Mercato dei cammelli - Al Ain

Cosa vedere negli Emirati Arabi: Dubai, Abu Dhabi e il deserto

Per me gli Emirati Arabi sono stati una  sorpresa piacevole e inaspettata. Sono partita immaginando grattacieli e lusso sfrenato e sono tornata a casa con il deserto nel cuore e mille bellissime sorprese che mi hanno riempito gli occhi e l’anima.

E allora eccole queste meravigliose sorprese per cui secondo me vale la pena di vedere gli Emirati Arabi, chissà che leggendole non vi venga voglia di organizzare un viaggio da quelle parti…

Cosa vedere negli Emirati Arab: deserto, datteri e mare

Iniziamo dalla natura degli Emirati Arabi, perché ci si dimentica che in questa parte del mondo non ci sono solo i grattacieli di Dubai e Abu Dhabi.

E la natura degli Emirati Arabi è soprattutto il deserto arabico, perché basta affittare una macchina e spostarsi di pochi chilometri e il deserto ti avvolge con le sue morbide dune, ti culla e ti accoglie. Il deserto vero, quello con le carovane di cammelli, con gli accampamenti  le piccole cittadine. Il deserto che domina e che vive, che inghiotte le strade e i cartelli, ma anche, in alcuni tratti, il deserto reso verde e fiorito per seguire il sogno (un po’ folle?) di un sultano. Non mi dilungo ma se volete saperne di più del deserto degli Emirati Arabi seguite il link!

Poi ci sono i datteri, o meglio, le piantagioni di datteri, oasi verde smeraldo nel cuore arido del deserto, che la mano dell’uomo cura con amore per renderle rigogliose e produrre questi piccoli dolcissimi frutti, che li acquisti ai mercati della frutta e sono di colori mai visti, giallo oro, rosso rubino, e li assaggi un po’ timorosa e scopri la loro delizia.

Ma durante un viaggio negli Emirati Arabi c’è da vedere il mare. E il mare è appena fuori dalle grandi città, di un azzurro intenso e pulito, che fa venir voglia di fermare la macchina e tuffarti, anche se a lambirlo c’e’ il deserto e una temperatura di almeno cinquanta gradi sotto a un sole che sembra non calare mai.

Ma non è finita qui, perché un viaggio negli Emirati Arabi vale la pena anche per altro…

Datteri al mercato - Adu Dhabi immagini degli Emirati Arabi foto
Datteri al mercato – Adu Dhabi immagini degli Emirati Arabi foto

Perché visitare gli Emirati Arabi: suk, mercati e centri commerciali

Se c’è una cosa che è da vedere negli Emirati Arabi sono i suk, ma anche i mercati e le bancarelle, un mondo fatto di contrattazioni e tazze di tea, di acquisti e di chiacchiere. Perché accanto ai centri commerciali di lusso ci sono ancora i suk tradizionali e i mercati dei cammelli, e anzi, se da queste parti amano così tanto i centri commerciali forse è proprio perché il commercio ce l’anno dentro, fa parte della loro anima e del loro cuore.

Una cosa che vi stupirà come ha stupito me è gente, le bellissime donne arabe, avvolte in vesti di seta nera ricamate, gli occhi splendidamente truccati, che le vedi aggirarsi per le strade ma soprattutto fare shopping, con le amiche, a piccoli gruppi, e ti colpiscono le loro scarpe firmate e le borse pieni di acquisti. E la gente per le strade, proveniente da ogni parte del mondo, in un mix di popoli e culture che convivono armoniosamente (almeno cosi’ ci e’ parso…)

E infine, lo ammetto, tra le cose da vedere negli Emirati Arabi ci sono i centri commerciali, che di solito non amo ma che qui sono un posto da visitare: piste da sci, acquari con gli squali, moquette e soffici tappeti, negozi di tutto il mondo in edifici che sembrano cattedrali.
Cattedrali nel deserto appunto.

Se vi è piaciuto questo articolo condividetelo e seguiteci su Facebook, Instagram e YouTube.

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

18 comments

  1. Eccolo il tuo racconto degli UAE!
    Abbiamo la stessa identica foto: quella con l’acquario e i riflessi delle luci colorate del negozio di fronte 🙂

  2. Non lo so…li vedo un po’ kitsch con questo lusso sfrenato fin troppo ostentanto…però dovrei vederli dal vivo, anche perchè tutto il resto sembra davvero meraviglioso!

    1. Anche io ero scettica ed il viaggio era arrivato per caso!poi mi sono ricreduta!Noi abbiamo affittato una macchina e siamo andati un po’ in giro fermandoci nel deserto!splendido nonostante il caldo torrido!

  3. Wow fantastico resoconto! Proprio ieri ho visto un documentario su Rai5 che parlava degli Emirati Arabi più o meno utilizzando le tue stesse parole! Grazie mille! Una sola domanda: avendo prenotato senza agenzia, non mi sono ancora ben informata a riguardo.. ci vuole il passaporto (e quindi la marca da bollo)? Ricordo che in Egitto era sufficiente la carta d’identità valida per l’espatrio..
    Grazie ancora

    http://pensierinviaggioo.blogspot.it

    1. Vado a memoria ma passaporto, e se ricordo bene non dovevi avere sopra il timbro di Israele!(mi pare…io c’ero andata prima ma avevo letto che per alcuni stati era un problema…) Ma verifica perche’ e’ passato un po’ di tempo!:)

  4. Che spettacolo! E hai proprio ragione: sono i paesi arabi la patria del commercio e della filosofia del fare shopping … su questo non li batte nessuno, qui è proprio un rito! Parola di chi convive con un uomo dal sangue arabo da quasi 18 anni!!!

    1. Grazie!
      Ps eh ho ricordi bellissimi di acquisti nei Paesi Arabi, con tante risate e tea alla menta!
      Che poi alla fine non importa il prezzo ma l’esperienza!:)

  5. io non sono molto ferrata sullo shopping, mi piace più osservare quello che c’è e porto a casa sempre ben poco…questo tuo post mi ha fatto venire voglia di partecipare all’iniziativa di Monica! Ora vedo di riesumare dal pc un pò di foto, và, e di darmi da fare
    Monica

    ps. al di là dei viaggi col patato mi sa che pure tu nei hai delle belle da raccontare (e sei pure brava!)

  6. Devo dire che preferisco la parte mercato/suk a quella del centro commerciale… Mi è venuta una gran voglia di datteri!

Lascia un commento