Weekend a Tbilisi

Weekend a Tbilisi: 5 motivi per organizzare

Un weekend a Tbilisi: ma perché? E soprattutto … Ne vale la pena? Ve lo state chiedendo anche voi?

Lo so, la capitale della Georgia sta diventando una meta popolare e in molti si interrogano se valga la pena organizzare un viaggio in città. La mia risposta a chi mi chiede informazioni è: certo, assolutamente sì. Perché, credetemi, un weekend a Tbilisi è un’ottima idea per tante ragioni!

Ve ne racconto alcune qui di seguito e molte le troverete sparse per il blog ma – attenzione – non partite senza la guida di Tbilisi. Vi segnalo la guida di Polaris che è molto completa dal punto di vista della storia e della cultura. Inoltre vi segnalo che in Georgia non vale la tessera sanitaria italiana quindi meglio stipulare un’assicurazione medica di viaggio (noi abbiamo quella di Hey Mondo). Date uno sguardo seguendo i link!

E adesso vediamo insieme perché un weekend nella capitale della Georgia è una buona idea ma…

NON PARTITE SENZA LA GUIDA DI TBILISI!

Acquista la guida su Amazon

Weekend a Tbilisi le chiese della capitale della Georgia

1) Tbilisi, piccola capitale da scoprire nel Caucaso

Tbilisi è la capitale della Georgia che, detto così, fa forse chiedere se non ci sia troppo da visitare in un solo weekend.

In realtà la parte storica della città è piccina e, volendo, la si può visitare in tre giorni, il tempo di un weekend insomma! Ovviamente in così poco tempo non vedrete tutto ma abbastanza per innamorarvi e voler tornare presto. Perché il Caucaso fa questo effetto, un mix di tradizioni, costumi, religioni e razze che non lascia indifferenti…

2) Volo diretto dall’Italia a Tbilisi

Il volo diretto dall’Italia a Tbilisi è una gran comodità, diciamolo, e permette di organizzarsi davvero al meglio ottimizzando i tempi per visitare la capitale georgiana in un weekend.

Potete volare a Tbilisi da Bologna con Air Georgia oppure da Milano con Ryanair. Comodo e anche low-cost! Date uno sguardo ai link seguenti per fare un check delle tariffe.

3) Weekend low-cost a Tbilisi

Ci sono molte ragioni per organizzare un long weekend a Tbilisi, una di queste sono i costi che sono ancora contenuti e permettono davvero di viaggiare senza spendere follie.

La capitale della Georgia è ancora una meta low-cost per organizzare un weekend fuori dall’Italia. Musei, ristoranti, hotel e voli… Tutto ha costi abbordabili. Qualche esempio? Per i musei non spenderete più di 4/5 euro a testa, una cena vi costerà 10 euro, i trasporti in città costano meno di 20 centesimi.

4) La cucina della Georgia per un weekend delizioso

Il cibo può essere una buona ragione per scegliere una meta? Sì, può esserlo, almeno nel caso della cucina georgiana!

Khachapuri, khinkali, orbeliani, chakapuli e chi più ne ha più ne metta. La cucina del paese è semplicemente deliziosa e se volete saperne di più leggete il post dedicato a cosa assaggiare in Georgia (seguite il link con tutti i dettagli).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: COSA VEDERE A TBILISI

5) L’ospitalità georgiana

L’ospite in Georgia è sacro e non appena arriverete in città vi renderete conto di quanto questo è vero. Un weekend a Tbilisi vi farà sperimentare l’ospitalità georgiana e dopo, credetemi, non potrete fare a meno di tornare per vedere il resto. Non a caso la statua della Madre Georgia che domina la città accoglie i visitatori con in mano una coppa (per gli amici) e una spada (per i nemici).

LEGGI ANCHE: NATALE A TBILISI

Cosa vedere in un weekend a Tbilisi

Queste sono solo 5 ragioni per organizzare un weekend a Tbilisi, sparse per il blog ne troverete molte altre perché la capitale della Georgia ci ha conquistati. Quindi… Buon viaggio! Ci sentiamo dalla Georgia? 🙂

Se vi è piaciuto questo articolo condividetelo perché… sharing is caring! 😉 Se avete dubbi o domande contattateci su Facebook, Instagram o YouTube saremo felici di rispondervi.

Francesca

Francesca

Inseguo sogni, guardo le nuvole, divoro pizza e mi meraviglio del mondo. Copy Writer e SMM freelence, amo le parole perché mi fanno viaggiare anche quando sono a casa. #traveller #mum #dreamer

Lascia un commento