Mercato dei cammelli - Al Ain

Lo shopping in viaggio tra Dubai e Abu Dhabi: Gli Emirati Arabi

Per me gli Emirati Arabi sono stati una  sorpresa piacevole e inaspettata.

Sono partita immaginando grattacieli e lusso sfrenato e sono tornata a casa con il deserto nel cuore e mille bellissime sorprese che mi hanno riempito gli occhi e l’anima.
E allora eccole queste meravigliose sorprese.

Il deserto innanzitutto, perché basta affittare una macchina e spostarsi di pochi chilometri e il deserto ti avvolge con le sue morbide dune, ti culla e ti accoglie.

Il deserto vero, quello con le carovane di cammelli, con gli accampamenti  le piccole cittadine.
Il deserto che domina e che vive, che inghiotte le strade e i cartelli, ma anche, in alcuni tratti, il deserto reso verde e fiorito per seguire il sogno (un po’ folle?) di un sultano.

E poi i suk, i mercati, le bancarelle, un mondo fatto di contrattazioni e tazze di tea, di acquisti e di chiacchiere.
Perché accanto ai centri commerciali di lusso ci sono ancora i suk tradizionali e i mercati dei cammelli, e anzi, se da queste parti amano così tanto i centri commerciali forse è proprio perché il commercio ce l’anno dentro, fa parte della loro anima e del loro cuore.

Suk - Dubai
Suk – Dubai

E poi i datteri, le piantagioni di datteri, oasi verde smeraldo nel cuore arido del deserto, che la mano dell’uomo cura con amore per renderle rigogliose e produrre questi piccoli dolcissimi frutti, che li acquisti ai mercati della frutta e sono di colori mai visti, giallo oro, rosso rubino, e li assaggi un po’ timorosa e scopri la loro delizia.

Datteri al mercato - Adu Dhabi
Datteri al mercato – Adu Dhabi

Ed il mare, il mare appena fuori dalle grandi città, di un azzurro intenso e pulito, che fa venir voglia di fermare la macchina e tuffarti, anche se a lambirlo c’e’ il deserto e una temperatura di almeno cinquanta gradi sotto a un sole che sembra non calare mai.

Ma anche la gente, le bellissime donne arabe, avvolte in vesti di seta nera ricamate, gli occhi splendidamente truccati, che le vedi aggirarsi per le strade ma soprattutto fare shopping, con le amiche, a piccoli gruppi, e ti colpiscono le loro scarpe firmate e le borse pieni di acquisti. E la gente per le strade, proveniente da ogni parte del mondo, in un mix di popoli e culture che convivono armoniosamente (almeno cosi’ ci e’ parso…)

E infine, lo ammetto, i centri commerciali, che di solito non amo ma che qui sono un posto da visitare: piste da sci, acquari con gli squali, moquette e soffici tappeti, negozi di tutto il mondo in edifici che sembrano cattedrali.
Cattedrali nel deserto appunto.

L'acquario con gli squali di Dubai
L’acquario con gli squali di Dubai

E allora questo è il mio post per parlare di shopping in viaggio, come suggerito da Monica e Annalisa in questa iniziativa di Viaggi e Baci e quindi non potevo non dedicare questo post proprio agli Emirati Arabi, dove lo shopping assume molte forme e ti sembra di stare in molti paesi diversi, tutti nello stesso viaggio.

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer