Le terme di Tbilisi: Abanotubani e le sorgenti sulfuree

Le terme di Tbilisi nel quartiere di Abanotubani sono assolutamente una delle ragioni per andare in città, nonché parte della storia della capitale della Georgia.

Ne avete mai sentito parlare?

Forse no, semplicemente perchè la città si sta aprendo proprio in questi anni al turismo e per molti è ancora una meta sconosciuta (se state organizzando qui trovate una guida di viaggio per partire! 😉 ).

Ma dicevamo delle terme… E per questo vi assicuro che vi basterà arrivare nel quartiere delle terme di Tbilisi – Abanotubani, appunto – e dare uno sguardo alla targa che campeggia sopra alla parete dei Bagni Orbeliani, tra i più antichi della città, per farvi un’idea di quanta storia c’è dietro a queste cupole e alle sorgenti sulfuree che le alimentano.

NON PARTIRE SENZA LA GUIDA DI TBILISI

Il quartiere di Abanotubani visto dall’alto

La storia delle terme di Tbilisi

Leggendo la targa capirete che fare le terme a Tbilisi non sono una questione di trend ma proprio un’esperienza che fa parte della città. L’iscrizione commemora infatti la visita ai bagni sulfurei di Tbilisi fatta da Puškin nel 1829, il quale, a seguito dell’esperienza, affermò di non aver mai visto nulla di così meraviglioso.

Il poeta russo fu però solo uno degli illustri visitatori delle terme di Tbilisi che non solo fanno parte della storia della città ma hanno portato alla sua fondazione.

Tbilisi significa infatti “luogo caldo” e la leggenda narra che re Vakhtang I Gorgasali arrivò sul territorio di quella che oggi è la capitale della Georgia durante una battuta di caccia al falcone. Vedendo il fagiano cacciato riemergere guarito da una delle pozze lì vicine il re si accorse che l’acqua era calda e decise dunque di fondare proprio in quel luogo una nuova città.

Da allora – ma anche prima di allora – le terme della città hanno accolto milioni di persone: turisti stanchi dopo una giornata in giro per la città e carovanieri impolverati dopo chilometri percorsi sulla Via della Seta, ma anche cittadini georgiani che si ritrovano nei bagni termali per decidere di questioni importanti e trattare affari.

I bagni sulfurei di Tbilisi

Si narra che nel XII secolo fossero ben 65 i bagni sulfurei presenti in città e le terme di Tbilisi hanno a lungo avuto per lunghissimo tempo un ruolo molto importante nella vita dei georgiani, divenendo luogo dove celebrare matrimoni e fidanzamenti ma anche altre occasioni speciali. Non a caso le sale dei bagni più antichi sono molto ampie, affrescate e decorate con mosaici nonché dotate di ampi salottini con tavolini e poltrone per bere e mangiare in compagnia.

Le terme di Tbilisi hanno avuto anche una funzione fondamentale durante il periodo dell’occupazione sovietica quando i blackout erano frequenti e non sempre le famiglie potevano disporre di acqua calda per lavarsi in casa.

I bagni sulfurei di Tbilisi: terme private

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: COSA VEDERE A TBILISI

I bagni sulfurei di Abanotubani oggi

Oggi in verità sono pochi gli abitanti della capitale che si recano abitualmente alle terme. Le questioni di business vengono discusse nei bar o nei ristoranti e i prezzi sono oggettivamente elevati per le normali famiglie georgiane.

In compenso però le terme di Tbilisi sono diventate una meta molto popolare per i turisti che beneficiano dei poteri rilassanti e curativi delle acque sulfuree. Oggi sono solo sette degli antichi bagni termali del quartiere di Abanotubani nella Old Tbilisi – ovvero il centro storico della città – sono ancora funzionanti ma regalano un’esperienza indimenticabile.

Quindi se siete come amanti delle terme non lasciatevi scappare l’occasione di andarci. E se state già annuendo con la testa… Continuate a leggere così da sapere come funzionano le terme di Tbilisi.

Come funzionano le terme di Tbilisi

Le terme di Tbilisi sono alimentate da una sorgente sulfurea calda che sgorga dal sottosuolo e viene incanalata in tubature che alimentano i bagni termali. Pare che l’acqua termale della città faccia molto bene per la pelle e anche per i disturbi digestivi quindi, oltre che un tuffo nella storia, è anche un toccasana per la salute!

Andare alle terme di Abanotubani è molto semplice: se non avete preferenze vi basterà entrare in uno qualsiasi e chiedere la disponibilità per l’orario che preferite. Se non c’è posto passate al bagno accanto. In ogni caso i bagni termali sono normalmente aperti dalla mattina presto fino a sera, quindi non avrete problemi a trovare disponibilità, in particolare se opterete per le terme collettive.

Terme di Tbilisi: private o collettive?

Le tradizionali terme collettive sono infatti sempre disponibili, vi si accede nudi (quindi senza costume), divisi tra bagni maschili o femminili. L’esperienza dura normalmente un’ora: all’ingresso con un piccolo sovrapprezzo potrete, se non avete i vostri, noleggiare un telo e/o, in alcuni casi, ciabattine e shampoo. E oltre ai bagni termali potrete anche farvi fare un massaggio o un trattamento.

Per le terme private invece potrebbe essere un pochino più complesso…

LEGGI ANCHE: ESPERIENZE DA FARE A TBILISI

I Bagni Orbeliani - le terme di Tbilisi nel quartiere di Abanotubani
I Bagni Orbeliani – le terme di Tbilisi nel quartiere di Abanotubani

Come prenotare una stanza privata nei bagni termali di Tbilisi

Oltre alle terme collettive potreste regalarvi l’esperienza di affittare una sala privata negli antichi bagni di Abanotubani. Le tariffe sono orarie (minimo un’ora) ma le stanze hanno costi diversi a seconda delle dimensioni (e quindi del numero di ospiti potenziali) e dei servizi aggiuntivi (per esempio la sauna o i trattamenti). Potrete sempre ordinare anche tè (chai) e qualcosa da mangiare o da bere per godervi al massimo l’esperienza. Poi una volta scaduta il tempo prenotato vi verranno a chiamare, così avrete modo di vestirvi e asciugarvi.

Le tariffe normalmente partono da 70/80 gel per una stanza da due persone, non è però così facile trovare disponibilità, in particolare per i bagni più belli.

I migliori bagni termali di Abanotubani

Come vi ho detto i bagni attualmente in funzione ad Abanotubani sono sette.

I bagni più famosi di Tbilisi sono sicuramente i Bagni Orbeliani, quelli di Puskin e che riconoscerete per via della facciata di maioliche azzurre. Se avete intenzione di andarci è meglio prenotare in anticipo: il servizio è ottimo, i bagni sono stati rinnovati di recente e il personale parla inglese.

Molto famosi sono poi i Royal Bath, poco distanti, dall’altra parte del fiume, anche questi molto richiesti. Meno meno moderni sono i Bagni Nr.5 che hanno però sale splendidamente decorate. Qui l’ambiente è più old style e il personale parla un inglese basico ma costano un po’ meno e valgono l’esperienza. In ogni caso qualunque sia il bagno di Tbilisi che sceglierete sarà un momento indimenticabile. Infine un’ultima informazione per le donne: in tutti questi bagni troverete anche il phon per asciugarvi i capelli 😉

I bagni termali di Tbilisi – all’interno degli stabilimenti termali

Se volete maggiori informazioni su un viaggio a Tbilisi vi segnaliamo il sito ufficiale dell’Ente del Turismo che ringraziamo per il supporto nella realizzazione di questo reportage. E se vi è piaciuto questo articolo condividetelo (sharing is caring 😉 ) e seguiteci su Facebook, Instagram e YouTube.

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

Lascia un commento