Recensione della Panasonic Lumix GX8

Oggi vi parlo di una macchina fotografica che ho avuto l’occasione di testare durante la nostra vacanza in Sicilia: si tratta della Panasonic Lumix GX8 che è stata la mia unica macchina fotografica durante tutto il viaggio. Cercherò quindi di darvi qualche elemento utile se state valutando l’acquisto di una nuova fotocamera, proprio come me, con i pro e i contro di questo modello della Panasonic uscito recentemente.

[cml_media_alt id='11309']Panasonic Lumix GX8[/cml_media_alt]
Panasonic Lumix GX8
[cml_media_alt id='11305']Dettaglio con Lumix GX8[/cml_media_alt]
Dettaglio con Lumix GX8

Recensione di Panasonic Lumix GX8: le caratteristiche

Di seguito vi indico quelle che sono le caratteristiche principali della Lumix GX8:

  • Maneggevolezza: La macchina pesa poco meno di 500 chilogrammi (solo corpo macchina) e, in caso di necessità, scatti e riprese possono anche essere effettuati con una mano sola senza problemi per la qualità.
  • Display snodabile e mirino: Il display touch screen è totalmente snodabile, rendendolo adatto anche per le riprese tipo vLog e selfie. Inoltre il mirino della GX8 è basculante comodo per scattare con angolazioni particolari in piena luce, quando il display non si vede.
  • Super zoom: La macchina nel kit che abbiamo provato noi montava un obiettivo 14-140 con attacco per sensori 4/3. Questo permette di fatto di avere un “super zoom” con poco ingombro.
  • Corpo tropicalizzato: La Lumix GX8 ha un corpo tropicalizzato che non teme polvere e pioggia (almeno non troppa!).
  • Ingombro minimo: Essendo una mirrorless con sensore micro 4/3 la Panasonica Lumix GX8 consente di ottenere ottime  e prestazioni video e foto mantenendo ingombri e pesi limitati.
  • Video: le riprese possono essere fatte in 4K o full HD e l’ottica è stabilizzata.
  • Presenza dell’NFC: L’NFC permette, dopo aver scaricato l’app, di collegare il cellulare e scaricare direttamente foto e video.

[cml_media_alt id='11313']Panasonic Lumix GX8[/cml_media_alt]
Panasonic Lumix GX8
[cml_media_alt id='11316']Panasonic Lumix GX8 dimensioni[/cml_media_alt]
Panasonic Lumix GX8 dimensioni

Perché mi è piaciuta la Panasonic Lumix GX8

Dopo le caratteristiche tecniche della Lumix GX8 più rilevanti secondo me ecco perché questa macchina fotografica della Panasonic mi è piaciuta:

  • Facilità d’uso e potenzialità: Potenzialmente è una macchina Pro, permette però di imparare mentre la si usa.
  • Compattezza e ingombro: La Lumix GX8 è una macchina compatta e leggera, che permette di scattare con un super zoom con poco ingombro.
  • La qualità delle riprese video: La qualità nei video è ottima, lo schermo ruotabile e la stabilizzazione ottica sono poi stati un plus per le riprese anche frontali.
  • L’NFC: La comodità di condividere direttamente e in modo rapido gli scatti e i video sul cellulare per poi condividerli sui social è stato un aspetto molto utile per la gestione delle attività legate al nostro blog di viaggi.

[cml_media_alt id='11315']Panasonic Lumix GX8[/cml_media_alt]
Panasonic Lumix GX8
[cml_media_alt id='11306']In Sicilia - Catania foto con Lumix GX8[/cml_media_alt]
In Sicilia – Catania foto con Lumix GX8

Cosa invece mi sarei aspettato di più dalla GX8

Come vi ho anticipato questa è una delle macchine fotografiche che sto valutando per l’acquisto quindi, fermo restando che la perfezione non esiste, ecco cosa mi sarei aspettato “di meglio” dalla Lumix GX8.

  • Bilanciamento del bianco: Ogni tanto negli ambienti chiusi il bilanciamento del bianco non è ottimale e va regolato manualmente con l’apposita ghiera.
  • Zoom e grandangolo: Il 14-140 è ottimo per lo zoom ma è necessario poi acquistare una lente grandangolare per le inquadrature ampie o in ambienti stretti.

Grazie alla collaborazione con Panasonic ho potuto testare questo modello che è uno di quelli che sto valutando per un acquisto che possa sostituire la mia vecchia fotocamera, ormai datata. Il test è stato molto positivo: la camera ha performato bene sia nei video che negli scatti tradizionali e mi ha colpito molto la sua facilità d’uso, che permette di utilizzarla senza problemi anche senza aver letto il manuale di istruzioni. Se volete vedere alcuni dei video realizzati con la Panasonic Lumix GX8 potete guardare i live che ho realizzato in Sicilia e pubblicato sul canale YouTube mentre per gli scatti potete spulciare tra i post sul blog dedicati all’isola o sul nostro account Instagram con il tag #lumixgx8.

[cml_media_alt id='11314']Panasonic Lumix GX8 lo schermo[/cml_media_alt]
Panasonic Lumix GX8 lo schermo
[cml_media_alt id='11308']Panasonic Lumix GX8 - verso l'Etna[/cml_media_alt]
Panasonic Lumix GX8 – verso l’Etna
Se poi volete qualche elemento in più qui sotto trovate anche il video con la recensione completa della Panasonic: in generale la consiglierei a chi deve realizzare video semiprofessionali (come noi travel blogger) ma anche per chi è alle prime armi (come Francesca!) perché la facilità d’uso della Lumix GX8 è veramente notevole e permette di apprendere velocemente le funzioni semplicemente sperimentandole durante l’uso.

Dopo 15 giorni di test posso quindi ritenermi soddisfatto: questa macchina fotografica della Panasonic ha risposto veramente bene durante il viaggio, ora aspetto di finire la prova della GH4 per poi… scegliere! Ovviamente se invece voi siete già decisi all’acquisto potete trovarla su Amazon qui.

5 commenti su “Recensione della Panasonic Lumix GX8”

  1. Un obiettivo 14 non è già male per i paesaggi e gli ambienti ampi. Per gli interni dipende dalla luminosità (quant’e?). Invece un 140 come zoom è scarso. Però per essere l’obiettivo del kit copre una lunghezza focale molto ampia, poi si integra con obiettivi specifici. Ero curiosa di leggere questa tua recensione! Una domanda,anzi due: la griglia si vede solo su display o anche nel mirino? C’è la bolla per capire se si sta scattando in piano o no? La mia reflex non ne dispone, mentre altri modelli si e secondo me sono caratteristiche non essenziali ma utili!infine: velocità di scatti a raffica? Grazie in anticipo per tutte le info!

    • Diciamo che con il formato micro 4/3 bisogna tenere conto del fattore di moltiplicazione 2x, ovvero, un 14 mm per il M4/3 equivale a un 28 mm su una full frame e il 140 equivale a un 280 mm di una Full Frame…con ingombri però minimi.
      Sulla luminosità invece è un f3.5-5.6 che si difende considerando l’escursione, ma che non è sicuramente un valore top. In generale questo si vede soprattutto con poca luce ed è un po’ il limite del formato m4/3 che sconta anche un sensore più piccolo di quello delle normali reflex. Ci sono comunque ottiche molto valide (anche se i prezzi salgono) come la Panasonic Lumix G X VARIO 12-35mm f/2.8 di cui si parla gran bene, ma che non ho ancora avuto modo di provare.
      Il vantaggi però sono sempre quelli della portabilità, sia per peso che per ingombri, nonché per i costi…davvero modesti rispetto alle fotocamere con sensori full frame e asp-c.
      Tornando invece alle tue domande, ciò che vedi nel mirino è ciò che vedi nel display, in quanto non avendo lo specchio è tutto digitale… quindi “griglia” e “bolla” presenti! oltre a tanti altri utili controlli che puoi decidere se attivare o disattivare.
      Per finire… scatto a raffica, presente e attivabile tramite ghiera che permette di scattare a varie velocità fino a 40fps, ma solo in jpg. Io però ho trovato molto più comoda la funzione che permette di estrarre un frame direttamente dalla registrazione video, anche a posteriori….davvero molto, molto comoda!

      • Anche la mia non è tuo frime e ho un obiettivo 18-55 con cui in montagna già mi trovo bene, però con luminosità scarsa come quello che hai testato e un 50 mm fisso 1:1.8 che negli interni è il top. Ho comprato un obiettivo da 8 mm pensando di usarlo come grandangolo, sfruttando i 4/3 ma ho sbagliato: è già un fisheye spinto. Quindi penso ci vorrebbe un 12 mm, non meno,ma credo esista solo fisso. Il che non è comodo per i viaggi. Bello poter estrapolare i frame! grazie delle info!

        • Adesso ho in prova una GH4 (l’ex ammiraglia Panasonic) con due zoom, un super grandangolo 7-14 (equivalente ad un 14-28) più il solito 14-140.
          Devo dire che il super grandangolo, sebbene non sia stabilizzato, è molto divertente.
          Sento il bisogno di un’ottica fissa e luminosa soprattutto per le riprese notturne, ma l’investimento come sai è importante e quindi per ora punto più sulla versatilità…

          • Eh si, la fotografia richiede grossi investimenti. E poi viaggiando o anche solo muovendosi con i bambini non è comodo portarsi tanti obiettivi. Aspetto la tua prossima recensione, allora, e mi raccomando: metti qualche foto scattata con il grandangolo, a 14, intermedio ed anche a 7. Sono curiosa di vedere come rende sulla tua reflex, rispetto al mio 8 mm, e quanto è evidente la distorsione.
            Buon lavoro e…buon divertimento! (Bello quando le due cose procedono a braccetto).

Lascia un commento