Weekend low cost a Bordeaux

Un viaggio low-cost a Bordeaux con bambino

Un viaggio a Bordeaux – che ti accoglie con le vigne e le sue preziose bottiglie perfino nell’aeroporto – nell’immaginario collettivo è sinonimo di vino, romanticismo e piaceri della buona cucina. E allora, direte voi, cosa c’entra Bordeaux coi bambini?

Vi do ragione: certamente il wine-tour (o forse sarebbe meglio dire “dégustation“) non è esattamente un’attività “tipica” per una coppia con un bimbo di meno di un anno come eravamo noi in quel momento. Ma visto che l’offerta era davvero imperdibile e noi non ci eravamo mai stati siamo partiti lo stesso per l’Aquitania, valigia in mano e pronti all’imbarco per una vacanza a Bordeaux in famiglia.

[cml_media_alt id='3764']Saint Emilion[/cml_media_alt]
Saint Emilion

In questo modo abbiamo scoperto Bordeaux, il suo cuore patrimonio dell’UNESCO e la sua atmosfera così tipicamente francese, i suoi bistrot e il suo lungofiume. Ma non ci siamo fatti scappare nemmeno i suoi meravigliosi vini e la sua raffinata cucina, i suoi mercati e i dintorni con … le dune!

Insomma, il nostro lungo weekend a Bordeaux è stato una bellissima sorpresa. Ci siamo goduti tutto di questi nostri giorni francesi, compresi un (mini) wine-tour e un po’ di libertà “on-the-road“, affittando una macchina e scoprendo i dintorni. Così ora proverò a condividere qualche informazione utile, casomai vi capitasse sottomano un’imperdibile offerta low-cost per un weekend a Bordeaux!

L'aeroporto di Bordeaux
L’aeroporto di Bordeaux

Un itinerario per andare a Bordeaux low-cost

Se vi piacciono i viaggi “on the road” un volo per Bordeaux potrebbe essere una buona scusa per affittare la macchina. In questo modo oltre che visitare la città potrete scoprire anche i dintorni anche se in questo caso però dovrete mettere in conto qualche giorno in più di un semplice week-end. Qui sotto provo a proporvi il mio personalissimo itinerario per un viaggio a Bordeaux e dintorni.

Itinerario in Aquitania: Visitare Bordeaux con i suoi monumenti e musei

Trascorrete la prima giornata del nostro viaggio in Aquitania in città e godetevi con i ritmi lenti che Bordeaux merita. Passeggiate per il suo centro storico patrimonio dell’UNESCO, visitate la Cathédrale Saint-André, l’Esplanade de Quinconces con la sua fontana e i suoi musei.

Se è una bella giornata poi fermatevi per un po’ di relax nei Jardin Public di Bordeaux non dimenticando di visitare i piccoli Jardin Botanique, dove troverete anche le paperelle e un piccolo parco giochi per i bimbi.

Itinerario in Aquitania: Bordeaux, i mercati e il lungofiume

Il secondo giorno del nostro viaggio in Aquitania dedicatelo invece ai mercati di Bordeaux e alla vita all’aperto.

Iniziate dal Marché des Capucins dove non potrete non assaggiare le ostriche accompagnate da un bicchiere di vino e una piccola salsiccia – spuntino tipico di qui. Scendete poi sul lungofiume e passeggiate senza fretta sulla meravigliosa Garonne, ammirando gli edifici storici che la costeggiano – come la Place de la Bourse. Ma soprattutto fondetevi con la folla che nei week-end trascorre la giornata da queste parti, pattinando, pedalando, correndo o semplicemente sdraiandosi in un prato a leggere o ascoltare musica.

Lungo il fiume troverete moltissimi locali per tutti i gusti dove fermarvi per un sosta e anche molte aree gioco per i piccoli per farli divertire e giocare un po’.

Itinerario in Aquitania: Visitare Arcachon, le dune e il mare

In questo viaggio a Bordeaux e dintorni se, come noi, avrete voglia di un po’ di “viaggio on the road” noleggiate una macchina e lasciate la città. Da Bordeaux dirigetevi lungo la statale che vi porterà in un’ora circa verso Arcachon, località balneare già conosciuta come meta di villeggiatura dalla fine del XIX secolo. Questa cittadina – romantica e un po’ retrò – vanta una lunga spiaggia ma anche una serie di bellissime e particolari case decorate, in quella che è conosciuta come la Ville d’Hiver.

Lungo la via poi non potrete non fare una tappa alla Dune du Pilat, un pezzo di deserto nel cuore dell’Europa che continua a crescere anno dopo anno. Subito dopo il parcheggio una breve strada fiancheggiata da negozietti vi condurrà ai piedi della duna alta oltre 100 mt sul livello del mare e vi assicuro che dalla cima la vista è splendida e con un solo sguardo potrete abbracciare la foresta e il mare.

Infine visto che da queste parti le giornate sono lunghe e la luce della sera è quella più bella potreste proseguire fino a Cap Ferret col suo faro rosso e bianco e i suoi panorami mozzafiato, anche se lungo la strada sarete costretti a fermarvi per scattare fotografie ai molti porticcioli per la coltivazione delle ostriche che costeggiano la via. Se seguite il link che vi abbiamo messo sopra potrete leggere qualcosa in più sulla nostra esperienza alla Dune du Pilat.

Itinerario in Aquitania: Visitare Saint Émilion

L’ultimo giorno del vostro viaggio a Bordeaux potrete invece dedicarlo al vino, orgoglio di questa terra, prendendo nuovamente l’auto e guidando questa volta fino a Saint-Émilion a circa 40 km da Bordeaux.

Questo paesino medievale con i suoi vigneti è patrimonio dell’UNESCO e i suoi vicoli, la sua Église Monolithe, il chiostro e le vedute che si godono dal Campanile e dalla Tour du Roi sono un piccolo gioiello che vi ripagheranno della fatica di salire con il passeggino lungo le sue vie ripide e acciottolate.

Per non parlare poi dei dintorni di Saint Emilion, dove, riprendendo l’auto o anche il comodo trenino, potrete ammirare i fantastici Chateau (le Cantine) – veri e propri castelli – e assaggiarne l’ottimo vino. Se seguite il link che vi abbiamo messo sopra troverete maggiori informazioni sulla nostra gita a Saint Emilion con qualche consiglio pratico.

Qualche giorno in più: una vacanza a Bordeaux e dintorni

I dintorni di Bordeaux sono davvero ricchi di cose da vedere e a mio avviso non ci annoierebbe nemmeno a rimanerci una settimana. Se avete qualche giorno in più potreste scegliere di raggiungere Pauillac, cittadina portuale nel cuore del Médoc, altra culla del meraviglioso vino francese. Noi non ci siamo stati ma era nella lista!

In alternativa potreste decidere di pernottare ad Arcachon e esplorare i dintorni, dove non mancano un Parco Ornitologico e la possibilità di fare belle escursioni in barca fino all’Île aux Oiseaux (l’isola degli uccelli) o al Banc d’Arguin, il banco di sabbia al largo della Dune du Pilat. Non lontano da Arcachon c’è anche un parco acquatico di divertimenti chiamato Aqualand.
Tra l’altro andare a Arcachon è anche un modo per non rinunciare a “secchiello e paletta” scegliendo però una meta alternativa alle solite spiagge… (anche se l’acqua non sarà certo calda come quella del mediterraneo!!).

Come vi ho detto il modo migliore per visitare Bordeaux e l’Aquitania è affittare una macchina: noi abbiamo fatto così e ve lo consigliamo anche perché in questo modo non avrete problemi a spostarvi in libertà. Tra l’altro i panorami meritano e probabilmente vi fermerete spesso per scattare nuove fotografie! 🙂 Se siete in cerca di qualche idea in più vi lasciamo il link di Auto Europe, una sito dove noleggiare l’auto comparando le tariffe dei diversi provider. Sul sito troverete anche molti spunti per una vacanza itinerante in Francia da Clermont-Ferrand a Bordeaux.

La Dune du Pilat
La Dune du Pilat

Dove dormire a Bordeaux coi bambini

Sentendo la mancanza di un po’ di “on the road” noi abbiamo affittato una macchina e deciso di dormire fuori dal centro della città in zona Bordeaux Lac. La zona è tranquilla a pochi passi dalla tangenziale, c’è un lago con la passeggiata e molti business hotel.

In questo lungo weekend a Bordeaux abbiamo prenotato su Booking un mini appartamento per essere comodi con le pappe del Patato e ci siamo trovati bene. Il Residence era nuovo, ben equipaggiato (con microonde, bollitore e lettino per il bimbo), pulito e con un ampio parcheggio privato. L’unico neo è stata la grandezza della camera un po’ sottodimensionata per due adulti e un bebè. Se viaggiate con un bimbo piccolo vi consiglio quindi di prenotare un mini appartamento da tre adulti, un po’ più grande e quindi più comodo. Il Residence si chiama All Suites Appart Hotel e potete vederlo direttamente seguendo questo link che vi mettiamo per comodità.

Dove mangiare a Bordeaux

Per mangiare a Bordeaux non mancano certo i piccoli bistrot, i ristoranti e le patisserie . Purtroppo però noi non abbiamo mai trovato ristoranti con fasciatoio e anche i seggioloni scarseggiavano. Per il cambio ci siamo arrangiati come al solito da Mc Donald o in auto, mentre per la pappa abbiamo tenuto il bimbo in braccio o sul passeggino.

Quindi vi segnalo solo questo ristorante, a Saint Émilion dove sono stati molto gentili con il Patato e avevamo (almeno) il seggiolone, la cucina poi è ottima e la posizione spettacolare nella piazza sotto il campanile: il Bistrot Le Clocher.
In generale poi se scegliete di stare in appartamento una buona idea può essere fare la spesa al mercato dove comprare i prodotti locali e dove di solito ci sono anche piccoli chioschi per buonissimi – e tipici – spuntini.
Infine per chi ama i dolci consiglio di provare i Macarons alla Maison Larnicol – una chocolaterie in legno che ricorda tanto quella del famoso film – e i Cannelés da Baillardran, una gioia per gli occhi oltre che per il palato .

Cosa assaggiare a Bordeaux: la cucina tipica

Non aprirò la parentesi del vino perché basta dire solo una parola per scatenare profumi e emozioni: il Bordeaux.

Ma la cucina dell’Aquitania offre interessanti suggestioni, a partire dai piatti tipici come la Cassoulet (uno stufato a base di fagioli, salsiccia e carne) e la Macaronade (con funghi, foie gras e panna), passando per le ostriche (da provare, freschissime al mercato!) e il paté de fois gras o per a una semplicissima … baguette calda e fragrante, magari accompagnata a un formaggio di capra…

Ma chi ama i dolci non potrà resistere alle francesissime Crêpes con Creme Chantilly, ai colorati e Macarons (dolcetti alle mandorle a base di meringhe, ne ho raccontato in questo post), ai morbidi Cannelés (con cui riempiono anche le uova di Pasqua), delizie dolci per davvero tutti i gusti. Insomma, non si può dire che un viaggio a Bordeaux non regali soddisfazioni ai golosi come me!

A cosa fare attenzione in un viaggio a Bordeaux e dintorni

In generale durante questo weekend a Bordeaux e dintorni ci siamo trovati molto bene. Vi segnalo solo alcune piccole cose a cui prestare attenzione:

  • Parcheggiare a Bordeaux: Per la nostra esperienza i parcheggi a Bordeaux sono rari e molto costosi. Se non soggiornate in città vi consiglio di lasciare la macchina in periferia e prendere il tram per arrivare in centro.
  • Visitare Saint Émilion: questo piccolo borgo è bellissimo ma bisogna arrampicarsi su stradine ripide e in pietra. Dotatevi di una fascia/zaino porta bebè.
  • Salire alla Dune du Pilat: noi ci siamo andati fuori stagione e per salire sulla sommità della duna… non c’era più la scala sommersa dalla sabbia!
    Ho poi scoperto che l’hanno ripristinata ma nel caso toglietevi le scarpe, mettetevi il bimbo in spalla e…arrampicate! Il panorama ripaga della fatica.
  • Stazioni di servizio: se noleggiate l’auto fate attenzione a fare il pieno prima di arrivare all’aeroporto. È stato l’unico caso in cui non abbiamo trovato il benzinaio lì!
  • Terminal per i voli low-cost: i voli low-cost della Easyjet partono e arrivano dal terminal denominato “Billi”: giusto per evitare di correre inutilmente nella direzione sbagliata.

Visitare Bordeaux coi bimbi piccoli

In generale Bordeaux è una città bimbo-friendly, adatta sicuramente ai bambini grazie ai molti spazi gioco, parchi e possibilità di stare all’aperto. Per i genitori di bimbi piccoli vi segnalo che lungo la Garonne a Quais des Marques nr.18 si trova un’area con nursery e fasciatoio per i piccoli.

Cosa fare coi bambini a Bordeaux

A Bordeaux ma anche i dintorni non mancano le idee per incantare i bambini, ve ne segnalo alcune in città:

  • Crociere lungo il fiume: per vedere la città da un’altra prospettiva e scattare qualche foto mentre i bimbi si godono la gita.
  • Parchi gioco: ce ne sono parecchi lungo la Garonne, vi segnalo l’area multisport nel quartiere Saint-Michel (dove è possibile praticare calcio, basket e beach-volley) e le Miroir d’Eau (che piacerà ai bimbi soprattutto nei giorni caldi).
  • Jardin Publique e Botanique: quest’area è l’ideale per una pausa o un pic-nic, ci sono le paperelle e anche un’area attrezzata per i bimbi.
  • Skate park: lungo la Garonne c’è uno skate park molto bello, con area per i piccoli.
  • Trenino: anche questa città offre il servizio di “trenino turistico” molto amato dai bimbi.

Curiosità da vedere nei dintorni di Bordeaux

La Dune du Pilat è la più grande duna d’Europa, un “deserto in miniatura”, che ha inghiottito alberi, un incrocio, un albergo e anche la scala che portava sulla sua sommità (ora l’hanno rimessa pare!). E continua a crescere! Nel blog vi abbiamo raccontato anche della salita sulla Duna di Pilat.

I cartelli verso Santiago de Compostela
I cartelli verso Santiago de Compostela

L’idea in più: il cammino di Santiago a Bordeaux

Uno dei miei viaggi più intensi è stato il Cammino di Santiago per la via portoghese, un viaggio fuori e dentro me stessa. Dico sempre che mi piacerebbe tornarci e che i cammini sono tanti, infatti … guardate cosa abbiamo incontrato nei dintorni di Saint Émilion! Ecco, mi piacerebbe tornare in queste zone proprio così, da pellegrina zaino in spalla! E se siete curiosi qui potete leggere il racconto del mio cammino (portoghese però!).

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer