Viaggio in India consigli per la prima volta

Di consigli per un viaggio in India se ne potrebbe riempire un blog e forse non sarebbe ancora abbastanza. Così come non sono abbastanza le letture, i film, i documentari e i racconti di chi ci è stato per capire il paese. E soprattutto, per prepararsi a viverlo.

Io ad esempio non ero preparato a nulla di ciò che avrei visto. Non lo ero in occasione del mio primo viaggio in India ma nemmeno quando ci sono tornato. Perché questo paese riesce a stupirti (qualcuno potrebbe dire “sconvolgerti” e avrebbe ragione!) più di quando ti eri potuto prefigurare.

E allora che senso ha stilare una lista di consigli per un viaggio in India?

I consigli di viaggio per l’India hanno senso?

Non fraintendetemi: i consigli, soprattutto quelli pratici, servono eccome prima di partire per il primo viaggio in India. Semplicemente non pensate che, una volta là, sarete preparati a ciò che incontrerete. I consigli però, quello sì, vi aiuteranno però a vivere al meglio l’esperienza e anche a evitare clamorosi errori (e pure qualche fregatura).

Nulla però vi preparerà davvero al primo viaggio in India. A quell’odore inconfondibile che vi accoglierà appena scesi dall’aereo, alla folla (sempre, ovunque e comunque presente al Taj Mahal come in una qualsiasi minuscola strada indiana), al traffico caotico e rumoroso, al cibo piccante anche quando chiederete “no spicy“, alla povertà, alle disuguaglianze sociali, ai bambini che mendicano come sciami di mosche, alle mucche che camminano sui marciapiedi, al caldo opprimente, alla gente che dorme per strada…

No, non sarete preparati a nulla di tutto questo. Ma se siete affascinati dalla cultura indiana iniziate a informarvi prima di partire. Soprattutto fatelo se sentite che questo paese vi sta “chiamando“, perché, io ne sono convinto, un viaggio in India “ti chiama“, non lo scegli. Quindi banco alle ciance e … via alla lista di consigli!

LETTURE PRIMA DI PARTIRE: tra i consigli per partire per l’India non possono ovviamente mancare i libri e le guide di viaggio. Oltre alle classiche Lonely Planet che possono aiutarvi a pianificare l’itinerario vi consiglio le guide Polaris: non aspettatevi indirizzi di hotel e ristoranti ma sono veramente ben fatte per quanto riguarda la cultura, la storia, le tradizioni e le usanze del paese. Le trovate seguendo il link (ce n’è una per l’India del nord e una per l’India del sud). Invece si libri sull’India abbiamo dedicato un intero post che trovate nel blog.

Consigli per partire per l’India la prima volta foto Kerala

10 Consigli per un viaggio in India

Di seguito trovate i 10 consigli per un viaggio in India che avrei voluto ricevere prima di partire la prima volta per questo paese.

  1. Stipulate una (buona) assicurazione di viaggio
  2. Organizzatevi per tempo con i visti
  3. Scegliete il periodo giusto
  4. Fate un check sul libretto delle vaccinazioni
  5. Portate con voi un kit di “medicine d’emergenza”
  6. Vestitevi in modo adeguato
  7. Fate attenzione all’igiene
  8. Abituatevi al cibo piccante
  9. Siate pazienti, fate attenzione alle truffe ma preparatevi a qualche (piccola) fregatura!

CONSIGLIO BONUS: l’ultimo consiglio per un viaggio in India è di lasciare a casa i pregiudizi. Molte cose non le capirete, altre non le condividerete e per tante altre vi arrabbierete ma il modo migliore per incontrare questo paese è lasciare a casa i nostri preconcetti da occidentali che creerebbero solo inutili sovrastrutture. Questo paese ha bisogno di essere conosciuto e di essere “meditato”, non etichettato. Lasciatevi il tempo e lo spazio per farlo.

India consigli per il viaggio foto India Delhi

Assicurazione di viaggio per l’India

Il primo consiglio per un viaggio in India è quello di stipulare una buona assicurazione prima di partire come raccomandato anche dalla Farnesina. In particolare cercate una polizza che copra i rischi medici e verificatene i massimali. L’assistenza sanitaria indiana è infatti carente, le condizioni igieniche precarie e qualora doveste avere qualche problema di salute di potreste ritrovare a pagare parecchio per un’assistenza adeguata (privata).

Il modo migliore per evitare problemi è quindi quello di stipulare prima di partire per l’India una polizza assicurativa medica. Se non ne avete già una vi segnaliamo la nostra: è economica, affidabile e offre il 10% di sconto ai lettori del blog (seguite il link per fare il preventivo e per ottenere lo sconto). Maggiori informazioni le trovate sul sito ufficiale della Farnesina.

Consigli per fare il visto per l’India

Il visto per l’India è da richiedere prima di partire. La grande novità è stata l’introduzione dell’e-VISA che però è valido solo fino a 2 mesi di permanenza. Per richiedere il visto elettronico per l’India è necessario compilare il form sul sito ufficiale del Governo Indiano (seguite il link).

Attenzione: per farlo dovete però avere un passaporto valido per più di 6 mesi e con 3 facciate libere, una foto tessera scannerizzata, i voli A/R e la prenotazione di un albergo per la prima notte. Dopo aver compilato il tutto e pagato con carta di credito il visto vi arriverà tramite email.

Qual è il periodo giusto per un viaggio in India

Uno dei problemi di un viaggio in India sono i monsoni. Questi temporali tropicali di fortissima intensità vedono in poco tempo cadere vere e proprie “bombe d’acqua”. Per questo sono in grado di creare disagi importanti al traffico (anche aereo, ve lo dico per esperienza!) oltre che di innalzare in modo insopportabile il livello di umidità.

L’estate europea è un periodo a rischio monsoni ma ovviamente dipende dalla vostra meta (un conto è il Ladakh, a nord, un altro il Kerala!). Quindi verificate prima il periodo migliore per partire.

Vaccinazioni consigliate per una vacanza in India

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie per l’India. Sono però consigliate le vaccinazioni contro: la difterite, l’epatite A e B, il tifo, la tubercolosi, la polio e il richiamo antitetanico e, in particolare per chi viaggia durante la stagione calda (da maggio a settembre) e soggiorna in zone rurali, la meningite e l’encefalite giapponese.

Contattate però il vostro proprio medico per ulteriori consigli del caso.

Medicine da portare in India

Tra i consigli per partire per l’India ci sono i medicinali da non dimenticare assolutamente. Oltre ai farmaci che assumete abitualmente portate con voi una piccola scorta di medicine generiche, in particolare fermenti lattici, antidiarro e antiemetici oltre a un antibiotico ad ampio spettro.

Saranno utili per gestire le piccole emergenze che potreste incontrare.

Abbigliamento per un viaggio in India

Nella scelta di come vestirsi per un viaggio in India ovviamente bisogna valutare l’itinerario scelto. In generale però ci sono alcuni consigli validi per tutti:

  • durante il periodo di monsoni non scordate un k-way e/o un poncho per ripararvi dalla pioggia;
  • visto il caldo umido evitate gli abiti stretti e preferite tessuti naturali (lino, lana merinos…);
  • per entrare nei templi dovrete indossare pantaloni lunghi e lasciare fuori le vostre scarpe;
  • nei locali l’aria condizionata è spesso sparata al massimo, portate un foulard per ripararvi all’occorrenza;
  • per le donne meglio evitare abiti scollati;

Se poi avete in mente un viaggio itinerante dove la lavatrice non è sempre a disposizione e il peso del bagaglio va limitato potrebbe esservi utile questo articolo su come vestirsi in viaggio per non puzzare.

Norme igieniche per viaggiare in India senza problemi

L’attenzione alle norme igieniche è probabilmente il più importante consiglio per un viaggio in India. Portatevi dei disinfettanti gel da usare al bisogno, come l’Amuchina.

Cercate di consumare solo cibi ben cotti, evitando verdure crude e frutta che non si possa sbucciare. Bevete esclusivamente acqua e bevande in bottiglia, senza aggiunta di ghiaccio, facendo attenzione che vengano aperte al vostro tavolo. Se consumate tè e infusi fate attenzione che vengano preparati con acqua bollita a lungo.

Cosa si mangia in India (e cosa non bisogna mangiare)

La cucina indiana è, a dispetto di quanto in monti credono, ottima e molto varia. Quello che è certo però è che è anche molto speziata e altrettanto piccante.

Coriandolo, cardamomo, peperoncino, fritture… Il cibo indiano non lascia indifferenti e alla lunga – soprattutto se il vostro intestino è un po’ provato – potrebbe crearvi qualche inconveniente. Ricordatevi che per riposare un po’ lo stomaco il riso è un toccasana mentre nei ristoranti chiedete sempre piatti “no spicyovvero non piccanti, certi che, in ogni caso, ci sarà un quantitativo di peperoncino più che adeguato.

Ultimo consiglio per l’India: essere pazienti

Uno dei consigli per un viaggio in India più importanti è di essere pazienti. Esercitare la pazienza diventerà il vostro mantra. La pazienza nelle attese, nel traffico caotico, al ristorante, in hotel… Siate pazienti, con i mendicanti che vi circonderanno in cerca di qualche spiccio, con i compagni di viaggio, con il clima…

E per quanto siate esperti globetrotters durante una vacanza in India mettete in previsione anche qualche fregatura: al mercato, nelle contrattazioni con il taxista, allo sportello della stazione … L’India è anche questo. Non ci potete far nulla e non sarete voi a cambiarla!

ATTENZIONE ALLA FREGATURA DEL TAXISTA: molti turisti che prenotano con Booking o altri portali rimangono vittime di una truffa proprio all’arrivo nel paese. Lo schema è sempre lo stesso quindi ve lo riporto affinché possiate evitarlo: il taxi preso all’aeroporto, dopo aver girato per un po’, vi comunicherà di non essere in grado di raggiungere l’hotel prenotato e di doversi fermare presso un India Tourism Office. Qui con una serie di scuse (es. che la zona è chiusa per problemi di sicurezza) i referenti si offriranno di contattare l’hotel, che risponderà di aver cancellato la prenotazione avvisando il portale mentre voi eravate in volo e senza connessione. A questo punto vi verrà proposto un soggiorno in un nuovo hotel salvo poi ricevere, al mattino successivo, l’addebito per il “no show” nell’albergo prenotato. Il modo migliore per evitare questa truffa è prenotare il transfer direttamente con l’hotel!

I consigli per un viaggio in India che avrei voluto ricevere terminano qui, spero possano esservi utili. Fate buon viaggio, sarà di certo un’esperienza indimenticabile.

Lascia un commento