Le Cornelle, il parco faunistico con i bambini

La gita al Parco delle Cornelle con i bambini, se come me abitate in Brianza, è un classico. Si tratta infatti di uno di quei posti dove si va con la scuola o la domenica con la famiglia e che è impossibile non aver visitato almeno una volta nella vita. Non potevamo quindi non portarci il nostro bimbo non appena ha iniziato a chiedere insistentemente di vedere gli animali che fino a quel momento aveva conosciuto solo dalle illustrazioni dei suoi libri.

Non so come la pensate in proposito dei giardini zoologici: il Parco delle Cornelle è a tutti gli effetti uno zoo, anche se le gabbie sono molto grandi e gli animali ben tenuti. Il concetto però non cambia: gli animali delle Cornelle sono in gabbia e questo, questo lo so bene, non tutti lo apprezzano. Io personalmente sono tra quelle che preferisce sempre vedere gli animali in libertà, al momento però un safari in Africa non è molto fattibile e da bambina ho sempre amato andarci.

Per tutte queste ragioni in una calda domenica di giugno abbiamo caricato in auto un bimbo che voleva vedere gli elefanti e siamo partiti alla volta di Valbrembo dove si trova il Parco Faunistico Le Cornelle.

Una giornata a Le Cornelle con i bambini

Come mi aspettavo al Parco Le Cornelle c’erano moltissimi bambini accompagnati dai genitori. A dirla tutta i bimbi erano in un numero incredibile: fin nel parcheggio era tutto un togliere passeggini dal bagagliaio e richiamare piccoli visitatori già iper-eccitati che correvano verso l’ingresso.

Una volta entrati al Parco delle Cornelle la gioia e lo stupore dei piccoli sarebbe stata visibile sui loro volti anche senza udire le loro grida entusiaste di sottofondo: i bambini correvano dalla gabbia della scimmie a quella dei gufi, osservavano increduli le grosse zampe della tigre e poi si alzavano sulle punte dei piedi per vedere le giraffe dal lungo collo trascinando i genitori affaticati da una tappa all’altra. Ovviamente anche nostro bimbo, esattamente come gli altri, ha corso felice verso le tartarughe giganti e si è fermato stupito davanti al rinoceronte, ha chiesto di poter dare l’erba alle giraffe e osservato con timore il leone e, una volta a casa, ha raccontato a tutti di aver visto gli elefanti…

Insomma il Parco Le Cornelle non è certo un safari e a me – lo confesso – vedere gli animali fuori dal loro ambiente naturale mette sempre un po’ tristezza, ma il nostro bambino si è divertito molto e per questo ho deciso di scriverne. Tra l’altro questo parco è una delle cose da vedere vicino a Bergamo quindi se vi trovate a trascorrere qualche giorno in città e cercate idee per trascorrere una giornata con i bambini è una meta perfetta.

Qui sotto trovate anche qualche informazione per visitare Le Cornelle che spero possa esservi d’aiuto. Per il resto buona gita e se capitate da queste parti… fatemi un fischio! 🙂

Informazioni pratiche per una giornata al Parco delle Cornelle

Di seguito le informazioni per una visita alle Cornelle, tenete presente che i cani non sono ammessi.

Come raggiungere Le Cornelle in macchina

Il Parco delle Cornelle si trova a Valbrembo poco lontano da Bergamo. Si raggiunge comodamente in auto e c’è un grande parcheggio per i visitatori. Se invece vi muovete con i mezzi pubblici dovete prima prendere il treno per Bergamo poi dalla stazione dovete prendere il bus n° 8 fino a Loreto e un altro bus (n° 10) fino a Valbrembo. Nei giorni festivi nel periodo da marzo a ottobre ilbus  n°10 arriva direttamente nel parcheggio del Parco.

Per mangiare al Parco Faunistico le Cornelle

Nel parco ci sono diversi luoghi di ristoro ma anche aree pic-nic e panchine dove è possibile pranzare. Se volete contenere i costi quindi il pranzo al sacco è un’ottima idea e infatti è normale vedere famiglie con le borse frigo o i panini!

Le Cornelle: orari

Il parco delle Cornelle è aperto da febbraio a novembre, con orari diversi a seconda delle stagioni (9.00-17 o 9.00-18.00 o 9.00-19.00). L’ingresso è possibile fino a un’ora prima della chiusura del parco ed è possibile uscire e rientrare nel parco nella stessa giornata richiedendo l’apposito timbro.

Prezzi del Parco delle Cornelle per bambini e giorno del compleanno

Per le tariffe vi rimando al sito ufficiale, sempre aggiornato anche con le scontistiche. A questo proposito vi segnalo però che i bambini fino ai 2 anni non pagano e fino agli 11 anni entrano gratis il girono del compleanno (mostrando il documento di identità).

Nel weekend c’è molta gente ma sul sito potete acquistare in anticipo il biglietto così da evitare la fila alla cassa.

Quando andare al Parco delle Cornelle

Se volete un consiglio il periodo migliore per andare alle Cornelle con i bambini è la primavera: nelle calde giornate estive infatti gli animali tendono a dormire o a trovare riparo all’ombra rischiando di non “mostrarsi” e deludere i più piccoli.

La visita con i bambini al Parco Cornelle

Tutti i sentieri del Parco delle Cornelle sono percorribili con i passeggini ma per chi vuole c’è anche un trenino che – con un costo aggiuntivo di pochi euro – permette di fare il giro del parco.

Se i vostri bambini sono ancora piccoli portatevi il passeggino o la fascia, la visita è lunga e sono tanti i bimbi che tra corse e emozioni si addormentano infine stremati. Proprio per loro il trenino delle Cornelle è un’ottima idea per visitare il parco senza farli stancare troppo.

Infine tenete presente che al Parco Faunistico delle Cornelle ci sono anche un’area con scivoli e altalene e una zona con alcune piccole giostre per far giocare i più piccoli. Inoltre c’è una nursery per il cambio dei piccoli che troverete segnalata sulla mappa che vi daranno all’ingresso del Parco.

Cosa vedere vicino al Parco delle Cornelle

Se non siete delle zona e avete in mente di trascorrere un weekend da queste parti provo a darvi qualche spunto per visitare il Parco Faunistico delle Cornelle.

  • Minitalia-Leolandia: Poco lontano dal Parco Le Cornelle c’è l’altrettanto famoso Parco Leolandia, che ospita anche la Casa di Peppa Pig, perfetto se i vostri bimbi amano questo cartone animato ma anche per le giostre che sono tutte a prova di bimbi piccoli.
  • Bergamo: Bergamo è una città che vi sorprenderà, in particolare la Città Alta è davvero bella da visitare e coi bambini vale la pena salire in funicolare anche fino a San Vigilio. Nel post dedicato trovate qualche consiglio per trascorrere una giornata in città.
  • Selvino: Se avete voglia di trascorrere una giornata in montagna adatta anche ai piccolissimi potreste optare per Selvino, una località in montagna poco distante da Bergamo che offre tante attività sia in inverno che in estate per i più piccoli.

Se vi è piaciuto questo articolo condividetelo perché… sharing is caring! 😉 Se avete dubbi o domande contattateci su Facebook, Instagram o YouTube saremo felici di rispondervi.

2 commenti su “Le Cornelle, il parco faunistico con i bambini”

  1. certo non è come vederli in libertà però in posti così di solito un pò di spazio lo hanno e sembrano trattati bene…meglio che nello zoo che ricordo io da bambina…terribile!
    Noi abbiamo visitato un luogo così in Portogallo, a Porto, molto bello, e c’è uno zoo safari a Pombia, se vi interessa. Mia cognata ci porta i figli almeno due volte l’anno!

    • Lo Zoo Safari di Pombia lo conoscevo ma non mi abbiamo ancora portato il Patato!
      Quello di Porto invece è un ottimo consiglio perché mi piacerebbe tornarci in tre! La città (e il Portogallo in generale) mi era piaciuta molto!!:)

Lascia un commento