Portogruaro - Il mulino

Portogruaro non è Venezia ma andateci lo stesso!

Mi piacciono le cittadine a misura d’uomo, quelle che hanno una bellezza un po’ schiva tutta da scoprire passeggiando senza meta tra vie e piazze. Portogruaro, in Veneto, è una di queste, chiusa tra canali e antiche strade pronta a spalancare le porte a chi ha voglia di curiosare nei suoi cortili o alzare lo sguardo per ammirarne i palazzi affrescati.

Dopo averne sempre sentito parlare – il mio “moroso” di quando ero ragazzina faceva il militare da quelle parti e noi ci scambiavano lunghe lettere piene di “mi manchi” che portavano il timo postale di lì – ci sono finalmente riuscita ad andare due volte in un settembre pieno di sole che pareva non voler cedere il passo all’autunno.

[cml_media_alt id='5048']Portogruaro - Vista su uno dei canali[/cml_media_alt]
Portogruaro – Vista su uno dei canali

La prima volta sono stata a Portogruaro in occasione di una gara ciclistica di quelle un po’ matte: la “12 Ore di Portogruaro“. Si tratta di una competizione in cui i ciclisti – a squadre ma alcuni anche da soli – si sfidano ad una velocità di oltre 40 chilometri all’ora lungo le vie della città, senza pause per, appunto, dodici ore. In quell’occasione ho incontrato una città vestita a festa, piena di appassionati e tifosi, palloncini e bandiere e Portogruaro mi è parsa bella e piena di vita nonostante le sue dimensioni ridotte, e mi ha fatto venir voglia di tornarci e scoprirla meglio.

[cml_media_alt id='5051']Portogruaro - La piazza centrale dominata dal campanile[/cml_media_alt]
Portogruaro – La piazza centrale dominata dal campanile

La seconda volta invece ho incontrato la città in un tranquillo giorno infrasettimanale, scoprendone forse il volto più timido e vero. Senza la folla della volta precedente per le strade di Portogruaro c’erano mamme con bimbi sorridenti che offrivano pane secco ai cigni, studenti in attesa dell’esito di un esame e anziani signori con le borse della spesa. Ho incontrato una città circondata dall’acqua che pare spostarsi sempre a cavallo di una bicicletta e ho alzato gli occhi al cielo scoprendo veri e propri tesori sulle facciate dei palazzi.

Ho percorso i lunghi portici su cui si affacciano bar e negozi in cui bere un bicchiere di vino o un caffè e mi sono fermata accanto a piccole cappelle votive del Seicento, tutte realizzate in legno, ho visitato il Municipio con la sua merlatura ghibellina, visto il mio bambino giocare sul prato verde dell’Università e fotografato il campanile pendente, che pare un po’ la torre di Pisa.

[cml_media_alt id='5047']Portogruaro - Una delle imbarcazioni[/cml_media_alt]
Portogruaro – Una delle imbarcazioni

Il centro storico di Portogruaro è piccolo eppure ricco di fascino, con le barche ormeggiate lungo i canali, i mulini e i ponti da attraversare per passare da un lato all’altro della città e la città mi è sembrata possedere una bellezza un po’ riservata, di quelle che non si mettono in mostra indossando una minigonna ma ti invitano a conoscerle bene, magari chiacchierando seduti a un tavolino all’aperto, prima di esprimere un giudizio.

E vi confesso che a me le città fatte in questo modo piacciono un sacco! 🙂

[cml_media_alt id='4385']Vista su Portogruaro[/cml_media_alt]
Vista su Portogruaro

Informazioni utili per visitare Portogruaro con i bambini

Come raggiungere Portogruaro

Portogruaro si trova non lontano da Bibione nella Venezia Orientale. Se visitare Concordia Sagittaria potete poi fermarvi a Portogruaro visto che è distano pochi minuti in auto.

Se ci arrivate in auto potete parcheggiare come abbiamo fatto noi al Parcheggio dell’ospedale vecchio. Dovrete mettere il disco orario ma è molto ampio e gratuito e il centro si raggiunge in cinque minuti a piedi.

[cml_media_alt id='5046']Portogruaro - Particolare del mulino[/cml_media_alt]
Portogruaro – Particolare del mulino

Cosa fare a Portogruaro con i bambini

Il Museo Archeologico, dove sono stati collocati molti reperti trovati nella zona di Concordia Sagittaria e dintorni, può essere interessante se i vostri bimbi sono già alle prese con lo studio dell’antica Roma. Se invece viaggiate con bimbi piccoli una sosta è d’obbligo al Parco della Villa Comunale, dove troverete un ampio area giochi e molte panchine ombreggiate. Il bar del parco ha il fasciatoio, chiedete le chiavi al banco.

Se avete voglia di visitare Portogruaro e i dintorni in modo diverso informatevi sulle escursioni dei percorsi fluviali.
Lungo canali e fiumi potrete navigare da Portogruaro fino a Venezia percorrendo il cosiddetto “percorso della mercanzia“, oppure arrivare alla vicina Concordia Sagittaria.

Infine vi segnalo che a Portogruaro non fatichetete a incontrare cigni e papere per la gioia dei vostri bimbi quindi… Portatevi un po’ di pane secco e approfittatene per riposarvi un po’! 😉

[cml_media_alt id='5049']Portogruaro - Il centro cittadino[/cml_media_alt]
Portogruaro – Il centro cittadino

Portogruaro in bicicletta con i bambini

Se siete amanti della bicicletta oltre alla “12 Ore di Portogruaro” di settembre non mancate la manifestazione “Di ruota in ruota” che si tiene a giugno. Si tratta di un evento dedicato alle famiglie  per la scoperta del territorio. Si parte al calar della sera e si arriva alle 22.00, il percorso – di circa 25 km – è ogni volta diverso e il tutto si conclude con un pasta party e un concerto finale. Il ricavato delle iscrizioni va in beneficenza ed è un modo per divertirsi e conoscere il territorio.

Fin qui i motivi per cui mi è piaciuta Portogruaro e qualche informazione pratica, ma se avete intenzione di organizzare una vacanza in Veneto e cercate qualche altro consiglio e spunti sulle mete da visitare con i bambini provate a seguire i link inseriti in questo articolo: Bibione con la sua spiaggia ma anche con le terme e il faro, la laguna di Cavallino e Jesolo in biciclettaConcordia Sagittaria sono secondo me tre delle mete da non mancare! 🙂

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer