Laura Ingalls De Smet

Vedere la Casa nella Prateria di Laura Ingalls a De Smet

Ve la ricordate la Casa nella Prateria di Laura Ingalls? Scommetto di sì, almeno se avete un’età vicinaprossimaquasi agli ‘Anta, perché per chi è nato a cavallo tra gli anni ’70 e gli ’80 quella bambina con le trecce lunghe e la cuffietta è stata una compagna quotidiana di mille avventure che avevano un solo motto in comune “Never give up“. E questa frase riassume bene la vita dei pionieri americani tra l’800 e il ‘900 e soprattutto quella della famiglia Ingalls che si trasferì a De Smet nel 1879 in cerca di una terra promessa dal Governo degli Stati Uniti.

Io se chiudo gli occhi posso vedere ancora quella capanna di tronchi e insieme ad essa anche la me bambina che teneva gli occhi incollati allo schermo per sapere cosa sarebbe accaduto nella vita di Laura e della sua famiglia. La cosa che mi ricordo di più è il vento, lo stesso vento che ci ha accolti nella prateria di Laura, quando siamo arrivati a De Smet. In realtà questa cittadina non fu l’unico posto che Laura chiamò “casa” perché la scrittrice, insieme alla sua famiglia, partì dal Wisconsin per poi spostarsi nel Kansas, attraversare il Minnesota e l’Iowa per poi arrivare in South Dakota. Lì però, in quello che ancora oggi è un borgo tranquillo circondato dai campi con gli attrezzi agricoli in bella mostra proprio all’ingresso del paese, Laura Ingalls visse a lungo prima di trasferirsi altrove.

Già perché la vita di Laura fu costellata di spostamenti per cercare quel “posto nel mondo” che i pionieri americani desideravano così fortemente da mettere a repentaglio la loro stessa vita pur di conquistarlo, gente dai sogni grandi e dal cuore coraggioso, capaci di affrontare l’ignoto per trovare quella terra promessa che sembrava non dover arrivare mai. Eppure loro non mollavano, ricominciando ogni volta da capo.

A De Smet noi ci siamo siamo arrivati dopo chilometri in cui fuori dal finestrino si vedevano solo campi punteggiati dai trattori con qualche farm sullo sfondo, insieme a nostro figlio che ancora non sa nulla della Casa nella Prateria di Laura Ingalls. Prima abbiamo fatto il giro della città – dove si possono visitare la scuola, la prima casa degli Ingalls, il museo e il cimitero – e poi siamo andati all’Ingalls Homestead che sorge proprio sulla collina che “Pa” – ovvero Charles Ingalls – ottenne per costruirvi una casa per la sua famiglia e che oggi è stato trasformato in un bellissimo centro dedicato ai bimbi, trascorrendo una giornata fatta di giri in carrozza, giochi antichi e animali da coccolare.

Questa cittadina è indissolubilmente legata alla storia di Laura, che lì lavorò anche come insegnante e raccontò quegli anni della sua infanzia nella serie de’ La piccola casa nella prateria:Ho vissuto tutto quello che ho scritto nei libri“, così disse per spiegare la scelta di pubblicare i suoi romanzi, motivata dal desiderio di far comprendere ai ragazzi quanto l’America fosse cambiata. E in qualche modo Laura Ingalls nei suoi libri ha scritto la storia degli USA contribuendo ad alimentarne il mito nei bambini di tutto il mondo, bimbi che oggi sono cresciuti e divenuti viaggiatori.

Che dite, lo intuite il motivo per cui abbiamo deciso di andare a vedere De Smet? 😉

[cml_media_alt id='12024']Da vedere a De Smet - Il giro coi pony[/cml_media_alt]
Da vedere a De Smet – Il giro coi pony
[cml_media_alt id='12039']Visitare l'Ingalls Homestead a De Smet[/cml_media_alt]
Visitare l’Ingalls Homestead a De Smet
[cml_media_alt id='12036']Vedere l'Ingalls Homestead - guidare la carrozza[/cml_media_alt]
Vedere l’Ingalls Homestead – guidare la carrozza

Informazioni pratiche per visitare la Casa nella Prateria a De Smet

Gli Ingalls vissero a De Smet per alcuni anni, poi cambiarono le leggi dello stato e dovettero spostarsi di nuovo. Laura Ingalls iniziò a lavorare per alcuni giornali locali ma il suo primo libro lo pubblicò solo a 65 anni per poi scrivere la serie de’ “La piccola casa nella prateria” in cui raccontava la sua vita da bambina a De Smet, una serie che divenne prima un film e poi un telefilm.

Dove si trova De Smet

De Smet si trova nell’Eastern South Dakota, situato nelle alte pianure del Midwest degli Stati Uniti. Rispetto ai panorami che si possono ammirare nella zona di Hot Springs qui tutto cambia perché alle colline delle Black Hills si sostituiscono le pianure, coltivate spesso a granturco. Tutta l’area è fatta di piccoli centri a forte tradizione agricola, immense coltivazioni e piccole cittadine con un’atmosfera rilassata.

Visitare De Smet

A De Smet si possono visitare diversi luoghi legati al passato di Laura: La Laura Ingalls Wilder Memorial Society  organizza tour guidati che permettono di vedere alcuni edifici come la scuola, la prima casa degli Ingalls, il museo e il cimitero. I tour sono in inglese, vengono effettuati in parte a piedi e in parte con il proprio mezzo e iniziano dove si trova la prima scuola di Laura. Lì accanto c’è poi un piccolo parco giochi con anche dei tavoli da pic-nic e un barbecue a disposizione di chi vuole preparare il pranzo.

Inoltre è possibile visitare il De Smet Depot Museum che si trova al 102 1st St SW e illustra la storia della città e anche fare un tour in bus organizzato dal Wilder Welcome Center & Prairie Bus Tour che parte all’angolo tra Calumet Avenue e 2nd Street.

Ci sono poi diversi eventi che vengono organizzati durante l’anno, il più famoso è il Laura Ingalls Wilder Pageant che consiste in una rievocazione delle vicende narrate nei libri della Casa nella Prateria. Non non siamo riusciti a partecipare ma vi lasciamo anche questo link per verificare le date e gli orari sul sito ufficiale.

Visitare la Casa di Laura Ingalls: l’Ingalls Homestead

L’Ingalls Homestead si trova invece appena fuori città a circa 1,5 miglia da De Smet e si raggiunge con un breve tratto di strada non asfaltata che però si percorre senza problemi. Quello che oggi è un centro dedicato alla scrittrice sorge sull’appezzamento di terreno che il padre di Laura Ingalls ottenne in concessione nel 1880, la casa di Laura è stata ricostruita identica all’originale e nel terreno che fu della famiglia si trovano anche la Little Prairie School – una piccola scuola originale del 1800 – il Flindt’s Garage, la West Bethany Church e altri edifici che raccontano la storia di Laura. Se avete intenzione di andare a De Smet coi bambini l’Homestead è imperdibile anche perché qui vengono organizzati piccoli laboratori che insegnano ai bambini a intrecciare le corde, a creare piccoli giocattoli con la stoffa o i materiali naturali ed è possibile vedere gli animali, cavalcare i pony e fare un giro in carrozza.

Al Visitor Center sono poi in vendita meravigliosi giocattoli (per nulla banali e fatti di legno o altri materiali semplici), vari souvenir dedicati a Laura e ovviamente i libri della scrittrice. Volendo si potrebbe rimanere all’Ingalls Homestead anche tutto il giorno quindi organizzatevi bene coi tempi per visitare De Smet e i dintorni!

Dove dormire a De Smet

Proprio accanto al Visitor Center sorge un camping dove è possibile fermarsi a dormire: qui oltre alle piazzole per camper e tende è possibile affittare i piccoli bungalow di legno o i Covered Wagons  – ovvero i carri coperti – che sono stupendi. Noi eravamo col nostro camper quindi non abbiamo potuto provare l’esperienza ma vi lasciamo direttamente il link al sito per vedere prezzi e disponibilità.

[cml_media_alt id='12029']La prima scuola di De Smet[/cml_media_alt]
La prima scuola di De Smet
[cml_media_alt id='12038']Visitare l'Homestead a De Smet[/cml_media_alt]
Visitare l’Homestead a De Smet – la scuola
[cml_media_alt id='12035']Vedere la Casa di Laura Ingalls a De Smet[/cml_media_alt]
Vedere la Casa di Laura Ingalls a De Smet
[cml_media_alt id='12023']Cosa fare a De Smet coi bambini - i giochi dell'Homestead[/cml_media_alt]
Cosa fare a De Smet coi bambini – i giochi dell’Homestead

Cosa vedere in South Dakota

Il South Dakota è uno stato non così famoso e spesso non inserito nei tour degli Stati Uniti, per noi è stata una scoperta sia perché è – per ora – ancora poco turistico sia per la bellezza dei paesaggi. Se state pensando di visitare la Casa di Laura Ingalls due mete non troppo lontane da De Smet che a noi sono particolarmente piaciute sono Mitchell, con il Corn Palace, e Madison con l’Historic Prairie Village. Alcune delle altre tappe che secondo noi vale la pena vedere in South Dakota sono:

  • Il Crazy Horse Memorial: Il monumento del grande guerriero Cavallo Pazzo scolpito nelle Black Hills non è ancora terminato ma la storia che c’è dietro è incredibile: il sogno di un uomo che ha deciso di fare una promessa e mantenerla.
  • Il Custer Park: Questo è uno dei parchi da non perdere nelle Black Hills perché è molto facile vedere le mandrie di bisonti che pascolano libere.
  • Le Badlands: Uno dei parchi nazionali del South Dakota più particolari per i suoi panorami che sembrano essere quelli della Luna.
  • Mount Rushmore: Questa scultura delle Black Hills è uno dei simboli dell’America con i volti dei presidenti impressi nella roccia per sempre.
  • Deadwood: Andare a Deadwood significa fare un tuffo nell’epoca dei pionieri, con tanto di sparatorie per le strade e la possibilità di incontrare Calamity Jane per le vie della città.

Per maggiori informazioni potete consultare anche il sito ufficiale della Real America che ci ha supportati nella pianificazione del nostro viaggio mentre per altri racconti relativi al nostro itinerario in South Dakota potete leggere  questo post. Qui sotto invece trovate il nostro video girato alla Casa nella Prateria di Laura Ingalls mentre se volete sul nostro canale YouTube trovate tutti gli altri video dedicati al nostro viaggio in America da Los Angeles a New York.

Infine se sognate di partire per gli USA vi segnaliamo anche il sito ufficiale dell’Associazione Visit USA dove trovate informazioni e spunti.

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer