Urbino - La via dei Presepi - Il presepe dell'Oratorio di San Giuseppe

Urbino a Natale: Le vie dei presepi

Che Urbino città di papi, condottieri e artisti, fosse anche città dei presepi non me lo immaginavo proprio e invece i presepi di Urbino  a Natale richiamano ogni anno migliaia di visitatori che arrivano nella città che diede i natali a Raffaello per vivere l’atmosfera natalizia in un contesto d’eccezione.

Noi però la manifestazione “Le vie dei presepi” – così si chiama questa iniziativa che fa vivere il Natale ad Urbino – l’abbiamo scoperta per caso, in un giorno di dicembre in cui volevamo “solo” trascorrere una giornata tra le bellezze di questa città.
Invece ad Urbino abbiamo trovato la neve ed il Natale, che insieme ci hanno regalato un volto diverso, ma non per questo meno bello, di questa città.

Veduta di Urbino in notturna
Veduta di Urbino in notturna

Perché è bella Urbino, anche quando le sue strade strette e ripide sono coperte di uno strato bianco e si scivola sull’antica pavimentazione che forse Federico da Montefeltro percorse in compagnia del suo seguito.
E se questa città marchigiana è piena di fascino in ogni stagione percorrere le sue vie mentre piccoli fiocchi di neve cadono da un cielo color ghiaccio, entrare nelle sue corti, negli oratori affrescati, nelle chiese e nei suoi antichi palazzi alla ricerca di un po’ di riparo da un vento gelido arrivato dagli appennini e ritrovarsi davanti a presepi cinquecenteschi fa vivere questa città in modo differente, immergendosi nell’atmosfera del Natale.

Le Vie dei Presepi di Urbino è una manifestazione giunta ormai alla sua XIV edizione e i presepi esposti sono davvero molto belli ma soprattutto sono in un contesto speciale.
Le tappe sono oltre trenta, alcune sono nelle vetrine dei negozi, altre all’interno delle Chiese o nei palazzi d’epoca. Così tra pizzerie, negozi di frutta e verdura, copisterie ma anche fontane o antichi oratori, l’intera città di Urbino imbiancata dalla neve è diventata per noi un grande presepe che come una matriosca si apriva per mostrarci natività di dimensioni, forme e materiali diversi: dal presepe tradizionale a quello etnico, dal presepe cinquecentesco in stucco opera di Federico Brandani a quelli in legno ricavati dal tronco degli alberi.

Urbino - La via dei Presepi - Collegio Raffaello
Urbino – La via dei Presepi – Collegio Raffaello

Informazioni utili per visitare Urbino

Cosa vedere a Urbino a Natale: Le vie dei presepi

Se decidete di visitare Urbino nel periodo di Natale Le Vie dei Presepi sono certamente una manifestazione da non perdere. Si tratta di una esposizione di presepi di forme e dimensioni diverse esposti in vari punti della città le cui tappe si dividono in “punti maggiori” (per cui è necessario il biglietto) e “punti minori” gratuiti. Il biglietto cumulativo costa due euro e si fa presso l’ufficio Turistico o uno qualsiasi degli ingressi dei punti maggiori dove vi daranno anche la cartina per cercarli tutti.
Tra tutti i presepi non perdetevi il presepe cinquecentesco in stucco che si trova nell’oratorio di San Giuseppe.

Il Natale di Urbino però comprende anche molte altre manifestazioni tra cui la rappresentazione del Presepe Rinascimentale. A questo sito potete verificare le date e trovare maggiori informazioni sugli eventi del Natale ad Urbino.

Urbino - La via dei Presepi - Chiesa degli scalzi
Urbino – La via dei Presepi – Chiesa degli scalzi

Cosa vedere a Urbino oltre ai presepi

Le Vie dei Presepi è ovviamente solo una parte delle cose che si possono vedere ad Urbino.
Da non perdere in qualsiasi periodo dell’anno ci sono secondo me la casa natale di Raffaello, la Fortezza Albornoz, Piazza Rinascimento, il Palazzo Ducale con la Galleria Nazionale delle Marche e i sotterranei e l’oratorio di San Giovanni.

Dove mangiare ad Urbino

Noi abbiamo pranzato al bar ristorante KmO che si trova davanti al Duomo. Oltre a primi tradizionali preparano anche la tipica crescia sfogliata (una specie di piadina tipica delle Marche) farcita con salumi e formaggi locali e – per gli appassionati – il caffè è servito al tavolo con la moka.
Il locale è piuttosto piccolo ma il personale molto gentile e celere nel servizio ed hanno il fasciatoio.

Urbino - L'oratorio di San Giovanni
Urbino – L’oratorio di San Giovanni

Dove dormire per visitare Urbino

Noi siamo rimasti alcuni giorni nelle Marche e abbiano scelto di soggiornare a Fano sulla costa che dista circa mezz’ora da Urbino.
L’ hotel che abbiamo scelto – il TagHotel – è un business hotel appena fuori dall’autostrada molto comodo se come noi decidete di trascorrere qualche giorno in zona e di muovervi con l’auto.
L’Hotel è nuovo, pulito e molto curato ed oltre alla clientela business è molto attento ai turisti: accettano anche gli animali e sono attrezzati con lettini e seggioloni per i bambini. Si trova in una zona commerciale e oltre al ristorante dell’hotel in zona ci sono diversi ristoranti e un supermercato.

Urbino - La via dei Presepi - Dettaglio
Urbino – La via dei Presepi – Dettaglio

Come arrivare a Urbino e come muoversi in città

Noi ci siamo mossi in automobile parcheggiando sotto alle mura proprio di fronte all’ufficio turistico, lì si trova anche l’ascensore che porta in città (costo 0,50€) e per noi si è rivelata una soluzione molto comoda e non eccessivamente costosa.

Urbino è una città fatta di saliscendi e vie dalla pavimentazione antica quindi il passeggino non è molto comodo. Nel nostro caso anche causa neve e ghiaccio ci siamo mossi con il marsupio ergonomico (qui vi spieghiamo cos’è) che è stato per noi una salvezza!

Fin qui il racconto della nostra giornata e qualche informazione utile su cosa vedere a Urbino a Natale, se siete in zona però non mancate di visitare anche la costa poco lontana: da Pesaro a Ancona, passando per Senigallia e Gradara le Marche offrono tantissimo da vedere e scoprire! E se volete conoscere la nostra esperienza vi basterà seguire i link per saperne di più! 😉

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer