Parco di Pinocchio - Il mitico burattino

Vale la pena andare al Parco di Pinocchio a Collodi?

Il Parco di Pinocchio a Collodi era nella wish list dei nostri viaggi da un po’ data la “fissazione” che il Patato ha verso questo burattino birbante. Prima di organizzarmi però avevo chiesto pareri ad amiche mamme per sapere se ne valesse la pena e le risposte che avevo ricevuto erano state discordanti: “Il Parco è vecchio! Ha bisogno di essere rinnovato! ” mi avevano detto, aggiungendo poi: “Però i bambini si divertono! Per loro è tutta una magia!“.

[cml_media_alt id='5993']Parco di Pinocchio - C'era una volta un pezzo di legno[/cml_media_alt]
Parco di Pinocchio – C’era una volta un pezzo di legno
In questo modo, senza decidermi a prenotare, con le idee un po’ confuse ma desiderosa di farmi un’idea di persona del luogo, ho lasciato il Parco di Collodi in quella lista, in attesa di organizzare un weekend in Toscana. A gennaio però, quando ho scritto in questo post con i dieci viaggi che sogno di fare con mio figlio prima che diventi grande ho inserito anche il parco del burattino, scrivendo questo nostro piccolo sogno di viaggio  nero su bianco, con la speranza di riuscire a visitarlo proprio nel 2015. Così quando ho avuto la possibilità di organizzare un weekend a Pistoia, che dista pochi chilometri dal parco di Collodi, non mi sono fatta scappare l’occasione e sono partita.

[cml_media_alt id='6012']Parco di Pinocchio - La statua che accoglie i visitatori[/cml_media_alt]
Parco di Pinocchio – La statua che accoglie i visitatori
Il Parco di Pinocchio si trova infatti a Collodi, piccolissimo borgo nell’entroterra toscano a meno di mezz’ora di automobile da Pistoia. Appena si giunge a Collodi è ben chiaro a tutti per quale motivo si arriva fin lì: star indiscussa del borgo infatti è lui, il burattino di legno che con le sue marachelle ha divertito e un po’ commosso generazioni di bambini. Pinocchio è ovunque, nei negozi, nei cartelli, per le strade. Pinocchio è Collodi. Punto.

[cml_media_alt id='5992']Parco di Pinocchio - Pinocchio[/cml_media_alt]
Parco di Pinocchio – Pinocchio
Eppure però paradossalmente a Collodi non c’è solo il Parco di Pinocchio ma anche un bellissimo giardino che noi abbiamo visitato prima di entrare nel parco. Si tratta dei Giardini di Villa Garzoni, una residenza secentesca i cui giardini sono stati presi a modello dalla Reggia di Versailles e da quella di Caserta. Villa Garzoni era la villa di una famiglia ghibellina fiorentina che, cacciata da Firenze, comprò l’appezzamento di terra più vicino a Firenze e costruì questa dimora per ostentare la propria ricchezza. Oggi, dopo la ristrutturazione, il bellissimo parco di Villa Garzoni è aperto al pubblico e ospita, oltre alle molte specie botaniche, anche alcuni animali, tra cui pavoni, cigni neri, anatre, carpe e una casa delle farfalle, dove ammirare queste leggiadre creature in tutto il loro splendore.

[cml_media_alt id='5991']I Giardini di Villa Garzoni[/cml_media_alt]
I Giardini di Villa Garzoni
E il Parco? Beh, il Parco di Pinocchio è poco lontano, neanche cinque minuti a piedi. Il Parco di Collodi è la magia di Pinocchio, ci sono le giostre del Paese dei Balocchi – storiche ma tuttora funzionanti – lo spettacolo delle marionette, il carrozzone di Mangiafuoco e il teatrino meccanico. Ci sono le bellissime statue che adornano i viali e che rappresentano le vicende più significative del romanzo e la Piazza dei Mosaici. Ma soprattutto c’è lei: la Balena! Dove i bimbi possono entrare davvero per fingere di essere, proprio come Pinocchio, intrappolati nella sua pancia. Per gli adulti il Parco di Pinocchio è una grande area verde e ombreggiata dove passeggiare e guardarsi intorno, ripercorrendo, passo dopo passo, le avventure del burattino più famoso del mondo. Ma il Parco di Pinocchio di Collodi non è un parco divertimenti come siamo abituati a conoscerne oggi, per intenderci non è Gardaland o Mirabilandia, questo parco è una fiaba e come tale ha bisogno della magia e della fantasia dei bimbi più piccini per essere vissuta. Altrimenti non ha senso. Altrimenti la Balena sarà solo una grande fontana e il castello della Fata Turchina rimarrà soltanto una piccola casetta bianca con un ingegnoso gioco di specchi all’interno.

[cml_media_alt id='6010']Parco di Pinocchio - La grotta dei Pirati[/cml_media_alt]
Parco di Pinocchio – La grotta dei Pirati
E allora – direte voi – vale la pena andare al parco di Pinocchio a Collodi? La risposta per me è sì. Sì perché il parco, nonostante il passare degli anni e le azioni che (parere personale eh!) andrebbero fatte per ristrutturarlo e renderlo più moderno in alcune sue parti, fa ancora sognare. Sì anche perché Pinocchio fa parte della nostra storia, di quella della mia generazione certo, ma anche di quella nostra come italiani. Ma soprattutto sì perché il mio bimbo ne è uscito entusiasta, ripetendo: “E’ stato bellissimo andare al Parco di Pinocchio!” (nonostante qualche lite per le giostre!).

[cml_media_alt id='6006']Parco di Pinocchio - Una delle giostre antiche[/cml_media_alt]
Parco di Pinocchio – Una delle giostre antiche
Per questo secondo me vale la pena andare fino a Collodi per visitare il Parco. Poi possiamo discutere del perché alcuni interventi non possano essere fatti o della ragione per cui alcune attrazioni siano state lasciate un po’ a se stesse, senza proteggerle dal passare inevitabile degli anni. Ma se ci andate lasciate al cancello la polemica e lo sguardo da adulti, godetevi il parco e i sorrisi dei bimbi, lasciatevi trasportare dalla fantasia e osservate il Parco di Pinocchio attraverso i loro occhi, senza farvi influenzare dal vostro essere ormai cresciuti e un po’ disillusi dal passare degli anni. Poi però, all’uscita, compilate il questionario di gradimento e segnalate quello che secondo voi si può fare per migliorare il Parco. Perché davvero il Parco di Collodi è un patrimonio inestimabile, per l’Italia e per i bimbi, e va tutelato, proprio come si fa con i nostri monumenti. Almeno secondo me è così! Ah, per la cronaca, il giorno successivo al nostro ritorno a casa il Patato ha subito chiesto di poter vedere per la milionesima volta il film animato di Pinocchio… 😉

[cml_media_alt id='5995']Parco di Pinocchio - Il Gatto e la Volpe non potevano mancare[/cml_media_alt]
Parco di Pinocchio – Il Gatto e la Volpe non potevano mancare

Informazioni pratiche per organizzare la visita al parco di Pinocchio a Collodi

Parco di Collodi: dove si trova e i biglietti

Il Parco di Pinocchio si trova a Collodi, a pochi chilometri da Pistoia. I biglietti si possono acquistare direttamente all’ingresso ma se siete interessati a visitare anche i Giardini di Villa Garzoni ricordatevi di acquistare un biglietto cumulativo così da risparmiare un po’. La stessa fondazione infatti gestisce sia il Parco di Pinocchio che i Giardini di Villa Garzoni.

[cml_media_alt id='5990']I Giardini di Villa Garzoni - Una delle farfalle ospitata nei giardini[/cml_media_alt]
I Giardini di Villa Garzoni – Una delle farfalle ospitata nei giardini

Dove mangiare al Parco di Pinocchio

Al Parco di Collodi troverete un ristorante, un bar e anche un’area pic-nic. Se invece come noi decidete di fermarvi a Villa Garzoni potete pranzare al ristorante che si trova nei giardini dove servono piatti molto curati e cucina toscana rivisitata (hanno anche i seggioloni, i menù bambini e al piano superiore potete cambiare il pannolino ai bimbi).

[cml_media_alt id='5996']Parco di Pinocchio - Il laboratorio di Geppetto[/cml_media_alt]
Parco di Pinocchio – Il laboratorio di Geppetto

Cosa fare al Parco di Pinocchio a Collodi con i bambini

Oltre alle giostre d’epoca, agli spettacoli del Teatro dei Burattini e al percorso con le statue che ripercorrono la storia di Pinocchio, nel parco di Pinocchio troverete anche un’area giochi moderna e la possibilità di partecipare a laboratori e attività dedicate ai più piccoli.

Novità per visitare il Parco di Pinocchio a Collodi: il percorso avventura e la Toscana di Pinocchio

Noi siamo stati al Parco di Pinocchio a fine giugno scorso, ho però saputo che da agosto ci sono state grandi novità per il parco, incluso un percorso avventura dedicato ai più piccoli. Personalmente non abbiamo ancora avuto modo di testarlo però vi consiglio di verificare i dettagli sul sito perché pare essere molto bello per i bambini anche piccoli!

Inoltre il Parco di Collodi, in collaborazione con altre realtà locali, ha dato il via ad alcuni percorsi collegati proprio alle vicende del burattino che si svolgono sul territorio. Quest’area della Toscana è infatti stata “ridisegnata” sulla base della storia di Collodi in modo che le famiglie possano rivivere con i più piccoli le avventure di Pinocchio. Le proposte sono tante: gli zecchini d’oro della Zecca di Lucca, il cioccolato di Molina, i confetti di Pistoia, le macchine del Museo Leonardiano, le Terme di Montecatini , la Via della Carta, il bestiario allo Zoo di Pistoia e molto altro ancora. Tutto racconta di Pinocchio e fa scoprire la Toscana ai bambini insieme ai loro genitori. Anche in questo caso noi non abbiamo (ancora) partecipato ad alcun percorso ma l’iniziativa mi è piaciuta moltissimo, quindi se siete curiosi vi lascio il link del sito istituzionale di “La Toscana di Pinocchio” per verificare direttamente lì. Poi se ci andate ci fate sapere la vostra opinione? 🙂

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer