Vedere New Yorl - Top of the Rock

Vedere New York la seconda volta: tornare perché?

Per me tornare a vedere New York la seconda volta era “un obbligo” perché questa città era un ponte sospeso tra il nostro passato e il nostro futuro che volevo attraversare prima di prendere l’aereo per tornare a casa.

Il mio obiettivo però non era visitare la Grande Mela.

Questa è infatti la città in cui, davanti al sole che calava su una giornata di settembre, ci siamo promessi che sarebbe stato per sempre. La prima partenza per NY è infatti stata a burrascosa ma mi ha regalato una promessa, al tramonto, con un anello piccino tra le mani e un panorama da sogno davanti agli occhi. La promessa che quel noi sarebbe diventato famiglia, che ci sarebbero stati una vita di tramonti come quello, di baci, di sogni e di risvegli insieme. Per questo non desideravo tornare a New York per vederla (non solo almeno!).

Perchè tornare a New York la seconda volta

Ma non fraintendetemi: New York è una città che merita sempre una visita, anche perché offre talmente tanto che ogni volta si può trovare qualcosa di nuovo da vedere.

Durante il nostro primo viaggio sembravamo dei bambini nella fabbrica di Willy Wonka: tutto era un “ohhhhh“, ogni cosa meritava una fotografia, la notte arrivava troppo presto e l’alba sempre dopo il nostro risveglio. Non volevamo perderci nulla di quello che stavamo vivendo, macinando chilometri senza mai stancarci: i musei, Times Square, Central Park, Soho, Greenwich, Brooklyn, il Bronx, i playground e quel Ground Zero dove non c’era nulla ma che ci aveva fatto piangere.

Mi sembrava di vivere in un film!

Ed è per questo motivo volevo portare il mio bambino a New York: volevo che vedesse anche lui quella città che per me è stata così magica e desideravo che quella magia diventasse anche un po’ sua.

Ora che anche quel sogno è diventato realtà. Abbiamo portato nostro figlio a New York, gli abbiamo fatto assaggiare un vero hot dog e gli abbiamo mostrato quella statua che ha significato una nuova vita per così tante persone. Con lui siamo saliti fino in cima ai grattacieli più alti, gli abbiamo raccontato le storie di chi è arrivato fin qui per viverci e anche di chi qui ha visto l’orrore più grande. Abbiamo passeggiato con lui sul ponte di Brooklyn e osservato le navi passare al Pier 25, siamo ci siamo incantati davanti alle luci di Times Square e abbiamo guardato lo stesso tramonto dalla cima dell’Empire tenendolo per mano.

La mia seconda volta New York è stata però molto diversa dalla prima. Non perché la città lo sia ma perché sono io a essere cambiata. Ci sono state le corse nella metropolitana e i musei dove riempirsi di colori, le onde di Coney Island da saltare e le rocce di Central Park su cui arrampicarsi. E le chicche, quelle che la prima volta che vai in città non te le godi, troppo presa ad ammirare i must-see.

[cml_media_alt id='11643']Vedere New York - turisti felici[/cml_media_alt]

Cosa vedere a New York la seconda volta

Se siete in cerca di consigli per il vostro primo viaggio in città sul blog trovate tanti approfondimenti e altri ne arriveranno presto. Qui mi limito a lasciare qualche spunto velocissimo per chi sta organizzando la seconda volta a New York:

  • Se non l’avete fatto la prima volta andate a vedere uno dei musical di Broadway, ve ne innamorerete!
  • Andate a vedere l’High Bridge, il ponte più antico di New York che collega Washington Heights a Manhattan e Highbridge nel Bronx;
  • Fate un giro alla spiaggia di New York e andate a Coney Island per assaggiare gli hot-dog di Nathan’s o visitare il New York Aquarium;
  • Per gli appassionati di palla a spicchi la seconda volta a New York è un must il tour dei campetti di basket ma anche una partita dei NY Knicks (credetemi, anche se non non lo siete vi emozionerà!);
  • Trascorrete la domenica mattina ad Harlem, fate colazione con i pancake sommersi da sciroppo d’acero e partecipate a una messa Gospel;
  • Visitate il Museo dell’Immigrazione cercando tra i nomi di chi ha tentato di cambiare la propria vita quelli di qualche antenato;
  • Salite sullo Staten Island Ferry che porta gratuitamente a Staten Island dove si trova Postcards, una scultura per ricordare le vittime dell’11 settembre 2001;
  • Alzatevi all’alba per andare a fare jogging sul ponte di Brooklyn (o se non avete fiato andateci per fare people watching, non ve ne pentirete!);
  • Rilassatevi al Flushing Meadows Corona Park il più grande parco del Queens,
  • Prendete il treno per andare a Philadelphia alla scoperta di una città così diversa ma altrettanto affascinante;

Più sotto trovate anche alcune piccole chicche di New York per la seconda volta in città ma se volete savvero approfondire la vostra conoscenza della Grande Mela date uno sguardo anche a questa guida “New York insolita e segreta“.

[cml_media_alt id='11647']Visitare New York[/cml_media_alt]
Visitare New York

Chicche a New York da vedere la seconda volta

E infine se avete tempo – e se la prima volta avete davvero conosciuto a fondo la città! – ecco alcune chicche a New York per la vostra seconda volta:

  • Andate a Koreatown, a Manhattan per provare uno dei ristoranti coreani dove mangiare il barbecue;
  • Esplorate Long Island City in bicicletta;
  • Andate a vedere il panorama sulla città da Roosevelt Island;
  • Fate il tour dei bar sui tetti di New York ammirando il tramondo con un drink in mano;

Con il racconto della seconda volta a New York finisce anche il nostro diario di viaggio. Mentre sto scrivendo siamo circondati dalle valigie e domani si ritorna a casa. Non sto a descrivervi come mi sento, mi ripeto che sono, siamo, fortunati: il nostro coast to coast in America ha superato ogni aspettativa e questi 70 giorni sono volati. Non sono mancate le difficoltà, ovvio, e anche gli errori ma se potessi ripartirei al volo (o non tornerei direttamente a casa!).

Adesso è tempo di metabolizzare e credo che lo farò come sono capace, scrivendo, quindi … preparatevi a essere inondati di racconti su NY e sull’America! 😉

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

Lascia un commento