Bellano, il Lago e l'Orrido di Bellano

L’Orrido fascino di Bellano

Bellano è una cittadina poco distante da Lecco, incastrata tra il lago e le montagne famosa per il suo Orrido: l’Orrido di Bellano appunto. Da queste parti la vita scorre lenta e all’apparenza un po’ sonnolenta, con il sottofondo del rumore delle onde che si infrangono sul pontile e del vento che soffia forte, scendendo dalle montagne.

Ma c’è un suono che chi vive qui è così abituato a sentire da non farci nemmeno più caso: il rumore dell’Orrido, ovvero della massa d’acqua che scende, roboante, nella gola naturale tra le rocce scavate in millenni dal Torrente Pioverna.

[cml_media_alt id='4630']Visitare l'Orrido di Bellan[/cml_media_alt]
Visitare l’Orrido di Bellan

Organizzare una gita all’Orrido di Bellano

L’Orrido è qui da sempre, con le sue pietre e i suoi camminamenti, le sue leggende e i suoi salti. Mentre ti avvicini e senti quel suono, l’acqua che impetuosa scende tra le rocce tra spruzzi e zampilli, capace di una potenza sufficiente a muovere una centrale idroelettrica, e nel passato, ad alimentare le fucine per la lavorazione del ferro, una sottile emozione ti si muove dentro…

L’Orrido di Bellano è conosciuto da secoli: le bellezze del luogo sono state descritte  fin dal Seicento in opere e guide, nonché ritratte in stampe e vedute, anche a cura di illustratori inglesi e tedeschi.
E ancora oggi camminare sulle passerelle, tra le rocce levigate, la vegetazione e l’acqua spumeggiante, è uno spettacolo suggestivo, soprattutto nei periodi particolarmente piovosi. E da queste parti le leggende e le suggestioni non mancano anche nei periodo di siccità, visto che i locali sussurrano del mistero della “Casa del Diavolo”, delle voci che si sentirebbero mormorare tra le rocce o dei volti che apparirebbero nella schiuma dell’acqua…
Insomma io conosco l’Orrido fin da bambina, ma ci sono tornata per l’ennesima volta in un freddo giorno primaverile, per “presentarlo” al mio compagno di viaggi e di vita e al mio piccolo Patato, dopo che non ci tornavo da un bel po’.
L’ho trovato molto cambiato: un’area giochi per bambini, dinosauri e strane “streghette” ridacchianti sono comparse dal nulla, insieme a un piccolo bar ristoro che non c’è mai stato, ma la nostra gita è stata piacevole come al solito.
Bellano poi, con il suo lago, la sua Chiesa Seicentesca splendidamente affrescata, le sue strette viuzze, gli scorci suggestivi e le sue barche ormeggiate nel piccolo porticciolo è sempre una meta che mi regala un sorriso, anche quando non è tempo di sole e bagni.
In questa cittadina poi non mancano piccoli pezzi di storia, visto che su queste montagne si sono combattute aspre battaglie tra fascisti e partigiani, e ancora oggi queste vicende sono parte della storia della gente del paese.
Per questo ho deciso di “presentare” anche a voi questo Orrido pieno di fascino, così magari vi viene voglia di fare una gita da queste parti!
 
[cml_media_alt id='4628']La vista dall'Orrido di Bellano[/cml_media_alt]
La vista dall’Orrido di Bellano

Informazioni pratiche per visitare l’Orrido di Bellano con i bambini

Visitare l’Orrido di Bellano

Da marzo a ottobre l’Orrido è aperto tutti i giorni (anche la sera), in bassa stagione l’apertura è sabato, domenica e festivi.
Se volete godere dello spettacolo delle cascate però evitate i periodi di siccità!
Ingresso 3 euro, gratis per bambini fino a cinque anni.

Il lago di Bellano

Oltre alla passeggiata sul lungolago sono in molti a cercare refrigerio da queste parti d’estate andando al “Lido di Bellano” dove sono presenti anche due piscine riscaldate.
D’estate a Bellano esplode “la vita” con feste, sagre e tanti turisti che prendono il sole e si godono il fresco!
A gennaio si svolge invece la “Pesa Vegia” una festa tipica che non potete mancare se amate il lago e la buona cucina

Una gita in battello a Bellano

Dall’imbarcadero potete prendere un battello per una delle altre cittadine del lago (per maggiori info potete leggere questo post su Como)

Libri da leggere prima di visitare l’Orrido di Bellano

Andrea Vitali è uno scrittore originario di Bellano che nei suoi libri parla della sua terra, con una prosa elegante e ironica. Tra i tanti titoli vi suggerisco di leggere “La Leggenda del Morto contento” uno scorcio della Bellano dell’Ottocento, tra dominazione austriaca, notabili e povera gente.

Informazioni per visitare l’Orrido di Bellano con i bambini piccoli 

Le passerelle non sono percorribili con le carrozzine, procuratevi una fascia/marsupio/zaino porta bimbo.

Altre cosa da vedere a Bellano e dintorni

Per chi ama camminare da Bellano partono molti sentieri che si inerpicano sulle montagne circostanti, con splendide vedute del Lago e della zona.
Se oltre a visitare l‘Orrido di Bellano avete intenzione di fermarvi qualche giorno in zona ho raccolto in qualche informazione su cosa visitare sul Lago di Como in alcuni post. In particolare vi consiglio di non perdervi:

Infine in questo post ho provato a riepilogare Cosa vedere in un weekend sul Lago di Como.

Buon viaggio!

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

1 comment

Lascia un commento