Cosa vedere a Mondovì - La piazza a Mondovì alta

Mondovì, Città del Tempo

È davvero da troppo tempo che vi voglio parlare di Mondovì. Mondovì si trova in Piemonte ed è una di quelle cittadine che piacciono a me, quelle, per capirci, che non trovi sulle pagine delle riviste patinate di viaggio eppure quando ci vai, quasi per caso, sono una vera e propria scoperta.

Prima di raccontarvi del perché vale la pena vedere a Mondovì però vi parlo un po’ della sua storia: Mondovì si trova nella provincia di Cuneo detta “La Granda” per la sua estensione. La sua origine affonda nel Medioevo e ha il sapore della rivolta: il nome di Mondovì deriva da “monte di Vico” e la sua fondazione è legata alla ribellione degli abitanti di Vico che, stanchi di sottostare al Vescovo di Asti, feudatario del territorio, fondarono una loro città, Mondovì appunto. Insomma, tutto questo per dirvi di non farvi ingannare dall’aspetto un po’ sonnolento di Mondovì, in realtà questa città nasconde molte sorprese e un animo fiero!

[cml_media_alt id='6557']La funicolare di Mondovì[/cml_media_alt]
La funicolare di Mondovì
Io personalmente la prima volta che ho visitato Mondovì ho pensato di essere capitata nella Città del Tempo.
Innanzitutto perché la Piazza Vecchia e le Sale del Vescovado sono un tuffo nel passato, uno di quelli per cui ti pare di stare in una vecchia fotografia color seppia, appena uscita dall’album di una nonna. Per intenderci uno di quegli album che sono un piccolo tesoro di ricordi e che non ti stancheresti mai di riguardare. Ma non è solo l’atmosfera un po’ vintage di Mondovì ad avermi colpita, sono state soprattutto le meridiane che punteggiano le vie e decorano i palazzi ad avermi dato l’impressione che il Tempo sia strettamente legato a questa città. Le meridiane sono davvero ovunque: partendo dalla città bassa fino ad arrivare al Palazzo di Giustizia e al Belvedere, ti giri un attimo ed eccole là a ricordarti dello scorrere del tempo.

[cml_media_alt id='6559']Mondovì e i suoi antici palazzi nel centro[/cml_media_alt]
Mondovì e i suoi antici palazzi nel centro
Noi siamo arrivati in città un sabato mattina grigio, accompagnati da alcuni nuvoloni plumbei che minacciavano pioggia e senza alcuna idea di cosa vedere o cosa fare a Mondovì. Il sabato è giorno di mercato a Mondovì e così prima di salire alla città alta con la funicolare ci siamo lasciati tentare dalle prelibatezze piemontesi esposte sui banchi dei venditori ambulanti, arrivando in cima carichi di pacchi e pacchettini. Una volta in cima la pioggia ci ha sorpresi proprio davanti alla Chiesa di San Francesco Saverio e giocoforza noi siamo entrati, un po’ per la curiosità di vedere cosa ci fosse all’interno e un po’ – lo ammetto – per ripararci da quelle gocce fastidiose. Una volta dentro però siamo rimasti con la testa all’aria come due allocchi: la navata centrale è infatti riccamente decorata  in un modo che non mi sarei mai immaginata. Finte dorature, statue e colonne pitturate a marmo ma soprattutto l’incredibile finta cupola che rappresenta la glorificazione di San Francesco Saverio e che pare innalzarsi verso l’alto nonostante il soffitto sia in realtà piatto. Questa chiesa di Mondovì è il trionfo dell’illusione e della bravura di un artista, assolutamente imperdibile! E ve lo dice una che se la stava perdendo e ci è entrata solo a causa del temporale! 🙂

[cml_media_alt id='6560']Mondovì e il Santuario di Vicoforte[/cml_media_alt]
Mondovì e il Santuario di Vicoforte
Una volta terminato il temporale abbiamo proseguito il nostro tour di Mondovì, fermandoci al Palazzo di Giustizia e alla Congregazione di San Filippo Neri, arrivando fino ai Giardini Belvedere – dove si trova un’altra immancabile meridiana – per poi tornare in Piazza Maggiore dove ci siamo rifugiati di nuovo al coperto in un ristorante, alla ricerca di un riparo ma anche di qualche meraviglioso piatto della cucina tipica piemontese che mi piace tanto.

Nel pomeriggio invece, visto che il maltempo non sembrava voler mollare la presa, abbiamo ripreso la macchina, lasciando Mondovì in direzione del Santuario di Vicoforte. E qui io ho avuto l’ennesima sorpresa. Il Santuario di Vicoforte mi era stato raccomandato dalla suocera – piemontese doc – che però non mi aveva per nulla preparata a quello che avrei visto. Costruito in mezzo al nulla, in un borgo di antiche case, si erge questo mastodontico santuario la cui cupola ellittica è la più grande del mondo. Credetemi, le dimensioni del Santuario di Vicoforte sono davvero impressionanti, rese ancora più spettacolari dal fatto che le costruzioni lì attorno sono tutte basse e danno ancora più risalto alle dimensioni della struttura. Vi dico solo che, una volta scesa dalla macchina, sempre sotto al temporale che ormai si era affezionato e non voleva abbandonarci mi sono sentita una formica al cospetto di un gigante. Ovviamente una formica con l’ombrello! 😉 L’interno, con l’incredibile cupola ellittica, è semplicemente spettacolare e mi ha ricordato un altro santuario, sempre scoperto per caso ma a migliaia di chilometri di distanza: la Cattedrale di Ely, in Inghilterra.

[cml_media_alt id='6562']L'imponente struttura del Santuario di Vicoforte a Mondovì[/cml_media_alt]
L’imponente struttura del Santuario di Vicoforte a Mondovì
Ecco, ci ho messo un po’ a raccontarvi di Mondovì, spero mi scuserete per il ritardo e anche per la qualità delle foto, scattate tutte con il cellulare perché, quel giorno, noi non avevamo in mente di vedere “niente di speciale”. Quindi io vi ho avvisati: non fate il mio stesso errore, ora che lo sapete, ci sono davvero un sacco di cose da vedere a Mondovì e… portatevi la macchina fotografica! 😉

Informazioni utili per visitare Mondovì in un giorno

Cosa vedere a Mondovì

Se state organizzando una visita a Mondovì in un giorno non mancate i Giardini del Belvedere, la Piazza Maggiore, la Chiesa di San Pietro e Paolo e la Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri.

Cosa fare a Mondovì coi bambini

Se visitate Mondovì con i bambini dopo aver esplorato un po’ la città dirigetevi verso il Belvedere, dove troverete un parco giochi proprio sotto la torre. Ai bimbi inoltre piacerà un sacco visitare Mondovì salendo con la funicolare! 🙂

La città poi è capitale del volo in mongolfiera e ogni anno ai primi di gennaio di svolge proprio qui una bellissima festa delle mongolfiere. Noi personalmente non siamo mai riusciti ad andarci ma… è sulla lista! 😉

[cml_media_alt id='6561']Gli interni del Santuario di Vicoforti a Mondovì[/cml_media_alt]
Gli interni del Santuario di Vicoforti a Mondovì

Come raggiungere Mondovì e il Santuario di Vicoforte

Noi siamo arrivati a Mondovì in automobile parcheggiando poco lontani dalla piazza del mercato e poi siamo saliti con la funicolare sino alla città alta. Si può salire anche a piedi ma se viaggiate con i bambini vi consiglio questa modalità per visitare Mondovì perché è più suggestiva e sono certa che anche i bimbi apprezzeranno!

Da Mondovì ci siamo poi diretti al Santuario di Vicoforte sempre in macchina lasciandola nell’ampio parcheggio proprio di fronte al Santuario.

Altre cose da vedere vicino a Mondovì

Se decidete di dedicare un intero weekend a Mondovì vi consigliamo di dedicare un po’ di tempo anche a esplorare i dintorni. Tra le cose da non mancare vi suggeriamo una gita a Torino, sempre bellissima e piena di cose da fare coi bambini. Ma se amate le città meno famose e tutte da scoprire vi consigliamo di andare a vedere Cuneo, Saluzzo e Savigliano. Non ne rimarrete delusi! 🙂 Tutte queste città distano circa un’ora da Mondovì e volete seguendo i link trovate come al solito la nostra esperienza e qualche consiglio per visitarle con i bambini.

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer