Visitare Sansepolcro: cosa vedere nel borgo di Piero della Francesca

Sansepolcro – sì, scritto come un’unica parola, non invece staccato come l’antica denominazione “San Sepolcro” – è un borgo arroccato tra le colline toscane che vale la pena visitare se amate i luoghi ricchi di arte e di storia.

L’avete mai sentito nominare?

Probabilmente sì, soprattutto se siete appassionati d’arte. Sansepolcro è infatti un paese di confine, che ha attraversato durante la sua lunga storia molteplici guerre e passaggi di potere. Ma soprattutto è la città di uno degli artisti più famosi: Piero della Francesca.

APPROFONDIMENTI: una guida della Toscana che io ho trovato completa è quella del Touring. Date uno sguardo al link per saperne di più. Invece un testo divulgativo dedicato all’arte del Rinascimento scritto da Vittorio Sgarbi è “Gli anni delle meraviglie“. Non è dedicato solo a Piero della Francesca e non è un “tomo sacro” ma merita se siete dei curiosi dell’arte senza velleità da “guida turistica” (come me).

Visitare San Sepolcro - La città di Piero della Francesca

Visitare Sansepolcro, il borgo dove visse Piero della Francesca

Sansepolcro è famoso infatti per essere la città natale di Piero della Francesca.

Ve lo ricordate?

Io non sono certa un’esperta d’arte, ma questo pittore è stato uno dei miei preferiti al tempo del liceo. Forse perché la nostra prima “gita lunga” è stata a Firenze, insieme a una prof illuminata che decise che avremmo commentato noi studenti alcune delle opere. Credetemi: trovarsi a tu per tu con uno dei sui dipinti dopo averlo a lungo studiato sui libri…  Beh, è stata emozione pura!

Così mi sono fatta convincere e, durante il nostro soggiorno relax alle terme di Bagno di Romagna, ho abbandonato le calde piscine termali per una gita in questo ameno borgo.

Se anche voi avete “ricordi giovanili” legati a Piero della Francesca non potete quindi evitare di andare a Sansepolcro per visitare la città e il Museo Civico di Sansepolcro.

Visitare San Sepolcro - La città di Piero della Francesca

Il Museo Civico di Sansepolcro e il bombardamento scampato

Al Museo Civico Sansepolcro, oltre ad alcune opere del Pontormo e di Andrea della Robbia, è conservata una delle opere più famose di Piero della Francesca ovvero la Resurrezione di Cristo.

Quest’opera fu definita come “il miglior dipinto del mondo” da un famoso scrittore britannico e si dice che durante la seconda guerra mondiale un comandante dell’esercito degli Alleati fermò il bombardamento di San Sepolcro per salvare questo capolavoro proprio memore di quelle parole.

Così il Cristo di Piero della Francesca fu salvo e anche gli abitanti di Sansepolcro.

Purtroppo quando ci siamo stati noi l’opera era in ristrutturazione, ma comunque il museo, ospita anche altre opere di Piero della Francesca come il Polittico della Madonna della Misericordia e un affresco di San Giuliano.

Se  poi siete dei cultori di questo artista c’è la possibilità di visitare la sua casa.

Visitare San Sepolcro - La città di Piero della Francesca

La casa di Piero della Francesca a borgo Sansepolcro

Piero di Benedetto de’ Franceschi, comunemente noto come Piero della Francesca, nacque e morì in città, che allora si chiamava “Borgo San Sepolcro”.

Oggi la casa natale di Piero della Francesca a Sansepolcro è visitabile. Dovete però informarvi prima perché l’edificio appartiene ad una fondazione ed è sede della società dei balestrieri. Noi ci siamo entrati per puro caso ma se avete voglia di approfondire vi consiglio di chiedere. Trovate tutti i riferimenti sul sito ufficiale della Fondazione Piero della Francesca (seguite il link).

Se riuscite ad andarci sarà una bella occasione anche per scoprire una delle altre cose da vedere a Sansepolcro che è una tradizione del borgo: le balestre.

Visitare San Sepolcro - La città di Piero della Francesca

Da vedere a Sansepolcro: le balestre e il Palio della Balestra

Oltre che per aver dato i natali a Piero della Francesca infatti il borgo di Sansepolcro è famoso per le sue balestre. Queste armi sono una tradizione molto antica: i suoi balestrieri un tempo formavano un vero e proprio esercito, composto da cittadini addestrati alle armi e pronti a tutto per difendere la patria dagli attacchi dei vicini.

Erano tempi cruenti, in cui la balestra fu perfino scomunicata dal Papa, tanta era la sua precisione e capacità di distruzione se usata con destrezza. Oggi a ricordo di quel periodo storico rimane un palio che a settembre invade le vie di Sansepolcro.

Il Palio della Balestra richiama un pubblico curioso, che accorre da tutta Italia per osservare le prodezze dei moderni balestrieri che ormai non sono più  guerrieri ma “semplici” appassionati. Anche in questo caso per maggiori informazioni sulle date e il programma vi rimando al sito del Palio della Balestra di Sansepolcro.

Ma le cose da vedere a Sansepolcro non si fermano qui.

Visitare San Sepolcro - La città di Piero della Francesca

Cosa vedere a Sansepolcro

Oltre alle balestre e all’arte non andatevene da Sansepolcro senza fare un giro a piedi tra le sue vie, fermandovi nella piazza dove al sabato si svolge un piccolo mercato di prodotti locali.

Da lì, ovviamente, fate una sosta al Duomo. Nella basilica concattedrale di San Giovanni Evangelista sono conservate le opere del Perugino e di Andrea della Robbia. Una visita valgono poi il Palazzo Pretorio del XIV secolo che un tempo era sede del governo fiorentino e il cinquecentesco Palazzo della Laudi, attuale sede degli uffici comunali.

Per quanto mi riguarda Sansepolcro mi ha dato l’impressione di essere un borgo tranquillo e un po’ pigro. Per capirci uno di quei borghi della Toscana dove è bello trascorrere qualche ora, bighellonando senza una meta precisa, magari sognando, un giorno, di potersi trasferire da queste parti, lontano dallo stress e dalla frenesia della vita di tutti i giorni.

Insomma un posto di quelli che piacciono a me, non troppo frenetici e tutti da scoprire. Per questo se siete in zona vi consiglio di andare a visitare Sansepolcro, non vi deluderà.

Cose da vedere a Sansepolcro - La città di Piero della Francesca

Informazioni per visitare Sansepolcro

Sansepolcro è in provincia di Arezzo. Il nome è legato alle reliquie del Santo Sepolcro che, nel X secolo, si dice vennero portate qui dalla Terra Santa. Attorno alla cappella dove vennero custodite nacque poi il Borgo di San Sepolcro.

Come arrivare a San Sepolcro e cosa vedere nei dintorni

Noi siamo arrivati a Sansepolcro in macchina e non abbiamo faticato a trovare parcheggio. La nostra base in questo caso era Bagno di Romagna ma in zona potete approfittarne per visitare altre mete:

  • Arezzo dista poco più di mezz’ora,
  • Perugia dista circa un’ora;
  • Cesena in direzione opposta che a noi ha regalato una bella sorpresa.

Di Bagno di Romagna e delle sue terme vi ho già raccontato in un post dedicato. Qui vi dico solo che questo paesino Toscano dista pochi chilometri dall’Emilia Romagna, a ulteriore riprova che era una terra di confine e che i suoi abitanti dovevano sapersi difendere!

Il racconto della nostra visita a Sansepolcro termina qui. Se poi vi è piaciuto questo articolo condividetelo perché… sharing is caring! 😉 e seguiteci su Facebook, Instagram o YouTube ne saremo felici.

Lascia un commento