Strumenti utili per un travel blogger: quali sono?

Con la tisana di oggi parliamo di un tema che sta a cuore a ogni travel blogger, sia che gestisca il proprio blog di viaggi in modo professionale sia che lo faccia per hobby: gli strumenti utili per la gestione di un blog.

Innanzitutto però chiariamo un punto con una domanda che magari qualcuno di voi ha in mente: perché dovrebbero servire dei tool per gestire un blog di viaggi? E, ovviamente, anche la domanda di riserva visto che io insisto sempre su questi punti: Non basta saper scrivere e viaggiare per essere un bravo travel blogger?

Ecco, no. O meglio, sì, in teoria dovrebbero bastare, ma il problema è che se si decide di gestire il proprio blog di viaggi in modo professionale è necessario fare i conti con un elemento fondamentale nella vita di qualsiasi travel blogger, ma anche di qualsiasi professionista: il tempo.

Il tempo è tiranno” dicono da sempre.  Io dico che il tempo ti frega perché non ce ne è mai abbastanza, soprattutto se vuoi lavorare bene. La gestione di un blog di viaggi, ma in realtà di qualsiasi blog, comporta moltissime attività che vanno oltre il semplice “scrivere e viaggiare” che sono veramente time consuming. Qualche esempio? Condividere i post sui social. Avete mai monitorato quanto tempo vi richiedono le condivisioni dei post sui vari social? Credetemi, scoprirlo vi potrebbe sorprendere! Se poi ci mettete che un travel blogger dovrebbe, proprio per sua natura, essere spesso in viaggio e che il tempo dedicato al viaggiare si deve incastrare con le ore necessarie e fare altre attività capirete che c’è un conflitto! 😉

Per fortuna esistono un sacco di strumenti che possono aiutare a ridurre un pochino il tempo necessario per fare certe attività legate al blog. Alcuni di questi sono anche gratuiti, altri invece sono a pagamento anche se per molti di essi i costi non sono troppo elevati. Alcuni dei tool più efficaci per lavorare come travel blogger in modo professionale invece possono arrivare a costare parecchio ma… l’ho già detto vero che un blog di viaggi costa, vero? 😉

Quindi oggi si parla di questo, di automazione e di tool che possono servire a facilitare la vita di un travel blogger. Come sempre ne parliamo anche con una intervista e questa volta il nostro esperto è Emanuele Ghidoni, travel blogger e viaggiatore quasi sempre on the road con una laurea in Economia e Gestione delle Imprese e una passione forte per tutto quello che riguarda il lato più “hard” del blogging. Un esempio? Fate una chiacchierata con lui sulla SEO e poi capirete cosa intendo! 😉 Con Emanuele approfondiamo proprio uno dei tool che vengono utilizzati per comprendere meglio lo stato di salute di un blog: SEO Zoom. Lo so, detto così l’idea di imparare a usare un nuovo tool sembra non essere coerente con il fatto di risparmiare tempo ma guardando il video capirete che non è proprio così e che a volte proprio il tempo speso ad imparare a usare nuovi strumenti di permette di essere più efficienti ed efficaci nel nostro lavoro di travel blogger.

Quindi visto che di tempo ce n’è poco mi fermo qui, vi prometto video brevi e (spero) utili e come al solito vi invito a iscrivervi al nostro canale YouTube per rimanere aggiornati sui prossimi argomenti. E ricordatevi di cliccare la campanella per non perdervi nemmeno un video! 😉

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

1 comment

  1. Il lato “hard” del blogging, ahahah!! Grazie a te per lo spazio che mi hai dedicato nella tua rubrica.

Lascia un commento