Shopping e alberi di Natale a Singapore

In nostro arrivo a Singapore, provenienti dal ghiaccio dell’inverno europeo, ci aveva colti impreparati: un faticoso caldo umido invadeva le strade dello shopping e faceva appiccicare i capelli alla nuca, scontrandosi pero’ con una barriera di gelo che compariva magicamente non appena, camminando, ci si avvicinava all’ingresso di un negozio.
Natale a Singapore
Natale a Singapore
Lo shock termico che il nostro corpo doveva affrontare era notevole ma lo era anche quello del nostro cervello che, cercando di adattarsi a quel caldo bollente, si trovava a ricevere impulsi di segno opposto provenienti dagli occhi.
Mentre infatti sudavamo cercando riparo all’ombra dei grattacieli, le vetrine di Orchard Road scintillavano strabordanti di decorazioni natalizie, tra maglioni di lana, piumini e scarpe invernali.
Qualcosa non quadrava… Forse che a Singapore, in un qualsiasi periodo dell’anno o della storia, la temperatura fosse abbastanza rigida da indossare quei capi di abbigliamento?
Non lo ritenevamo possibile…
E allora perche’ guanti di lana e cappelli se ne stavano in bella mostra proprio davanti ai nostri occhi?
La risposta si era palesata, enorme e splendidamente decorata, poco piu’ avanti: Singapore si preparava a vivere il Natale, con tutte le caratteristiche che questa festa avrebbe potuto avere a Londra, Milano, New York o Parigi.
Il Natale di Singapore era estraneo alle condizioni spaziali o climatiche della città, era Natale e basta, con tanto di Santa Claus vestito di rosso, neve finta e bancarelle che vendevano le decorazioni per l’albero. Il tutto ovviamente in un contesto di sfrenata corsa all’acquisto dei regali che sembrava coinvolgere tutti, dalla famiglia con i bimbi piccoli alle coppiette giovani mano nella mano, fino alle amiche iper griffate che parevano voler fare a gara per entrare in tutti i negozi nel minor tempo possibile…
Cosi’, cercando di evitare i gelidi soffioni dell’aria condizionata e in un alternarsi di metti-la-felpa-togli-la-felpa, ci eravamo adeguati alle tradizioni del luogo che ci ospitava e quella sera, mentre cenavamo in infradito, davanti a un fantastico piatto di “Crab” al pepe bianco, avevamo riguardato felici quel piccolo pacchettino contenente le allegre decorazioni natalizie di metallo acquistate lungo la via…
Natale si avvicinava a grandi passi, non importava dove l’avremmo festeggiato…



Questo post partecipa alla mia iniziativa “Il foto-viaggiando del lunedì“, ovvero un modo per viaggiare ed emozionarsi tra i ricordi.
Se volete condividere un pezzo del vostro cammino e viaggiare un po’ insieme indicatemi il link al vostro post del lunedì oppure scrivetemi una mail e vi ospiterò qui.
Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

3 comments

Lascia un commento