Parco Archeologico di Butrinto - La vista sulla laguna

Butrinto: cosa vedere oltre il mare in Albania a Ksamil

Se avete organizzato la vostra vacanza al mare in Albania a Ksamil o Saranda segnatevi in rosso questo nome: Butrinto.

Perché andare in Albania del sud e non andare al Parco Archeologico di Butrinto è da giuggerelloni! 🙂 E lo è soprattutto se scegliete di trascorrere una vacanza nella Riviera Albanese, in una di queste due località che da Butrinto distano veramente pochissimo.

Perché lo so che la tentazione di adagiarsi su uno dei comodi lettini in spiaggia e rimanere a guardare il mare albanese coi piedi a mollo per tutto il giorno, magari facendosi pure portare il caffè dal bar, è fortissima, ma il Parco Archeologico di Butrinto è in assoluto una delle cose da vedere in Albania!

Pensate che organizzano perfino le escursioni di un giorno dalla Grecia, con i turisti che vengono imbarcati la mattina presto per traghettare fino a Saranda e raggiungere Butrinto. E poi andare a vedere Butrinto equivale a fare una lezione di storia, con il programma dell’intero quinquennio del liceo racchiuso in un unico sito! Ok, magari l’esame di maturità l’avete già fatto, però di certo non ci sono poi molti posti così da vedere nel mondo! 😉

Insomma, se state pensando di organizzare un viaggio in Albania inserite Butrinto tra le cose da vedere, non ve ne pentirete! Non per nulla il Parco Archeologico di Butrinto, che si trova nell’omonimo lago salato, è stato il primo sito albanese ad essere inserito nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.

  1. Mappa di Butrinto e itinerario su cosa vedere
  2. Storia del Parco di Butrinto
  3. Quando andare al Parco Archeologico di Butrinto
  4. Come fare la visita di Butrinto
  5. Come arrivare a Butrinto
  6. Visitare Butrinto con bambini
  7. Cosa vedere nei dintorni di Butrinto e Ksamil

1) Cosa vedere a Butrinto e mappa del parco archeologico

Il Parco Nazionale di Butrinto è inserito nella Lista del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO e attualmente si estende su una superficie di 86 chilometri quadrati. La maggior parte di quanto rinvenuto durante gli scavi si può ammirare al Museo Storico di Tirana ma a Butrinto da vedere ci sono il piccolo museo, il castello veneziano sulla cima della collina e alcuni degli antichi edifici.

In particolare non mancate l’Acropoli e il Teatro greco. Quest’ultimo è risalente al III secolo a.C., poi modificato dai Romani. Ci sono poi le terme pubbliche, decorate da mosaici con il Santuario di Asclepio oltre che il Palazzo Tricorno anche detto il Palazzo dei Tre Absidi.

Interessanti da vedere a Butrinto sono poi il Battistero del VI secolo d.C., la grande Basilica e le mura illiriche con la Porta del Leone. Qui sotto potete trovare la mappa di Butrinto per organizzare la vostra visita al parco Archeologico.

Mappa Parco Archeologico Butrinto - Albania.jpg
Mappa Parco Archeologico Butrinto – Albania.jpg

2) La storia del Parco Archeologico di Butrinto in Albania

La storia della scoperta, o per meglio dire della riscoperta, di Butrinto è un po’ una leggenda ed è legata a doppio filo con quella dell’Italia. Pare infatti che l’archeologo (italiano) che scoprì le antiche rovine stesse in realtà cercando Buthrontum, la città che Virgilio canta nell’Eneide, citandola come il luogo dove trovarono rifugio coloro che riuscirono a fuggire da Troia. In realtà la finalità politica di quella spedizione archeologica era un altra: nel periodo dell’Italia fascista si cercava di trovare una giustificazione storica per annettere l’Albania all’Italia, cosa che in effetti venne fatta nel 1939.

Quello che però si trovò di fronte Ugolini – così si chiamava l’archeologo italiano che riscoprì Butrinto – nel 1928 fu un sito che racchiudeva in un’area relativamente piccola la storia delle principali civiltà del mediterraneo, dagli antichi illiri, ai romani, fino ai veneziani e agli ottomani. Una scoperta eccezionale che probabilmente nemmeno lui si attendeva.

Il sito di Butrinto sorge poi in un luogo incantevole, su una penisola con la laguna che circonda le rovine, e la visita regala scorci meravigliosi, soprattutto al tramonto, quando la luce del sole morente rende il paesaggio ancora più suggestivo.

Per tutti questi motivi il Parco Nazionale di Butrinto secondo me è una delle tappe che non dovete mancare durante un viaggio in Albania. Tra l’altro Butrinto è vicinissimo alle spiagge di Ksamil e rimane aperto fino al tramonto, quindi potreste visitarlo proprio al termine di una giornata al mare.

Che dite, vi ho convinti ad andarci? 😉

[cml_media_alt id='6497']Butrinto - La fortezza[/cml_media_alt]
Butrinto – La fortezza

3) Informazioni utili per visitare Butrinto: quando andare

Il Parco è aperto fino al tramonto ma il Museo chiude prima (verso le 16.00) quindi se arrivate sul tardi meglio iniziare la visita dall’alto e poi scendere vedendo con calma il resto. Il tramonto è un momento molto suggestivo per visitare Butrinto ma preparatevi alle zanzare e non dimenticate un repellente (dopo tutto il Parco Archeologico di Butrinto si trova in una laguna!)

4) Come fare la visita al Parco Archeologico di Butrinto

La visita a Butrinto si può fare in autonomia (vi daranno una mappa all’ingresso e ci sono i pannelli esplicativi) ma si può anche fare una visita guidata con le guide parlanti italiano che normalmente si trovano proprio all’ingresso del parco. Questa seconda opzione permette di comprendere meglio la storia del Parco Archeologico di Butrinto visto che i misteri che custodisce sono ancora molti.

5) Come arrivare al Parco Nazionale di Butrinto

Se arrivate da Ksamil in macchina il Parco di Butrinto è ben segnalato e non si può sbagliare strada, anche perché proprio davanti all’ingresso del sito vi troverete di fronte un… traghetto! E per proseguire sarete costretti a imbarcare la vostra auto (oppure a lasciarla nel parcheggio e visitare Butrinto)!

Se non avete l’auto da Saranda vengono organizzate escursioni in giornata per visitare Butrinto (qui le informazioni per i tour guidati di Butrinto da Saranda).

6) Visitare Butrinto coi bambini

Il Parco di Butrinto è ben ombreggiato quindi non avrete problemi a visitarlo coi bimbi piccoli anche nelle ore più calde, se però i bambini ancora non camminano meglio evitare il passeggino perché affronterete scale e percorsi sconnessi.

All’interno del Parco Archeologico di Butrinto troverete un piccolo  chiosco dove vendono le bibite e un mercatino dove vendono prodotti di artigianato locale che sostengono l’economia della zona. Se decidete di visitare Butrinto al tramonto ricordatevi uno repellente anti zanzare perché la laguna non perdona! Poi se cercate altre informazioni per andare a Ksamil con i bambini seguite il link con le informazioni.

[cml_media_alt id='6498']Butrinto - La porta del Leone[/cml_media_alt]
Butrinto – La porta del Leone

7) Cosa fare nei dintorni di Butrinto

Accanto all’ingresso del Parco c’è un hotel ma Butrinto sorge vicinissimo a Ksamil, quindi forse la cosa più semplice è trascorrere almeno un paio di giorni in zona e godersi le meravigliose spiagge di questo paesino da poco scoperto dai turisti. Se volete qualche informazione in più su dove dormire a Ksamil seguite il link.

Se siete in famiglia e cercate una località più vivace e con più servizi un’altra idea è soggiornare un po’ più lontano, nella Città Bianca. Saranda con bambini è perfetta se cercate ristoranti, giostrine e gonfiabili. Da lì potreste anche decidere di andare a Corfù e trascorrere qualche giorno in Grecia. Quotidianamente infatti ci sono aliscafi che collegano Saranda a Corfù e anche alcuni traghetti utili se volete imbarcare la macchina.

Infine a circa due ore di auto da Butrinto sorge la bellissima Gjirokaster, in italiano Argirocastro, altra città che vale di certo una visita e che ho raccontato in un post dedicato.

Se decidete di visitare Butrinto tenete presente che vi ci vorranno almeno cinque ore da Tirana, quindi vi conviene pensare di arrivare la sera prima oppure, meglio ancora, dedicare qualche giorno alla zona, magari soggiornando proprio a Ksamil. Al ritorno verso nord fate una deviazione e fermatevi una notte nella suggestiva città di Berat, un piccolo gioiello ancora poco turistico nell’entroterra albanese.

Infine se cercate maggiori informazioni per organizzare una vacanza vi segnaliamo alcune guide di viaggio sull’Albania. In commercio non ce ne sono moltissime in italiano: questa guida dell’Albania propone diversi itinerari per un on the road nel Paese delle Aquile, questa è dettagliata soprattutto per Tirana e il nord mentre questa è molto ricca di spunti storici. La Lonely Planet dell’Albania invece è un po’ scarna sul Paese delle Aquile perché dedicata ai Balcani ma perfetta se state pensando a un on the road più ampio.

Se poi volete qualche altro consiglio seguiteci su Facebook, Instagram e Youtube, vi risponderemo volentieri ma fatichiamo a star dietro a tutte le mail, soprattutto in viaggio!

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

1 comment

  1. Vorrei segnalare che ora il museo è aperto fino alle 21.

Lascia un commento