La Reggia di Venaria

La Reggia di Venaria a Torino

La Reggia di Venaria Reale alle porte di Torino è una delle Residenze Sabaude iscritte alla lista del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.
Si tratta di un complesso meraviglioso e enorme che in realtà ha vissuto una storia travagliata e dopo anni di abbandono è stata riportata agli antichi splendori solo agli inizi di quest terzo millennio.

Voluta da Carlo Emanuele II di Savoia per legare il suo nome a quello della consorte fu terminata alla fine del 1600 ma già agli inizi del ‘700 subì i primi saccheggi ad opera dell’esercito francese prima e dalle armate napoleoniche poi.
Nel suo periodo “d’oro” arrivarono a viverci fino a cinquecento persone, compresa la servitù e tutta la corte della famiglia reale e la Reggia era una piccola città di divertimento e piacere ma in realtà anche centro di politica e di decisioni.

Il 1798 con l’occupazione napoleonica sancì però la fine della Reggia come residenza reale e portò all’inizio di un periodo di lenta ma inesorabile decadenza per questa dimora. I suoi giardini meravigliosi, gli stucchi e i tesori vennero dimenticati e coperti dalla polvere del tempo, la Reggia fu perfino utilizzata come magazzino e ignoti vandali fecero scempio delle sue preziose vetrate e delle sale riccamente decorate.
La Reggia di Venaria divenne un monumento al passato – “la Reggia perduta” come qualcuno la chiamò – fino a che nel 1997 iniziarono i lavori di restauro.

Lo spettacolo dei giochi d'acqua della Fontana del Cervo alla Reggia di Venaria
Lo spettacolo dei giochi d’acqua della Fontana del Cervo alla Reggia di Venaria

Oggi visitandola si stenta a credere che le fotografie che la ritraggono ingombra di casse e quasi in rovina siano veramente state scattate qui.
La Reggia adesso è stupenda, una residenza piena di fascino capace di rivaleggiare con le residenze dei reali europei. Gli stucchi sono stati riportati al loro antico splendore, le ampie vetrate inondano di luce le grandi sale decorate con quadri e arazzi mentre fuori i giardini traboccano di colori. Ovviamente molti degli affreschi, ma anche gli arredi e gli arazzi che decoravano le pareti, sono andati perduti, saccheggiati o irrimediabilmente rovinati, ma i restauratori hanno fatto un lavoro incredibile riportando Venaria Reale alla vita.

E infatti oggi visitare la Reggia in una giornata di sole riempie di meraviglia, con le montagne a far da sfondo e il verde del parco che contrasta con il blu del cielo, e questa antica dimora lascia senza parole, mentre camminare per i viali dell’enorme parco – che ancora porta i segni delle devastazioni subite e dove continuano i lavori – è un modo per rilassarsi e scattare fotografie.

Per noi la Reggia di Venaria è stata una bellissima scoperta, ancor più apprezzata per il fatto di aver trovato piccole sorprese che hanno fatto sorridere e divertire il nostro bambino: il Fantacasino con i suoi giochi, la gondola, le carrozze e il trenino che sfreccia sui lunghi viali.
Un’atmosfera principesca che ho vissuto in altre delle antiche dimore reali europee ma mai mi sarei aspettata di trovare a pochi passi da Torino! E invece questa città mi ha sorpresa di nuovo, proprio come in passato!

La sontuosa Galleria di Diana alla Reggia di Venaria
La sontuosa Galleria di Diana alla Reggia di Venaria

Informazioni utili per visitare la Reggia di Venaria Reale coi bambini

Come e dove: Dove si trova la Reggia di Venaria?

La Reggia si trova a Venaria Reale poco distante da Torino.

I biglietti si acquistano nella biglietteria dell’antico borgo o anche a quella dei giardini. È possibile scegliere tra diverse opzioni acquistando il biglietto per la Reggia e i Giardini, solo per i giardini o anche per le mostre. È possibile acquistare anche i biglietto per il Castello della Mandria che però si trova a circa due chilometri di distanza.

Per i possessori di alcune tessere come quelle del Decathlon, dell’Ikea Family o del Touring Club sono previste riduzioni, a cui hanno diritto anche i titolari delle carte imbarco Alitalia con partenza o destinazione da città italiana e i possessori del biglietto dello zoom di Torino. I biglietti per il giro in gondola, treno o carrozza sono invece da acquistare dentro al Parco.

Tasto dolente sono i parcheggi: noi abbiamo trovato solo parcheggi a tempo, è possibile fare il giornaliero ma non alle macchinette (dovete chiedere agli operatori della sosta che però noi non abbiamo trovato!).

Cosa vedere con i bambini a Venaria Reale

Se il Museo e le stanze reali potrebbero non essere molto interessanti per i bambini il parco con i cigni, i pavoni e la possibilità di salire sul treno, sulle carrozze o sulla gondola sono di certo a misura di bimbo.
Bellissimo è poi il Fantacasino, un padiglione coperto con giochi antichi e molto particolari fatti tutti in legno e materiali naturali.

Curioso se la stagione lo permette è anche visitare l’orto dove vengono coltivati diversi tipi di ortaggi, europei e extraeuropei dove potrete divertirvi a riconoscere le zucche dalle luffe! 🙂

Alle ore 12.00 e 19.30 c’è poi lo spettacolo delle fontane danzanti davanti all’ingresso principale (verificate però gli orari all’ingresso visto che potrebbero variare a seconda della stagione!).

Giochi di legno per grandi e piccini al Boschetto dei giochi e Fantacasino
Giochi di legno per grandi e piccini al Boschetto dei giochi e Fantacasino

Visitare la Reggia di Venaria con il passeggino e i bambini piccoli

Tutti i viali sono percorribili con i passeggini. Nella reggia ci sono alcune scale ma il personale vi farà passare sulle rampe aprendovi le porte di servizio.
Ci sono alcuni fasciatoi tra cui uno all’ingresso della Reggia di Venaria.

Dove mangiare alla Reggia di Venaria

Per il pranzo potete portarvi il necessario – ci sono alcune aree attrezzate per il pic-nic nel Parco della Reggia – oppure fermarvi in uno dei bar/gelaterie che si trovano nei giardini e nella villa.

Tenete presente che potete entrare e uscire a vostro piacere dai giardini della Reggia di Venaria, quindi potreste anche pranzare nell’antico borgo in uno dei tanti ristoranti.

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer