolo villaggio di pescatori, sorto vicino al Parco archeologico di Butrinto, quasi sconosciuto se paragonato alla vicina e molto più famosa Saranda, una delle mete turistiche più note per chi sceglie di organizzare una vacanza in Albania.

[cml_media_alt id='6461']Ksamil - Lori Beach[/cml_media_alt]
Ksamil – Lori Beach

Da qualche anno però le cose sono cambiate e la fama della bellezza di questa cittadina di mare e delle sue “tre ishujt“, tre isolotti che si trovano molto vicini alla spiaggia, si è diffusa. Così le barche di pescatori hanno fatto posto a nuovissimi hotel e alle tante “dhoma plazhi“, ovvero le case in affitto sul mare, che ogni estate accolgono moltissimi turisti, albanesi e stranieri.

[cml_media_alt id='6462']Ksamil - Ksamil - La spiaggia di Pulbardha[/cml_media_alt]
Ksamil – Ksamil – La spiaggia di Pulbardha

In effetti prima di partire avevo letto che Ksamil è ad oggi è la località marittima più bella di tutta l’Albania, e devo dire che questa nomea è più che meritata. Il mare è incantevole, con spiagge di tipologia e grandezza diverse, accomunate peròtutte da una cosa: la bellezza delle loro acque.
Le spiagge di Ksamil sono davvero tante, alcune sono piccolissime calette di sabbia bianca soffice, altre sono spiagge più ampie di granelli dorati o ciottoli bianchi, ma ovunque il mare è lo stesso, con acqua trasparente che assume tutte le sfumature dal verde al turchese.

[cml_media_alt id='6463']Ksamil - La spiaggia di Pulbardha al tramonto[/cml_media_alt]
Ksamil – La spiaggia di Pulbardha al tramonto

Quindi se avete intenzione di andare a Ksamil con i bambini mettete maschera e scarpette di gomma in valigia e rassegnatevi a riuscire a tirare fuori i vostri figli dal mare sono quando avranno le dita accartocciate come delle prugne secche! 😉
Il nostro Patato – che in realtà non sa ancora nuotare – appena vedeva il mare si lanciava felice e ogni volta il dramma era il momento di uscire! Tanto che nei nostri piani c’era di fermarsi a Ksamil qualche giorno e fare un bel po’ di gite nei dintorni ma invece abbiamo… Esplorato tutte le spiagge della penisola! 😉

[cml_media_alt id='6464']Ksamil - La spiaggia degli specchi (Pasqyrat)[/cml_media_alt]
Ksamil – La spiaggia degli specchi (Pasqyrat)

Qui sotto quindi provo a darvi qualche suggerimento per andare a Ksamil con i bambini in base alla nostra esperienza. Tenete presente però che se in generale in Albania le cose cambiano molto velocemente a Ksamil forse questo cambiamento è ancora più veloce! Il turismo ha investito questa località come un ciclone, lì dove fino a pochi anni fa c’erano solo ulivi centenari oggi ci sono hotel e ristoranti, tante sono le case in costruzione o in attesa di essere finite mentre le strutture che quest’anno hanno “vista mare” l’anno prossimo potrebbero non averla più, perché altri hanno costruito ancora più vicino alla spiaggia.
Quindi verificate sempre prima di partire e informatevi bene prima di scegliere dove soggiornare! 🙂

[cml_media_alt id='6466']Ksamil - Un tramonto rosso fuoco[/cml_media_alt]
Ksamil – Un tramonto rosso fuoco

Organizzare una vacanza a Ksamil con i bambini

Le più belle spiagge di Ksamil con i bambini

Partiamo dalle spiagge che sono una delle ragioni per andare a Ksamil.
Ci sono tante spiagge a Ksamil, provo a indicarvi quelle che sono piaciute di più a noi con qualche consiglio per andarci coi bimbi:

  • Le spiagge di Ksamil: una lunga passeggiata parte dall’inizio del paese e costeggia il mare. Lì troverete. una dopo l’altra, moltissime piccole spiagge dall’acqua chiara e avrete solo l’imbarazzo della scelta.
    Tra le tante io vi consiglio la Spiaggia dell’Hotel Artur, proprio all’inizio della passeggiata dal lato di Saranda, che ha la sabbia e dove il mare digrada dolcemente. Inoltre c’è abbastanza spazio tra gli ombrelloni, ci sono le docce e i bagni e anche alcuni giochi per i bimbi.
    Proseguendo ne troverete molte altre, io vi consiglio di scegliere sulla base del volume della musica e dello spazio tra i lettini.
  • Bora Bora Beach: Una delle spiagge più conosciute di Ksamil e per questo più frequentate. Anche qui il mare è molto bello, con la particolarità che gli isolotti sono molto vicini. La spiaggia è abbastanza grande e sul lato sinistro c’è una piccola zona di spiaggia libera, dal pontile partono le imbarcazioni che portano agli isolotti.
  • Tre Ishujt Beach: Anche questa è una delle spiagge più belle e quindi più affollate, tanto che noi abbiamo dovuto insistere per riuscire a trovare posto. Qui la vista sugli isolotti è ancora più bella e uno degli isolotti si raggiunge a nuoto. Inoltre l’acqua rimane calma anche nel pomeriggio e l’acqua è, come sempre, bellissima.
  • Le spiagge delle isole: Con pochi euro (più o meno 12€ per una famiglia di tre persone) potrete farvi portare in barca in una delle spiagge degli isolotti. Una è vicinissima, la vedrete dalla riva e volendo la potrete raggiungere anche a nuoto o in pedalò, noi ci siamo fatti portare in un’altra di cui non ricordo il nome un po’ più lontana. Lì abbiamo trovato alcuni ombrelloni da affittare (ma non i lettini) e un mare se possibile ancora più bello che a Ksamil. Se ci andate però ricordatevi di portarvi il pranzo perché non ci sono bar sugli isolotti e tenete presente che è meglio arrivare la mattina presto anche perché poi diventano molto affollate (almeno in agosto). Volendo potrete anche affittare una barca per fare il giro di tutti gli isolotti di Ksamil e scegliere poi quello che preferite per andarci il giorno successivo!

[cml_media_alt id='6467']Ksamil - La bellissima spiaggia Bora Bora[/cml_media_alt]
Ksamil – La bellissima spiaggia Bora Bora
Oltre alle spiagge di Ksamil che troverete in centro c’è ne sono molte altre poco lontane, che però richiedono l’auto per poterle raggiungere. Ecco le nostre preferite tra Ksamil e Saranda:

  • Fladeno Beach: È una spiaggia tranquilla si sabbia grigiastra grossa e sassolini, appena fuori dal centro. È in una insenatura profonda quindi il mare è abbastanza calmo anche al pomeriggio quando noi abbiamo spesso trovato un po’ di vento.
  • Lori Beach: Una spiaggia tranquilla, con mare calmo e poco profondo e ombrelloni ben distanziati. La trovate seguendo la strada che porta a Pema e Thate.
  • Pema e Thate: Queste sono le spiagge di Ksamil coi bambini per eccellenza. Si tratta di due calette gemelle, minuscole, con due file soltanto di ombrelloni. Anche se non è secondo me il mare più bello di Ksamil la sabbia è soffice e grigia e il mare digrada davvero molto lentamente. Arrivate presto per trovare posto!
  • Gjiri i Hartes​​: È la prima spiaggia di Ksamil che si incontra uscendo in direzione di Saranda. Vi si arriva con una strada asfaltate, la spiaggia ha sabbia grigia e il mare digrada dolcemente.
  • Pulebardha: È chiamata la spiaggia dei gabbiani, ci si arriva con una strada sterrata, seguendo il cartello che si trova sulla strada che collega Ksamil a Saranda. La spiaggia si raggiunge scendendo una lunga scala, l’acqua è trasparente e fatta di sassi bianchi. Sulla sinistra c’è una parte di spiaggia libera e i lettini non sono troppo attaccati l’uno all’altro.
  • Pasqyrat: Subito dopo la Spiaggia dei Gabbiani, provenendo da Ksamil in direzione di Saranda, un’altra strada sterrata vi porterà a questa spiaggia di sabbia e sassi fatta in realtà da due calette gemelle. La prima è attrezzata con ombrelloni, docce, bagni, cabine per il cambio e un bar ristorante. La seconda invece è una bellissima spiaggia libera di sabbia bianca accessibile solo passando nel mare. Se ci andate portatevi l’ombrellone e il necessario per i pranzo e, se siete coi bimbi piccoli, usate un salvagente perché la mattina dovrete camminare nel mare che arriva fino alla pancia di un adulto.
  • I Manastirit Beach: La “spiaggia del monastero” è un’altra spiaggia lungo la strada per Saranda, anche questa di ciottoli bianchi, molto tranquilla e con una parte di spiaggia libera a sinistra. Portatevi le scarpette da scoglio e tenete presente che il mare può essere mosso al pomeriggio.
  • Heaven Beach: Questa in realtà è una spiaggia di Saranda ma è comunque vicina a Ksamil se avete la macchina. Si tratta di una caletta molto tranquilla e per nulla affollata anche a ferragosto, con sassi e scogli. Lì troverete un ristorante, portatevi le scarpette da scoglio e tenete presente che l’acqua diventa profonda velocemente.
[cml_media_alt id='6460']Ksamil - La spiaggia di Pema e Thate con le sue acque poco profonde[/cml_media_alt]
Ksamil – La spiaggia di Pema e Thate con le sue acque poco profonde

Quando ci siamo stati noi tutte le spiagge erano attrezzate e solo alcune avevano una l’area di spiaggia libera, un ombrellone e due lettini costavano però 500 lekh (più o meno 3 euro). Se pensate di andare nella spiaggia libera procuratevi però un ombrellone perché il sole picchia forte e non dimenticate la crema solare!

Cosa vedere a Ksamil

Oltre alle spiagge ci sono altre cose da vedere a Ksamil e dintorni anche se, secondo la nostra esperienza, è molto difficile staccarsi dal mare! 😉 Ci sono però alcune gite imperdibili se trascorrete una vacanza in Albania soggiornando a Ksamil, io provo a indicarvene qualcuna di quelle che abbiamo fatto noi.

[cml_media_alt id='6457']Ksamil - Le rovine dell'antica città di Butrinto[/cml_media_alt]
Ksamil – Le rovine dell’antica città di Butrinto

La prima è sicuramente il Parco Archeologico di Butrinto inserito nella lista dei beni Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Se amate la storia Butrinto è uno dei siti più interessanti di tutta l’Albania, che tra l’altro si trova in una cornice molto suggestiva, circondato dalla laguna. Il parco è aperto fino al tramonto, quindi volendo ci si può andare anche dopo aver trascorso la giornata al mare, però in questo caso ricordatevi di portare l’antizanzare. Se volete leggere il nostro racconto su Butrinto e vedere qualche immagine potete seguire questo link.

[cml_media_alt id='6456']Gite da Ksamil - Syri i Kalter - La sorgente dell'Occhio Blu[/cml_media_alt]
Gite da Ksamil – Syri i Kalter – La sorgente dell’Occhio Blu

Un’altra gita molto facile da Ksamil è il Blu Eye – Syri i Kalter in albanese – una sorgente che si trova nell’entroterra, la cui profondità è ancora oscura che genera una pozza d’acqua freddissima di color blu intenso in cui i più coraggiosi si tuffano da una piattaforma. Per raggiungerlo seguite la strada per Argirocastro e poi svoltate a sinistra seguendo il cartello, percorrerete una strada sterrata e dovrete pagare un biglietto per accedere al sito. Una volta arrivati troverete un parcheggio, un paio di bar-ristoranti e anche alcuni bungalow per trascorrere la notte.

[cml_media_alt id='6468']Gite da Ksamil - L'antica città di Gjirokaster[/cml_media_alt]
Gite da Ksamil – L’antica città di Gjirokaster

Proseguendo oltre il Blue Eye, con una strada tra le montagne arriverete ad una delle città più belle dell’Albania del sud: Gjirokastra. Questa città, conosciuta in italiano come Argirocastra è anche nota come “la città d’argento” perché pare che dopo un temporale i suoi tetti di pietr risplendano come metallo. Anche questa città è inserita nella lista Patrimonio dell’UNESCO e se ci andate non mancate di visitare il Castello con i suoi musei. Qui trovate la nostra esperienza.

[cml_media_alt id='6458']Gite da Ksamil - Saranda e il suo lungomare[/cml_media_alt]
Gite da Ksamil – Saranda e il suo lungomare

Molto vicina a Ksamil, tanto che in molti preferiscono dormire in città e poi andare al mare lì, c’è Saranda, la città bianca, una delle mete turistiche più conosciute per le vacanze in Albania. Secondo me una gita in città è d’obbligo, magari la sera, per godersi il lungomare, le bancarelle e un po’ di vita mondana. Tenete presente però che il traffico di Saranda può essere parecchio caotico e che non è così facile trovare parcheggio. Qui ne abbiamo raccontato meglio.

Ksamil è molto vicino all’isola di Corfù e da Saranda volendo potrete prendere un aliscafo che in circa mezz’ora vi porterà in Grecia, per la gita in giornata o, perché no, per qualche giorno in più. Corfù è davvero molto affascinante, ricca di cose da vedere oltre che di belle spiagge, ne ho raccontato con un post a parte che potete leggere seguento questo link. Se ci andate però ricordatevi la carta d’identità e gli euro! 🙂

[cml_media_alt id='6415']Viaggio in Albania - Uno degli isolotti di Ksamil[/cml_media_alt]
Viaggio in Albania – Uno degli isolotti di Ksamil

Dove mangiare a Ksamil

In paese ci sono moltissimi ristoranti di tutti i tipi e secondo la nostra esperienza in Albania si mangia molto bene quasi ovunque e, se lo desiderate, si riesce a trovare paste e risotti cotti a puntino … Come in Italia! Anche perché molti cuochi hanno lavorato per qualche anno nel Belpaese prima di tornare a aprire il proprio ristorante in patria.
Noi abbiamo affittato un appartamento con cucina, la sera abbiamo quasi sempre cenato a casa, mentre a pranzo spesso ci siamo fermati in spiaggia. Ogni spiaggia di Ksamil ha infatti il proprio bar ristorante dove si trova di tutto, incluso pesce fresco cucinato in modo delizioso (con una spesa di 10/15 euro per 3 persone).

[cml_media_alt id='6469']In Albania si mangià pesce di ottima qualità cucinato come in Italia[/cml_media_alt]
In Albania si mangià pesce di ottima qualità cucinato come in Italia

Dove dormire a Ksamil coi bambini

Noi abbiamo soggiornato al Kosta Baci Apartment, all’inizio di Ksamil, noi abbiamo prenotato con booking: le recensioni erano ottime e veramente meritate. Si tratta di un edificio nuovo a pochi passi dal mare, diviso in diversi appartamenti che vengono affittati dai proprietari che vivono anch’essi lì accanto. La nostra casa era ben arredata, pulita, con due stanze, un bellissimo terrazzo dove pranzare e proprietari gentili, che hanno perfino fatto per noi la lavatrice, visto che ad un certo punto eravamo rimasti senza cambi per il bimbo! 😉 L’unico difetto per me è la tenda della doccia che non c’era con conseguente allagamento del bagno ma niente di insuperabile! Volendo poi si può pranzare o cenare presso i proprietari, c’è il wifi che funziona e la figlia parla inglese.

Altre informazioni utili per andare a Ksamil con i bambini

In generale tenete presente che agosto è il mese più affollato e costoso per andare in vacanza in Albania e Ksamil è una delle località più belle, quindi fate due più due e… Se potete andate a luglio! 😉 Detto questo noi abbiamo “scelto” di andare a Ksamil ad agosto e posso dirvi che il mare è comunque meraviglioso e i prezzi più vantaggiosi che in Italia, ma preparatevi a dovervi alzare presto la mattina per trovare il posto in prima fila in spiaggia e a pagare tutto un po’ di più!

Ricordatevi che molte spiagge di Ksamil hanno sabbia chiara e soffice ma alcune, molto belle, hanno sassi bianchi, quindi se le avete portatevi quindi le scarpette, sarete di certo più comodi. infine se andate a Ksamil con bambini piccoli non preoccupatevi, i market del paese vendono molti prodotti italiani e alla Conad troverete tutto quello che vi serve (anche se Conad è il market più caro!). Di contro a Ksamil troverete meno persone capaci di parlare italiano rispetto al resto dell’Albania, qui sono molto più vicini alla Grecia quindi ve la caverete ovunque con il greco o… Un po’ di inglese! 🙂



Booking.com

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer