Itinerario in Israele nei luoghi di Gesù

Scegliere di organizzare un itinerario nei luoghi di Gesù in Israele è un cambiamento che permette di vivere un viaggio in questo paese in modo molto differente rispetto al semplice turismo. A cambiare però, attenzione, non sono i posti visitati bensì lo sguardo con cui vengono osservati.

Uno sguardo da pellegrini.

Ma perché affrontare un pellegrinaggio nei posti dove è stato Gesù?

NOTA: useremo il termine “pellegrini” e non “turisti“. Non perché necessariamente per organizzare un itinerario in Israele come questo si debba avere fede e nemmeno perché vedere certi luoghi come turista tolga qualcosa alla loro bellezza. Semplicemente perché visitare i posti dove è stato Gesù come pellegrini – con fede o in ricerca – consapevoli di ciò che è accaduto proprio lì è di certo un modo diverso di vivere un viaggio questo paese.

Perché un itinerario nei posti dove è stato Gesù

Gesù il Nazereno è nato a Betlemme circa 2.000 anni fa. La sua vita è storia, in tutti i sensi. A scuola ci hanno insegnato chi era, a Catechismo ci hanno detto perché credere al suo messaggio, nei Vangeli ci hanno raccontato le sue gesta. A far da sfondo a tutto questo ci sono i luoghi che l’hanno visto vivere, predicare, ridere, soffrire e amare.

Per questo, indipendentemente dalla fede, vale la pena andare nei luoghi di Gesù in Israele.

Un conto infatti è sfogliare le pagine della Bibbia, un altro guardare quegli alberi di ulivo dell’Orto del Getsemani che hanno oltre duemila anni pensando che erano lì quando il Figlio dell’Uomo è stato tradito. Trovarsi lì davanti con questa consapevolezza cambia completamente il modo in cui si vive un viaggio in Israele ma soprattutto l’emozione con cui si calpestano le strade e le piazze di questo (incredibile) paese.

Quello che trovate si seguito è un itinerario in Israele nei posti dove è stato Gesù. Per chi vuole affrontare il viaggio non come un semplice viaggiatore ma come un pellegrino.

PER PREPARARSI A UN PELLEGRINAGGIO IN ISRAELE NEI LUOGHI DI GESÙ: per accompagnarvi durante questo pellegrinaggio in Terra Santa vi segnaliamo due testi molto belli, “Inchiesta su Gesù” di Corrado Augias e “Verso Gerusalemme” del Cardinal Martini. Altri libri per un viaggio in Israele li trovate poi nel post dedicato seguendo il link.

I luoghi di Gesù in Israele: itinerario da pellegrini

Tra tutti i possibili percorsi per conoscere il paese questo itinerario in Israele è molto particolare perché accompagna il pellegrino-viaggiatore dalla nascita del Messia alla sua morte.

Ecco quindi i posti dove è stato Gesù da visitare durante il viaggio. Per ciascuna di queste mete troverete, poco più sotto, le principali attrazioni da visitare.

  1. Betlemme, i luoghi della nascita di Gesù
  2. Nazareth, i luoghi della formazione di Gesù
  3. Mar di Galilea, i luoghi della predicazione di Gesù
  4. Gerusalemme, i luoghi della crocifissione e morte di Gesù

Prima di partire tenete presente che qui i viaggiatori che decidono di mettersi in ricerca, con il cuore aperto e il desiderio di scoprire, smettono di essere semplici turisti e diventano pellegrini. Pellegrini in viaggio nei posti dove è stato Gesù. Ricordate però anche che si tratta di luoghi che hanno una storia antichissima ma anche un passato e un presente complesso, per questo non un viaggio in Terra Santa non è “banale” nè, per certi versi, facile.

Si tratta infatti certamente di un viaggio intenso ma anche, con altrettanta certezza, pieno di bellezza.

CONSIGLI PRE-PARTENZA: il sito ufficiale della Farnesina raccomanda di stipulare una polizza assicurativa con copertura delle spese mediche. La tessera TEAM (Tessera Europea Assicurazione Malattia) non è infatti valida in Israele e i costi dell’assistenza medica sono elevati. Se non ne avete già una vi segnaliamo la nostra che offre il 10% di sconto ai lettori del blog (seguite il link per fare il preventivo e per ottenere lo sconto).

Luoghi di Gesù: Betlemme
Luoghi di Gesù: Betlemme

Betlemme, dove è nato Gesù

La città natale di Gesù è Betlemme, che si trova in Palestina, a circa 10 chilometri da Gerusalemme. Qui si trovano due luoghi molto visitati: la Basilica della Natività e la Grotta del Latte.

Basilica della Natività, il luogo della nascita di Gesù

La Basilica della Natività di Betlemme è situata al centro della città di Betlemme. Fu voluta dall’imperatore Costantino nel 326 d.C. ed eretta sopra al luogo tradizionalmente riconosciuto come quello della nascita di Gesù.

Se però vi aspettate una grotta rimarrete delusi: le pareti sono infatti state rivestite in marmo in epoca bizantina mentre una scritta sotto l’altare recita: “Hic de Virgine Maria Iesus Christus natus est“. Ovviamente è un luogo molto visitato dai fedeli e sa essere molto affollato, per questo chi vuole ritagliarsi qualche momento di raccoglimento e riflessione dovrebbe fare il possibile per andarci molto presto.

Grotta del Latte

La Cappella della Grotta del Latte fa invece riferimento alla fuga in Egitto. Venne edificata nel luogo dove, secondo la tradizione, la coppia si fermò per allattare Gesù.

Pare che la roccia fosse originariamente rossa ma quando una goccia di latte cadde a terra le pareti della grotta divennero bianche. Questa è una meta molto popolare durante un viaggio in Israele per i pellegrini che desiderano un figlio perché secondo la tradizione l’ingestione della roccia gessosa delle pareti aiuterebbe contro l’infertilità.

Luoghi di Gesù: Nazareth
Luoghi di Gesù: Nazareth

Nazareth, dove è cresciuto Gesù

Nazareth è un luogo molto particolare. Qui è avvenuta l’Annunciazione a Maria e sempre qui la famiglia del Messia ha trovato casa dopo essere rientrata dall’Egitto. Qui è cresciuto Gesù, facendosi uomo nella bottega da falegname di Giuseppe, prima di iniziare la sua predicazione.

Oggi questa è la città più grande nel nord di Israele, una popolare meta di pellegrinaggi ma anche un centro moderno, ricco di storia e di luoghi bellissimi da visitare, con antiche chiese e monasteri.

Basilica dell’Annunciazione

Secondo la tradizione la Basilica dell’Annunciazione venne costruita sopra la casa di Maria, dove la giovane donna venne visitata dall’Arcangelo Gabriele che le annunciò che sarebbe divenuta madre del Figlio di Dio.

Chiesa di San Giuseppe

Questa chiesa venne edificata all’inizio del ‘900 nel luogo dove, secondo la tradizione, c’era la falegnameria di San Giuseppe che era, appunto, un umile falegname. Una prima cappella fu realizzata qui in epoca bizantina, ma furono poi i Crociati nel XII secolo a costruire una chiesa, poi finita in rovina e recuperata solo successivamente.

Monte del Precipizio

Poco fuori di Nazareth si trova il Monte del Precipizio, ovvero il luogo in cui Gesù fu respinto dalla gente di Nazareth.

Il Sentiero di Gesù e il Sentiero del Vangelo, due percorsi per camminare nei posti di Gesù

Da Nazareth ci sono due sentieri che portano al Mar di Tiberiade (anche Mar di Galilea o Lago di Tiberiade), ovvero il luogo centro del ministero di Gesù.

Si tratta del Sentiero di Gesù (Jesus Trail, di 40 km) e il Sentiero del Vangelo (Gospel Trail, di 60km). Questi sentieri sono spesso percorsi dai pellegrini perché lungo la via è possibile visitare molti luoghi dove Gesù ha vissuto e predicato tra cui il Monte Tabor e Cafarnao.

Luoghi di Gesù: Lago di Tiberiade - Pellegrinaggio
Luoghi di Gesù: Lago di Tiberiade – Pellegrinaggio

Il lago di Tiberiade, dove ha predicato Gesù

Il lago di Tiberiade – chiamato anche mar di Galilea – è il più grande lago d’acqua dolce dello Stato di Israele ed è posto oltre 200 metri sotto al livello del mare. Questo ampio bacino lacustre è conosciuto per essere stata la sede principale della predicazione di Gesù.

Sono molti gli episodi della vita di Gesù narrati nei Vangeli che hanno come sfondo il lago di Tiberiade. Qui il Messia scelse alcuni dei suoi apostoli e compì diversi miracoli.

Pietro e il fratello Andrea, così come Giacomo e suo fratello Giovanni, erano infatti semplici pescatori che vivevano sulle sponde del lago. Qui avvennero episodi come la moltiplicazione dei pani e dei pesci o la tempesta che colse gli Apostoli mentre Gesù era addormentato sulla barca. Sempre qui avvenne anche la terza delle apparizioni di Gesù risorto quando, avvicinandosi agli apostoli senza essere riconosciuto, li convinse nuovamente a gettare le reti dopo che avevano trascorso l’intera notte in barca senza successo.

Cafarnao, la città natale di San Pietro

Nei Vangeli Cafarnao viene indicata come la città natale degli Apostoli Pietro e Andrea e il centro del ministero di Cristo. Qui si trovano diverse chiese tra cui la più importante è la Chiesa dei Santi Apostoli, con le sue cinque cupole rosse.

Tabgha, il luogo della moltiplicazione dei pani e dei pesci

A Tagba secondo il Vangelo avvenne la moltiplicazione dei pani e dei pesci. Qui, sulla riva nord-occidentale del Mar di Galilea, si trova una basilica costruita su una antica chiesa bizantina, indica il luogo del miracolo.

La Chiesa del Primato di Pietro

Sempre vicino a Tabgha si trova un altro luogo molto noto ai pellegrini: la Chiesa del Primato di Pietro. La basilica venne edificata nel luogo dove, secondo il vangelo di Giovanni, Gesù ha annunciato la preminenza di Pietro agli Apostoli chiedendogli per tre volte conferma del suo amore. La chiesa è stata costruita sulla grande roccia calcarea dove gli apostoli cenarono con il Maestro dopo averlo riconosciuto.

Yardenit, il luogo del Battesimo di Gesù

Yardenit, situato in un’ansa del Giordano appena a sud del Mar di Galilea, è un sito molto popolare per i pellegrini che organizzano un itinerario in Israele. Questo è infatti uno dei luoghi dove Giovanni Battista battezzava in attesa dell’arrivo del Messia e dove, appunto, si fece battezzare Gesù.

Oggi sono molti i pellegrini che decidono di rinnovare il proprio battesimo a Yardenit. Secondo la tradizione però c’è anche un altro luogo del Battesimo: Qasr el Yahud, vicino al Mar Morto, non lontano da Masada.

Luoghi di Gesù: Gerusalemme – Orto dei Getsemani

Gerusalemme, dove è morto Gesù

La meravigliosa città di Gerusalemme è ovviamente un luogo immancabile per un itinerario in Israele da pellegrini. Qui Gesù trovò la morte, dopo essere entrato trionfalmente in città. Qui il Messia visse il dolore della Croce e la gloria della Resurrezione.

Alcuni dei luoghi di Gesù a Gerusalemme da visitare sono il Monte degli Olivi, il Cenacolo, l’Orto del Getsemani, la Via Crucis e la Basilica del Santo Sepolcro.

Il Monte degli Olivi

Il Monte degli Ulivi è ricordato nei Vangeli per la strada percorsa da Gesù nel suo trionfale ingresso a Gerusalemme. Dal Belvedere in cima al monte lo sguardo del pellegrino può abbracciare tutta la Città Santa.

Il Coeanaculum, il luogo dell’Ultima Cena

Fuori dalla Porta di Sion si trova il complesso che ospita il Coenaculum. Questo è il luogo dove si è svolta l’Ultima Cena, consumata da Gesù insieme agli Apostoli. La sala non è molto grande ed è decorata con archi a crociera e, secondo la tradizione, si trattava originariamente dell’abitazione di un parente dell’evangelista Marco.

L’Orto del Getsemani, dove Gesù venne tradito

Gli ulivi del Giardino del Getsemani sono un altro luogo molto suggestivo. Tra questi alberi millenari Gesù trascorse l’ultima notte prima di venire arrestato.

Oggi oltre agli ulivi, alcuni dei quali sono talmente antichi da aver assistito a questi eventi, si può visitare la Chiesa di Tutte le Nazioni caratterizzata da un grande mosaico. All’interno è custodita una porzione della roccia dove Gesù pregò il Padre prima del tradimento.

La Via Dolorosa o Via Crucis, i luoghi della Passione di Gesù

Molti dei pellegrini che visitano Gerusalemme decidono di ripercorrere la Via Crucis di Gesù, a volte trasportando a loro volta una croce. Questo percorso è segnalato da piccole targhe sui muri e composto da 14 stazioni.

La Via Crucis di Gerusalemme ha inizio vicino alla Porta dei Leoni e sale fino al Santuario del Santo Sepolcro.

La Basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme

La Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme è il cuore della città e sorge in quella che era la collina del Golgota. Si tratta di una basilica molto grande e sempre molto affollata, al suo interno sono custodite le ultime cinque stazioni della Via Crucis, incluso il luogo della crocifissione.

I luoghi più venerati sono la Pietra dell’Unzione – dove il corpo di Gesù venne preparato per la sepoltura – l’Edicola del Santo Sepolcro – la tomba della sepoltura – e la Cappella del Golgota, ovvero il luogo della crocifissione.

All’interno della Basilica del Santo Sepolcro si si svolgono i riti di sei confessioni religiose, con tempi scanditi da regole molto rigide, in un via vai che appare spesso caotico e che talvolta sfocia in tensioni tra le diverse congregazioni. Per certi versi una situazione che stride con la santità di questo luogo ma che, paradossalmente, si spiega proprio con essa. Una delle contraddizioni che i pellegrini in viaggio in Terra Santa sono chiamati a vedere e comprendere.

Qui termina questo itinerario in Israele nei luoghi di Gesù. Se poi volete saperne di più per organizzare un pellegrinaggio in questo paese meraviglioso trovate molti spunti sparsi per il blog. Infine se l’articolo vi è piaciuto condividetelo e seguiteci su Facebook, Instagram e Youtube.

Lascia un commento