Orrido di Caino

Orrido di Caino a Erba, gita facile in montagna con bambini in Lombardia

Eccoci con un’altra idea per una gita facile in Lombardia con i bambini. Questa volta ci troviamo in provincia di Como, a Erba, dove si trova l’Orrido di Caino una passeggiata da fare in primavera e in estate per stare al fresco (e magari bagnarsi nelel acque del torrente!) ma anche in autunno per cercare le castagne.

Ci siete mai stati?

Il nome dell’Orrido del Caino sembra aver avuto origine al 1600, tempo in cui in questa valle di nascondevano ladri e criminali di ogni tipo ma a dispetto del nome oggi una passeggiata da queste parti è pacifica e rilassante.

Itinerario in Valle Bova: l’Orrido di Caino

La zona è quella della Valle Bova che prende il nome dall’omonimo fiume che sgorga dalla sorgente: il torrente Bova. E’ infatti il Bova che, scendendo lungo la valle, sbocca sulla Piana di Erba per sfociare infine nel fiume Lambro. La Valle Bova è Riserva Naturale Regionale e tra i suoi boschi e i pendii, se si è fortunati, si possono avvistare diversi animali, tra cui gli ungulati.

Sono tanti gli itinerari in Valle Bova anche perché qui si trovano alcuni sentieri famosi per gli escursionisti tra cui il Monte Bollettone, il Campanone e la Croce Pessina nonchè ovviamente le due scale della Valle Bova, la scala di legno e la scala di ferro. Inoltre la zona è carisica, con molte grotte tra cui il Buco del Piombo, una grotta dove sono stati ritrovati resti preistorici.

Noi però abbiamo preferito scegliere una gita semplice da fare con i bambini dirigendoci inizialmente verso l’Orrido del Caino e poi, sulla strada del ritorno, facendo sosta all’Eremo San Salvatore. Se quindi state cercando un’idea per un’escursione in Lombardia da fare in famiglia ecco le informazioni pratiche.

Orrido di Caino
Orrido di Caino

Come arrivare all’Orrido del Caino

Per arrivare all’Orrido di Caino lasciate l’auto nel parcheggio in prossimità del Ristorante il Glicine in via Minoretti, località Crevenna di Erba, e poi tornate indietro fino alla fontana dove si trovano i cartelli che segnalano l’imbocco dei sentieri (li vedrete salendo verso il ristorante).

Dai cartelli inizia il sentiero che per il primo tratto ha una pendenza media, successivamente il percorso si fa più pianeggiante e vi farà guadare (su ponti di legno e/o passaggi di pietre) il torrente Bova. Ci sono tre bivi, tutti segnalati: al primo bivio prendete il sentiero di destra al secondo invece bisogna proseguire dritti (verso sinistra, altrimenti si va verso l’Eremo di San Salvatore) mentre al terzo, in prossimità del cartello della Riserva, proseguite ancora dritto tenendo la destra (l’altro sentiero verso sinistra sale al Buco del Piombo).

Una volta superato un grande masso erratico con un crocefisso di legno sarete nell’Orrido: se il torrente non è in piena si può addentrarsi un pochino per avvicinarsi alla cascata. In alternativa c’è un percorso sulle passerelle che porta alla cascata oppure la Scala di Ferro ma quando ci siamo stati noi i cartelli segnalavano che era in manutenzione. La durata della passeggiata fino all’Orrido del Caino è di circa 45 minuti, calcolate un’ora se siete con i bambini.

LEGGI ANCHE: TREKKING IN LOMBARDIA CON I BAMBINI

Orrido di Caino
Orrido di Caino

Orrido di Caino con bambini: da sapere

La passeggiata dell’Orrido del Caino è tutto sommato facile: in meno di un’ora dalla fontana dove iniziano i sentieri arriverete alla gola (in totale sono circa 7 km andata/ritorno). Il sentiero non è però adatto ai passeggini e, soprattutto nella prima parte, la pendenza si fa sentire quindi ve lo consiglio con i bimbi che già sono abituati a camminare.

Inoltre il percorso è sassoso (quando ci siamo stati noi i sassi erano smossi, forse per dei lavori fatti alle tubature dell’acqua) quindi in discesa si fa un pochino impegnativo. Personalmente in questo caso ho utilizzato – e consiglio! – l’uso dei bastoncini da trekking, che scaricano il peso e aiutano per l’equilibrio (se non sapete cosa sono e/o volete saperne di più seguite il link! Volendo ci sono anche per i bambini!). Non dimenticate le scarpe impermeabili e con le suole antiscivolo (dovrete guadare il torrente e il percorso nell’Orrido è scivoloso) e se volete far giocare i bambini con l’acqua anche un cambio.

Orrido di Caino
Orrido di Caino

Al ritorno una bella idea con i bimbi è fermarsi all’Eremo San Salvatore: qui troverete un grande pratone dove giocare e anche alcuni tavolini per un pic-nic. Il posto perfetto per concludere una gita con i bambini in Lombardia!

Se cercate ulteriori informazioni per organizzare passeggiate semplici in Lombardia insieme ai bambini in passeggino trovate tantissimi articoli nel blog. Se vi è piaciuto questo articolo e l’avete trovato utile condividetelo e seguiteci su Facebook, Instagram e YouTube: sharing is caring! 😉

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

Lascia un commento