Safari in Botswana da brivido

Oggi col pensiero ritorno in Botswana, nell’Africa più vera che ti sembra di stare guardando un documentario e invece sei proprio lì, sulla jeep con la savana intorno. Perchè un viaggio safari in Botswana è un’esperienza che non si dimentica facilmente.

E qui voglio dare spazio ai miei ricordi

Viaggio safari in Botswana: esperienza

Quella sera ero seduta lontano dal fuoco mentre, con altre due compagne di viaggio: stavamo cercando di trovare, in un cielo ammantato di stelle, la croce del sud quando all’improvviso un rumore tra i cespugli ha attirato la nostra attenzione.

Era la sera del mio compleanno, un compleanno speciale di quelli in cui diventi grande e io, per festeggiarlo, quell’estate mi ero regalata l’Africa, quella dei sogni anzi, quella dei documentari, che li guardi da quando sei piccola e non vedi l’ora di trovartici in mezzo. Un viaggio safari in Botswana.

Torce puntate, due occhi, un movimento.

Ci siamo avvicinate, gli occhi non fuggivano, brillavano riflettendosi nella luce delle torce. Poi di nuovo un movimento, elegante, non impaurito.

Abbiamo iniziato a seguirlo, puntando le nostre torce nell’oscurità di quel campeggio nel cuore della savana, senza recinzioni e senza cancelli, lasciato così per dar modo agli animali di migrare in libertà, per rispettarli. Concitazione, parole, il nostro inseguimento ha attirato gli altri e poi la voce del nostro driver che urlava “Cheetah, cheetah…

Stavamo inseguendo un ghepardo.

Una femmina a detta del driver, probabilmente a caccia, che si sarà chiesta che cosa volessero da lei quei bipedi agitati che la rincorrevano con le loro torce. Noi non ci siamo rese conto di quello che stavamo facendo né del pericolo, e, infine, il driver era riuscito a bloccarci, agitatissimo ed incredulo.

Il nostro inseguimento era terminato, lei, il felino cacciatore, era sparito nell’oscurità della notte e noi potevamo tornare alle nostre tende.

E questa è la mia foto, il mattino successivo, durante un trasferimento in jeep diversi chilometri di strada polverosa più lontano. Sinuoso, aggraziato, era steso vicino a una pozza. Ci siamo fermati, trattenendo il respiro e scattando fotografie a raffica. Poi si è mosso, con grazia, è venuto verso di noi, verso la nostra jeep aperta, ha camminato lungo il fianco della vettura, con la noncuranza e la grazia che solo i felini sanno avere e infine è sparito nella savana.

Un leopardo.

Sulla jeep silenzio. Io ho continuato a scattare, mentre camminava, mentre ci guardava, mentre attraversava la strada davanti a noi. Io con la mia macchinetta digitale da pochi soldi, perché la reflex l’ho comprata solo dopo quel mio viaggio in Africa (e quanto mi è mancata in quel viaggio!!). Ma nonostante quello questa foto rimane per me un momento di emozione pura, un ricordo indelebile.

E, mi piace pensare, un regalo di compleanno, con amore dall’Africa per me.

Racconti di viaggi Safari in Botswana

Il mio viaggio safari in Botswana è stato con un gruppo, organizzato dall’Italia. Posso certamente dire che si è trattato di uno dei viaggi più belli che io abbia mai fatto in vita mia perché l’Africa regala emozioni uniche e il Botswana è probabilment euno dei paesi migliori per organizzare un viaggio safari perché, grazie anche a una ferrea politica di costi elevati per i turisti, è riuscito a preservare intatto il suo patrimonio naturalistico e a mantenere basso il numero di visitatori.

Sparsi per il blog trovate moltissimi racconti di quella vacanza in Botswana, ve ne riepilogo alcuni qui se avete voglia di saperne di più:

“Hush my darling, don’t fear my darling, the lions sleeps tonight. Hush my darling, don’t fear my darling, the lions sleeps tonight…” (da “Il Re Leone” – Disney)
Questo post partecipa alla mia iniziativa ” Il foto-viaggiando del lunedì”, ovvero un modo per viaggiare ed emozionarsi tra i ricordi.
 
Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer