Langhe e Roero - Corneliano d'Alba

Le nostre vacanze di Natale nelle Langhe e non solo

Quest’anno le nostre vacanze natalizie sono state un po’ saltellanti, con un inizio faticoso e un “crescendo rilassante” che io speravo e di cui avevamo tanto bisogno tutti quanti.

Perchè avete presente quei periodi in cui sei elettrico come un gatto in un giorno di vento? E alla fine arrivi alle tanto sospirate vacanze con una lista di aspettative talmente lunga che nemmeno il sacco di Babbo Natale sembra poterle contenere.

Ecco, è esattamente così che noi siamo arrivati così alla nostra partenza due giorni prima di Natale

[cml_media_alt id='16513']Vacanze di Natale a Tbilisi cosa vedere [/cml_media_alt]
Vacanze di Natale a Tbilisi cosa vedere
[cml_media_alt id='16462']Visitare Tbilisi - cosa vedere in Georgia con i bambini[/cml_media_alt]
Visitare di Natale a Tbilisi

Le nostre feste di Natale itineranti

Il nostro Natale l’abbiamo trascorso a Tbilisi, in Georgia, ultimo viaggio dell’anno in un paese che sognavamo di visitare da quando, ormai ere geologiche fa, abbiamo scoperto la cucina georgiana e ce ne siamo innamorati. Poi siamo rimasti a casa qualche giorno, vittime dell’ennesimo scombinamento di piani del 2018 di cui avremmo volentieri fatto a meno, ma questo anno appena concluso ha voluto andarsene col botto, lasciandoci l’ennesimo malanno a tradimento proprio prima di andarsene. Infine, dopo Capodanno, siamo ripartiti per le Langhe e Roero, un angolo di Piemonte che per noi è un po’ “casa”.

Ma alle feste siamo arrivati in affanno, dopo un periodo di malanni del tipo “Saturno Contro” e al ritorno dalla Georgia ci siamo beccati un bel giro di influenza, che ci ha costretti a rimandare la partenza e trascorrere la notte di Capodanno sotto il piumone, con il gatto accovacciato sui piedi e il film di E.T. su dvd.

Io poi sono stata male proprio sul volo di ritorno, con una scena del tipo film e le hostess che chiedevano al microfono se ci fosse un medico a bordo. Una di quelle cose che, se non fosse che stavo già male di mio, sarei sprofondata tipo sasso nello stagno per la vergogna.

Alla fine però se devo fare un bilancio mi rendo conto che sono state delle vacanze particolari, di scoperta e di famiglia. Ma anche di decompressione dopo un periodo non facile, inframmezzate da qualche contrattempo di cui avremmo volentieri fatto a meno.

Quindi quando si è trattato di partire per le Langhe in valigia ho messo tutto quello che avrebbe potuto servici, inclusa NeoBorocillina Gola Junior: pastiglie gommose pensate per il mal di gola dei bambini che proteggono la gola, alleviando il dolore.
Una sorta di cornetto portafortuna; perché dopo aver già dato a sufficienza speravo proprio di non averne bisogno, ma, quando l’ho vista in farmacia, con il suo gusto cola, ho pensato che non si sa mai e l’ho aggiunta al beauty dei farmaci, già per altro bello pieno.

In realtà le Langhe e il Roero sono un pezzo di casa e sapevo già che lì avrei avuto ad attenderci tutto il necessario in caso di malanni, inclusi i nonni. Ma siccome non si sa mai mi sono attrezzata come se dovessi partire per una meta lontanissima e non per un posto che chiamiamo casa.

[cml_media_alt id='16554']La nostra partenza per le Langhe [/cml_media_alt]
La nostra partenza per le Langhe
[cml_media_alt id='16556']Vacanza nelle Langhe e Roero [/cml_media_alt]
Vacanza nelle Langhe e Roero

Vacanza nelle Langhe a casa

Le Langhe per noi sono le biove fragranti comprate dal panettiere sotto casa, il giretto al mercato da cui si torna sempre con qualcosa di buono sotto il braccio, i giorni lenti, le sveglie tardi, i cartoni tutti insieme e le lunghe partite a carte. Ma anche i borghi sonnolenti da scoprire come se fosse la prima volta, i saluti ai parenti e le fotografie ai vigneti che scatti comunque, anche se ne hai già l’hard disk pieno.

Sono le campane della chiesa che ti danno la sveglia al mattino, i film nel lettone, il profumo del tartufo e i bijoux zuccherosi, deliziosi dolcetti piemontesi con cui fare merenda e pure colazione, alla faccia del panettone milanese, che sarà anche buono ma, mi spiace per lui, non altrettanto.

Perché alle volte basta poco per star bene, è sufficiente essere in uno dei posti del cuore con le persone che si amano, senza programmi nè cose speciali da organizzare. Semplicemente in vacanza, dimenticandosi di tutto il resto almeno per un po’.

[cml_media_alt id='16544']Dove comprare il tartufo a Alba nelle Langhe[/cml_media_alt]
Il tartufo nero di Alba nelle Langhe
[cml_media_alt id='3952']Santa Vittoria D'alba - cosa vedere nelle Langhe e Roero[/cml_media_alt]
Santa Vittoria D’alba – cosa vedere nelle Langhe e Roero

Consigli per una vacanza nelle Langhe e Roero

Se però state pensando a una vacanza in zona posso assicurarvi che le Langhe e il Roero sono una meta che regala sempre soddisfazioni, quindi vi lascio qui sotto qualche consiglio al volo, con alcune mete da non mancare in zona e qualche link per approfondire:

  • Il Magico Paese di Govone: Segnatevi questo paese se state pensando di andare nelle Langhe a Natale con i bambini. Qui state certi che troverete la magia del Natale in Langa.
  • Alba: Non ce n’è, Alba è la capitale delle Langhe e un giro in città è sempre una delle nostre tappe fisse, tra mercato e via Maestra (che poi si chiamerebbe via Vittorio Emanuele ma non ditelo agli albesi!)
  • Itinerario nelle Langhe: Dedicato a chi vuole visitare la zona e non sa da che parte cominciare ecco il nostro personalissimo itiernario nelle Langhe.

Per maggiori informazioni spulciate un pochino il blog e se vi è piaciuto questo articolo seguiteci su Facebook, Instagram e YouTube per continuare a seguirci nei nostri viaggi.

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer